Il rilevamento rapido dell’infezione da SARS-CoV-2 nella comunità è legato a 7 sintomi

0
78

Secondo un nuovo articolo pubblicato questa settimana su PLOS Medicine da Marc Chadeau-Hyam e Paul Elliott dell’Imperial College di Londra, Regno Unito, è possibile utilizzare una serie di 7 sintomi, considerati insieme, per massimizzare il rilevamento di COVID-19 nella comunità e nei colleghi.

Il rilevamento rapido dell’infezione da SARS-CoV-2 nella comunità è fondamentale per garantire un controllo efficiente della trasmissione.

Quando la capacità di test è limitata, è importante utilizzare i test nel modo più efficiente possibile, incluso l’utilizzo dei sintomi più indicativi per l’assegnazione dei test.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno ottenuto tamponi faringei e nasali con risultati validi del test PCR SARS-CoV-2 da 1.147.345 volontari in Inghilterra di età pari o superiore a 5 anni . 

I dati sono stati raccolti in 8 cicli di test condotti tra giugno 2020 e gennaio 2021 nell’ambito dello studio REal-time Assessment of Community Transmission-1 (REACT-1).

Ai partecipanti è stato chiesto dei sintomi che hanno sperimentato nella settimana prima del test.

È stato sviluppato un modello basato sui dati ottenuti durante i turni da 2 a 7, con 7 sintomi selezionati come predittivi congiuntamente positivi di positività alla PCR:

  • perdita o cambiamento di odore,
  • perdita o cambiamento del gusto,
  • febbre,
  • nuova tosse persistente,
  • brividi,
  • perdita di appetito,
  • dolori muscolari.

I primi 4 di questi sintomi sono attualmente utilizzati nel Regno Unito per determinare l’idoneità per il test PCR di comunità.

Nel round 8 di test, il modello risultante ha predetto la positività alla PCR con un’area sotto la curva di 0,77 e il test delle persone nella comunità con almeno 1 dei 7 sintomi predittivi selezionati ha fornito sensibilità, specificità e valori predittivi positivi del 74% , 64% e 9,7%, rispettivamente.

La modellazione ha suggerito che l’uso dei 7 sintomi identificati per l’assegnazione del test PCR comporterebbe dal 30% al 40% di individui sintomatici in Inghilterra ammissibili per un test (contro il 10% attualmente) e, se tutti quelli ammissibili fossero testati, comporterebbe la rilevazione del 70% al 75% dei casi positivi.

“Al fine di migliorare i tassi di rilevamento della positività alla PCR e di conseguenza migliorare il controllo della trasmissione virale tramite misure di isolamento, proporremmo di estendere l’elenco dei sintomi utilizzati per il triage a tutti e 7 i sintomi che abbiamo identificato”, affermano gli autori.

“Questi risultati suggeriscono che molte persone con COVID-19 non verranno testate – e quindi non si autoisolano – perché i loro sintomi non corrispondono a quelli utilizzati nelle attuali linee guida sulla salute pubblica per aiutare a identificare le persone infette”, aggiunge Elliott. .

“Comprendiamo che sono necessari criteri di test chiari e che includere molti sintomi che si trovano comunemente in altre malattie come l’influenza stagionale potrebbe rischiare che le persone si autoisolano inutilmente.

Spero che i nostri risultati sui sintomi più informativi significhino che il programma di test possa sfruttare le prove disponibili, contribuendo a ottimizzare il rilevamento delle persone infette”.


Discussione

Questa revisione sistematica e meta-analisi mostra che l’80% (95% CI 65-92) degli individui con una diagnosi confermata di COVID-19 continua ad avere almeno un effetto complessivo oltre le 2 settimane dopo l’infezione acuta. In totale, sono stati identificati 55 effetti, inclusi sintomi, segni e parametri di laboratorio, con affaticamento, anosmia, disfunzione polmonare, radiografia/TC del torace anormali e disturbi neurologici come i più comuni (Tabella 1, Fig. 2).

La maggior parte dei sintomi era simile alla sintomatologia sviluppata durante la fase acuta del COVID-19. Tuttavia, dato che tutte le indagini sono state predefinite, esiste la possibilità che altri effetti non siano ancora stati identificati. Nei paragrafi seguenti, discuteremo i sintomi più comuni per illustrare quanto possono essere complessi ciascuno di essi. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per comprendere ciascun sintomo separatamente e in combinazione con gli altri sintomi.

I cinque effetti più comuni erano affaticamento (58%), mal di testa (44%), disturbo dell’attenzione (27%), perdita di capelli (25%) e dispnea (24%). Il recupero da COVID-19 dovrebbe essere più sviluppato rispetto al controllo delle dimissioni ospedaliere o al test negativo per SARS-CoV-2 o positivo per gli anticorpi25.

