Relazioni tossiche: gli effetti della psicopatia nelle relazioni romantiche

0
43

La psicopatia è una sindrome caratterizzata da devianza interpersonale (cioè grandiosa, ingannevole), affettiva (cioè mancanza di rimorso, emozioni superficiali), stile di vita (cioè impulsività, assunzione di rischi) e sociale (cioè scarso controllo della rabbia, attività criminali ) (Hare, 2003).

La combinazione di questi tratti può avere effetti catastrofici sull’individuo che li possiede, così come su coloro che incontrano.

Gli individui psicopatici tendono ad agire in modo impulsivo e non sono turbati dalle conseguenze delle loro azioni, purché tali azioni portino all’autogratificazione immediata o al guadagno personale.

Inoltre, questi individui mancano di sensibilità morale; sosterranno e si impegneranno in comportamenti immorali con una frequenza maggiore rispetto agli individui non psicopatici (ad esempio, Arvan, 2013; Ritchie & Forth, 2016); semplicemente non si preoccupano di come le loro azioni avranno un impatto sugli altri.

Sebbene si stimi che la prevalenza della psicopatia nella popolazione generale sia inferiore all’1% (Coid et al., 2009; Neumann & Hare, 2008), l’impatto sulla salute psicologica e fisica delle vittime è sostanziale (Boddy, 2014; Kirkman, 2005; Leedom et al., 2012; Mathieu et al., 2014).

La psicopatia è stata identificata come un importante fattore di rischio per una moltitudine di azioni atroci, che vanno dal bullismo aziendale (ad es. Boddy, 2011) alla violenza letale (Fox & DeLisi, 2019). 

Sebbene gran parte della ricerca sulla psicopatia si sia concentrata su coloro con tratti psicopatici, deve essere considerato anche l’impatto su coloro che sopravvivono alle interazioni con questi individui.

La triade oscura della personalità

Il termine “triade oscura” (DT) si riferisce a tre tratti della personalità: narcisismo, machiavellismo e psicopatia (Paulhus e Williams 2002). Questi tratti della personalità sono considerati tratti oscuri della personalità a causa dei loro esiti distruttivi (Braun 2017; Paulhus 2014; Rauthmann 2012). 

Nel contesto lavorativo, questi tratti della personalità sono considerati subclinici, nel senso che non vengono diagnosticati o trattati clinicamente. Pertanto, sono tutti misurati lungo un continuum e non hanno valori di cut-off prescritti. 

Pertanto, quando ci riferiamo ai leader o ai dipendenti di DT in questo documento, intendiamo individui con valori relativamente alti dei tre tratti di personalità oscuri. Le caratteristiche distintive di ciascun tratto DT sono spiegate di seguito.

Narcisismo

Il narcisismo è caratterizzato da un sentimento di superiorità e dalla ricerca di attenzione e ammirazione (Gardner e Pierce 2011). Ad esempio, i narcisisti rispondono ancora alla desiderabilità sociale a causa della loro motivazione a impressionare gli altri e attirare la loro attenzione, mentre i cosiddetti  Due Maliziosi   in termini di machiavellici e psicopatici non si preoccupano del comportamento socialmente desiderabile (Kowalski et al. 2018; Rauthmann e Kolar 2012).

Inoltre, gli individui narcisisti mostrano ipercompetitività (Watson et al. 1998), dominio (Corry et al. 2008) e diritto (Raskin e Hall 1979). Tuttavia, il narcisismo non riguarda solo l’amore per se stessi, l’elevata autovalutazione e il mantenimento di un’immagine di sé positiva ed egocentrica, ma include anche l’essere ipersensibili e difensivi (Morf e Rhodewalt 2001).

In altre parole, il narcisismo è correlato a sentimenti di grandiosità, esibizione di sé e ossessione di sé, nonché vulnerabilità (Miller et al. 2017). Queste due parti possono essere chiamate ammirazione e rivalità narcisistiche (Back et al. 2013).

Inoltre, l’ipersensibilità può portare a una mancanza di empatia per gli altri, così come a comportamenti amorali, irrazionali e paranoici (Rosenthal e Pittinsky 2006). In sintesi, il narcisismo è correlato a un’immagine di sé altamente gonfiata ma altamente vulnerabile con una ricerca di attenzione e ammirazione.

Machiavellismo

Il machiavellismo si riferisce alla tendenza a massimizzare i benefici personali e raggiungere obiettivi individuali utilizzando altre persone come strumenti (Christie e Geis 1970; Bereczkei 2015). Questo tratto della personalità può essere caratterizzato da una forte intenzione e capacità di usare tattiche manipolative nelle relazioni interpersonali per ottenere e mantenere il potere (Christie e Geis 1970; Bereczkei 2017).

