Disturbi neuropsicologici: ruolo terapeutico dello yoga

0
54

Diversi disturbi neurologici influenzano la salute mentale e portano a vari gradi di compromissione delle funzioni cognitive.

L’uso della medicina complementare e alternativa, pratiche che migliorano la capacità della mente e la funzione del corpo, tra i pazienti con disturbi neuropsicologici è in aumento in tutto il mondo[1,2].

Biofeedback, omeopatia, agopuntura, meditazione e yoga sono tra le diverse categorie di questi interventi[3]. Lo yoga è una forma di tecnica mente-corpo che coinvolge e contribuisce sia alla mente che al corpo[4] ed è stata utilizzata come intervento terapeutico in vari disturbi neurologici e psicologici[5].

La parola “Yoga” deriva dall’origine sanscrita “yuj” che significa “giogo” o “unione”, e si presume che lo yoga descriva l’unione tra mente e corpo[5].

In quanto antico metodo non religioso indiano mente-corpo[2,6], lo yoga è considerato una disciplina filosofica e spirituale che allevia la sofferenza e promuove la salute umana[4].

Lo yoga è stato praticato nelle culture orientali come metodo di guarigione spirituale per oltre 4000 anni.

Lo “Yoga sutra”, una guida di 2000 anni, è il primo documento conosciuto sullo yoga che fornisce la struttura di tutti i rami dello yoga. Questo libro concettualizzava lo yoga come otto arti, progettati per essere praticati in sequenza[7-9]. Esistono diversi stili di yoga e nessuno è superiore all’altro (Tabella 1).

Tabella 1 – Diversi tipi di interventi yoga

Tipo di yogaDescrizione
AshtangaSei serie di posizioni durante gli esercizi di respirazione
BikramVentisei pose e una sequenza di due esercizi di respirazione che si svolgono in ambienti riscaldati con elevata umidità
HathaPosture e pose di base con regolazione del respiro e meditazione
IyengarSi concentra sul preciso allineamento strutturale del corpo
JivamuktiPosture impegnative fisicamente intense con la meditazione
KripaluEsercizi di respirazione all’inizio, allungamenti dolci e serie di pose prima del rilassamento finale
KundaliniCanto all’inizio e meditazione con l’obiettivo di liberare energia
SivanandaBasato su un approccio in 5 punti, tra cui respirazione corretta, dieta, rilassamento, esercizio fisico e pensiero positivo
ViniBasato su una formazione approfondita con l’obiettivo di essere un esperto di anatomia e yoga terapia
PrenataleUn tipo di yoga che aiuta le mamme con l’allenamento fisico e la meditazione
YinSi concentra sul rilascio della tensione attraverso diverse articolazioni

Un rapido aumento dell’interesse per lo yoga nei paesi occidentali si è verificato nei primi decenni del XIX secolo, che è continuato fino ad oggi. Il National Health Interview Survey ha riportato che il numero di persone negli Stati Uniti che praticano yoga è aumentato notevolmente tra tutte le fasce d’età tra il 2002 e il 2012[9,10]. La pratica dello yoga può essere un trattamento per una varietà di disturbi così come l’esercizio fisico[9].

Ciò porta ad un aumento delle indagini incentrate sul meccanismo d’azione e sull’effetto dell’intervento dello yoga su varie condizioni mentali e fisiche[9-11]. Gli interventi di yoga possono mantenere la salute del cervello attraverso vari meccanismi, come il miglioramento dell’ossigenazione cerebrale[12], il potenziamento dei fattori neurotrofici e angiogenici (come l’angiogenina)[13], il bilanciamento dell’equilibrio dei neurotrasmettitori eccitatori/inibitori[14], la modulazione del sistema immunitario risposte[15] e prevenzione dello stress ossidativo[16].

Nella presente recensione, mostriamo innanzitutto i dati che indicano l’effetto dello yoga sul cervello in condizioni fisiologiche. Quindi, esaminiamo l’effetto e il potenziale meccanismo d’azione dello yoga nel trattamento dei disturbi neurologici e psicologici.

EFFETTO DELLO YOGA SUL CERVELLO

Lo yoga è un’attività contemplativa incarnata basata sul movimento che può portare a una varietà di alterazioni neurobiologiche in diverse regioni del cervello. Lo yoga esercita un effetto regolatore sulla plasticità sinaptica del cervello e promuove i compiti cognitivi, in particolare la memoria di lavoro[17,18].

Inoltre, lo yoga aumenta la coerenza e la simmetria interemisferica e migliora le funzioni neurocognitive[19]. Lo yoga può anche esercitare pronunciati cambiamenti anatomici in diverse regioni del cervello, specialmente nel sistema limbico[20].

