Il massaggio rimuove rapidamente i neutrofili dal tessuto muscolare gravemente ferito e lo fa guarire più velocemente e più forte

0
39

Il massaggio è stato usato per trattare i muscoli doloranti e feriti per più di 3000 anni e oggi molti atleti giurano che le pistole da massaggio riabilitano i loro corpi.

Ma oltre a far sentire bene le persone, queste “meccanoterapie” migliorano effettivamente la guarigione dopo un grave infortunio?

Secondo un nuovo studio dei ricercatori del Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering di Harvard e della John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences (SEAS), la risposta è “sì”.

Utilizzando un sistema robotico progettato su misura per fornire forze di compressione coerenti e sintonizzabili ai muscoli delle gambe dei topi, il team ha scoperto che questo carico meccanico (ML) elimina rapidamente le cellule immunitarie chiamate neutrofili dal tessuto muscolare gravemente ferito.

Questo processo ha anche rimosso le citochine infiammatorie rilasciate dai neutrofili dai muscoli, migliorando il processo di rigenerazione delle fibre muscolari. La ricerca è pubblicata su Science Translational Medicine.

“Molte persone hanno cercato di studiare gli effetti benefici del massaggio e di altre meccanoterapia sul corpo, ma fino a quel momento non era stato fatto in modo sistematico e riproducibile. Il nostro lavoro mostra una connessione molto chiara tra stimolazione meccanica e funzione immunitaria.

Questo ha la promessa di rigenerare un’ampia varietà di tessuti tra cui ossa, tendini, capelli e pelle e può essere utilizzato anche in pazienti con malattie che impediscono l’uso di interventi basati sui farmaci “, ha affermato il primo autore Bo Ri Seo, Ph.D. ., che è un borsista post-dottorato nel laboratorio del membro della facoltà principale Dave Mooney, Ph.D. al Wyss Institute e SEAS.

Il massaggio non solo fa sentire meglio i muscoli, li fa guarire più velocemente e più forte
Una fotografia del dispositivo robotico a interfaccia morbida, che è dotato di un attuatore elettromagnetico e di un sensore di forza integrato. Credito: BR Seo, et al., Science Translational Medicine (2021)

Una pistola da massaggio più meticolosa

Seo e i suoi coautori hanno iniziato a esplorare gli effetti della meccanoterapia sui tessuti danneggiati nei topi diversi anni fa e hanno scoperto che ha raddoppiato il tasso di rigenerazione muscolare e ridotto le cicatrici tissutali nel corso di due settimane. Eccitato dall’idea che la stimolazione meccanica da sola possa favorire la rigenerazione e migliorare la funzione muscolare, il team ha deciso di indagare più a fondo esattamente come funzionava quel processo nel corpo e di capire quali parametri avrebbero massimizzato la guarigione.

Hanno collaborato con esperti di robotica morbida nell’Harvard Biodesign Lab, guidati da Conor Walsh, Ph.D., membro della Wyss Associate Faculty, per creare un piccolo dispositivo che utilizzasse sensori e attuatori per monitorare e controllare la forza applicata all’arto di un topo. .

Il dispositivo che abbiamo creato ci consente di controllare con precisione parametri come la quantità e la frequenza della forza applicata, consentendo un approccio molto più sistematico alla comprensione della guarigione dei tessuti rispetto a quanto sarebbe possibile con un approccio manuale”, ha affermato il co-secondo autore Christopher Payne, Ph.D. ., un ex borsista post-dottorato presso il Wyss Institute e l’Harvard Biodesign Lab che ora è un ingegnere robotico presso Viam, Inc.

A demonstration of the robotic actuator placing mechanical load on the injured muscle of a mouse. Credit: B.R. Seo, et al., Science Translational Medicine (2021)

Una volta che il dispositivo era pronto, il team ha sperimentato l’applicazione della forza ai muscoli delle gambe dei topi tramite una punta in silicone morbido e ha utilizzato gli ultrasuoni per dare un’occhiata a cosa è successo al tessuto in risposta. Hanno osservato che i muscoli hanno subito uno sforzo tra il 10-40%, confermando che i tessuti stavano sperimentando una forza meccanica.