La fatica (58%) è il sintomo più comune del COVID-1923 lungo e acuto. È presente anche dopo 100 giorni dal primo sintomo di COVID-194,23 acuto. Inoltre, esistono sindromi come la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), in cui è stato osservato che dopo un anno più di due terzi dei pazienti ha riportato sintomi di affaticamento clinicamente significativi26.

I sintomi osservati nei pazienti post-COVID-19, assomigliano in parte alla sindrome da stanchezza cronica (CFS), che include la presenza di grave affaticamento invalidante, dolore, disabilità neurocognitiva, sonno compromesso, sintomi indicativi di disfunzione autonomica e peggioramento dei sintomi globali a seguito di lievi incrementi dell’attività fisica e/o cognitiva27,28,29,30,31. L’encefalomielite mialgica (ME) o CFS è ac

condizione clinica complessa e controversa senza fattori causali stabiliti e il 90% della ME/CFS non è stato diagnosticato32. Le possibili cause della CFS includono virus, disfunzione immunitaria, disfunzione endocrino-metabolica e fattori neuropsichiatrici. Gli agenti infettivi correlati alla CFS sono stati il ​​virus di Epstein-Barr, il citomegalovirus, l’enterovirus e l’herpesvirus33. Si è tentati di ipotizzare che SARS-CoV-2 possa essere aggiunto all’elenco degli agenti virali che causano la ME/CFS.

Sono stati riportati diversi sintomi neuropsichiatrici, cefalea (44%), disturbo dell’attenzione (27%) e anosmia (21%). Sono stati segnalati altri sintomi, che non sono stati inclusi nelle pubblicazioni, tra cui la nebbia del cervello e la neuropatia34,35.

L’eziologia dei sintomi neuropsichiatrici nei pazienti COVID-19 è complessa e multifattoriale.

Potrebbero essere correlati all’effetto diretto dell’infezione, della malattia cerebrovascolare (inclusa l’ipercoagulazione)36, della compromissione fisiologica (ipossia), degli effetti collaterali dei farmaci e degli aspetti sociali di una malattia potenzialmente fatale37.

Gli adulti hanno un doppio rischio di una nuova diagnosi di disturbo psichiatrico dopo la diagnosi di COVID-1937 e le condizioni psichiatriche più comuni presentate erano disturbi d’ansia, insonnia e demenza. I disturbi del sonno potrebbero contribuire alla presentazione di disturbi psichiatrici38. La diagnosi e l’intervento tempestivi di qualsiasi cura neuropsichiatrica sono raccomandati per tutti i pazienti che si stanno riprendendo da COVID-19.

È necessario un aumento dei modelli di attenzione alla salute mentale negli ospedali e nelle comunità durante e dopo la pandemia di COVID-19. La perdita di capelli dopo COVID-19 potrebbe essere considerata come telogen effluvium, definita da perdita di capelli diffusa dopo un importante fattore di stress o infezione sistemica.

Le transizioni follicolari premature lo portano dalla fase di crescita attiva (anagen) alla fase di riposo (telogen). È una condizione autolimitante che dura circa 3 mesi, ma potrebbe causare disagio emotivo39.

Dispnea e tosse sono state riscontrate rispettivamente nel 24% e nel 19% dei pazienti (Tabella 2, Fig. 2). Inoltre, le anomalie nelle scansioni polmonari TC persistono nel 35% dei pazienti anche dopo 60-100 giorni dalla presentazione iniziale. In uno studio di follow-up condotto in Cina su casi non critici di pazienti ospedalizzati con COVID-19, i cambiamenti radiografici sono persistiti in quasi i due terzi dei pazienti 90 giorni dopo la dimissione40.

Sebbene la maggior parte degli studi disponibili non includa disfunzioni polmonari al basale o anomalie radiografiche, i risultati indicano un miglioramento o una risoluzione dei risultati anormali della TC. Anche i dati precedenti di pazienti guariti con altre polmoniti virali41,42 hanno riscontrato alterazioni radiografiche residue. Anomalie della funzione polmonare, come la ridotta capacità di diffusione del monossido di carbonio, erano presenti nel 10% dei pazienti in questa meta-analisi.

Sebbene questi risultati non siano così elevati rispetto ad altri studi disponibili sui sopravvissuti con COVID-19 o SARS, in cui la stima della disfunzione polmonare è rispettivamente del 53% e del 28%43,44, le ragioni alla base di queste differenze potrebbero essere periodi di follow-up distinti , definizioni di disfunzione polmonare o caratteristiche della popolazione di pazienti. Tuttavia, i reperti radiografici residui o le anomalie della funzione polmonare richiedono ulteriori indagini sulla loro rilevanza clinica e sulle conseguenze a lungo termine.