Effetto dello yoga sui neurotrasmettitori cerebrali

L’acido γ-aminobutirrico (GABA) è considerato il principale neurotrasmettitore inibitorio responsabile della regolazione dell’eccitabilità corticale e della plasticità neurale[21,22]. Molteplici linee di evidenza suggeriscono che lo yoga promuove il tono inibitorio GABAergico corticale e modula le regioni cerebrali a valle[14,23]. Una pratica yoga di 12 settimane ha notevolmente migliorato i valori del GABA talamico, accompagnato da un miglioramento dell’umore e da una riduzione dell’ansia[24].

Livelli più elevati di GABA talamico potrebbero essere il risultato di un aumento del flusso sanguigno cerebrale (regionale) nella corteccia prefrontale dei praticanti di yoga[25], che può portare all’attivazione del nucleo reticolare del talamo e a una maggiore produzione di GABA[26,27].

Uno studio di spettroscopia di risonanza magnetica ha dimostrato che i praticanti di yoga hanno mostrato valori GABA cerebrali maggiori dopo una sessione di 60 minuti di allenamento yoga rispetto ai controlli[28]. Oltre al GABA, è stato osservato un potenziamento della dopamina nello striato ventrale di soggetti che praticano yoga[25,29,30].

È stato suggerito che lo yoga potrebbe causare un aumento della serotonina. Diverse indagini eseguite sui partecipanti dopo le sessioni di meditazione hanno mostrato un aumento dei livelli del metabolita della serotonina nelle urine[25,31]. Inoltre, una pratica yoga regolare può causare una riduzione dei valori di noradrenalina. I pazienti con insufficienza cardiaca che praticavano yoga settimanalmente mostravano livelli più bassi di noradrenalina nei campioni di sangue[30,32] (Figura 1).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è WJP-11-754-g001.jpg
Figura 1
L’effetto dell’intervento yoga su vari neurotrasmettitori in diverse regioni del cervello. GABA: acido γ-amminobutirrico.

Effetto dello yoga sulle attività bioelettriche del cervello

Le pratiche yoga regolano i segnali dell’elettroencefalogramma (EEG) spegnendo circuiti neurali non rilevanti per preservare l’attenzione focalizzata e bloccare i segnali inappropriati[33]. Gli studi sugli effetti dello yoga sulle onde cerebrali hanno rivelato che la respirazione, la meditazione e la pratica dello yoga basata sulla postura aumentano l’attività cerebrale complessiva[19], in particolare nell’amigdala e nella corteccia frontale.

Le onde cerebrali alfa predominano durante l’attenzione e il pensiero attivi, nonché in alcune condizioni meditative e sono correlate con i processi cognitivi di base[34]. Le onde alfa potrebbero riflettere i cambiamenti fisiologici e patologici dell’attività della rete neurale rilevante durante la percezione cosciente e la memoria di lavoro[35].

Le indagini sulle onde cerebrali nei meditatori hanno concluso che la meditazione porta ad alterazioni della corteccia cingolata anteriore e prefrontale dorsolaterale e al potenziamento dell’attività delle onde alfa[36]. Le onde cerebrali beta sono dominanti durante la veglia con gli occhi aperti, che potrebbero essere influenzate da condizioni di stress[37,38].

Un miglioramento dell’attività delle onde beta dell’EEG è stato osservato anche dopo le pratiche di meditazione yoga[39]. L’attività delle onde beta è presente in tutta la corteccia motoria durante le contrazioni isotoniche e i movimenti lenti ed è correlata ai guadagni nelle prestazioni accademiche e all’elevata capacità di calcolo aritmetico[19,40].

Le onde theta aiutano con la vigilanza e la capacità di elaborare rapidamente le informazioni[36]. Il verificarsi delle attività delle onde theta più elevate è associato a livelli più bassi di ansia[36,41]. Durante la meditazione è stato riportato un aumento dell’attività delle onde theta[30,36]. La maggiore durata della meditazione è associata ad attività delle onde theta e alfa superiori[30,33,36].

Effetto dello yoga sulla struttura del cervello e sulla connettività neurale

L’intervento yoga sembra essere associato ad alterazioni strutturali del cervello, in particolare nella corteccia frontale, nell’amigdala, nell’ippocampo, nell’insula e nella corteccia cingolata anteriore[42]. Un’indagine sulle differenze regionali nel volume della materia grigia associata alla pratica dello yoga ha mostrato un maggiore volume della materia grigia in diverse aree dell’emisfero dominante, tra cui la corteccia orbitofrontale ventromediale, prefrontale ventrolaterale e temporale e parietale inferiore, nonché l’insula sinistra in abili praticanti di yoga[43].

Inoltre, i praticanti di yoga anziani con diversi anni di esperienza nello yoga hanno mostrato un maggiore spessore neocorticale nel gruppo complesso prefrontale sinistro, che include parte del giro frontale medio laterale, giro frontale superiore dorsale e giro frontale superiore anteriore rispetto ai non praticanti sani [ 44].