Hanno anche usato quei dati di imaging ad ultrasuoni per sviluppare e convalidare un modello computazionale in grado di prevedere la quantità di deformazione tissutale sotto diverse forze di carico.

Hanno quindi applicato una forza costante e ripetuta ai muscoli feriti per 14 giorni. Sebbene sia i muscoli trattati che quelli non trattati mostrassero una riduzione della quantità di fibre muscolari danneggiate, la riduzione era più pronunciata e l’area della sezione trasversale delle fibre era più ampia nel muscolo trattato, indicando che il trattamento aveva portato a una maggiore riparazione e recupero della forza.

Maggiore è la forza applicata durante il trattamento, più forti sono diventati i muscoli lesionati, a conferma che la meccanoterapia migliora il recupero muscolare dopo l’infortunio. Ma come?

Eliminazione dei neutrofili per migliorare la rigenerazione

Per rispondere a questa domanda, gli scienziati hanno eseguito una valutazione biologica dettagliata, analizzando un’ampia gamma di fattori correlati all’infiammazione chiamati citochine e chemochine nei muscoli non trattati rispetto a quelli trattati. Un sottoinsieme di citochine era notevolmente inferiore nei muscoli trattati dopo tre giorni di meccanoterapia e queste citochine sono associate al movimento delle cellule immunitarie chiamate neutrofili, che svolgono molti ruoli nel processo infiammatorio.

I muscoli trattati avevano anche meno neutrofili nei loro tessuti rispetto ai muscoli non trattati, suggerendo che la riduzione delle citochine che li attraggono aveva causato la diminuzione dell’infiltrazione dei neutrofili.

Il team aveva la sensazione che la forza applicata al muscolo dalla meccanoterapia avesse efficacemente spremuto i neutrofili e le citochine dal tessuto danneggiato. Hanno confermato questa teoria iniettando molecole fluorescenti nei muscoli e osservando che il movimento delle molecole era più significativo con l’applicazione della forza, supportando l’idea che aiutasse a svuotare il tessuto muscolare.

Per distinguere quale effetto hanno i neutrofili e le loro citochine associate sulla rigenerazione delle fibre muscolari, gli scienziati hanno eseguito studi in vitro in cui hanno coltivato cellule progenitrici muscolari (MPC) in un mezzo in cui erano stati precedentemente coltivati ​​i neutrofili.

Hanno scoperto che il numero di MPC è aumentato, ma la velocità con cui si sono differenziati (sviluppati in altri tipi di cellule) è diminuita, suggerendo che i fattori secreti dai neutrofili stimolano la crescita delle cellule muscolari, ma la presenza prolungata di tali fattori compromette la produzione di nuovi fibre muscolari.

The robotic device being combined with ultrasound imaging of muscle tissue deformation in the stimulated limb. Credit: B.R. Seo, et al., Science Translational Medicine (2021)

“È noto che i neutrofili uccidono ed eliminano gli agenti patogeni e i tessuti danneggiati, ma in questo studio abbiamo identificato i loro impatti diretti sui comportamenti delle cellule progenitrici muscolari”, ha affermato la co-seconda autrice Stephanie McNamara, ex borsista post-laurea presso il Wyss Institute che è ora un MD-Ph.D. studente presso la Harvard Medical School (HMS).

“Mentre la risposta infiammatoria è importante per la rigenerazione nelle fasi iniziali della guarigione, è altrettanto importante che l’infiammazione si risolva rapidamente per consentire ai processi rigenerativi di compiere il suo corso completo”.

