L’acido ginkgolico inibisce il coronavirus

0
55

Da dicembre 2019, la pandemia di COVID-19 ha colpito oltre 200 milioni di persone in tutto il mondo e ha causato milioni di morti.

Sebbene ora ci siano più vaccini per SARS-CoV-2, la loro efficacia potrebbe essere limitata dalle mutazioni virali attuali e future.

Pertanto, composti antivirali efficaci sono una componente essenziale per vincere la battaglia contro la famiglia dei coronavirus. L’acido ginkgolico (GA) è una molecola pan-antivirale con comprovata efficacia in vitro e in vivo.

Abbiamo precedentemente dimostrato che GA inibisce l’Herpes Simplex Virus 1 (HSV-1) interrompendo la struttura virale, bloccando la fusione e inibendo la sintesi proteica virale. Inoltre, abbiamo riferito che GA mostra un’inibizione della fusione ad ampio spettro che comprende tutte e tre le classi di proteine ​​di fusione, comprese quelle dell’HIV, dell’Ebola, dell’influenza A e del virus di Epstein Barr. 

Qui, segnaliamo che GA ha mostrato una potente attività antivirale contro l’infezione del ceppo di Coronavirus umano 229E (HCoV-229E) delle cellule polmonari epiteliali umane (MRC-5).

GA ha ridotto significativamente la produzione del virus della progenie, l’espressione delle proteine ​​virali e gli effetti citopatici (CPE). Inoltre, GA ha inibito significativamente l’HCoV-229E anche se aggiunto dopo l’infezione. Alla luce dei nostri risultati e delle somiglianze di questa famiglia di virus, GA ha un potenziale promettente come trattamento antivirale efficace per SARS-CoV-2.

Il ginkgo biloba è una specie di gimnosperme utilizzata nella fitoterapia cinese dal XVI secolo. I semi di G. Biloba sono stati usati come materiali medicinali nella medicina tradizionale cinese per i disturbi della pelle, come documentato in “The Compendium of Materia Medica Ben Cao Gang Mu” [10].

Nel secolo recente, l’interesse farmaceutico si è concentrato sulle proprietà degli estratti di G. Biloba per il trattamento di disturbi vascolari, vertigini, acufeni e vari disturbi cognitivi [11,12].

Al giorno d’oggi, G. Biloba è principalmente presente nei paesi dell’Asia orientale come Cina, Corea e Giappone [13]. G. Biloba è composto da terpeni trilattoni (ginkgolidi A, B, C, J), flavonoli, glicosidi, biflavoni, proantocianidine, acidi fenolici semplici, acido 6-idrossichinurenico, 4-O-metilpiridossina, poliprenoli e alchilfenoli [11,12 ,13]. 

L’acido ginkgolico (GA) è un costituente alchilfenolico estratto dalle foglie e dai tegumenti di G. biloba [10,14,15,16].

La letteratura precedente ha dimostrato che GA dimostra proprietà bioattive pleiotropiche, inclusi effetti antinfiammatori [17], antitumorali [15,18] e antibatterici [19]. Il nostro laboratorio ha recentemente dimostrato che GA ha attività antivirale contro virus con involucro come Herpes Simplex Virus 1 (HSV-1), Human Cytomegalovirus (HCMV) e Zika Virus (ZIKV) attraverso l’inibizione della fusione virale.

GA ha anche mostrato un ampio spettro di inibizione della fusione che comprende tutte e tre le classi di proteine ​​di fusione, indicando che GA inibisce l’ingresso del virione bloccando l’evento di fusione iniziale [20,21].

Riportiamo qui che GA ha un effetto antivirale dose-dipendente contro l’infezione del ceppo di alfacoronavirus umano 229E (HCoV-229E) delle cellule di fibroblasti polmonari MRC-5 umani. Mostriamo anche che GA ha inibito significativamente l’HCoV-229E, anche se aggiunto dopo l’infezione.

collegamento di riferimento: https://www.mdpi.com/1424-8247/14/10/980/htm


Ginkgo Biloba con meccanismi per ridurre le infezioni microbiche

Le piante sono una fonte apprezzata di ingredienti con attività antivirale, che potrebbero essere difesi dall’attacco di agenti patogeni. Gli Estratti di Ginkgo Biloba (GBE) sono foglie verdi essiccate corrispondenti ai fitoterapici più diffusi al mondo. GBE era stato ampiamente utilizzato nei trattamenti delle malattie respiratorie e cardiache e avrebbe potuto essere utilizzato anche per migliorare la funzione di memoria [10].