Uno studio di risonanza magnetica ha rivelato il maggior volume di materia grigia nell’ippocampo sinistro in praticanti di yoga esperti con almeno 3 anni di esperienza rispetto ai soggetti di controllo di pari sesso ed età[18]. Uno studio di popolazione su 3742 soggetti ha rivelato un volume dell’amigdala inferiore destro e un volume dell’ippocampo inferiore sinistro in coloro che partecipano a pratiche di meditazione e yoga[45] (Figura (Figura 22).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è WJP-11-754-g002.jpg
Figura 2
L’effetto della pratica yoga sulle attività funzionali di varie regioni del cervello.

L’EFFETTO CLINICO DELLO YOGA

Il ruolo clinico dello yoga sui disturbi neurologici

Yoga e mal di testa:  diversi studi hanno suggerito gli effetti benefici dello yoga nel ridurre la frequenza e l’intensità di varie forme di mal di testa, in particolare l’emicrania e la cefalea tensiva[46]. Lo yoga è stato suggerito come un potenziale intervento terapeutico complementare per il mal di testa[47]. Una meta-analisi sullo yoga per il mal di testa di tipo tensivo e l’emicrania ha mostrato prove preliminari di un effetto benefico a breve termine dello yoga sul mal di testa di tipo tensivo.

Questo studio ha rivelato un miglioramento significativo della frequenza, della durata e dell’intensità del dolore nei pazienti con cefalea di tipo tensivo[48]. Uno studio controllato randomizzato che valuta gli effetti benefici dello yoga su 114 pazienti con emicrania ha mostrato un miglioramento significativamente maggiore in varie misure di emicrania, tra cui frequenza, intensità e uso di farmaci di salvataggio del mal di testa[49].

Un altro studio controllato randomizzato con 19 soggetti affetti da emicrania episodica ha mostrato una riduzione dell’intensità, della durata, della depressione e dell’ansia della cefalea, nonché un miglioramento dell’autoefficacia, della disabilità correlata all’emicrania e della qualità della vita dal basale al follow-up iniziale. su[50]. In 31 pazienti con emicrania cronica è stato osservato un miglioramento significativo della frequenza del dolore percepito, dell’intensità e della durata del dolore e dello stato psicologico, nonché una riduzione del consumo di farmaci[51].

Inoltre, in 20 pazienti con emicrania o cefalea tensiva è stata riportata una diminuzione significativa della frequenza della cefalea, dell’assunzione di farmaci e della percezione dello stress[52]. Lo yoga è stato suggerito come un approccio potenzialmente efficace per ridurre il mal di testa associato alla menopausa[53].

Molteplici indagini hanno esplorato i meccanismi d’azione dello yoga sul mal di testa. L’emicrania è una malattia neurovascolare con significativa sovraregolazione delle molecole di adesione endoteliale[2,54]. È stato suggerito che l’intervento yoga allevia il dolore principalmente  attraverso la  modulazione del sistema di percezione del dolore, compresa la corteccia cingolata anteriore, l’insula, la corteccia sensoriale e il talamo[55].

Uno studio su 42 donne con emicrania ha valutato l’effetto dello yoga sulla disfunzione endoteliale nei pazienti con emicrania. Un programma di allenamento yoga di 12 settimane ha aumentato l’erogazione di O 2  al corpo e ridotto la resistenza vascolare periferica con una significativa riduzione dei valori plasmatici della molecola di adesione delle cellule vascolari, il che suggerisce un miglioramento della funzione vascolare nei pazienti con emicrania[8,51,56,57 ]. L’ampiezza della variazione negativa contingente, un potenziale ultra-lento correlato all’evento neocorticale, è significativamente maggiore nei pazienti con emicrania rispetto ai controlli sani, il che indica una maggiore eccitabilità corticale[58]. I soggetti con emicrania, che praticano la meditazione, compreso lo yoga, hanno mostrato un’ampiezza significativamente inferiore di variazione negativa contingente[59].

Yoga e malattia di Alzheimer: la  malattia di Alzheimer (AD) è caratterizzata da perdita neuronale, principalmente nella neocorteccia e nell’ippocampo[2,60], ed è associata a disturbi della memoria e cognitivi e disfunzioni neuropsichiatriche[2,60]. È stato suggerito che lo yoga eserciti un impatto benefico sulla salute generale del cervello in soggetti anziani sani, anziani con lieve disfunzione cognitiva e soggetti con demenza[61].

La pratica dello yoga promuove la funzione cognitiva, l’interazione affettiva e le capacità fisiche della popolazione anziana sana[62] ed esercita un impatto positivo sul volume totale del cervello, sullo spessore della materia grigia neocorticale e sulla connettività funzionale tra le diverse regioni del cervello in soggetti con lieve disfunzione cognitiva[63 ].

Utilizzando l’analisi volumetrica della risonanza magnetica, è stata osservata una tendenza verso una diminuzione dell’atrofia del volume dell’ippocampo dopo 8 settimane di pratica yoga in pazienti con lieve disfunzione cognitiva[64]. Uno studio di neuroimaging randomizzato con 14 soggetti ha dimostrato che lo yoga e la meditazione consapevole possono ridurre l’atrofia dell’ippocampo e promuovere la connettività funzionale tra diverse regioni del cervello, tra cui la corteccia cingolata posteriore, la corteccia prefrontale mediale e l’ippocampo negli adulti suscettibili di demenza[64].

