Bambini vegani: stato nutritivo e crescita 

0
41

Nell’ultimo decennio, l’interesse per il veganismo è cresciuto in molti paesi. Una dieta vegana cerca di escludere i prodotti provenienti da animali, inclusi carne, pesce, latticini, uova e miele [1].

I motivi per seguire questa dieta sono per lo più legati al benessere degli animali e all’etica, ma anche ragioni ecologiche e orientate alla salute giocano un ruolo per molti [2,3].

Recenti sondaggi delle nazioni occidentali suggeriscono che in genere tra l’1% e il 5% della popolazione sta attualmente seguendo una dieta vegana [3], [4], [5], [6] e che questa dieta è particolarmente popolare nelle persone di età compresa tra 15 e 34 anni [3].

Poiché questo si sovrappone all’età fertile di molte donne, ci sono problemi di salute sulla copertura dei nutrienti essenziali e, di conseguenza, è urgente la ricerca in questo settore.

Esistono diverse linee guida ufficiali sulle diete vegane per donne in gravidanza e bambini, anche per i pediatri in Svizzera [7]. La maggior parte di questi scoraggia o non raccomanda attivamente una dieta rigorosamente vegana per queste popolazioni vulnerabili, per paura di carenze nutrizionali.

Altri, incluso il British National Health Service, affermano che una dieta ben bilanciata integrata con nutrienti critici, come la vitamina B12 e D, rende una dieta vegana un’opzione appropriata per donne in gravidanza e bambini [8].

Un recente studio svizzero ha dimostrato che, nonostante le differenze sostanziali nell’assunzione di micronutrienti e le carenze tra onnivori, vegetariani e adulti vegani, tutti e 3 i tipi di dieta possono potenzialmente soddisfare il fabbisogno di micronutrienti [9]. Ad oggi, solo pochi studi hanno indagato l’impatto di una dieta vegana sulla salute e sulla crescita dei bambini vegani.

Un recente studio tedesco ha confrontato bambini onnivori, vegetariani e vegani e non ha mostrato differenze significative nell’assunzione o nella crescita di macronutrienti [10]. Tuttavia, sono necessari studi sempre più ampi, nonché revisioni specifiche sui bambini vegani, per valutare l’effetto di una dieta vegana sulla salute e sulla crescita di bambini e adolescenti.

L’obiettivo di questa revisione era di utilizzare tutti gli studi esistenti per fornire una valutazione preliminare dell’adeguatezza di una dieta vegana per questa fascia di età.

Abbiamo identificato i nutrienti cruciali per la nutrizione dei bambini vegani, riassunto le prove disponibili delle loro fonti, l’epidemiologia delle carenze e studiato gli effetti sulla crescita complessiva di questi bambini.

Poiché si sono verificati importanti cambiamenti nella composizione demografica della popolazione vegana con sottogruppi distinti, è stata prestata particolare attenzione a tenere conto di queste differenze. Abbiamo mirato a riassumere lo stato di ciò che è attualmente noto e quali aspetti dovrebbero essere inclusi nella ricerca futura per colmare le lacune esistenti.

Ad oggi, c’è stato un numero limitato di studi sull’impatto di una dieta vegana sulla salute e sulla crescita dei bambini. Di conseguenza, abbiamo limitato i nostri risultati a risultati particolari e integrato i risultati con dati su bambini vegetariani e adulti vegani.

Negli adulti, le diete vegane hanno dimostrato di offrire significativi benefici per la salute rispetto alle diete occidentali standard, come un ridotto rischio di cardiopatia ischemica, diabete di tipo 2, ipertensione, alcuni tipi di cancro e obesità. Le ragioni principali di ciò sono la bassa assunzione di grassi saturi e l’elevata assunzione di cereali integrali, verdura, frutta, noci e semi, molti dei quali sono ricchi di fibre e sostanze fitochimiche, che porta a un abbassamento del colesterolo totale e LDL e a un miglioramento della glicemia controllo [20,59].

Tuttavia, poiché la maggior parte dei vegani si è convertita a questa dieta dopo l’infanzia, questa linea di prove è troppo debole per un’estrapolazione dell’impatto sulla salute di una dieta vegana nei bambini.