Dal punto di vista commerciale, GBE si è presentato come uno dei migliori complementi erboristici di marketing [11]. Tuttavia, l’influenza benefica del GBE sul SNC e sul sistema cardiovascolare (CVS) ad esso correlato ha un’efficacia scientifica. È noto che è stato ampiamente utilizzato in diverse malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson [12].

Dati scientifici hanno dimostrato che le proprietà terapeutiche del GBE attraverso i polisaccaridi dei frutti del Gingko Biloba (GB) hanno attività anti-PEDV (virus della diarrea epidemica suina) [13]. L’acido ginkgolico (GA) del ginkgo biloba può inibire l’attività della proteasi del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) [14]. Inoltre, GBE mostra attività sia contro l’influenza come anti-influenzale (H1N1 e H3N2) che contro il virus dell’epatite B come anti-HBV [15], [16].

In vitro è stato dimostrato che l’acido ginkgolico ha effetti pleiotropici includono: attività antitumorale durante l’inibizione della lipogenesi; attivare l’AMPK riducendo l’espressione delle proteine ​​legate all’invasione; in grado di liberare l’amiloide β (Aβ) che ha subito un danno sinaptico; e inibisce sia l’attività della proteasi che le repliche dell’HIV [14], [17], [18], [19]. Quindi l’AG ha un’attività efficiente contro Staphylococcus aureus ed Escherichia coli [20].

Funziona con diversi metodi riassunti come inibizione dell’attività SUMOilazione; ostacolare la formazione intermedia di E1-SUMO [21]; inibendo l’acido grasso sintasi [22]; il gene SIRT non specifico inibente [23]; e l’attivazione della proteina fosfatasi di tipo 2C [24].

Inoltre, questo rapporto ha dimostrato che l’AG ha attività antivirale contro il Citomegalovirus umano (HCMV), il virus Zika (ZIKV) e l’Herpes Simplex Virus1 (HSV-1) principalmente inibendo la fusione nelle infezioni virali. Inoltre, può essere inibito l’ingresso endocitico di adenovirus senza involucro [25].

Le azioni antivirali di GA di solito erano state rilevate al di sotto del livello di soglia di citotossicità; queste attività ad ampio spettro di GA si realizzano durante la sua inibizione dell’ingresso virale e potrebbero essere convertite in medicina in sistematiche nei casi gravi di infezioni virali acute.

Il virus cardiotropico causa una malattia infiammatoria nel muscolo cardiaco o nel miocardio che ha chiamato miocardite virale (VMC), questo virus è considerato la causa principale dell’insufficienza cardiaca (HF) e della morte improvvisa [26], [27].

Il VMC era stato causato anche dal Coxsackievirus B3 (CVB3) che agisce come un enterovirus della famiglia del virus picorona [28], [29].

Nonostante il vasto sforzo nei decenni precedenti, ma fino ad ora, non esiste una misura preventiva specifica del virus per la miocardite virale indotta da CVB3 nelle cliniche [30], [31].

L’attività terapeutica di GBE ha studiato sulla miocardite virale e ha rivelato il meccanismo fattibile, questi effetti sono apparsi su altre malattie cardiovascolari (CVD) come l’infarto miocardico MI [32], [33], [34]. Inoltre, il trattamento con estratti di Ginkgo Biloba ha ridotto significativamente il livello di isoenzima della creatinina chinasi sierica (CK-MB), il peso cardiaco, un punteggio istopatologico, la frazione di volume del collagene (CVF) e la mortalità.