Seo e i suoi colleghi sono quindi tornati al loro modello in vivo e hanno analizzato i tipi di fibre muscolari nei topi trattati rispetto a quelli non trattati 14 giorni dopo l’infortunio. Hanno scoperto che le fibre di tipo IIX erano prevalenti nel muscolo sano e in quello trattato, ma il muscolo ferito non trattato conteneva un numero minore di fibre di tipo IIX e un numero maggiore di fibre di tipo IIA. Questa differenza spiegava la dimensione della fibra allargata e la maggiore produzione di forza dei muscoli trattati, poiché le fibre IIX producono più forza delle fibre IIA.

Infine, il team ha individuato la quantità di tempo ottimale per la presenza di neutrofili nel muscolo danneggiato esaurendo i neutrofili nei topi il terzo giorno dopo l’infortunio. I muscoli dei topi trattati hanno mostrato una dimensione delle fibre più grande e un maggiore recupero della forza rispetto a quelli dei topi non trattati, confermando che mentre i neutrofili sono necessari nelle prime fasi del recupero dall’infortunio, farli uscire presto dal sito della lesione porta a una migliore rigenerazione muscolare.

“Questi risultati sono notevoli perché indicano che possiamo influenzare la funzione del sistema immunitario del corpo in modo non invasivo e privo di farmaci”, ha affermato Walsh, che è anche professore di ingegneria e scienze applicate Paul A. Maeder presso SEAS. e il cui gruppo è esperto nello sviluppo di tecnologie indossabili per la diagnosi e il trattamento delle malattie. “Ciò fornisce una grande motivazione per lo sviluppo di interventi meccanici esterni per aiutare ad accelerare e migliorare la guarigione di muscoli e tessuti che hanno il potenziale per essere rapidamente tradotti in clinica”.

Il team sta continuando a indagare su questa linea di ricerca con più progetti in laboratorio. Hanno in programma di convalidare questo approccio meccanoterapeutico in animali più grandi, con l’obiettivo di poterne testare l’efficacia sull’uomo. Sperano anche di testarlo su diversi tipi di lesioni, perdita muscolare legata all’età e miglioramento delle prestazioni muscolari.

“I campi della meccanoterapia e dell’immunoterapia raramente interagiscono tra loro, ma questo lavoro è una testimonianza di quanto sia cruciale considerare sia gli elementi fisici che quelli biologici quando si studia e si lavora per migliorare la salute umana”, ha affermato Mooney, che è l’autore corrispondente di il documento e il Professore di Bioingegneria della famiglia Robert P. Pinkas presso SEAS.

“L’idea che la meccanica influenzi la funzione cellulare e tissutale è stata ridicolizzata fino agli ultimi decenni, e mentre gli scienziati hanno fatto grandi passi avanti per stabilire l’accettazione di questo fatto, sappiamo ancora molto poco su come questo processo funzioni effettivamente a livello di organo.

Questa ricerca ha rivelato un tipo di interazione precedentemente sconosciuto tra meccanobiologia e immunologia che è fondamentale per la guarigione del tessuto muscolare, oltre a descrivere una nuova forma di meccanoterapia che potenzialmente potrebbe essere potente quanto le terapie chimiche o geniche, ma molto più semplice e meno invasiva, “, ha affermato il direttore fondatore di Wyss Don Ingber, MD, Ph.D., che è anche Judah Folkman Professor of Vascular Biology presso (HMS) e Vascular Biology Program presso il Boston Children’s Hospital, nonché Professore di Bioingegneria presso SEAS.


RISPOSTA ACUTA DEI NEUTROFILI ALL’ESERCIZIO

Se l’infiammazione è considerata come la proliferazione dei globuli bianchi dopo una lesione dei tessuti molli, allora la risposta infiammatoria cellulare inizia effettivamente all’inizio dell’esercizio, quando il livello circolante di neutrofili aumenta in modo significativo. 5-8 I neutrofili sono la prima popolazione di globuli bianchi ad arrivare e influenzare la risposta infiammatoria dell’ospite durante l’esercizio e la lesione dei tessuti molli (Tabella).

