COVID-19 B.1.1.529 La variante Omicron provoca una malattia lieve

0
84

L’OMS o Organizzazione Mondiale della Sanità ha nelle ultime ore classificato la variante B.1.1.529 come Variant of Concern (VOC) e l’ha anche ribattezzata variante Omicron.

JOHANNESBURG: Angelique Coetzee, presidente della South African Medical Association, ha dichiarato: La nuova variante Omicron del coronavirus provoca una malattia lieve, senza sindromi importanti.

“Presenta una malattia lieve con sintomi come dolori muscolari e stanchezza per un giorno o due che non si sentono bene. Finora, abbiamo rilevato che le persone infette non soffrono di perdita del gusto o dell’olfatto. Potrebbero avere una leggera tosse. Non ci sono sintomi evidenti. Dei contagiati alcuni sono attualmente in cura a domicilio”

Il funzionario ha osservato che gli ospedali non sono stati sovraccarichi di pazienti Omicron e che il nuovo ceppo non è stato rilevato nelle persone vaccinate.

Allo stesso tempo, la situazione potrebbe essere diversa per i non vaccinati.

“Lo sapremo solo dopo due settimane. Sì, è trasmissibile, ma per ora, in qualità di medici, non sappiamo perché ci sia così tanto clamore che stiamo ancora esaminando. Lo sapremo solo dopo due o tre settimane perché ci sono alcuni pazienti ricoverati e si tratta di giovani dai 40 anni in su”.

La presidente ha anche criticato la decisione di alcuni paesi di vietare i voli dal Sudafrica come prematura in quanto non ci sono sufficienti informazioni su quanto sia pericoloso.

Il fatto che la variante non sia rilevabile da molte piattaforme PCR esistenti e anche dal test ATK e che molti viaggiatori inizialmente non mostrino sintomi fino a quando la carica virale raggiunge una certa soglia e provoca il collasso dell’intero sistema corporeo, rende estremamente difficile per diagnosi precoce mentre gli infetti sono nelle fasi infettive.

Molti esperti avvertono che a meno che il mondo non imponga congiuntamente una chiusura generale delle frontiere per un periodo di tempo e vieti tutti i voli e anche i viaggi transfrontalieri via terra o via mare, la nuova variante Omicron si diffonderà più velocemente di Delta a livello globale e cambierà l’intero corso della pandemia di COVID-19.

Ad oggi, Stati Uniti, Regno Unito, Stati dell’UE e Svizzera hanno interrotto i viaggi da e per sette nazioni africane e altri paesi tra cui Emirati Arabi Uniti, Israele, Giappone, Kenya e Singapore hanno limitato i viaggi, ma queste misure non saranno sufficienti.

La variante sud è già stata confermata in Malawi, Botswana, Sud Africa, Hong Kong, Israele e Belgio e si ritiene che sia già presente anche in Francia, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito, USA, Singapore, Filippine, Qatar, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Malesia , Myanmar, Nigeria e altri paesi dell’Africa ma sono necessari sequenziamenti genomici dei casi sospetti per verificare la presenza della variante.

È stato riferito che, su consiglio dei funzionari sanitari statunitensi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden limiterà presto i viaggi da Sudafrica, Botswana, Zimbabwe, Namibia, Lesotho, Eswatini, Mozambico e Malawi.

Il Canada sta anche chiudendo i suoi confini ai viaggiatori stranieri che sono stati di recente in Sud Africa, Namibia, Lesotho, Botswana, Eswatini, Zimbabwe e Mozambico. I cittadini stranieri saranno banditi dal Canada se sono stati nelle sette nazioni negli ultimi 14 giorni.

Il gruppo consultivo tecnico dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’evoluzione del virus SARS-CoV-2 (TAG-VE), un gruppo indipendente di esperti, si è riunito venerdì per discutere la variante, secondo una dichiarazione dell’OMS.

Gli esperti hanno raccomandato all’OMS di designare la variante come “preoccupante”, riferendosi al gran numero di mutazioni della variante, alla possibilità di un aumento del rischio di reinfezione e ad altre prove.

Sono in corso vari studi negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Sudafrica e l’OMS aggiornerà gli Stati membri e il pubblico secondo necessità, afferma la dichiarazione dell’OMS.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha invitato i paesi a migliorare i loro sforzi di sorveglianza e sequenziamento per comprendere meglio le varianti del coronavirus.