Precedenti studi avevano confermato che il trattamento con Ginkgo Biloba aveva ridotto significativamente l’mRNA e il livello di espressione di Matrix Metallo Proteinase (MMP-2 e MMP-9) [35]. GBE aveva anche espressamente ridotto la produzione di MMP-3 attraverso il danno al condrocita infiammatorio [36]. Pertanto, l’inibizione di MMP-3 potrebbe essere un nuovo meccanismo di GBE per il trattamento di VMC.

Per quanto riguarda la sovraregolazione della proteina legante il calcio A4 (S100 A4) nella miocardite virale, potrebbe essere il principale bersaglio di GBE. Come previsto, l’mRNA e il livello di proteina S100 A4 si sono ridotti significativamente dopo aver affrontato GBE. 

Questo risultato non è stato descritto in precedenza e quindi può rimanere una nuova teoria. Inoltre, il fattore di introduzione della miocardite influenzata da CVB3 è la replicazione virale. Quindi, l’inibizione della replicazione del virus funge da prima linea per il trattamento della miocardite virale [37], [38].

Ruolo del Ginkgolic Biloba nell’infiammazione e nell’immunità L’
estratto di Ginkgo Biloba consiste principalmente di flavonoidi come glicosidi flavonici in percentuale come (22-27%) quercetina, (2,6-3,2%) bilobalide, isorhamnetina, kaempferolo, (2,8-3,4%) trilattoni terpenici (ginkgolidi A, B, C) e meno di 5 ppm GA durante la sua efficacia citotossica [10], [39].

La quercetina ha elevate capacità antinfiammatorie che ha riportato come composto antinfiammatorio a lungo termine [40], [41]. Ha un’attività antinfiammatoria che può essere espressa in diverse cellule sia nei modelli umani che animali [42], [43], [44], [45]. Inoltre, ha attività citoprotettiva gastrointestinale e può stabilizzare i mastociti [45].

Può anche svolgere ruoli essenziali nell’infiammazione e nell’immunità come risultato modulante, bifasico e regolatorio [43]. La quercetina possiede un’attività immunosoppressiva che agisce sulle funzioni di un particolare tipo di cellula come le cellule dendritiche [45].

Tuttavia, diversi studi utilizzando vari profili cellulari in vitro hanno confermato che la quercetina previene i fattori di necrosi tumorale indotti dai lipopolisaccaridi-α (LPS indotto-TNF-α), che erano stati prodotti dai macrofagi [42] e dai lipopolisaccaridi (LPS)-indotti- interleuchina-8 (IL-8) in cellule di tipo A549 specifiche nel polmone [43].

Inoltre, la quercetina in grado di inibire il lipopolisaccaride indotto il livello di mRNA in TNF-α e Interleuchina-1α (IL-1 α) nelle cellule gliali, che aveva causato una riduzione della morte apoptotica delle cellule neuronali attraverso l’induzione della microglia [ 44]. Inibisce anche la produzione di enzimi nei siti di infiammazione come la cicloossigenasi (COX) e la lipossigenasi (LOX) [45], [46].

La quercetina ha limitato l’infiammazione indotta da LPS inibendo la (Src e Syk) che ha indotto la fosforilazione della fosfatidilinositolo-3-chinasi (PI3K-p85) e la conseguente formazione del complesso Toll-like recettore 4 (TLR4) MyD88/P13K, che limita la via di stimolazione in RAW 264.7 cellule di segnalazione a valle [47].

Probabilmente inibisce la produzione di mediatori dell’infiammazione (ad es. istamina, triptasi e citochine) dal cordone ombelicale umano in colture di mastociti (HCBMC); questo modo può causare l’inibizione sia dell’afflusso di calcio che della fosfoproteina chinasi C (PKC) [48].

I suoi effetti protettivi contro le infiammazioni delle cellule endoteliali della vena ombelicale umana (HUVECs) hanno mostrato chiaramente dallo studio della quercetina contro il perossido di idrogeno (H2O2) influenzato l’infiammazione, questi effetti indicati dalla downregulation delle molecole di adesione delle cellule vascolari-1 (VCAM-1) e dall’espressione di CD80 [ 49]. Può anche essere indotta in modo significativo la produzione di Th-1-Interferon-γ (IFN-γ) e la down-regolazione di Th-2-Interleuchina 4 (IL-4) e influenzare l’espressione genica attraverso le normali cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) .

