Vaccino COVID-19 di Pfizer – BNT162b2 può essere fino a 40 volte meno efficace contro la variante Omicron

0
188

Il primo studio sull’efficacia del vaccino COVID-19 di Pfizer (BNT162b2) contro la nuova variante B.1.1.529 o Omicron condotto da un laboratorio dell’Africa Health Research Institute in Sudafrica ha rivelato che la nuova variante può eludere parzialmente la protezione da Pfizer Inc (PFE.N) e il vaccino COVID-19 del partner BioNTech.

Il dottor Alex Sigal, professore presso l’Africa Health Research Institute, ha affermato su Twitter che c’è stato “un calo molto grande” nella neutralizzazione della variante di Omicron rispetto a un precedente ceppo di COVID.

Il laboratorio di ricerca ha testato il sangue di 12 persone che erano state vaccinate con il vaccino Pfizer/BioNTech.

I dettagli dello studio saranno disponibili sul sito del laboratorio nelle prossime 24 ore circa. https://sigallab.net/

Documento preliminare trovato qui. https://www.documentcloud.org/documents/21150195-medrxiv-2021-267417v1-sigal

La versione prestampata del manoscritto sarà su MedRxiv nei prossimi giorni.


L’emergere della variante Omicron (1) di SARS-CoV-2 nel novembre 2021 in Sudafrica ha sollevato preoccupazioni che, sulla base del gran numero di mutazioni nella proteina spike e altrove sul virus (https://covdb.stanford .edu/page/mutation-viewer/#sec_b-1-351), questa variante avrà una notevole fuga dall’immunità indotta dal vaccino.

Inoltre, si prevede che diverse mutazioni nel dominio di legame del recettore e in S2 influiscano sulla trasmissibilità e sull’affinità per ACE-2.

Qui abbiamo studiato se Omicron sfugge alla neutralizzazione dell’anticorpo suscitata dal vaccino mRNA Pfizer BNT162b2 e se il virus richiede ancora il legame al recettore ACE2 per infettare le cellule.

Abbiamo utilizzato un passaggio precoce di virus Omicron vivo isolato e confermato in sequenza isolato in Sud Africa.

Abbiamo utilizzato un clone di una linea cellulare polmonare umana (H1299-ACE2) progettato per esprimere il recettore ACE2 (2) sia per isolare il virus che per testare la neutralizzazione. Abbiamo anche testato la crescita nel genitore H1299 che non sovraesprimono ACE2 e non sono sensibilmente infettabili con SARS-CoV-2 (Fig S1).

Le cellule H1299-ACE2 erano simili a Vero-E6 nella formazione del fuoco dipendente dal titolo, ma erano considerevolmente più sensibili (Fig S2). Abbiamo osservato che Omicron ha infettato le cellule che esprimono ACE2 in modo dipendente dalla concentrazione ma non ha infettato le cellule H1299 parentali, indicando che ACE2 è necessario per l’ingresso di Omicron (Fig. 1A).

Abbiamo quindi testato la capacità del plasma dei partecipanti allo studio vaccinati con BNT162b2 di neutralizzare l’Omicron rispetto al virus ancestrale D614G in un test di neutralizzazione del virus vivo.

Abbiamo testato 14 campioni di plasma da 12 partecipanti (Tabella S1), con 6 che non avevano precedenti di infezione da SARS-CoV-2 né anticorpi nucleocapside rilevabili indicativi di una precedente infezione. Per due di questi partecipanti, abbiamo usato campioni da due punti temporali.

I restanti 6 partecipanti avevano un record di infezione precedente nella prima ondata di infezione da SARS-CoV-2 in Sud Africa, dove l’infezione era con il virus ancestrale D614G (Tabella S1). Il titolo medio geometrico (GMT) FRNT50 (l’inverso della diluizione plasmatica richiesta per la riduzione del 50% del numero di focolai di infezione) era 1321 per D614G.

Questi campioni hanno quindi avuto una neutralizzazione molto forte del virus D614G, coerente con il campionamento subito dopo la vaccinazione. GMT FRNT50 per gli stessi campioni era 32 per Omicron, un calo di 41 volte (Fig 1B).

Tuttavia, la fuga è stata incompleta, con 5 dei partecipanti, tutti precedentemente infetti, che mostravano titoli di neutralizzazione relativamente alti con Omicron.

È stato riportato che la fuga della variante beta da BNT162b2 in un test di neutralizzazione del virus vivo è sostanziale (3) e i nostri dati hanno confermato questi risultati (4), con una riduzione di circa 3 volte di FRNT50.

I risultati che presentiamo qui con Omicron mostrano una fuga molto più ampia. Tuttavia, la fuga era incompleta nei partecipanti con FRNT50 più alto a causa di una precedente infezione.

È probabile che l’infezione precedente, seguita dalla vaccinazione o dal richiamo, aumenti il ​​livello di neutralizzazione e probabilmente conferisca protezione da malattie gravi nell’infezione da Omicron.

Riferimenti

1. Torjesen I. Covid-19: Omicron potrebbe essere più trasmissibile di altre varianti e parzialmente resistente ai vaccini esistenti, temono gli scienziati. BMJ. 2021;375:n2943.

2. Cele S, Gazy I, Jackson L, Hwa SH, Tegally H, Lustig G, Giandhari J, Pillay S, Wilkinson E, Naidoo Y, Karim F, Ganga Y, Khan K, Bernstein M, Balazs AB, Gosnell BI, Hanekom W, Moosa MS, Network for Genomic Surveillance in South A, Team CK, Lessells RJ, de Oliveira T, Sigal A. Fuga di SARS-CoV-2 501Y.V2 dalla neutralizzazione mediante plasma convalescente. Natura. 2021;593(7857):142-6.

3. Liu Y, Liu J, Xia H, Zhang X, Fontes-Garfias CR, Swanson KA, Cai H, Sarkar R, Chen W, Cutler M. Attività neutralizzante del siero indotto da BNT162b2. New England Journal of Medicine. 2021;384(15):1466-8.

4. Cele S, Karim F, Lustig G, James SE, Hermanus T, Wilkinson E, Snyman J, Bernstein M, Khan K, Hwa SH, Tegally H, Tilles SW, Giandhari J, Mthabela N, Mazibuko M, Ganga Y, Gosnell BI, Karim SA, Hanekom W, Van Voorhis WC, Ndung’u T, Team CK, Lessells RJ, Moore PL, Moosa M-YS, de Oliveira T, Sigal A. Divergenza delle varianti delta e beta e SARS-CoV- 2 si è evoluto nell’infezione prolungata in fenotipi sierologici distinti. medRxiv. 2021:2021.09.14.21263564.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.