Questo sforzo per ottenere e mantenere il potere può portare a un comportamento calcolatore e sconsiderato e non etico in modo egoistico (Christie e Geis 1970; Jones e Paulhus 2009). Questa lotta per il potere differenzia i machiavellici dai narcisisti, che più probabilmente cercano l’attenzione, l’ammirazione e l’auto-miglioramento: sebbene i narcisisti possano anche lottare per il potere, cercano il potere per impressionare gli altri e non per mantenere il potere stesso (Gardner e Pierce 2011 ; McClelland 1975; McClelland e Burnham 1976; Paulhus e Williams 2002; Rosenthal e Pittinsky 2006). Per riassumere, il machiavellismo è legato a uno sforzo strategico per ottenere e mantenere il potere.

Psicopatia

La psicopatia è associata a un’elevata impulsività, aggressività incontrollata e ricerca del brivido (Cima e Raine 2009; Paulhus e Williams 2002).

Questa elevata impulsività porta a disinibizione, meschinità e audacia (Patrick et al. 2009) in modo che le persone con elevate tendenze psicopatiche mostrino meschinità e scarsa considerazione per gli altri oltre a livelli ridotti di empatia, affetto, colpa e coscienza (Babiak e Hare 2006; Patrick et al. 2009).

Inoltre, la psicopatia è associata all’aggressività proattiva (Cima e Raine 2009). La loro aggressività incontrollata per un brivido differisce lo psicopatico dal narcisista motivato dall’impressione: mentre sia i narcisisti che i machiavellici non mostrerebbero aggressività di fronte agli altri, poiché per i narcisisti potrebbe significare fare una cattiva impressione e poiché i machiavellici sono troppo strategici e controllati, gli psicopatici mantengono il loro affetto insensibile e impassibile quando sono osservati dalla persona sofferente (Lee e Gibbons 2017; Paulhus e Williams 2002; Rauthmann 2011; Vize et al. 2018).

Questo comportamento mostra ulteriormente la loro mancanza non solo di empatia, ma anche di ansia (Babiak e Hare 2006). Per concludere, la psicopatia è correlata a un comportamento altamente impulsivo, incontrollato e aggressivo.

Sebbene questi tratti della triade oscura siano costrutti distinti, si sovrappongono anche nelle aree della diminuzione delle emozioni morali e sociali, dell’uso di strategie interpersonali egocentriche (sfruttamento e manipolazione degli altri, doppiezza) e della diminuzione dell’onestà e della gradevolezza (Jonason e Buss 2012 ; Jonason et al. 2010; Jones e Paulhus 2009; Lee e Ashton 2005; Paulhus e Williams 2002). 

Pertanto, i tratti DT non solo hanno caratteristiche distintive ma anche condivise in termini di basso comportamento etico, morale, gradevole e interpersonale (Erzi 2020; K. Lee e Ashton 2005; Paulhus e Williams 2002). Di conseguenza, ricerche precedenti hanno mostrato elevate intercorrelazioni tra i tre valori della triade oscura (ad esempio, Paulhus e Jones 2015).

Tratti della Triade Oscura ed il Ghosting

La personalità gioca un ruolo nel modo in cui le persone si comportano in vari aspetti della loro vita sociale (Furnham and Heaven, 1999; Snyder e Ickes, 1985). Un aspetto della vita sociale che ha ricevuto notevole attenzione è il modo in cui le persone si comportano nelle relazioni sentimentali, compreso il modo in cui le relazioni iniziano (ad esempio, come si trova un partner), il progresso (ad esempio, la risoluzione dei conflitti) e la fine (ad esempio, il divorzio).

Ad esempio, i tratti dei Big Five sono correlati alla scelta del coniuge, alla stabilità della relazione e al modo in cui le persone si lasciano (Botwin et al., 1997). La gradevolezza e l’apertura intellettuale sono le due caratteristiche più apprezzate nella personalità di un partner per entrambi i sessi e gli individui che hanno un partner elevato su questi tratti, insieme alla stabilità emotiva, sono più soddisfatti del loro matrimonio (Botwin et al., 1997).

In alternativa, tratti come la Triade Oscura (p. es., narcisismo, psicopatia e machiavellismo) sono associati all’interesse per il sesso occasionale, più partner sessuali, atteggiamenti, comportamenti e desideri promiscui (Jonason et al., 2009), tattiche per catturare i compagni da altri (ad esempio, bracconaggio del compagno; Jonason, Li e Buss, 2010) e meno autenticità della relazione nelle relazioni a lungo termine (Holtzman e Strube, 2013; Josephs et al., 2019). 

Nonostante l’ampio corpus di prove su questi argomenti, poco si sa su come le persone caratterizzate da tratti della personalità socialmente indesiderabili si comportano nelle relazioni romantiche (Jonason et al., 2020; Jonason et al., 2019) e ciò che è noto tende a concentrarsi sulla relazione iniziazione (Jonason et al., 2011) e stabilità (Lavner et al., 2016; Smith et al., 2014; Yu et al., 2020),

I tratti della Triade Oscura del narcisismo (ad esempio, diritto, superiorità), machiavellismo (ad esempio, cinismo, manipolatività) e psicopatia (ad esempio, atteggiamenti sociali insensibili, antagonismo interpersonale) hanno un notevole appeal sia per i ricercatori che per i profani.