Inoltre, la gestione della quercetina aveva elevato il fenotipo dell’espressione delle cellule INF-γ e abbassato l’IL-4 nelle cellule positive durante l’analisi del flusso della citometria, che si conferma con studi di espressione genica e secrezione proteica. Secondo questi risultati, la potenziale attività della quercetina negli effetti immunostimolanti può essere influenzata dall’induzione di IFN-γ, citochine derivate da Th-1 e dall’inibizione di citochine derivate da IL-4, Th-2 [50].

La quercetina può inibire la metallo proteinasi della matrice, che è stata inibita dall’inibitore dell’attivatore del plasminogeno-1 (PAI-1) normalmente nei fibroblasti dermici nell’uomo [51]. Ovunque, l’interleuchina-1 (IL-1) stimola la creazione di IL-6 nei mastociti del corpo umano che è regolata attraverso la degranulazione indotta da IgE all’interno di serie vie biochimiche, l’uso della quercetina blocca la secrezione di IL-6 e inattiva i due passaggi chiave di trasduzione del segnale nelle vie di coinvolgimento [52].

La quercetina è una delle poche molecole in grado di stabilizzare i mastociti e proteggere il tratto gastrointestinale (GIT) dall’agente invasore. Possiede un effetto diretto per regolare le proprietà utili del sistema immunitario come risultato di una via di segnale nelle PBMC di attivazione del mitogeno umano e ha sterilizzato le cellule dei linfociti T, che è indotta dalla chinasi 2 extracellulare regolata (ErK2) Attivata dal mitogeno Proteina (MAP) chinasi [53].

Le proprietà della quercetina hanno confermato che inibisce un gran numero di molecole mirate a livelli di concentrazione micromolare o mediante una regolazione verso il basso o distruggendo il percorso e le funzioni dell’infiammazione. Tuttavia, la quercetina a dosi nanomolari ha un comportamento bifasico sulle cellule basofile, quindi possono sembrare effetti nel processo infiammatorio allergico.

L’immunità e gli effetti infiammatori della quercetina erano stati indotti principalmente dai suoi effetti sui leucociti e su diversi mediatori di segnalazione intracellulare come chinasi, fosfatasi, enzimi e proteine ​​nella membrana cellulare, che è vitale per funzioni specifiche delle cellule.

Inoltre, la vasta gamma di oggetti intracellulari e l’elevato numero di composti naturali potenzialmente efficaci agiscono come agenti terapeutici con effetti antinfiammatori richiedono ulteriori osservazioni e prove per comprendere il ruolo critico di questi materiali negli animali [54]. 

In vitro ha dimostrato che la cellula T attivata trattata con quercetina può bloccare la fosforilazione della tirosina di IL-12 (TYK2, STAT3, STAT4 e JAK2) che ha diminuito il livello di IL-12, che ha influenzato la proliferazione e la differenziazione delle cellule T helper (Th1) [55] .

Risultati clinici ed epidemiologici in COVID-19


La conoscenza dei riscontri epidemiologici e clinici di qualsiasi malattia considerata come il primo passo nell’evoluzione delle ipotesi riguardanti l’attenzione della malattia. Il Covid-19 afferra il mondo e la recente ricerca confermata [56]. Secondo recenti studi nella letteratura su riviste, si è notato che l’infezione da COVID-19 è correlata con un’elevata produzione di citochine pro-infiammatorie e proteina c-reattiva [57], può anche aumentare il rischio di polmonite [56], sepsi, sindrome da distress respiratorio acuto e ha causato insufficienza cardiaca [58].

In Cina, il Case Fatality Ratio (CFR) nel coronavirus è di circa il 6-10%, specialmente per i pazienti con diabete, malattie croniche del tratto respiratorio, ipertensione e malattie cardiovascolari [7]. Il COVID-19 si diffonde in due paesi che sono regioni ad alto inquinamento atmosferico come in Cina [59] e nel nord Italia [60].