Queste cellule hanno meccanismi difensivi sia specifici che aspecifici, alcuni dei quali sono in grado di causare ulteriori danni ai tessuti. 15-18 In passato, si proponeva che i primi effetti dell’esercizio eccentrico dannoso si traducessero in un aumento del numero di neutrofili circolanti, poiché queste cellule avrebbero dovuto entrare nel sito della lesione per avviare la fagocitosi o la rimozione dei tessuti danneggiati.

Tuttavia, questa risposta immediata è stata osservata anche dopo lo stretching passivo non dannoso e l’esercizio isometrico, dimostrando che la presenza di neutrofili non porta necessariamente sempre a lesioni. 19

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è i1062-6050-41-4-457-t01.jpg
Ruoli delle cellule immunitarie selezionate nell’infiammazione e nella riparazione.

Il meccanismo per la post-esercizio precoce della neutrofilia è probabilmente dovuto a una combinazione di fattori. Durante il riposo, più della metà dei neutrofili circolanti è emarginata lungo le pareti endoteliali dei vasi sanguigni. All’inizio dell’esercizio, l’aumento dell’adrenalina, del flusso sanguigno e delle molecole di segnalazione cellulare demarginano questi neutrofili lontano dalle pareti dei vasi, determinando la loro mobilitazione in circolazione. 5, 20, 21

La demarginazione consente ai neutrofili di entrare in circolo e ridistribuirsi in altre parti del corpo, secondo necessità. I meccanismi con cui i neutrofili si localizzano nei tessuti danneggiati o stressati stanno appena iniziando a essere compresi e potrebbero rappresentare strategie chiave per l’intervento per limitare alcuni aspetti dell’infiammazione.

Il movimento di un neutrofilo dalla circolazione nel tessuto, chiamato diapedesi, è sotto stretto controllo normativo del tessuto sottostante. Nel muscolo scheletrico, la diapedesi può verificarsi rapidamente durante l’esercizio. 22 Il reclutamento dei neutrofili è in definitiva la responsabilità delle fibre muscolari (miociti) insieme ai mastociti di una varietà di tessuti, compreso il tessuto connettivo locale. 

Se un miocita viene perturbato in qualche modo, come nel caso di un allungamento attivo o di una contusione, comunica con la parete endoteliale del vaso sanguigno adiacente, avviando una cascata di eventi di segnalazione e provocando diapedesi.

Questa comunicazione intercellulare è realizzata, in parte, da una serie di molecole di segnalazione cellulare, o citochine, che sono essenziali per qualsiasi comprensione della funzione delle cellule immunitarie.

Il termine citochina deriva dalla radice greca che significa “mettere in movimento le cellule”. 17 Tutte le cellule nucleate del corpo producono citochine ed esprimono allo stesso modo recettori per le citochine sulle loro membrane superficiali. Le citochine agiscono sulla superficie delle cellule bersaglio, principalmente per alterare la funzione cellulare. 23

Il muscolo scheletrico produce continuamente citochine nel tentativo di mantenere l’omeostasi e di regolare la funzione. Semplici perturbazioni del muscolo scheletrico, come un allungamento attivo durante l’esercizio eccentrico, aumentano notevolmente l’espressione dell’interleuchina-1β (IL-1β) e del fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α). 24

Queste citochine proinfiammatorie sovraregolano l’espressione delle molecole di adesione endoteliale-leucocitaria (E-selectina) all’interno dell’endotelio dei vasi sanguigni adiacenti. 17, 25, 26 L’attivazione dell’endotelio è sito-specifica e può provocare il rilascio di ulteriore IL-1β, nonché ulteriori citochine proinfiammatorie, tra cui IL-6 e IL-8, che hanno dimostrato di attrarre neutrofili. 27–31