Parte di questo interesse è l’ampia rilevanza che hanno per le relazioni romantiche e sessuali e le ampie conseguenze per la soddisfazione della relazione di coloro che ne hanno i tratti. Ad esempio, quelli caratterizzati dal machiavellismo hanno uno stile amoroso per il gioco (Jonason e Kavanagh, 2010) e giocano in modo difficile da ottenere per aumentare la loro desiderabilità come partner (Jonason e Li, 2013).

Quelli caratterizzati da narcisismo e psicopatia possono avere atteggiamenti abilitanti allo stupro, impegnarsi in coercizione sessuale (Figueredo et al., 2015; Jonason et al., 2017; Lyons et al., 2020; Prusik et al., 2021) e impegnarsi in una relazione aggressività (Carton e Egan, 2017). 

Coloro che hanno queste caratteristiche sembrano preferire gli altri che sono come loro come partner romantici ma “soffrono” per questa scelta con minore soddisfazione relazionale (Kay, 2021; Koladich e Atkinson, 2016; Lavner et al., 2016; Smith et al., 2014; Webster et al., 2016). Sembra che coloro che sono caratterizzati da questi tratti abbiano un approccio egoistico, causale e persino sfruttatore alle relazioni.

Ci si potrebbe quindi aspettare che i tratti abbiano manifestazioni simili nella cessazione della relazione, ma per quanto ne sappiamo, pochi studi hanno esaminato questa domanda. C’è uno squilibrio relativo in ciò che sappiamo sul ruolo di questi tratti nelle diverse fasi dello sviluppo della relazione.

Non sorprende che, dato l’apparentemente alto interesse per il sesso occasionale caratteristico delle persone con alti tratti della Triade Oscura, i ricercatori hanno studiato principalmente aspetti dell’inizio della relazione, della scelta del compagno e degli atteggiamenti sessuali. Tuttavia, anche nel caso di relazioni a breve termine, queste persone hanno comunque bisogno di sottrarsi agli impegni intricati (Jonason e Buss, 2012).

In questo studio, percorriamo la strada per comprendere una forma di modello di cessazione della relazione che potrebbe essere comune in quelli caratterizzati dai tratti della Triade Oscura.

Sebbene ci siano molti modi per lasciare il proprio partner (Schmitt e Shackelford, 2003), qui ci concentriamo su uno chiamato ghosting. 

Il ghosting è una forma relativamente comune e indiretta di interruzione della relazione (Banks et al., 1987; Baxter, 1984; Hill et al., 1976) in cui una persona smette semplicemente di comunicare con l’altra e spesso la “non è amica” e la “svincola” sui social media (De Wiele e Campbell, 2019; LeFebvre, 2017; LeFebvre et al., 2019; Manning et al., 2019).

La ricerca precedente è stata spesso di natura qualitativa, basata su piccoli campioni e, quando quantitativa, si è concentrata su risultati come la salute psicologica e predittori come le convinzioni sul destino della relazione (Freedman et al., 2019; Koessler et al., 2019a, Koessler et al. al., 2019b; Navarro et al., 2020; Tong e Walther, 2010).

Il ghosting può essere un modo particolarmente allettante per interrompere le relazioni per coloro che sono caratterizzati dai tratti della Triade Oscura perché tendono a mancare di empatia che potrebbe sopprimere questo tipo di stile di rottura e sono motivati ​​​​al sesso occasionale. 

Dopotutto, è un’aggressività passiva, che evita gli aspetti indesiderabili o punitivi dell’interruzione del rapporto (ad esempio conversazioni difficili), e insensibile in quanto è fatto con intenti egoistici e privi di empatia.

Quelli caratterizzati dai tratti della Triade Oscura hanno bassi livelli di empatia (Turner et al., 2019) e preferiscono comportamenti di ricerca di ricompense (Jonason e Jackson, 2016) che possono far parte del pacchetto di tratti che rendono il ghosting attraente per quelli caratterizzati da questi tratti.

Più specificamente, la grandiosità e l’orgoglio caratteristici di coloro che sono narcisisti possono tradursi in una mancanza di volontà di ammettere un “errore di accoppiamento” (cioè manie di grandezza) o avere un confronto diretto in cui possono rivelarsi nel torto , portando le persone narcisistiche a impegnarsi nel ghosting (cioè, la gestione dei conflitti evitante).

L’aperta doppiezza di coloro che sono machiavellici può anche promuovere il ghosting dato che le rotture aperte e oneste possono andare in contrasto con il loro approccio ingannevole e pragmatico al mondo e alle relazioni.

