Covid-19: la quarta dose israeliana rivela risultati non impressionanti e solleva interrogativi sui programmi della quarta dose

0
149

I primi risultati dello studio preliminare sulla ricerca sull’efficacia delle quarte dosi di vaccino COVID-19 in corso presso l’ospedale Sheba in Israele guidato dal professor Gili Regev, direttore dell’Unità di prevenzione delle infezioni a Sheba, hanno indicato risultati non impressionanti.

Nonostante un aumento di anticorpi solo circa 5 volte dopo la quarta dose, i risultati non sono stati così impressionanti come dopo la terza dose di richiamo e inoltre si è già iniziato a osservare la diminuzione del titolo anticorpale.

La professoressa Regev ha anche commentato pubblicamente ai media israeliani che non raccomanda di iniziare una quarta dose per l’intera popolazione. https://www.ynet.co.il/health/article/skio11rf2k

Il professor Regev ha detto ai media israeliani mercoledì: “Vediamo un certo aumento degli anticorpi, ma l’aumento non è molto impressionante. Poco dopo la  quarta dose , si ritorna allo stesso livello di anticorpi di poco dopo la terza.

….

PROF. GILI REGEV: “SAPPIAMO CHE DOPO UNA SETTIMANA C’È UN CERTO AUMENTO E IL PICCO DELL’AUMENTO SI AVRÀ SOLO DOPO UNA SETTIMANA, IN OGNI CASO TRA LE DUE E LE QUATTRO SETTIMANE. STAREI ATTENTO A DIRE CHE SONO DELUSO, MA SPERAVAMO IN UN AUMENTO COME DOPO IL BOOSTER”

…..
  
Ha anche avvertito: “Abbiamo bisogno di maggiori informazioni prima di dare una raccomandazione del genere per la somministrazione di quarte dosi alla popolazione generale”. 
 
Dopo aver esaminato i risultati dello studio, ha detto ai media: “Ma non sono davvero sicura che debbano essere dati a tutti ora”.

Lanciato il 27 dicembre, lo studio Sheba ha somministrato una quarta dose del vaccino Pfizer (PFE.N) e BioNTech (22UAy.DE) a 150 personale medico il cui livello di anticorpi era notevolmente diminuito da quando avevano ricevuto la terza dose – circa quattro a cinque mesi prima.

Un gruppo separato riceverà il vaccino di Moderna per la quarta dose questa settimana, ha detto Sheba.

Gli effetti collaterali lievi che alcuni partecipanti hanno finora riportato non differivano da quelli riportati dopo una terza dose. Includono dolore, febbre e mal di testa, ha detto l’ospedale.

Da quando la variante Omicron fortemente mutata è stata rilevata per la prima volta a novembre, i dati dell’OMS mostrano che si è diffusa rapidamente ed è emersa in almeno 128 paesi. Il numero dei casi è salito ai record di tutti i tempi, ma i tassi di ospedalizzazione e mortalità sono ampiamente inferiori rispetto ad altre fasi della pandemia.

In Israele, le infezioni giornaliere sono aumentate di oltre 10 volte nell’ultimo mese. Anche le malattie gravi sono aumentate, ma a un ritmo molto più lento, secondo i dati del ministero della Salute.

Circa il 60% dei 9,4 milioni di abitanti del paese è completamente vaccinato.

I risultati dello studio saranno stati pubblicati tra circa una settimana secondo il professor Regev.
 
Al momento, nonostante sia uno dei paesi più vaccinati al mondo, Israele sta nuovamente assistendo a una nuova ondata di infezioni da COVID-19 insieme a un aumento dei ricoveri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.