Inoltre, i fattori psicosociali hanno un’influenza significativa sulla salute e devono essere attentamente valutati come potenziali fattori confondenti negli studi basati sulla popolazione. Ciò è particolarmente vero all’interno della popolazione vegana eterogenea, dove esistono sottogruppi che si oppongono ai test di laboratorio, all’integrazione con micronutrienti o alla medicina farmaceutica (antibiotici, vaccinazioni, chemioterapia). La chemofobia è un termine usato per descrivere questo comportamento [60]. Questa caratteristica può influenzare notevolmente l’adeguatezza della dieta vegana.

Non solo i sottogruppi svolgono un ruolo nella popolazione vegana, ma hanno anche effetti generazionali, poiché il veganismo è diventato sempre più un fenomeno mainstream. C’è motivo di presumere che gli attuali vegani possano pianificare le loro diete in modo più adeguato rispetto ai vegani in passato, poiché c’è stata una rapida adozione di diete vegane nella popolazione generale, al di là dei gruppi marginali religiosi, spirituali o naturalisti del 20° secolo , che spesso ignoravano o si opponevano apertamente a una solida guida nutrizionale. Le ricerche sul web contenenti la parola “vegan” (https://www.google.com/trends/) suggeriscono un notevole aumento dell’interesse per il veganismo nella maggior parte dei paesi industrializzati a partire dal 2011 circa.

Il volume di ricerca è aumentato di un fattore 5 negli Stati Uniti e 15‒25 nei paesi dell’Europa occidentale tra il 2011 e il 2020 (Fig. 1). Questa tendenza sembra corrispondere strettamente all’adozione del veganismo, poiché il numero di adulti vegani in Germania è aumentato dallo 0,1% all’1% della popolazione tra il 2007 e il 2014 [6].

Fig. 1:
Fig. 1. Risultati di Google Trends per il termine di ricerca “vegano”, ricerca mondiale, 2004-2021. I numeri sull’asse y rappresentano l’interesse di ricerca relativo al punto più alto del grafico per la regione e l’ora specificate. Un valore di 100 è il picco di popolarità per il termine. Un valore di 50 significa che il termine è popolare la metà.

Un esempio di come la mentalità possa influenzare l’adeguatezza di una dieta vegana è l’uso da parte dei genitori di integratori di cobalamina nelle diete dei loro figli. Uno studio longitudinale pubblicato nel 1988 affermava che la “maggior parte” dei genitori vegani era consapevole dell’importanza della sostituzione della cobalamina [23]. Inoltre, la maggior parte dei loro bambini aveva un’assunzione sufficiente di cobalamina (media 280% della quantità giornaliera raccomandata; range 20-1695%) [23].

Nel 1989, uno studio su una comunità chiamata The Farm ha mostrato che su 404 bambini, il 75% seguiva una dieta vegana. Dell’intera popolazione, il 76% ha utilizzato integratori vitaminici/minerali, che sono stati aggiunti al proprio latte vegetale fatto in casa, e il 78% ha utilizzato lievito nutrizionale (erroneamente ritenuto contenga cobalamina naturalmente) [24,56].

I risultati preliminari dello studio tedesco VeChi Youth, che hanno confrontato 114 vegani con 150 vegetariani e 137 bambini e adolescenti onnivori, di età compresa tra 6 e 18 anni, non hanno mostrato differenze significative nell’assunzione di micronutrienti tra i 3 gruppi. In tutti i gruppi, l’assunzione della maggior parte dei micronutrienti è stata sufficiente, in particolare quella della cobalamina, che è stata integrata nell’88% dei bambini vegani e nel 39% dei bambini vegetariani [61].

Considerando gli adulti da studi recenti, si può presumere che oggi, da 1/3 a 1/2 di tutti i vegani utilizzi integratori [9,28,36,62]. In genere, questi numeri non includono l’uso di cibi o bevande fortificati.