Inoltre, è stato dimostrato che gli interventi mente-corpo, come lo yoga, possono ripristinare la cognizione nelle persone con decadimento cognitivo lieve e ritardare l’insorgenza dell’AD[65,66]. I soggetti anziani affetti da demenza da lieve a moderata hanno mostrato un miglioramento dei disturbi comportamentali dopo un programma di allenamento yoga di 12 settimane[67]. Il potenziamento metabolico per la neurodegenerazione, un nuovo approccio terapeutico per l’AD, ha unito lo yoga e la meditazione in altri trattamenti della patologia precoce dell’AD e ha ottenuto un miglioramento cognitivo sostenuto nel 90% dei pazienti[68]. Lo yoga può aumentare il flusso sanguigno alle aree del cervello che modulano le funzioni della memoria, ridurre il danno neuronale, promuovere i sintomi della demenza precoce e ritardare l’insorgenza dell’AD[69]. Lo yoga può anche migliorare la disabilità fisica dei pazienti con AD, come la deambulazione, la velocità dell’andatura e l’equilibrio[70].

Sebbene il meccanismo dell’azione dello yoga sull’AD debba essere chiarito, sono stati suggeriti alcuni possibili meccanismi. I valori sierici di diversi fattori neurotrofici, come il fattore neurotrofico derivato dal cervello, aumentano dopo la pratica dello yoga in individui sani[71]. Ciò può verificarsi anche in pazienti con AD da lieve a moderato ed esercita un effetto neuroprotettivo sul processo neurodegenerativo dell’AD[61]. La pratica a lungo termine dello yoga aumenta anche il valore sierico della serotonina[72].

Gli effetti neuroprotettivi dello yoga possono essere dovuti all’aumento della serotonina. La serotonina destabilizza in modo significativo le fibrille Aβ e protegge il danno cellulare e la morte indotti dall’A del neurone[73]. I livelli sierici di melatonina sono aumentati significativamente dopo un periodo di 3 mesi di pratiche yogiche[74]. La melatonina riduce il livello di Aβ[75] e promuove anomalie dei microvasi nella neocorteccia e nell’ippocampo[76] nei modelli sperimentali di AD.

Yoga ed epilessia:  l’obiettivo degli approcci terapeutici per l’epilessia, un disturbo neurologico comune caratterizzato da un’attività elettrica cerebrale anormale[77], è eliminare o ridurre il numero e la durata delle crisi epilettiche e migliorare la qualità della vita[2,78]. Diversi studi suggeriscono che le pratiche yogiche possono migliorare le convulsioni in pazienti con diversi tipi di epilessia.

Un’indagine sugli effetti dell’intervento yoga sulle convulsioni e sull’EEG di 32 pazienti affetti da epilessia idiopatica ha rivelato una riduzione del 62% e dell’83% della frequenza delle crisi rispettivamente 3 e 6 mesi dopo l’intervento. Inoltre, questo studio ha mostrato uno spostamento significativo della frequenza EEG da 0-8 Hz a 8-20 Hz[79].

Un altro studio randomizzato controllato condotto su 20 bambini di età compresa tra 8 e 12 anni con epilessia ha suggerito che un intervento di yoga di 6 mesi come terapia aggiuntiva nei bambini con epilessia può portare alla libertà dalle crisi e a un miglioramento significativo dei segnali EEG epilettiformi[80]. La valutazione dell’effetto dello yoga sugli esiti clinici di 300 pazienti con epilessia ha suggerito che lo yoga è un approccio utile per i pazienti per gestire la loro malattia[71].

Contrariamente a questi rapporti, uno studio clinico non ha riportato differenze significative tra la frequenza delle convulsioni tra i gruppi yoga e quelli di controllo. Tuttavia, il gruppo yoga ha mostrato miglioramenti significativi nella qualità della vita[81]. L’analisi dei dati di due studi clinici che hanno valutato l’effetto dello yoga su 50 pazienti epilettici suggerisce un possibile effetto benefico dello yoga nel controllo delle convulsioni[82].

Yoga e sclerosi multipla:  diversi studi clinici hanno studiato i potenziali effetti benefici della terapia yoga in pazienti con sclerosi multipla (SM), una malattia demielinizzante neuroinfiammatoria autoimmune del sistema nervoso centrale[83]. Uno studio ha testato gli effetti di un intervento di yoga di 6 mesi sul miglioramento di diversi aspetti delle condizioni fisiche e psicosociali in 44 pazienti con SM e 17 parenti sani.