Il danno tissutale immuno-mediato in COVID-19 coinvolge risposte cellulari e umorali, ma l’immunità a SARS-CoV-2 e la protezione alla reinfezione o all’eliminazione virale finale40,45 sono sconosciute. Inoltre, il motivo per cui alcuni pazienti manifestano sintomi a lungo termine dopo il COVID-19 è incerto.

Ciò potrebbe essere parzialmente spiegato da fattori controllati dall’ospite che influenzano l’esito dell’infezione virale, compresa la suscettibilità genetica, l’età dell’ospite al momento dell’infezione, la dose e la via di infezione, l’induzione di cellule e proteine ​​antinfiammatorie, la presenza di infezioni concomitanti, esposizione passata ad agenti cross-reattivi, ecc. Se SARS-CoV-2 può causare un danno tissutale sostanziale che porta a una forma cronica della malattia come le lesioni croniche nella convalescenza osservate in altri virus come il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), l’epatite Il virus C (HCV), il virus dell’epatite B (HBV) e alcuni herpesvirus sono ancora sconosciuti.

Uno studio è stato escluso perché non prevedeva un denominatore, e quindi non era possibile stimare la prevalenza46. In tale studio, gli autori hanno condotto un sondaggio in un gruppo Facebook di pazienti che in precedenza avevano avuto COVID-19 e hanno confrontato i sintomi di quelli ricoverati in ospedale con sintomi da lievi a moderati. Hanno concluso che entrambi i gruppi avevano sintomi dopo 3 mesi di avere COVID-19.

I sintomi che non sono stati menzionati in nessuno degli articoli che abbiamo studiato includono improvvisa perdita di peso corporeo, dolore all’orecchio, problemi agli occhi, starnuti, naso freddo, sensazione di bruciore nella trachea, vertigini, palpitazioni cardiache, dolore/sensazione di bruciore ai polmoni, dolore tra le scapole, sindrome di Sicca, vertigini, dolori muscolari e confusione3,12.

I risultati valutati nel presente studio sono in linea con le attuali conoscenze scientifiche su altri coronavirus, come quelli che producono SARS e MERS, entrambe caratteristiche di condivisione clinica con COVID-19, compresi i sintomi post. Ad esempio, studi sui sopravvissuti alla SARS hanno mostrato anomalie polmonari mesi dopo l’infezione.

Dopo un anno di follow-up, uno studio ha mostrato che il 28% dei sopravvissuti presentava una ridotta funzionalità polmonare e segni di fibrosi polmonare44,47,48. Inoltre, i sopravvissuti alla MERS hanno mostrato fibrosi polmonare (33%)49. Per quanto riguarda i sintomi psichiatrici, uno studio ha riportato alti livelli di depressione, ansia e disturbo da stress post-traumatico (PTSD)37 a lungo termine in pazienti precedentemente infettati da altri coronavirus.

Per garantire che i futuri operatori sanitari, ricercatori ed educatori riconoscano gli effetti del COVID19 a lungo termine correlati al sesso e all’età, è essenziale classificare i gruppi in base a tali variabili per prendere decisioni migliori sulla diagnosi di prevenzione e sulla gestione della malattia .

I limiti di questa revisione sistematica e delle meta-analisi includono la piccola dimensione del campione per alcuni risultati, rendendo difficile generalizzare questi risultati alla popolazione generale. La variazione nella definizione di alcuni outcome e marker e la possibilità di bias. Ad esempio, diversi studi che hanno utilizzato un questionario auto-riferito potrebbero portare a bias di segnalazione.

Inoltre, gli studi erano molto eterogenei, principalmente a causa dei riferimenti temporali di follow-up e della combinazione di pazienti con COVID-19 moderato e grave. Tutti gli studi valutati avevano eseguito la loro pre-definizione interna dei sintomi, e quindi esiste la possibilità che gli esiti essenziali non siano stati riportati.

Un’altra limitazione è che, dato che il COVID-19 è una nuova malattia, è impossibile determinare per quanto tempo dureranno questi effetti. Per ridurre l’eterogeneità e comprendere meglio gli effetti a lungo termine del COVID-19, è necessario che gli studi vengano stratificati per età, comorbidità precedenti, gravità del COVID-19 (compresi gli asintomatici) e durata di ciascun sintomo.

Per determinare se questi effetti a lungo termine complicano le malattie precedenti o continuano il COVID-19, sono necessari studi di coorte prospettici. Le caratteristiche di base dovrebbero essere ben stabilite. Per ottenere meta-analisi più accurate, è urgente avere una definizione standard di COVID-19 a lungo termine. Attualmente, i sintomi post-COVID-19 che si sviluppano durante o dopo il COVID-19 sono definiti se continuano per ≥ 12 settimane (“COVID-19 lungo”) e non sono spiegati da una diagnosi alternativa2,6,50.