Joe Phaahla, ministro della Salute del Sudafrica, ha affermato che al momento non è chiaro dove sia emersa per la prima volta la variante: “Inizialmente sembravano focolai a grappolo, ma da ieri è arrivata l’indicazione dai nostri scienziati della Rete di sorveglianza genomica che stavano osservando un nuova variante.”

Inizialmente i funzionari sudafricani hanno affermato che c’era un caso confermato in un viaggiatore dal Sudafrica a Hong Kong. Quindi le autorità sanitarie di Hong Kong venerdì hanno identificato un secondo caso della variante B.1.1.529 tra i viaggiatori di ritorno sullo stesso piano di un hotel designato per la quarantena.

Ieri, il governo belga ha affermato che un individuo arrivato di recente dall’estero e non vaccinato è risultato positivo alla nuova variante, segnando il primo caso in Europa. Inoltre, poche ore prima, Israele ha anche affermato di aver rilevato un caso.

Il dott. Tulio de Oliveira, direttore del Centro sudafricano per la risposta alle epidemie e l’innovazione, ha affermato che la variante ha “molte più mutazioni di quanto ci aspettassimo”, aggiungendo che “si sta diffondendo molto rapidamente e ci aspettiamo di vedere la pressione nel sistema sanitario in nei prossimi giorni e settimane”.

Il dottor Neil Ferguson, direttore del Centro MRC per l’analisi globale delle malattie infettive presso l’Imperial College di Londra, ha affermato che il numero di mutazioni sulla proteina spike era “senza precedenti”.

Il dottor Ferguson ha detto: “Il gene della proteina spike è la proteina che è l’obiettivo della maggior parte dei vaccini. C’è quindi la preoccupazione che questa variante possa avere un potenziale maggiore di sfuggire all’immunità precedente rispetto alle varianti precedenti”.

Nonostante un totale di 59 mutazioni sul genoma della nuova variante con 32 solo sulla proteina spike (si noti che il Delta ha solo 17 mutazioni sulla sua proteina spike), il virus sta ancora dimostrando di essere molto stabile, dissipando e contraddicendo i commenti da certi virologi che se un virus ha troppe mutazioni, sarà instabile e gradualmente si estinguerà.

In genere, i virus, incluso quello che causa il Covid-19, mutano regolarmente e la maggior parte delle nuove mutazioni non ha un impatto significativo sul comportamento del virus e sulla malattia che provoca.

Tuttavia, dai casi clinici finora riscontrati di coloro che sono stati trovati infetti dalla nuova variante di Omicron, ci sono potrebbero essere manifestazioni cliniche insolite che preoccupano i ricercatori non solo in termini di evasività immunitaria e vaccinale.

Il rettore della School of Public Health della Brown University, il dottor Ashish Jha, ha detto ai media che la variante “si stava comportando diversamente”, tuttavia, e “sembra che sia molto più contagiosa anche della variante Delta”.

La dottoressa Sharon Peacock, professore di sanità pubblica e microbiologia all’Università di Cambridge, ha affermato che mentre il numero complessivo di casi di Covid-19 è relativamente basso in Sudafrica, c’è stato un rapido aumento solo negli ultimi sette giorni.

Il dottor Peacock ha affermato che mentre 273 nuove infezioni sono state registrate il 16 novembre, la cifra è salita a oltre 1.200 casi entro il 25 novembre, con oltre l’80% proveniente dalla sola provincia di Gauteng in Sudafrica.

Ha detto: “Il quadro epidemiologico suggerisce che questa variante potrebbe essere più trasmissibile e diverse mutazioni sono coerenti con una maggiore trasmissibilità”.


WHO

Classificazione di Omicron (B.1.1.529): SARS-CoV-2 Variante di preoccupazione

Il Technical Advisory Group on SARS-CoV-2 Virus Evolution (TAG-VE) è un gruppo indipendente di esperti che monitora e valuta periodicamente l’evoluzione di SARS-CoV-2 e valuta se specifiche mutazioni e combinazioni di mutazioni alterano il comportamento del virus. Il TAG-VE è stato convocato il 26 novembre 2021 per valutare la variante SARS-CoV-2: B.1.1.529.