Questa indagine ha mostrato miglioramenti significativi nella qualità della vita, velocità di camminata, affaticamento e valori di depressione. Tuttavia, lo yoga non ha promosso il dolore, l’equilibrio e lo stato fisico di questi pazienti[84]. Uno studio pilota su 12 pazienti affetti da SM ha suggerito che vari allenamenti di yoga per 6 mesi possono portare a un miglioramento significativo dell’equilibrio posturale e delle attività fisiche quotidiane[85].

Un altro studio clinico su 24 partecipanti con diagnosi di SM da lieve a moderata, che sono stati sottoposti a una pratica yoga intensiva per più di 4 mesi, ha mostrato notevoli miglioramenti nella portata espiratoria di picco, nelle condizioni fisiche, nella salute mentale e nella qualità della vita dei pazienti con SM [86]. Uno studio condotto su 60 pazienti di sesso femminile con SM ha rivelato che l’allenamento yoga ha migliorato significativamente le capacità fisiche e la soddisfazione sessuale[87]. L’allenamento e il rilassamento yogici sono stati suggeriti anche per il miglioramento della disfunzione vescicale neurogena nei pazienti con SM[88].

Un’indagine qualitativa su un caso su una donna con SM ha suggerito che un intervento yoga individualizzato per 6 mesi potrebbe essere utile per il miglioramento del tono e della forza muscolare, nonché della fiducia in se stessi e della resistenza[89]. Un miglioramento significativo dell’equilibrio, dell’andatura, dell’affaticamento, della velocità del cammino e della lunghezza del passo è stato riportato in 18 pazienti con SM recidivante-remittente dopo un allenamento yoga di 12 settimane[90]. L’intervento di yoga ha anche esercitato un ruolo benefico sui miglioramenti dell’equilibrio posturale e sulla riduzione dell’influenza della compromissione dell’equilibrio posturale durante le attività quotidiane in pazienti con diagnosi di SM dopo la pratica dello yoga per 6 mesi[85]. Una meta-analisi di 10 studi randomizzati controllati con un totale di 693 pazienti con SM che si sono allenati con diverse forme di yoga ha rivelato un significativo miglioramento della fatica ma nessun effetto sulla qualità complessiva della vita,

Yoga e malattia di Parkinson:  sono stati studiati i potenziali effetti terapeutici benefici di un intervento yoga per la malattia di Parkinson (PD), una malattia neurodegenerativa cronica e debilitante. Lo yoga esercita una serie di effetti benefici sui diversi sintomi del morbo di Parkinson[92]. Un sondaggio basato su domande su 272 pazienti con PD ha dimostrato che la maggior parte dei pazienti ha trovato lo yoga e la meditazione utili per alleviare i sintomi motori e non motori (affaticamento, difficoltà del sonno, dolore)[93].

Uno studio clinico randomizzato su 126 pazienti con malattia di Parkinson da lieve a moderata che hanno seguito un allenamento settimanale di yoga per 8 settimane consecutive ha mostrato un significativo alleviamento dei sintomi psicologici, un miglioramento della qualità della vita e una riduzione dei sintomi motori[94]. Gli esercizi di yoga possono migliorare la flessibilità e l’equilibrio, diminuire la rigidità muscolare, aumentare la gamma di movimento e promuovere la forza muscolare nei pazienti con MP[95]. L’intervento yoga migliora efficacemente l’equilibrio e l’acuità propriocettiva in 33 pazienti con PD da lieve a moderato[96]. È stato suggerito che l’integrazione di yoga e terapia occupazionale possa promuovere l’equilibrio e ridurre le cadute nei pazienti con PD[97]. L’allenamento yoga riduce il dolore alla schiena associato a una minore instabilità posturale, che può ridurre le cadute nei pazienti con MP[98]. Per di più,

Yoga e neuropatia: la neuropatia  periferica è una condizione neurologica comune dovuta a lesioni nervose fisiche, diabete mellito, disturbi autoimmuni, tumori maligni, insufficienza renale, carenze nutrizionali, disturbi sistemici e neuropatie idiopatiche, che possono coinvolgere il sistema motorio, sensoriale e/o autonomo nervi periferici[102,103]. Diverse linee di prova suggeriscono che lo yoga può alleviare i sintomi di varie neuropatie[104,105].

Diversi rapporti suggeriscono gli effetti benefici delle pratiche yoga nei pazienti con neuropatia. È stato dimostrato che le pratiche yoga migliorano l’intorpidimento e la debolezza degli arti inferiori dopo una lesione da stiramento o compressione dei nervi glutei[106], alleviano il dolore cronico dovuto alla neuropatia diabetica[107] e promuovono le funzioni sensoriali e il movimento muscolare in soggetti con neuropatia periferica diabetica [108].