La biosintesi endogena non può essere considerata un metodo affidabile per garantire l’approvvigionamento di cobalamina, in particolare per le sottopopolazioni vegane a rischio, come donne in gravidanza o bambini. Tuttavia, non si può escludere che, per alcuni individui, sia possibile produrre quantità sufficienti di cobalamina tramite il microbioma, poiché ci sono studi in cui l’integrazione di cobalamina non ha svolto alcun ruolo o solo un piccolo ruolo nello spiegare lo stato della cobalamina [9,48].

In uno studio incentrato su vegani crudi che non assumevano integratori, la durata della dieta vegana non era correlata negativamente con lo stato di cobalamina, suggerendo che fino al 24% dei partecipanti poteva sostenere livelli sufficienti di cobalamina nonostante non utilizzasse supplementi [63].

Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questo problema. Tuttavia, questi risultati e le possibili eccezioni nella vita reale possono essere dannosi per gli sforzi per convincere i vegani a iniziare e ad aderire alla supplementazione di cobalamina. Ciò è aggravato da un ritardo nella carenza dovuto alle riserve interne di cobalamina [48], che possono promuovere ulteriormente la negazione della necessità di un’integrazione di cobalamina nei vegani.

Anche il modo in cui i nutrizionisti e gli operatori sanitari rispondono ai genitori vegani è importante. Un recente sondaggio italiano ha mostrato che il 77,4% dei genitori vegetariani e vegani ha incontrato l’opposizione dei propri pediatri e il 45,2% di loro ha riscontrato che i propri pediatri non erano in grado di fornire adeguate informazioni nutrizionali durante il periodo dello svezzamento [64].

Un approccio più aperto e informato potrebbe evitare di allontanare questi genitori da cure adeguate, ma dato lo stato attuale della ricerca sull’argomento, un approccio cauto è giustificato.

I dati suggeriscono che i vegani possono avere livelli di ferritina fisiologicamente più bassi, ma nessun rischio aumentato di anemia da carenza di ferro.

Diversi meccanismi potrebbero spiegare questo risultato. È noto che il ferro non eme di origine vegetale ha una biodisponibilità inferiore [29]. Recenti scoperte mostrano che la ferritina vegetale, che è abbondantemente presente nei legumi, compresa la soia, contiene una quantità significativa di ferro che viene rilasciata durante la digestione o viene assorbita parzialmente o interamente attraverso l’endocitosi nell’intestino tenue [65,66].

Le diete vegane e vegetariane sono generalmente ricche di vitamina C [29], che migliora l’assorbimento del ferro, ma è anche ricca di fitati, polifenoli e fibre [28,67], che inibiscono l’assorbimento del ferro. Inoltre, l’organismo può adattarsi nel tempo a una bassa assunzione di ferro riducendo le perdite di ferro [68], e può anche adattarsi all’utilizzo di ferro a bassa biodisponibilità, con un aumento dell’assorbimento di quasi il 40% in un periodo di 10 settimane [69]. Infine, l’assorbimento di ferro sia nel ferro eme che in quello non eme può aumentare di 10 volte quando il corpo è in uno stato di carenza di ferro [65].

Mentre si pensa spesso che il Ca inibisca l’assorbimento del ferro, studi osservazionali che confrontano intere diete sembrano suggerire un adattamento all’effetto inibitorio e studi di intervento hanno dimostrato che un’integrazione di Ca fino a 1200 mg/die non influisce sullo stato del ferro [70].

Confrontando le diete vegetariane e vegane, 1 studio ha rilevato che le proteine ​​presenti nel latte, come siero di latte e caseina, inibiscono l’assorbimento del ferro [70], ma un recente riassunto di studi osservazionali sui prodotti lattiero-caseari e sullo stato del ferro ha mostrato risultati contrastanti [70].

L’esauriente studio EPIC-Oxford [71] ha rilevato che, in 1126 vegani adulti, il 44,5% non raggiungeva un’assunzione di Ca di 525 mg/die e quindi presentava un rischio aumentato del 30% di fratture ossee.

In questo studio, sono stati presi in considerazione i parametri dello stile di vita che sono tipicamente protettivi nei vegani e hanno un alto impatto sulla salute delle ossa, come BMI, attività fisica [72], consumo di alcol e fumo [22,73,74]. Dati non corretti sono stati forniti da una meta-analisi del 2009 [75], che ha rilevato che, mentre le diete vegetariane e in particolare vegane erano associate a una densità di massa ossea inferiore (BMD), l’entità dell’effetto è stata ritenuta probabilmente clinicamente insignificante dal autori, indicando che non vi era alcun aumento del rischio di frattura.