E infine, il ghosting è notato come un modo emotivamente freddo, se non abusivo, di terminare le relazioni, quindi coloro che sono caratterizzati da insensibilità dispositiva, come quelli ad alto contenuto di psicopatia, possono impegnarsi nel ghosting.

La teoria della storia della vita (Charnov, 1993; Stearns, 1992) può fornire un quadro teorico per comprendere la relazione tra i tratti della Triade Oscura e il ghosting. Sebbene gli esseri umani siano generalmente caratterizzati dall’uso di strategie di storia della vita più lente rispetto alla maggior parte delle altre specie, alcune persone potrebbero preferire guadagni a breve termine rispetto a lungo termine in alcune circostanze (Hill, 1993).

Le strategie della storia della vita possono essere trattate come differenze individuali (Figueredo et al., 2005). Gli strateghi della storia della vita veloce sono spesso motivati ​​​​in modo più egoistico e impongono esternalità agli altri a proprio vantaggio (Jonason, Koenig e Tost, 2010) e in alcune circostanze potrebbero essere preferiti rispetto alla lotta per guadagni a lungo termine (Hill, 1993).

Pertanto, date le strategie di storia della vita veloce di coloro che hanno un alto contenuto nei tratti della Triade Oscura (Jonason, Koenig e Tost, 2010; Koehn et al., 2019; Mealey, 1995), prevediamo che (1) il ghosting sarà più attraente per coloro alto sui tratti della Triade Oscura e (2) coloro che hanno avuto un fantasma in passato avranno un punteggio più alto nei tratti della Triade Oscura.

Una caratteristica importante, ma spesso trascurata, delle relazioni è il grado di investimento richiesto da coloro che vi sono coinvolti. Le relazioni caratterizzate da livelli elevati sono di natura a lungo termine (cioè, romantiche) mentre le relazioni caratterizzate da livelli bassi sono di natura a breve termine (cioè, sesso occasionale).

La teoria delle strategie sessuali suggerisce che le differenze di sesso in vari aspetti della psicologia dell’accoppiamento sono moderate o dipendenti dalla “serietà” della relazione (Buss e Schmitt, 1993) e ci aspettiamo che questo sia importante per comprendere le relazioni tra i tratti della Triade Oscura e fantasma.

Le relazioni a lungo termine sono caratterizzate da un grado di radicamento e connessione emotiva (p. es., convivenza, legami familiari, figli, finanze condivise) che possono rendere estremamente complicato il ghosting.

Al contrario, le relazioni a breve termine mancano di radicamento sostanziale e connessione emotiva, rendendo più facile e, quindi più accettabile, estrarre se stessi tramite il ghosting (Freedman et al., 2019; Koessler et al., 2019a; Manning et al., 2019).

Pertanto, ci aspettiamo

(1) il ghosting sarà più accettabile nel breve termine rispetto al contesto a lungo termine

(2) specialmente per coloro che in passato hanno creato fantasmi che a loro volta hanno maggiori probabilità di essere più in alto nei tratti della Triade Oscura e che

(3) il ghosting sarà visto come più accettabile per coloro che hanno i tratti alti della Triade Oscura nel breve termine ma non nel contesto a lungo termine.

Violenza e psicopatia del partner intimo

La psicopatia è un importante fattore di rischio per il coinvolgimento nella violenza da partner intimi (IPV), che è definita come qualsiasi violenza (fisica, sessuale e/o emotiva) che si verifica all’interno di una relazione intima. In una meta-analisi completa, Robertson et al. (2020) hanno identificato la psicopatia come uno dei più forti predittori di IPV rispetto ad altri fattori di rischio noti (p. es., aggressività, comportamento antisociale, consumo di alcol).

I risultati non erano coerenti su quale dimensione della psicopatia fosse più fortemente correlata alla perpetrazione di IPV. L’unica dimensione che sembra essere più coerentemente correlata all’IPV è la dimensione affettiva (Cunha et al., 2020; Mager et al., 2014), sebbene siano necessarie ulteriori ricerche su campioni e tipi di IPV per confermare questo risultato. In generale, quelli con tratti psicopatici hanno maggiori probabilità di impegnarsi in IPV rispetto a quelli senza (Grann & Wedin, 2002). Si stima che dal 15% al ​​30% degli autori di IPV soddisfi i criteri clinici per la psicopatia (Huss & Langhinrichsen-Rohling, 2000).

Prevalenza e impatto dell’IPV

La prevalenza della violenza tra partner intimi (IPV) è un problema globale, che si verifica a tassi relativamente elevati, soprattutto per le donne (Organizzazione Mondiale della Sanità, 2013). Negli Stati Uniti, circa 1 donna su 4 e 1 uomo su 10 ha subito violenza fisica (donne: 21,4%, uomini: 14,9%) o sessuale (donne: 18,3%, uomini: 8,2%; Smith et al., 2018) .