Tuttavia, va notato che alcuni rapporti indicano lesioni nervose e neuropatie indotte dallo yoga[109-111], in particolare nei pazienti che assumono farmaci sedativi, nelle persone con ipermobilità benigna del tessuto connettivo e negli anziani[110,112,113]. Inoltre, lo yoga può alleviare la compressione e diminuire la compressione nervosa nella sindrome del tunnel carpale, il che potrebbe portare al miglioramento dell’intorpidimento dopo poche settimane di pratica[114,115]. La terapia di mediazione dello yoga ha migliorato la velocità di conduzione nervosa, che era associata al controllo glicemico, nei pazienti con neuropatia diabetica[116,117]. È stata segnalata una riduzione dell’impatto dei sintomi della neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia sulla vita dei pazienti con cancro al seno e sull’intensità del dolore dopo l’intervento yoga[118,119].

Il ruolo clinico dello yoga nei disturbi psicologici

Yoga, stress e ansia: lo  stress e l’ansia stanno aumentando di incidenza in tutto il mondo. Circa il 34% della popolazione generale è affetto da un disturbo d’ansia nel corso della propria vita[120]. Sono state condotte diverse indagini sulla fattibilità e sulla potenziale efficacia di diverse forme di yoga sui sintomi indotti dall’ansia e dallo stress sia nei bambini che negli adulti. È stato suggerito che lo yoga possa promuovere la forza mentale e fisica, aumentare la resistenza allo stress e ridurre l’ansia[121].

Sebbene alcuni studi non mostrino alcun effetto[122,123], la maggior parte delle indagini indica che lo yoga può essere efficace nell’alleviare l’ansia sotto forma di monoterapia o terapia aggiuntiva[124-127]. La valutazione della risonanza magnetica funzionale ha rivelato che gli interventi yoga modulano l’attività di varie aree del cervello che sono cruciali per la regolazione delle emozioni, come il lobulo parietale superiore e il giro sopramarginale, e portano a una diminuita risposta simpatica a stimolazioni emotive stressanti[128].

L’allenamento di programmi basati sulla consapevolezza e sullo yoga ha mostrato una significativa riduzione dei sintomi di ansia, che era associata a una marcata diminuzione della connettività strutturale dell’amigdala destra[129]. Inoltre, è stato suggerito che l’intervento dello yoga modula il riflesso regolatorio autonomo indotto dallo stress e inibisce la produzione di ormone adrenocorticotropo dalla ghiandola pituitaria anteriore[130], con conseguente diminuzione della produzione di cortisolo dalla ghiandola surrenale[131].

Una meta-analisi ha rivelato che più esercizi di yoga erano accompagnati da maggiori benefici, in particolare quando i soggetti soffrivano di valori più elevati di ansia nelle fasi iniziali[132]. Un’altra meta-analisi di otto studi con 319 adulti con diagnosi di disturbi d’ansia che si sono sottoposti a formazione yoga indica che lo yoga potrebbe essere un intervento sicuro ed efficace per ridurre l’intensità dell’ansia[133]. Gli interventi meditativi di yoga ritmico hanno portato a una riduzione dello stress associato a un livello di dopamina plasmatica più elevato insieme in 67 soggetti sani che si impegnavano regolarmente nell’allenamento mente-corpo[134]. L’aumento dei valori della dopamina a seguito della pratica yoga porta alla soppressione della trasmissione glutamatergica corticostriatale e alla regolazione degli stati coscienti[29]. Sono stati suggeriti interventi di yoga per aumentare la vigilanza, migliorare il sonno,

È stato suggerito che gli esercizi basati sullo yoga nelle scuole riducono lo stress e stimolano le risposte comportamentali e cognitive allo stress, promuovono le capacità fisiche e rafforzano le prestazioni cognitive tra gli studenti[136,137]. Gli interventi di yoga per un periodo di 8 settimane hanno mostrato un impatto significativo sulla riduzione dell’ansia nei bambini in età scolare[138]. L’uso di un metodo di rilassamento basato sullo yoga (tecnica di risonanza del suono della mente) ha alleviato l’ansia di stato e il vagabondaggio mentale e ha promosso la consapevolezza dello stato e le prestazioni nei bambini in età scolare[139].

L’allenamento di respirazione yoga ad alta frequenza promuove l’attenzione e riduce l’ansia negli studenti di età compresa tra 11 e 12 anni[140]. Inoltre, la valutazione dell’effetto dell’intervento yoga sulla percezione dello stress e sui livelli di ansia negli studenti universitari ha mostrato una significativa riduzione dei punteggi di ansia e stress associati a un marcato miglioramento della consapevolezza totale[141]. Lo yoga può anche aiutare gli adolescenti ricoverati in un reparto psichiatrico per acuti a ridurre il loro disagio emotivo[142]. Lo yoga esercita un effetto bifacciale sulla riduzione dell’ansia e sul miglioramento dell’autostima nei residenti dell’orfanotrofio[143].

La pratica dello yoga in pazienti affetti da disturbo da stress post-traumatico per almeno 4 settimane ha comportato una significativa riduzione dei valori di cortisolo[144]. Le pratiche yoga riducono significativamente lo stress e l’ansia nei soggetti che convivono con il virus dell’immunodeficienza umana[145], le persone con il cancro[146], come i sopravvissuti al cancro del polmone[147] e i pazienti con cancro al seno[148], i pazienti con malattie sistemiche, come i reumatoidi artrite[149,150] e pazienti con disturbi neurologici, come il morbo di Parkinson[100]. Gli esercizi di yoga sono stati suggeriti anche come un approccio promettente per alleviare lo stress nelle donne in gravidanza[151,152], nelle donne che ricevono un trattamento per l’infertilità[153] e nelle donne che stanno cercando di smettere di fumare[154,155].