I potenziali ruoli del Ginkgo Biloba per le caratteristiche epidemiologiche della malattia sono stati correlati all’aumento dell’incidenza di corona COVID-19 e CFR che sono riportati nella Tabella 1, la maggior parte degli effetti benefici del Ginkgo Biloba riportati nella Tabella 1 provengono da studi osservazionali del incidenza e prevalenza della malattia (Tabella 2).

Tabella 1: Ruolo del Ginkgo Biloba nei risultati clinici ed epidemiologici per i tassi di incidenza e mortalità.

CaratteristicheRelazione con Gingko BilobaRiferimenti
In pneumoniaFarmaci potenzialmente utili per il trattamento e la profilassi della  polmonite da P. carnii[61]
Nella sepsi polmonareSopprimere la risposta all’infiammazione nel danno polmonare acuto (ALI) prevenendo le vie di NF-kB e COX-2[62]
Nel paziente asmaticoL’effetto di GBE su entrambe le espressioni di PKCα nelle cellule infiammatorie e sui livelli di IL-5 nei pazienti asmatici ha influenzato l’espettorato[63]
Fumo di sigarettaGBE protegge le cellule endoteliali polmonari umane dagli estratti di fumo di sigaretta (CSE), a cui è stata indotta l’apoptosi: questo effetto dell’eme ossigenasi-1 (HO-1)[64]
Nelle infezioni batteriche:  Escherichia coli  (E. coli) e  Staphylococcus aureus  (St-au)GBE inibisce la crescita di questi tipi batterici (E-Coli e St-au)[14]
In influenza virusGli estratti di foglie di Ginkgo Biloba hanno un’attività anti-virus dell’influenza[65]
Nel virus dell’herpesOstacolando le infezioni da HHV-1 e HHV-2 da GBE e dai suoi costituenti fitochimici[66]
In diversi tipi di virusGA inibisce la fusione dei virus con involucro[25]
Nel virus del miocardioGBE può alleviare la miocardite virale sopprimendo S100A4 e MMP-3[67]
In infiammazione e immunitàEffetti della quercetina nell’infiammazione e nell’immunità[8]
CFR increase in diabetes mellitusGBE protegge la cellula nel pancreas dei ratti diabetici di tipo 2 e migliora sia la loro espressione di insulina che la stazione antiossidante[68]
Il CFR aumenta la malattia cardiovascolare (CVD) con l’etàInversione come antiossidante, antiaggregante[69]
Aumenta la C-RP nel DM e nelle malattie cardiovascolariInversione come antiossidante[69]

  1. CFR, tasso di mortalità per caso; CVD, malattie cardiovascolari; GBE, estratto di Gingko Biloba; DM, Diabete mellito; NF-kB, fattore nucleare kabba-B; COX-2, cicloossigenasi x-2; MMP-3, matrice metallo proteinasi.

Tabella 2: Ruolo del Ginkgo Biloba come antivirus contro diversi tipi di infezioni virali.

Tipo di virusAntivirus di Ginkgo BilobaRiferimenti
Virus dell’herpes simplex di tipo-1,2 (HSV-1,2)Inibizione delle fusioni e sintesi delle proteine ​​nei virus.[25]
Citomegalovirus umano (HCMV)Inibizione della replicazione del genoma[70]
Infezione da virus Zika (ZIKV)Inibizione della replicazione del genoma[71]
Virus dell’immunodeficienza umana (HIV)Inibizione delle proteine ​​di fusione virale[71]
Virus Ebola (EBOV)Inibizione delle proteine ​​di fusione virale[72]
Virus dell’influenza A (IAV)Inibizione delle proteine ​​di fusione virale[72]
Virus di Epstein Barr (EBV)inibizione delle proteine ​​di fusione virale[72]
Virus del morbilloInibizione della proteina bersaglio e del DNA[72]
Virus della varicella-zoster (VZV)Inibizione della proteina bersaglio e del DNA[72]
CoronavirusInibizione della proteina bersaglio e del DNA[72]

Durante la produzione di estratto standardizzato di ginkgolic biloba, alcuni componenti hanno arricchito flavonoidi e terpenoidi), mentre ulteriormente rimossi come (biflavoni, acidi ginkgolici. Procedure di produzione variabili portano all’estratto di diverse sostanze con diversi effetti terapeutici [73], [74], [75].