Tassi di prevalenza molto più elevati si riscontrano se si rilevano abusi emotivi (p. es., minacciati, sminuiti o umiliati di fronte agli altri, insultati o fatti sentire in colpa con se stessi), abusi finanziari (p. es., impedire l’accesso al reddito familiare) o abusi informatici (p. es. Brem et al., 2019; Sanz-Barbero et al., 2018; Žukauskienė et al., 2021).

Le vittime nelle relazioni intime spesso sperimentano molteplici forme di abuso (p. es., Katz et al., 2008). Il termine polivittimizzazione è stato utilizzato per descrivere questo fenomeno (Hamby et al., 2012). Diversi studi hanno scoperto che la polivittimizzazione è associata a esiti più negativi (p. es., disfunzione dell’attaccamento, problemi sessuali e sintomi negativi di salute mentale) rispetto a un singolo tipo di abuso negli adolescenti e negli adulti (Katz et al., 2008; Ross et al. , 2019; Sabrina & Straus, 2008; Turner et al., 2010).

In una revisione dei risultati della salute mentale e dell’IPV, Lagdon et al. (2014) hanno concluso che l’esperienza di molteplici forme di abuso ha aumentato la gravità e l’incidenza dei problemi di salute mentale. Inoltre, alcune caratteristiche, come la relazione trasgressore-vittima, la gravità della lesione fisica e il tipo di reato, influenzano i sintomi psicologici delle vittime. io

La relazione intima e/o stretta delle vittime con i perpetratori aumenta la probabilità di sintomi di disturbo post-traumatico da stress (PTSD), ansia e depressione rispetto a conoscenti o incontri con estranei, in particolare nei casi di abuso sessuale (Gutner et al., 2006; Spencer et al. , 2019; Temple et al., 2007), ma anche per i sopravvissuti ad aggressioni fisiche (Lawyer et al., 2006).

Possibili spiegazioni del motivo per cui questi effetti sono maggiori nelle relazioni più intime includono un maggiore investimento emotivo e finanziario (Culbertson & Dehle, 2001; Lawyer et al., 2006) e il maggiore potenziale di incidenti ripetuti rispetto a quelli isolati a causa del facile accesso (Temple et al. , 2007).

Le forme psicologiche di IPV possono essere le più predittive di esiti negativi sulla salute mentale rispetto alle forme di abuso fisiche e sessuali (Coker et al., 2002; Norwood & Murphy, 2012). Ad esempio, Dutton et al. (1999) hanno esaminato i tre diversi tipi di IPV come predittori di PTSD in un campione di vittime di IPV coinvolte nei tribunali. Sebbene le analisi univariate abbiano mostrato che tutte le forme di IPV sono predittive dei sintomi del PTSD, un modello multivariato ha indicato che la violenza psicologica spiegava più varianza nel PTSD rispetto alla violenza fisica e sessuale.

Gli studi hanno anche esaminato gli effetti differenziali dell’IPV sui sintomi depressivi. Pico-Alfonso et al. (2006) hanno scoperto che le donne che hanno subito abusi fisici e psicologici dai loro partner intimi avevano tassi di depressione più elevati rispetto a quelle che avevano subito abusi fisici, suggerendo fortemente che la forma psicologica dell’IPV non è un tipo minore di violenza, ma piuttosto una chiave determinante dell’esito della salute mentale.

Impatto di coping e vittimizzazione

Il modo in cui gli individui affrontano le esperienze di vittimizzazione (es. criminalità generale, bullismo e IPV) può influenzare i risultati psicologici, fisiologici e interpersonali (Casarez-Levison, 1992). McCann et al. (1988) hanno sviluppato un modello teorico di adattamento psicologico nelle risposte delle vittime al trauma, classificando le risposte come comportamentali, biologiche, cognitive, emotive e interpersonali. Il modello fornisce informazioni sulle differenze individuali nelle reazioni a breve e lungo termine a eventi traumatici e fornisce un quadro per esplorare gli effetti della psicopatia.

Molte teorie sul coping descrivono come una persona si impegna in sforzi cognitivi e comportamentali per gestire la propria esperienza di vittimizzazione (Folkman, 2008; Lazarus & Folkman, 1984; Tedeschi & Calhoun, 1996). In generale, il coping svolge due funzioni principali:

(1) affrontare il problema che sta causando il disagio (far fronte al problema, ad es. ottenere supporto sociale strumentale),

(2) regolare o alleviare le emozioni (coping incentrato sulle emozioni; es. abuso di sostanze, autodistrazione).

Sebbene l’efficacia delle strategie di coping dipenda in gran parte dal tipo di fattore di stress, i ricercatori hanno affermato che le strategie incentrate sui problemi sono adattive perché forniscono un senso di controllo che porta a risultati positivi, come il miglioramento della salute mentale e fisica (Billings & Moos, 1981; Lazzaro e Folkman, 1984).