Yoga e depressione: la  depressione è il disturbo psichiatrico più comune che colpisce il 25% delle donne e il 12% degli uomini durante la loro vita[156-159]. Questo disturbo è comunemente trattato con antidepressivi e psicoterapia[156,160]. Gli interventi di yoga sono stati suggeriti come terapia adiuvante efficace[161,162] e come monoterapia[163] per la depressione.

Una revisione narrativa sull’efficacia dello yoga e della consapevolezza come trattamento adiuvante nelle malattie mentali gravi, incluso il disturbo depressivo maggiore (MDD) ha indicato che sia lo yoga che la consapevolezza hanno effetti significativi e benefici sulla riduzione della gravità dei sintomi depressivi[164].

Le pratiche yoga in combinazione con l’applicazione di antidepressivi convenzionali hanno migliorato significativamente i sintomi della depressione e ridotto il tasso di remissione nei pazienti con MDD rispetto ai pazienti di controllo[165]. Una significativa diminuzione dei sintomi di depressione auto-riferiti dopo la pratica dello yoga è stata osservata in individui di età compresa tra 18 e 29 anni con lievi livelli di depressione[166]. Una meta-analisi ha mostrato una riduzione più significativa della depressione rispetto alla psicoeducazione[167].

Oltre al miglioramento della depressione, gli interventi yoga promuovono la salute mentale e la qualità della vita e interrompono il pensiero negativo nei pazienti con depressione[168,169]. Una meta-analisi di 10 studi ha dimostrato che le pratiche yoga hanno un effetto statisticamente significativo come trattamento aggiuntivo nei pazienti con MDD[162].

In un’indagine su pazienti ospedalizzati con grave MDD, l’effetto dell’intervento yoga è stato equivalente al trattamento con un antidepressivo triciclico[170]. È stato suggerito che lo yoga modula l’inibizione corticale  attraverso  la regolazione del sistema GABAergico ed esercita effetti benefici nella MDD[171].

Inoltre, l’aumento dell’attività del neurotrasmettitore GABA-mediata indotta dalla stimolazione magnetica transcranica e le sessioni di terapia yoga multiple sono state associate a un significativo miglioramento dei sintomi della depressione nei pazienti con MDD[172]. L’aumento dei valori di GABA talamico è stato anche suggerito come un potenziale meccanismo per il miglioramento dell’umore nei pazienti con MDD[173].

Il potenziamento dei fattori neurotrofici sierici, come il fattore neurotrofico derivato dal cervello, nei pazienti con disturbo depressivo maggiore che praticavano yoga, ha indicato il possibile ruolo dell’aumento della neuroplasticità nel miglioramento dei sintomi della depressione[174]. Le pratiche yoga nelle donne in post-menopausa hanno portato a una riduzione dei valori dell’ormone follicolo-stimolante e dell’ormone luteinizzante, che è stato associato a livelli di stress e sintomi di depressione ridotti, nonché a una migliore qualità della vita[175]. È stato dimostrato che le pratiche yoga in associazione con un intervento respiratorio coerente risolvono l’ideazione suicidaria nei pazienti con MDD[9,176].

Yoga e disturbo affettivo bipolare: il  disturbo affettivo bipolare (BD) è una malattia cronica con episodi ricorrenti di sintomi maniacali o depressivi[177,178]. Sebbene la maggior parte dei pazienti con BD sia priva di sintomi durante la remissione, molti di loro continuano a manifestare sintomi lievi e soffrono di disturbi del comportamento funzionale[177,179]. Gli studi sul ruolo dello yoga nel trattamento della BD sono scarsi. Tuttavia, alcuni studi hanno raccomandato lo yoga come strategia di autogestione specifica per la BD[5,180].

I pazienti con BD hanno mostrato un significativo alleviamento dei sintomi di depressione e ansia, riduzione delle difficoltà con la regolazione delle emozioni e miglioramento delle capacità di consapevolezza durante la fase di remissione dopo diverse settimane di pratiche yoga[181]. È stato suggerito che gli interventi di yoga riducano le emozioni negative nei pazienti con BD[182]. Lo yoga è stato anche suggerito come terapia adiuvante che migliora i sintomi di depressione residua[183] ​​così come la gravità dei sintomi maniacali[184] dei pazienti con BD. Un ampio studio multicentrico, randomizzato e controllato su 160 adulti con BD ha dimostrato che la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza, comprese le pratiche yoga, migliora la gravità dei sintomi maniacali e dell’ansia, promuove la salute mentale e il funzionamento generale e riduce i tassi di ricaduta[185].