La variante B.1.1.529 è stata segnalata per la prima volta all’OMS dal Sudafrica il 24 novembre 2021. La situazione epidemiologica in Sudafrica è stata caratterizzata da tre picchi distinti nei casi segnalati, l’ultimo dei quali è stato prevalentemente la variante Delta. Nelle ultime settimane, le infezioni sono aumentate vertiginosamente, in coincidenza con il rilevamento della variante B.1.1.529. La prima infezione confermata nota da B.1.1.529 proveniva da un campione raccolto il 9 novembre 2021.

Questa variante ha un gran numero di mutazioni, alcune delle quali preoccupanti. Prove preliminari suggeriscono un aumento del rischio di reinfezione con questa variante, rispetto ad altri COV. Il numero di casi di questa variante sembra essere in aumento in quasi tutte le province del Sudafrica. L’attuale diagnostica PCR SARS-CoV-2 continua a rilevare questa variante. Diversi laboratori hanno indicato che per un test PCR ampiamente utilizzato, uno dei tre geni bersaglio non viene rilevato (chiamato dropout del gene S o fallimento del bersaglio del gene S) e questo test può quindi essere utilizzato come marker per questa variante, in attesa della conferma del sequenziamento. Utilizzando questo approccio, questa variante è stata rilevata a velocità più elevate rispetto ai precedenti picchi di infezione, suggerendo che questa variante potrebbe avere un vantaggio di crescita.

Sono in corso numerosi studi e il TAG-VE continuerà a valutare questa variante. L’OMS comunicherà le nuove scoperte agli Stati membri e al pubblico, se necessario.

Sulla base delle prove presentate indicative di un cambiamento dannoso nell’epidemiologia di COVID-19, il TAG-VE ha consigliato all’OMS che questa variante dovrebbe essere designata come VOC e l’OMS ha designato B.1.1.529 come VOC, chiamato Omicron.

Pertanto, ai paesi viene chiesto di fare quanto segue:

  • migliorare gli sforzi di sorveglianza e sequenziamento per comprendere meglio le varianti di SARS-CoV-2 in circolazione.
  • inviare sequenze complete del genoma e metadati associati a un database pubblicamente disponibile, come GISAID.
  • segnalare i casi/cluster iniziali associati all’infezione da VOC all’OMS attraverso il meccanismo IHR.
  • dove esiste la capacità e in coordinamento con la comunità internazionale, eseguire indagini sul campo e valutazioni di laboratorio per migliorare la comprensione dei potenziali impatti dei COV sull’epidemiologia del COVID-19, la gravità, l’efficacia delle misure sanitarie e sociali, i metodi diagnostici, le risposte immunitarie, gli anticorpi neutralizzazione o altre caratteristiche rilevanti.

Si ricorda alle persone di adottare misure per ridurre il rischio di COVID-19, comprese misure sociali e sanitarie comprovate come indossare maschere ben aderenti, igiene delle mani, distanza fisica, migliorare la ventilazione degli spazi interni, evitare spazi affollati e farsi vaccinare.

Per riferimento, l’  OMS ha  definizioni di lavoro  per SARS-CoV-2 Variant of Interest (VOI) e Variant of Concern (VOC).

A SARS-CoV-2 VOI is a SARS-CoV-2 variant:

  • con cambiamenti genetici previsti o noti per influenzare le caratteristiche del virus come trasmissibilità, gravità della malattia, fuga immunitaria, fuga diagnostica o terapeutica; E
  • che è stato identificato come causa di una significativa trasmissione nella comunità o di più cluster COVID-19, in più paesi con una prevalenza relativa crescente insieme a un numero crescente di casi nel tempo, o altri apparenti impatti epidemiologici che suggeriscono un rischio emergente per la salute pubblica globale. 

Un SARS-CoV-2  VOC  è una variante di SARS-CoV-2 che soddisfa la definizione di VOI (vedi sopra) e, attraverso una valutazione comparativa, è stata dimostrata essere associata a uno o più dei seguenti cambiamenti di grado di importanza globale per la salute pubblica:

  • aumento della trasmissibilità o cambiamento dannoso nell’epidemiologia di COVID-19; O
  • aumento della virulenza o cambiamento nella presentazione clinica della malattia; O
  • diminuzione dell’efficacia della sanità pubblica e delle misure sociali o della diagnostica disponibile, dei vaccini, delle terapie

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.