L’effetto degli estratti di Ginkgo Biloba (GBE) sul virus dell’influenza come attività anti-influenzale

Il virus dell’influenza è una delle famiglie degli Orthomyxoviridae che hanno dato il via alle epidemie nel mondo. Sebbene sia disponibile un vaccino efficace, la maggior parte delle persone viene infettata ogni anno e, nei casi più gravi, molte persone sono morte per contaminazione virale. In base alle proprietà dell’antigene di due glicoproteine ​​di superficie, i virus dell’influenza sono classificati in due tipi: NeurAminidase (NA) e HemAgglutinin (HA). NA ha nove sottotipi (N1-N9) mentre HA ha 16 sottotipi (H1-H16).

L’infezione del virus dell’influenza è stata creata da un’interazione tra emoagglutinina e porzioni di acido sialico di glicoconiugati sulle cellule della folla [76]. Gli studi sull’attività del virus antinfluenzale dei prodotti originali sono aumentati notevolmente negli ultimi anni [77].

Ginkgetin, un biflavone naturalmente isolato dalle foglie di Ginkgo Biloba che può inibire l’attività della sialidasi influenzale nel virus [78]. Risultati precedenti hanno rivelato che GBE ha impedito l’assorbimento del virus sulla superficie della cellula ospite nella prima fase della contaminazione da virus dell’influenza.

L’altro(i) componente(i) di GBE rispetto a Ginkgetin può avere attività contro le infezioni virali influenzali. Di solito, l’attività del GBE è stata esaminata contro tre tipi di virus influenzali diversi, tra cui i virus dell’influenza A/PR/8/34 (H1N1), B/Lee/40 e A/Udorn/72 (H3N2). Quindi la sensibilità degli estratti di Ginkgo Biloba verso questi virus ha avuto una piccola differenza. Tuttavia, questa scoperta propone che GBE possa avere un’elevata variazione dell’inibitore verso le infezioni virali dell’influenza.

In conclusione, abbiamo scoperto che gli estratti di Ginkgo Biloba interagiscono direttamente con diversi tipi di virus influenzali e riducono notevolmente la loro infezione prevenendo l’assorbimento dei virus sulle cellule ospiti. Allo stesso modo, l’attività virale antinfluenzale del GBE non sembra essere limitata a uno specifico sottotipo di virus influenzale.

Negli studi precedenti, alcuni candidati hanno trascurato l’attività antivirale del GBE a causa della presenza del modello di trasmissione del virus dell’influenza da cellule ad altre cellule. Tuttavia, altri studi precedenti avevano confermato la necessità di cautela ai ricercatori che cercavano di trovare i composti con attività del virus anti-influenzale [65].

Inoltre, per conoscere l’effetto inibitorio del GBE nell’infezione da virus dell’influenza, abbiamo chiarito le interessanti e attente intuizioni nel sistema di screening per gli effetti anti-influenzali. Considerando i risultati che sono stati mostrati, l’esaurimento del GBE, come agente virale anti-influenzale, necessita di ulteriori studi supplementari per approvare i suoi effetti in vivo.

Azione antivirale proposta dell’acido ginkgolico (GA) inibendo la fusione del virus avvolto come meccanismo antivirus

Le foglie di ginkgo coinvolgono l’acido ginkgolico e altri costituenti, GA disponibili in commercio come C13:0, C15:0 e C17:0. GA ha molteplici effetti terapeutici derivanti dalla sua attività antiossidante. Questi effetti includono il trattamento di alcune malattie come malattie cardiovascolari, tumori, contaminazione da HIV e infezione batterica (E. coli e Staphylococcus aureus [St-au]) [14], [134].

Il GA funziona attraverso alcuni percorsi che coinvolgono l’inibizione della sintasi degli acidi grassi [22]; attivazione della proteina fosfatasi di tipo 2C; inibizione di aspecifici (SIRT11) [24]; sopprimere l’attivazione di STAT3 inducendo la tirosina fosfatasi (PTEN e SHP-1) [135] e la difesa contro il danno sinaptico causato da Aβ nell’ippocampo [19].