È necessario standardizzare le misure biologiche come i marcatori del sangue periferico della funzione genetica, infiammatoria, immunitaria e metabolica per confrontare gli studi. Oltre a studiare sintomi e caratteristiche predefiniti, dovrebbe essere inclusa una domanda aperta. La corretta documentazione nelle cartelle cliniche da parte degli operatori sanitari e la flessibilità e la collaborazione dei pazienti per segnalare i loro sintomi sono di pari importanza.

Tabella 2 Effetti a lungo termine nei pazienti PASC.

 StudicasiMisura di provaPrevalence % (95% CI)
Manifestazioni cliniche
1 o > sintomi71403191580 (65–92)
Fatica71042189258 (42–73)
Male alla testa226157944 (13–78)
Disturbo dell’attenzione13212027 (19–36)
La perdita di capelli217865825 (17–34)
Dispnea9584213024 (14–36)
Ageusia410846623 (14–33)
anosmia6210111021 (12–32)
Polipnea post-attività111553821 (18–25)
Dolori articolari4191109819 (7–34)
Tosse7465210819 (7–34)
Sudore214463817 (6–30)
Nausea o vomito12214116 (10–23)
Dolore/fastidio al petto6264170616 (10–22)
Perdita di memoria332045,18616 (0–55)
Perdita dell’udito o acufene26442515 (10–20)
Ansia4228845,89613 (3–26)
Depressione4182150112 (3–23)
Disturbi digestivi11513012 (7–18)
Perdita di peso11513012 (7–18)
Segni cutanei11513012 (7–18)
Aumento della frequenza cardiaca a riposo16053811 (9–14)
palpitazioni11413011 (6–17)
Dolore generale11714511 (7–18)
Febbre intermittente13228711 (8–15)
Disordine del sonno5103646,07011 (3–24)
Ridotta capacità di diffusione polmonare11414510 (6–16)
Sleep apnea1344048 (6–12)
Brividi2446797 (1–18)
Salute mentale correlata all’assistenza sanitaria1284047 (5–10)
Malattia psichiatrica1259744,7796 (6–6)
occhi rossi181416 (3–11)
Fibrosi polmonare1142875 (3–8)
Flusso discontinuo1265385 (3–7)
Diabete mellito1122874 (2–7)
espettorato1165383 (2–5)
Limb edema1145383 (1–4)
Vertigini1145383 (1–4)
Ictus182873 (1–5)
Mal di gola1175383 (2–5)
Disturbi dell’umore189644,7792 (2–2)
disforia195382 (1–3)
Disturbo ossessivo compulsivo (DOC)2155792 (0–8)
Nuova ipertensione175381 (1–3)
Miocardite142871 (0–4)
Insufficienza renale142871 (0–4)
Disturbo da stress post-traumatico (PTSD)122921 (0–2)
aritmia112870.4 (0–2)
Paranoia112920.3 (0–2)
Test di laboratorio e altri esami
Radiografia/TC del torace anormali218852934 (27–42)
D-dimero elevato213452920 (6–39)
NT-proBNP elevato11614511 (6–17)
Proteina C-reattiva elevata2445298 (5–12)
Ferritina sierica elevata1121458 (4–14)
Procalcitonina elevata161454 (2–9)
Elevated IL-6141453 (1–7)
  1. Effetti casuali ponderati in base al modello di effetti di qualità MetaXL per 2 o più studi Proteina C-reattiva (CRP), Interleuchina-6 (IL-6), D-dimero, NT-proBNP, ferritina sierica, N-terminale (NT)-proormone BNP (NT-proBNP).

figura 2

figura 2
Effetti a lungo termine della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). La meta-analisi degli studi includeva una stima per uno o più sintomi che riportava che l’80% dei pazienti con COVID-19 ha sintomi a lungo termine. CRP  proteina C-reattiva,  CT  tomografia computerizzata,  IL-6  Interleuchina-6,  NT-proBNP  (NT) ormone -PRO BNP,  OCD  disturbo ossessivo-compulsivo,  PTSD  disturbo da stress post-traumatico. Questa figura è stata creata utilizzando Biorender.com.

collegamento di riferimento: https://www.nature.com/articles/s41598-021-95565-8


Maggiori informazioni:  Elliott J, Whitaker M, Bodinier B, Eales O, Riley S, Ward H, et al. (2021) Sintomi predittivi per COVID-19 nella comunità: studio REACT-1 su oltre 1 milione di persone. PLoS Med 18(9): e1003777. doi.org/10.1371/journal.pmed.1003777

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.