Pertanto, l’attivazione endoteliale ha 2 scopi: incoraggiare l’adesione dei neutrofili nel sito di stress cellulare (marginazione) e assistere la cellula nel reclutare ulteriori neutrofili ( Figura 1).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è i1062-6050-41-4-457-f01.jpg
Figura 1
L’uso modificato del muscolo può comportare un aumento della concentrazione di calcio intracellulare, con conseguente aumento della produzione cellulare di citochine proinfiammatorie come TNF-α e IL-1β, che a loro volta sovraregolano l’espressione delle molecole di adesione endoteliale-leucocitaria (E-selectina e P-selezione). L’endotelio attivato attrae i neutrofili nella regione e rilascia anche i chemiotattici dei neutrofili e le citochine proinfiammatorie IL-6 e IL-8. IL-6 indica l’interleuchina 6; IL-8, interleuchina 8; IL-1β, interleuchina 1-beta; TNF-α, fattore di necrosi tumorale-alfa; 1β; TNF-α, fattore di necrosi tumorale–α; ed ECM, matrice extracellulare.

L’adesione temporanea dei neutrofili all’endotelio determina la loro immobilizzazione e, quindi, una segnalazione prolungata dalla cellula muscolare. 32 Senza emarginazione, non sarebbe possibile una comunicazione efficace tra i miociti ei neutrofili, perché questi tipi di cellule non sarebbero in stretta vicinanza per un periodo di tempo adeguato.

Questa comunicazione mediata dalle citochine si traduce in una riorganizzazione della struttura cellulare dei neutrofili 33, 34 ed endoteliali 35, 36, consentendo ai neutrofili di passare dall’endotelio (diapedesi) alla matrice extracellulare (ECM) adiacente ai miociti.

Il pensiero tradizionale è che queste citochine sono state rilasciate solo da miociti feriti o danneggiati, determinando la localizzazione dei neutrofili in questi tessuti danneggiati. Questa scoperta è stata osservata dopo contrazioni eccentriche 4, 37 e ha portato a ipotizzare che l’infiammazione sia il processo responsabile dell’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata. 19, 20, 38

Tuttavia, è stato recentemente dimostrato che la semplice attivazione muscolare e l’allungamento passivo sono stimoli sufficienti affinché si verifichi la diapedesi, con successiva localizzazione dei neutrofili all’interno dell’ECM del muscolo scheletrico. 39, 40 Attualmente, i ricercatori sono concentrati sui meccanismi per il reclutamento dei neutrofili e sulla funzione di questi neutrofili in muscoli altrimenti sani e non danneggiati.

Tra le domande più importanti relative ai neutrofili e all’infiammazione è se la localizzazione dei neutrofili nell’ECM facilita la guarigione o la distruzione dei tessuti. Le prove stanno iniziando a indicare che è più probabile una combinazione di riparazioni e ulteriori danni. Quest’ultimo sembra in qualche modo sorprendente, ma può anche essere un segnale importante per la riparazione dei tessuti.

IMPLICAZIONI CLINICHE

Storicamente, la gestione acuta della lesione muscoloscheletrica atletica si è concentrata sulla limitazione dei segni cardinali dell’infiammazione nel tentativo di accelerare il processo riabilitativo e facilitare un precoce ritorno alla competizione. 81 A tal fine, è fiorito l’uso del ghiaccio, della compressione e dell’elevazione per la gestione iniziale delle lesioni.

Negli ultimi 25 anni, le motivazioni per le pratiche di trattamento acuto sono cambiate, concentrandosi sul ritardo del danno secondario nel tentativo di ridurre al minimo il danno totale. 82, 83

Indipendentemente dalla logica, la pratica dell’uso del ghiaccio, della compressione e dell’elevazione nella gestione dell’infiammazione acuta è ben radicata. Sebbene sia stato dimostrato in laboratorio un ruolo potenziale dell’uso di agenti fisici, come la crioterapia, nell’attenuazione della risposta neutrofila,84, 85, l’effettiva evidenza clinica a sostegno dell’efficacia di queste pratiche è limitata.