I vegetariani hanno ottenuto un punteggio inferiore del 2% (IC 95%: 1%‒4%) mentre i vegani hanno ottenuto un punteggio inferiore del 6% (IC 95%: 2%‒9%) sulla BMD rispetto agli onnivori [75]. Una meta-analisi più recente [16] ha riportato una BMD ancora più bassa e un aumento dei tassi di frattura ossea nei vegani. Tuttavia, questi autori hanno classificato erroneamente 2 delle 4 popolazioni di studio (Fontana et al., 2005) come vegane quando in realtà erano vegetariani crudi.

Il terzo studio non ha mostrato differenze statisticamente significative nella BMD nei giovani onnivori, vegetariani e vegani, e un quarto studio è stata la meta-analisi del 2009 precedentemente discussa che ha affermato risultati statisticamente significativi, ma clinicamente insignificanti [75].

Nonostante una vasta gamma di indagini, rimane controverso se una maggiore assunzione di Ca o un’integrazione di Ca sia associata a una migliore BMD [75], [76], [77], [78]. Ad esempio, una meta-analisi del 2006 di 19 studi e 2859 bambini ha concluso che l’integrazione di Ca non aumenta la BMD indipendentemente dal sesso, dall’assunzione di Ca al basale, dallo stadio puberale, dall’etnia o dal livello di attività fisica [79].

Una revisione del 2005 che ha esaminato l’impatto dei prodotti lattiero-caseari sulla salute delle ossa nella mineralizzazione ossea di bambini e adolescenti ha trovato scarse prove di effetti benefici [77]. Tuttavia, la carenza di Ca durante l’infanzia può influenzare il picco di massa ossea, la maggior parte della quale si accumula all’età di 18 anni, e che predice le fratture in età avanzata [80].

In uno studio di intervento, è stato valutato l’effetto della supplementazione di latte sull’acquisizione di minerali ossei in tutto il corpo nelle ragazze adolescenti. Il gruppo di intervento che ha ricevuto 1 pinta/giorno di latte (intero o ridotto di grassi) per 18 mesi ha avuto un aumento significativamente maggiore della BMD, del contenuto minerale osseo (BMC) e concentrazioni sieriche di IGF-1 significativamente più elevate rispetto al gruppo di controllo [81]. ].

Un altro studio ha concluso che c’era solo una debole connessione tra l’assunzione di Ca e la salute delle ossa e che altri fattori svolgono ruoli più dominanti [75]. Ad esempio, l’assorbimento di Ca è ridotto di circa il 66% quando un individuo è carente di vitamina D [82].

I bambini vegani sono generalmente più leggeri ma non sono sottopeso. Questo può essere considerato favorevole, poiché l’obesità infantile è un problema crescente in molte nazioni industrializzate [83]. L’evidenza attuale mostra che non ci sono differenze significative nell’altezza media. Tuttavia, ci sono prove che una bassa percentuale di bambini vegani possa essere insolitamente piccola [10].

Ciò potrebbe essere causato da diete vegane nutrizionalmente inadeguate. È anche possibile che il latte, attraverso la stimolazione dell’asse IGF-1, stimoli la crescita longitudinale nei bambini e negli adolescenti [84,85]. I dati sull’altezza degli adulti vegani per tutta la vita aiuterebbero a chiarire questo problema, ma fino ad oggi non sono stati pubblicati dati di questo tipo.

L’IGF-1 può anche esercitare effetti anabolici sulla massa ossea durante l’età adulta raggiungendo un massimo intorno ai 15 anni di età [84]. Nei bambini intolleranti al lattosio che evitavano il latte, non sono state riscontrate differenze nella massa ossea rispetto alla popolazione generale, tuttavia una dieta priva di latte ha aumentato la probabilità di fratture dell’1%-4% complessivamente, un effetto che è stato, tuttavia, solo significativo nelle ragazze quando si confrontano i sessi [86].