Al contrario, le strategie incentrate sulle emozioni possono essere disadattive poiché non viene fatto alcuno sforzo per cambiare o controllare la situazione stressante, portando quindi a un aumento dei sintomi di angoscia (Endler & Parker, 1990; Hooberman et al., 2010; Meyer, 2001).

Ad esempio, l’uso frequente di strategie incentrate sulle emozioni da parte dei sopravvissuti all’IPV è stato associato a sintomi intensificati di PTSD (Lilly & Graham-Bermann, 2010). Pertanto, i ricercatori raggruppano le strategie di coping come adattive o disadattive (Kirby et al., 2011; Meyer, 2001; Moore et al., 2011), piuttosto che come dimensioni focalizzate sul problema o focalizzate sulle emozioni. Gli effetti della vittimizzazione variano da individuo a individuo, con alcuni individui che sperimentano esiti negativi e altri che sono in grado di far fronte efficacemente a queste esperienze.

Impatto della psicopatia

I tratti psicopatici giocano chiaramente un ruolo importante nella perpetrazione di IPV. Tuttavia, le esperienze di coloro che sono vittime di individui psicopatici rimangono in gran parte inesplorate. Sebbene sia possibile che le esperienze di coloro che sono vittime di individui psicopatici non differiscano da quelle di coloro che sono vittime di individui non psicopatici, è anche possibile il contrario.

Poiché si ritiene che gli individui psicopatici rappresentino quasi un quarto degli autori di IPV, i nostri risultati probabilmente si sovrapporranno ad alcune delle ricerche esistenti sugli esiti dell’IPV. Tuttavia, dato l’impatto determinante che gli individui con tratti psicopatici possono avere sugli altri (ad es. Humeny et al., 2021), vale la pena esplorare le esperienze potenzialmente uniche delle loro vittime come mezzo per fornire un migliore supporto per la guarigione. La ricerca futura potrebbe prendere in considerazione l’esplorazione dell’impatto unico che altri sottotipi di autori di IPV potrebbero avere sulle loro vittime.

Ad oggi, quattro studi hanno esaminato le esperienze e l’impatto della psicopatia all’interno delle relazioni sentimentali. Leedom et al. (2012) hanno utilizzato le memorie pubblicate di 10 donne che avevano relazioni intime a lungo termine per valutare la psicopatia nei loro partner tramite la Psychopathy Checklist-Revised (PCL-R; Hare, 2003).

Inoltre, hanno effettuato un’analisi qualitativa delle loro relazioni. Tutti i partner hanno ottenuto un punteggio elevato nel PCL-R, con punteggi che vanno da 29 a 40. Tutte le donne hanno descritto di essere state manipolate e ingannate durante la loro relazione, con molte che hanno descritto abusi nei confronti di se stesse e dei propri figli. Kirkman (2005) ha identificato una varietà di comportamenti dannosi utilizzando l’analisi tematica di interviste a 20 donne che erano sentimentalmente coinvolte con uomini con tratti psicopatici.

Dall’analisi qualitativa sono emersi otto temi: (1) convincere la vittima a vittimizzare (100%), (2) mentire (100%), (3) abuso finanziario (75%), (4) abuso emotivo (100%), (5) infedeltà multiple (100%), (6) isolamento e coercizione (75%), (7) aggressione fisica (40%) e (8) abuso emotivo sui bambini (100%). Brown e Leedom (2008) hanno condotto un sondaggio online su 75 donne che hanno riferito di essere intimamente coinvolte con un uomo con t

rati. Hanno scoperto che il 95% delle donne ha subito danni emotivi, il 71% ha subito danni finanziari, il 67% ha subito danni professionali e il 51% ha subito danni sessuali. Forse la scoperta più sconcertante è stata che nessuna delle donne intervistate non ha riportato danni. Questi sopravvissuti hanno riferito di aver sperimentato sintomi di ansia e stress, sintomatologia depressiva, dissociazione e problemi con le relazioni interpersonali.

Più recentemente, Humeny et al. (2021) hanno esaminato l’associazione tra psicopatia e violenza del partner intimo in 475 individui (89% donne) che si sono autoidentificati come in una relazione sentimentale abusiva.

  • Le vittime hanno riferito di aver subito diversi tipi di abuso con abuso emotivo (99%) come il più comune,
  • seguito dall’inganno (95%),
  • abuso finanziario (83%),
  • abuso fisico (62%),
  • abusi sessuali (59%).

Esaminando le diverse dimensioni della psicopatia, la dimensione affettiva era strettamente correlata alla durata della relazione, le dimensioni affettiva, stile di vita e antisociale al grado di lesione fisica e tutte le dimensioni erano legate alla frequenza e alla versatilità dell’abuso. Nel complesso, questi studi suggeriscono che avere una relazione intima con qualcuno con tratti psicopatici provoca un impatto negativo sostanziale.