Allo stesso modo, limitare l’infiammazione e migliorare la riparazione dei tessuti attraverso la soppressione del reclutamento e dell’attivazione dei neutrofili può ridurre il danno tissutale post-esercizio. Tali sforzi sono stati stabiliti, poiché i farmaci infiammatori non steroidei (FANS) sono stati utilizzati per secoli nel tentativo di limitare la risposta infiammatoria. Tuttavia, gli effetti antinfiammatori possono essere confusi dall’azione analgesica di questi farmaci, 86 che è stata a lungo al centro di interventi precoci per le lesioni muscolari. 81

È stato suggerito che l’entità del dolore dopo un trauma tissutale corrisponda alla concentrazione di globuli bianchi all’interno del tessuto danneggiato. 87 Tuttavia, questa teoria non è stata supportata in letteratura. Ad esempio, sebbene la tendinite sia una diagnosi comune, l’assenza di globuli bianchi nei tessuti affetti da questa condizione indica che non si tratta di una vera risposta infiammatoria. 88

Al contrario, la semplice presenza di GB non sempre coincide con i segni cardinali dell’infiammazione. I globuli bianchi sono stati osservati in assenza di evidenti traumi tissutali39, anche se questa situazione non è generalmente indicata come un processo infiammatorio.

Una sfida per ridurre l’infiammazione attraverso l’intervento farmacologico sono le molteplici vie cellulari attraverso le quali la risposta infiammatoria può essere mediata. I FANS tradizionali bloccano la via della cicloossigenasi (COX) che contribuisce alla produzione di prostaglandine cellulo-mediate (PGE 2)89 e, probabilmente, al reclutamento dei neutrofili. 90 Tuttavia, esistono altre vie proinfiammatorie per la cellula per reclutare neutrofili nel muscolo danneggiato o esercitato, inclusa la via alternativa della lipossigenasi 91 e l’induzione di geni proinfiammatori mediata dal fattore nucleare kappa-B (NF-kB). 92

Sebbene in letteratura esistano molte informazioni sull’efficacia dell’uso dei FANS, l’uso immediato ea lungo termine dei FANS per controllare l’infiammazione rimane controverso. Ciò può essere dovuto alle molteplici vie proinfiammatorie, all’ampia varietà di FANS emergenti progettati per mirare a specifiche vie cellulari e ai loro rispettivi effetti di riparazione e rigenerazione muscolare.

Gli effetti dei FANS sull’accumulo di cellule infiammatorie nel muscolo e la loro relazione con la riparazione muscolare rimangono controversi. 44 Ad esempio, è stato dimostrato che l’inibizione di NF-κB da parte della curcumina accelera la rigenerazione muscolare. 93 Sebbene sia stato dimostrato che gli inibitori non-NF-κB come il naprossene FANS non hanno alcun effetto sulla rigenerazione delle cellule muscolari, 94 NS-398 (un inibitore specifico della COX-2) ha ridotto l’ingresso di neutrofili e macrofagi nel muscolo, ritardando la rigenerazione e guarigione e ha provocato un aumento del TGF-β1 e un aumento della fibrosi tissutale. 89

Si stanno accumulando prove che i FANS possono effettivamente interferire con la proliferazione, la differenziazione e la fusione delle cellule satellite 89, 95 e, quindi, possono influenzare negativamente la rigenerazione e la riparazione muscolare. 89, 96, 97

Allo stesso modo, è stata anche dimostrata l’inibizione della riparazione dei tessuti dopo la somministrazione di FANS dopo lesioni in altri tessuti molli, inclusi i legamenti. 98 In definitiva, sebbene il trattamento con FANS per le lesioni dei tessuti molli sia comune negli ambienti di medicina dello sport, nessuna prova concreta dimostra che tali trattamenti siano giustificati, anche per gli effetti analgesici. 99

Se è utile limitare la risposta neutrofila, è probabile che la tempistica e il dosaggio dei FANS siano importanti. I neutrofili sono le cellule immunitarie dominanti per le prime 4-24 ore dopo il trauma, dopo di che predominano i macrofagi. 3 Esiste chiaramente un potenziale per limitare il danno mediato dai neutrofili che sembra accompagnare lo stress meccanico ai muscoli e ad altri tessuti.