Ci sono una serie di problemi metodologici negli studi esistenti sulla nutrizione vegana che dovrebbero essere presi in considerazione in ulteriori indagini scientifiche. Di solito, l’uso di integratori o l’uso di cibi e bevande fortificati non è valutato; pertanto, l’assunzione di nutrienti da parte dei vegani tende a essere sottovalutata.

Allo stesso modo, sia la ferritina come fonte di ferro che l’uso di pentole in ferro sono raramente presi in considerazione, portando a una sottovalutazione dell’assunzione totale di ferro. Infine, la sintesi endogena della cobalamina deve essere ulteriormente esplorata. Per questi motivi, quando possibile, lo stato dei nutrienti nel plasma dovrebbe essere preferito rispetto all’assunzione di nutrienti stimata.

Quando si includono i bambini più piccoli, il campionamento urinario potrebbe essere un metodo di valutazione più adatto rispetto al prelievo di sangue, come l’utilizzo di test di acido metilmalonico (MMA) nelle urine per determinare i livelli di cobalamina [87]. La ricerca futura dovrebbe anche tenere conto dei cambiamenti demografici all’interno della popolazione vegana, dando più peso ai dati valutati dopo il 2011 per massimizzare la validità esterna e per discriminare tra sottopopolazioni vegane aperte o chiuse agli approcci scientifici, alla salute in generale e alla integrazione. Gli studi dovrebbero sempre valutare le modalità e i dosaggi dell’integrazione, il consumo di cibi e bevande fortificati e l’aderenza alla dieta stessa.

Qualità alimentare a base vegetale e sintomi depressivi

Studi di intervento dietetico evidenziano modelli alimentari sani ricchi di frutta fresca, verdura, noci, semi, cereali integrali e legumi come promettenti nel ridurre i sintomi della depressione.4 20 Tuttavia, l’evidenza dell’associazione tra modelli alimentari di origine vegetale e depressione è incoerente e contrastante.21

Alcuni studi suggeriscono che le diete a base vegetale (PBD) sono associate a un miglioramento dell’umore e della salute mentale.22 Altri suggeriscono che i PBD sono associati a un rischio maggiore di sintomi depressivi,23 24 mentre altri non trovano alcuna relazione.25-27

Una meta-analisi di 13 studi di Iguacel et al 28 hanno rilevato che vegani e vegetariani erano a maggior rischio di depressione (OR=2,14, IC 95%: da 1,11 a 4,15).

Un’altra revisione sistematica e meta-analisi di dieci studi osservazionali di Askari et al 29 non ha trovato alcuna associazione tra coloro che hanno consumato una dieta vegetariana e sintomi di depressione (dimensione dell’effetto cumulativo: 1,02, IC 95%: da 0,84 a 1,25).

Mentre una revisione narrativa di 19 studi di Jain et al.30 ha trovato informazioni contrastanti, alcuni studi suggeriscono che coloro che hanno aderito a modelli dietetici vegani e vegetariani avevano tassi di depressione più elevati, mentre altri hanno indicato che erano associati a sintomi depressivi ridotti.

Altri studi di ricerca primaria suggeriscono che i giovani adulti vegetariani sono a più alto rischio di depressione 31 e suicidio 32 rispetto agli onnivori nella stessa fascia di età. Le ragioni di questi risultati contrastanti non sono ancora del tutto comprese, ma potrebbero essere dovute alla mancanza di eterogeneità nella misurazione dei modelli dietetici (autovalutazione) e che la qualità piuttosto che i modelli alimentari devono essere ulteriormente esplorati in questa popolazione.33

Infatti una recente meta-analisi ha mostrato un aumento del rischio di depressione nei vegetariani,34 tuttavia, l’interpretazione dei risultati è limitata a causa della mancanza di chiarezza metodologica nelle diete vegetariane a consumo di carne “basso” o “nessuno”. Pertanto, le misure di qualità della dieta nel PBD sono fondamentali per esplorare l’associazione tra dieta e salute mentale.

link di riferimento: https://nutrition.bmj.com/content/early/2021/10/28/bmjnph-2021-000332

link di riferimento: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0271531721000191?via%3Dihub

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.