Le donne sia in Kirkman (2005) che in Brown e Leedom (2008) hanno descritto come all’inizio della relazione i loro ex partner fossero molto affettuosi e attenti. Gli individui con tratti psicopatici sono in grado di rilevare segnali di vulnerabilità non verbali e della personalità (Book et al., 2013, 2021; Ritchie et al., 2018, 2019; Visser et al., 2020; Wheeler et al., 2009), per imitare emozioni di paura e rimorso (Book et al., 2015; Brazil et al., 2021) e per nascondere sentimenti di imbarazzo e paura quando si raccontano storie ingannevoli (Porter et al., 2011). Questi risultati suggeriscono che gli individui con tratti psicopatici possono essere in grado di identificare individui potenzialmente vulnerabili, ottenere la loro fiducia, prima di sfruttarli e danneggiarli. Inoltre, essendo in grado di fingere rimorso, gli individui con tratti psicopatici possono essere in grado di manipolare i loro partner affinché rimangano nella relazione. Murray et al. (2012) hanno anche scoperto che gli individui con alti livelli di tratti psicopatici non mostravano effetti di dissonanza cognitiva quando mentivano, mentre quelli con bassi livelli di tratti psicopatici lo facevano. La combinazione di tratti psicopatici, abilità ingannevoli e mancanza di dissonanza cognitiva è particolarmente tossica per coloro che vengono coinvolti sentimentalmente con tali individui.

Conseguenze emotive

Le conseguenze più prevalenti riferite dalle vittime sono state le difficoltà psicologiche/emotive. Le vittime hanno riferito sentimenti lungo le dimensioni di rabbia (cioè irritabilità, frustrazione) e odio (cioè di sé, misoginia). (Le risposte riportate di seguito sono in forma letterale, non corrette per grammatica, ortografia o punteggiatura.) Le risposte tipiche includevano: “Per un po’ dopo la relazione, ero arrabbiato per essere stato ingannato a un livello così profondo”. “Quando alla fine è successo tutto, stavo provando rabbia e rabbia”. e “Quando se ne è andato. . ., ho provato sentimenti molto forti di “come osa farmi questo” chi crede di essere !! Ero così ARRABBIATO.

Sentimenti di ansia, paura, panico e paranoia erano comuni. Le vittime spesso menzionano anche la diagnosi di disturbo da stress post-traumatico e sintomi ossessivi: “Ho paura quando sono fuori, ho paura di sbattere contro di lui. Temo che mi rovinerà ancora la vita perché mi sono allontanato da lui.”; “. . . Ero solo stanco e ossessionato dal cercare di capirlo. . . e non se ne capisce… .”; “Ero molto nervoso per la maggior parte del giorno e della notte, avendo problemi a dormire. Non ho mai avuto una sensazione così prolungata di panico o preoccupazione come questa, mai!”; “Sto provando molta ansia. La sensazione di non avere il controllo sulla mia vita. Sono arrabbiato per aver lasciato entrare qualcuno che potrebbe influenzarmi in modo così negativo. Attacchi di panico quando ricordo una delle sue grandi bugie.”; e “Ho vissuto in massima allerta cercando di proteggere i miei figli in ogni momento di ogni giorno per 19 mesi. I tribunali erano inutili. La polizia? Inutile. Porte e finestre chiuse? Inutile.”

Sebbene le vittime abbiano completato il BDI-II, molte delle loro risposte aperte descrivevano sintomi depressivi, tra cui anedonia, ideazione e tentativi suicidi, disperazione, impotenza e basso senso di autostima. Le risposte tipiche includevano: “Ho toccato il fondo nella mia vita. È stata l’esperienza più dolorosa che abbia mai vissuto. Per la prima volta ho pensato al suicidio perché la vita era troppo dolorosa da affrontare.”; Sono diventato depresso e suicida. Mi ci sono voluti diversi anni per risolverlo.”; “Mi è stata diagnosticata una grave depressione. Negli ultimi 3 anni con quest’uomo, ho tentato il suicidio quattro volte”. e

La mancanza di sonno, verso la fine della relazione, ha portato alla paranoia (anche a causa del suo comportamento vago e sempre più crudele. Come se fossi un lavoretto sgradevole con cui doveva fare i conti.). . .. Ho iniziato a sentirmi inadeguato in tutto nella mia vita. Questi sentimenti raggiunsero un culmine in cui iniziai a sentirmi così disperato che pensavo al suicidio ogni giorno.