Yoga e schizofrenia: la  schizofrenia (SZ) è un grave disturbo mentale, che spesso si manifesta con sintomi positivi, comprese esperienze allucinatorie e convinzioni deliranti e sintomi negativi, come mancanza di motivazione e contatti sociali, nonché l’assenza di linguaggio spontaneo e affettività appiattimento[186-188]. Un numero crescente di prove suggerisce che l’allenamento yoga come terapia aggiuntiva potrebbe migliorare sia i sintomi negativi che positivi e promuovere le funzioni cognitive e il riconoscimento emotivo di SZ[189-194].

L’analisi degli effetti dell’intervento yoga sull’umore di 113 pazienti con psicosi ha rivelato miglioramenti significativi in ​​termini di ansia da tensione, depressione, rabbia, affaticamento e confusione[195]. Un altro studio su 66 pazienti stabilizzati con antipsicotici con SZ ha rivelato un miglioramento significativo dei sintomi positivi e negativi, del funzionamento socio-professionale e delle prestazioni dopo l’allenamento yoga[190].

Una meta-analisi di 13 indagini con 1159 pazienti ha rivelato l’importanza della frequenza degli interventi di yoga con un miglioramento dei sintomi positivi, nonché la durata di ogni sessione con l’attenuazione dei sintomi negativi nei pazienti con SZ[196]. Le pratiche yoga nei pazienti con SZ che stavano assumendo farmaci antipsicotici ed erano in condizioni stabili hanno ridotto significativamente i sintomi parkinsoniani indotti dai farmaci e hanno migliorato le funzioni esecutive e i sintomi negativi[192]. L’intervento di yoga a lungo termine nei pazienti con SZ ha portato a un maggiore funzionamento sociale e lavorativo e ha promosso la qualità della vita[197].

L’allenamento yoga nei pazienti con SZ ha portato a un miglioramento dei sintomi negativi e positivi associati a una riduzione delle convinzioni paranoiche e alla promozione della qualità della vita[198]. Lo yoga come trattamento aggiuntivo ha mostrato un miglioramento maggiore dei sintomi negativi di SZ rispetto alla terapia dell’esercizio fisico[197]. Inoltre, la terapia yoga ha portato a una significativa riduzione dei punteggi del carico e a un miglioramento della qualità della vita tra i pazienti con psicosi[199]. L’intervento yoga nei pazienti con SZ ha migliorato significativamente la disfunzione cognitiva, presumibilmente attraverso la correzione della disfunzione autonomica[200,201].

È stato suggerito che lo yoga possa migliorare i sintomi SZ rafforzando la rete sinaptica delle aree prefrontali laterali e mediali e aumentando il circuito dei neuroni specchio premotorio e parietale[202]. I valori di ossitocina sono aumentati significativamente dopo la pratica dello yoga[203]; un effetto che è stato suggerito per svolgere un ruolo potenziale nel miglioramento della cognizione sociale dopo l’intervento yoga in pazienti con SZ[204]. La pratica dello yoga nei pazienti con SZ è stata anche associata a una significativa diminuzione dei livelli di cortisolo nel sangue, suggerendo un effetto benefico dello yoga nella riduzione dello stress sociofisico dei pazienti[204].

Yoga e altri disturbi psicologici:  diversi altri studi indicano i potenziali effetti benefici delle pratiche yoga su altri disturbi e sindromi psicologici, come il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), il burnout, i disturbi somatoformi e l’ipocondria[205]. Il trattamento del DOC con lo yoga insieme agli interventi farmacologici ha migliorato i pensieri ossessivi e il comportamento compulsivo dei pazienti con DOC[206,207].

Inoltre, diversi studi clinici hanno suggerito la promessa dell’intervento yoga come terapia aggiuntiva per i pazienti con disturbo ossessivo compulsivo, che non rispondevano ai trattamenti convenzionali[208,209]. Inoltre, la formazione yoga ha aumentato la soddisfazione generale, migliorato l’esaurimento lavorativo e portato a un maggiore impegno lavorativo ed empatia tra insegnanti[210], infermieri[211], professionisti degli hospice[212] e medici[213,214], che soffrivano di esaurimento lavorativo. Lo yoga può favorire il benessere psicofisico dei soggetti con burnout, in particolare se abbinato ad altre attività, come l’arte e la musicoterapia[215,216].

Inoltre, gli interventi basati sullo yoga sono stati raccomandati come approccio terapeutico efficace nei disturbi somatoformi[217]. Una prova di 6 mesi di pratiche yoga ha portato a un miglioramento significativo dei sintomi somatoformi, come i sintomi gastrointestinali, cardiovascolari e urogenitali, nelle donne con disturbo mestruale[218]. Diversi studi hanno rivelato gli effetti benefici degli interventi yoga sulla salute psicologica della popolazione durante la pandemia globale del coronavirus 2019[219].

collegamento di riferimento: 10.5498/wjp.v11.i10.754

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.