Tuttavia, non è chiaro se si possa ottenere di più combattendo il danno neutrofilico secondario ma potenzialmente interferendo con il processo di rigenerazione muscolare o accettando il danno secondario nella speranza che venga stimolata una rigenerazione più rapida. È importante notare che è stata osservata evidenza di impedimento alla rigenerazione 75 nei topi impoveriti di neutrofili. Cioè, la rigenerazione è stata compromessa in un modello animale in cui non erano presenti neutrofili, indicando che i neutrofili possono svolgere un ruolo chiave nella riparazione muscolare.

Sebbene questo modello di laboratorio sia utile, non riflette la realtà clinica dell’intervento acuto nell’atleta infortunato. Sarebbe praticamente impossibile abolire completamente la risposta neutrofila utilizzando la tipica crioterapia clinica o la terapia con FANS. Pertanto, ci aspettiamo che venga osservato un certo livello di risposta neutrofila, indipendentemente dal nostro intervento acuto. Nessun dato attualmente descrive se una risposta parzialmente smorzata sarebbe benefica o dannosa.

Nel muscolo scheletrico, la propensione a una maggiore risposta infiammatoria e alla proliferazione dei fibroblasti supera la capacità del muscolo di rigenerarsi, in particolare nell’uomo, con conseguente formazione di una cicatrice fibrotica. Fino a poco tempo, si presumeva che questa risposta fibrotica fosse un passaggio necessario nella formazione di miotubi nascenti per la riparazione delle fibre muscolari.

Tuttavia, la formazione di cicatrici fibrotiche non è un risultato ottimale e può essere dovuta all’eccessiva segnalazione cellulare e alla risposta infiammatoria. 101 Quando la funzione dei fibroblasti e del TGF-β1 è stata inibita dopo lesioni da lacerazione, il muscolo scheletrico aveva la capacità intrinseca di rigenerare le fibre danneggiate. 102-104 Sebbene questa scoperta non sia stata studiata in modelli di gravi lesioni da sforzo, la manipolazione della segnalazione cellulare può fornire uno sguardo al possibile futuro di agenti terapeutici progettati per modificare la guarigione dei tessuti.

Clinicamente, il ritorno all’attività può provocare un’esacerbazione della risposta infiammatoria. 105 Tuttavia, si stanno accumulando anche prove secondo cui l’esercizio fisico regolare agisce come un agente antinfiammatorio. 106 La funzione dei neutrofili e la citotossicità possono essere modificate attraverso l’esercizio, 107 e queste modifiche possono dipendere dall’intensità dell’esercizio. 21 La produzione di citochine da parte dei neutrofili e la risposta risultante da tutti i GB possono essere modificate con l’esercizio a lungo termine. 15

I meccanismi esatti non sono noti, ma la risposta infiammatoria di basso livello prodotta attraverso l’esercizio regolare può attenuare la risposta delle cellule alle citochine o inibirne la produzione e il successivo rilascio. A questo proposito, l’esercizio fisico regolare può sopprimere il rilascio di citochine proinfiammatorie, come il TNF-α. 106 Recentemente, utilizzando condrociti isolati, è stato dimostrato che la risposta proinfiammatoria varia a seconda dell’entità del segnale meccanico applicato al tessuto. 108 Pertanto, l’esercizio può produrre effetti sia proinfiammatori che antinfiammatori, a seconda dell’entità dello stimolo e del corrispondente livello di citochine rilasciate.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1748424/


Ulteriori informazioni: Rigenerazione del muscolo scheletrico con eliminazione dei neutrofili mediata dall’attivazione robotica, Science Translational Medicine (2021). www.science.org/doi/10.1126/scitranslmed.abe8868

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.