Lo studio di Ronen et al. aveva rivelato che GA ha effetti inibitori della fusione sul virus con involucro, che agisce sulla fusione di tre classi di proteine ​​e impedisce l’adenovirus senza involucro nell’uomo.

È stata inoltre osservata l’attività di GA mediante un potenziale meccanismo secondario che include la sintesi di proteine ​​e DNA nel virus [25].

Questi risultati sono simili alla segnalazione di studi precedenti sull’effetto inibitorio di GA sulla sintesi proteica e sul DNA, quindi fino ad ora i meccanismi inibitori non sono stati chiaramente compresi [136]. Può essere collegato ai recettori nelle cellule dell’orda e attiva diverse vie di segnalazione che causano la detenzione del ciclo cellulare. Questi possono descrivere gli effetti di GA sulle cellule tumorali inibendo la rapida divisione delle sue. Inoltre, GA può agire direttamente sul DNA e sulla sintesi proteica attraverso l’ingresso nella cellula.

Gli effetti inibitori di GA sono stati testati su diversi tipi di cellule come il carcinoma epiteliale umano (HEC-2), l’embrione umano nel rene e gli astrociti umani normali [137]. Tuttavia, tutte le cellule testate hanno mostrato che GA ha effetti inibitori virali senza citotossicità all’interno della gamma di effetti inibitori [138].

L’inibizione generale della fusione cellula-cellula indotta da proteine ​​virali da parte di GA riflette i suoi meccanismi inibitori per la fusione. Inoltre, la liso-fosfatidilcolina (LPC) blocca uniformemente la fusione nella membrana convocando una curvatura impulsiva positiva, che inibisce la fusione dell’emi. Tuttavia, questo blocco può essere risolto aggiungendo l’agente di curvatura spontanea negativa come acido oleico (OA), indipendentemente dalla proteina di fusione [139].

D’altra parte, la segnalazione che l’acido oleico allevia le condizioni dell’inibizione indotta dall’acido gingkolico di (fusioni referenziate da EBOV GP) suggerisce che GA funziona come la lisofosfatidilcolina generando una curvatura impulsiva positiva, inibisce l’emifusione. Le proteine ​​di fusione virale non correlate inducono i diversi inibitori della fusione anfipatica rigida (RAFI) associati alla curvatura impulsiva positiva, sarebbe indicato l’effetto dell’ingresso endocitico da parte di virus non avvolti come adenovirus [138].

Inoltre, si prevede che i meccanismi secondari di GA dovuti all’inibizione del DNA e della sintesi proteica nel virus diventeranno mirati sia ai virus dell’involucro che a quelli senza involucro.

In conclusione, abbiamo osservato effetti inibitori consistenti e forti di GA su varie fusioni di virus con involucro, inclusi i principali virus infetti significativi come HIV, ZIKA, HSV-1, EBOV, EBV e IAV, oltre ai suoi effetti inibitori sugli adenovirus senza involucro nell’uomo. Inoltre, abbiamo scoperto che GA potrebbe potenzialmente inibire il DNA del virus HCMV e la sintesi proteica di HSV-1 tramite un meccanismo inibitorio secondario.

Di conseguenza, in considerazione dell’attività antivirale di GA sulle cellule permissive convenzionali nelle infezioni, GA potrebbe essere eventualmente trattata per le contaminazioni virali acute per esempio, coronavirus COVID-19, ZIKV, IAV, EBOV e morbillo, e può essere considerata conveniente per un’efficace gestione di lesioni vigorose in applicazioni topiche come VZV, HSV-1 e HSV-2 [72].

Infine, questi approcci per l’utilizzo dell’acido ginkgolico per limitare le infezioni virali avvolte differiscono essenzialmente dalle strategie antiquate per i microbicidi, che dirigono sulla replicazione del genoma dei virus. Presumibilmente, il GA di Ginkgolic Biloba aveva complementare ulteriori agenti antivirali e proponeva nuovi tipi di inibitori dei virus con e senza involucro [72].

collegamento di riferimento: https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/jbcpp-2020-0310/html

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.