Alcune vittime hanno descritto sentimenti di colpa o vergogna per essere rimasti nella relazione così a lungo ed esporre la propria famiglia a questo individuo:

Mi sento molto in colpa per quello che mi è successo perché questo psicopatico ha rubato alla mia famiglia e ho continuato a vederlo sperando che correggesse il torto. Non sono venuta in difesa come avrebbe dovuto fare una madre quando le cose stavano succedendo… Ho sempre creduto che avrebbe avuto una buona coscienza per sistemare le cose con loro, cosa che ovviamente non ha fatto. Mi sento come se i miei istinti parlassero, ma lui li ha scherzati e ha preso il controllo di ogni pensiero razionale che avevo dentro di me.

Diverse vittime hanno menzionato sentimenti di rifiuto, dolore e delusione. Ad esempio, “Un costante aggravamento e delusione in me stesso per essere stato coinvolto e poi rimanere coinvolto con lui per tutto il tempo che ho fatto. (per avermi lasciato parlare di cose che non avrei mai fatto).” e

. . .Sono tornato alla negazione, è il meglio che posso classificarlo. Non ho affrontato cosa significasse DAVVERO. Ero come uno zombi ambulante, che cercava di rimanere in piedi, ma all’improvviso era come se qualcosa mi prendesse a calci nello stomaco e mi ritrovassi in una pozza di lacrime senza sapere perché. Mi ci sono voluti 9 mesi dopo la rottura prima di affrontare la realtà che l’intera faccenda era stata una bugia, rendendomi conto di tutto ciò che significava. Ho capito cosa è veramente. La negazione era più facile……………forse non più salutare, ma più facile.

Conseguenze biologiche

Le vittime hanno riportato una vasta gamma di effetti biologici, tra i quali i più comuni sono problemi somatici come problemi gastrointestinali, ulcere e mal di testa. Una vittima ha detto “Ho avuto una notevole perdita di peso. Mi imbavagliavo quando provavo a mangiare. Inizialmente i miei capelli non sono cresciuti. I miei capelli sono caduti e stanno diventando grigi. Le mie unghie non crescerebbero. Sarei completamente disidratato. Ho sviluppato un’ulcera sanguinante. A volte non mangerei per giorni”, mentre un altro riportava: “mal di testa e dolori lancinanti accecanti dietro gli occhi mal di schiena i denti digrignano la mano torcendo / giocherellando collo e spalle doloranti spilli negli aghi delle dita che fissano nel vuoto”, e un altro ancora ha scritto: “Acido reflusso, dolori al petto, mal di stomaco ogni singolo giorno, mal di testa, vertigini, depressione, ansia estrema”.

Altre conseguenze biologiche comuni erano problemi cardiaci e respiratori (es. angina, asma, bronchite). Un partecipante ha descritto “Ora sto assumendo farmaci per la pressione sanguigna e soffro di angina”. mentre un altro riportava “Palpitazioni cardiache, mancanza di respiro, stanchezza tutto il tempo”.

È stata segnalata una serie di malattie endocrine e urologiche (es. diabete, ipotiroidismo) e malattie autoimmuni (es. artrite reumatoide). Le risposte in questa categoria includevano: “Ora credo che la mia artrite, i miei problemi al colon, ecc. siano direttamente correlati allo stress di vivere per 14 anni con uno psicopatico. La quantità di energie personali necessarie per affrontare la vita quotidiana con lui sembrava avermi risucchiato la salute personalmente”. e “La mia tiroide è diventata stravagante. ora ho l’ipotiroidismo Il mio livello di TSH è stato sorprendente per il mio medico a 16,4, sto assumendo farmaci”.

Sono stati segnalati anche disturbi meno comuni del sistema nervoso centrale o periferico (es. sclerosi multipla, nevralgia del trigemino, apnea notturna). Ad esempio, “mi è stata diagnosticata la sclerosi multipla anche durante quel periodo: lo stress ha causato la manifestazione dei sintomi della SM in condizioni estreme: affaticamento, perdita della vista, debolezza e paralisi temporanea della gamba sinistra”. e “Mi è stata diagnosticata la fibromialgia e la nevralgia del trigemino, l’ipertensione e la depressione”.

Alcune vittime hanno affermato di avere problemi riproduttivi (ad es. malattie sessualmente trasmissibili, problemi di fertilità). Ad esempio, “Ho sperimentato i sintomi delle mestruazioni che mi hanno portato a ricevere un’assistenza medica speciale. Ho anche avuto problemi di infertilità”. e “Mi ha promesso che non aveva malattie; Ho avuto un’esperienza con lui, non usare il preservativo. Ora ho l’herpes mestruale”. e

Ero incinta di due gemelli a 13 settimane quando lo psicopatico ha insistito perché lo aiutassi a erigere un capannone nel nostro cortile durante una notte fredda e ventosa. Gli ho detto che ero stanco e non mi sentivo bene, ma come al solito doveva fare a tutti i costi, quindi l’ho aiutato e poi il giorno dopo ho abortito.

Infine, alcune vittime hanno descritto le ferite fisiche che hanno subito. Le risposte qui includevano: “Mi fanno male le costole nei momenti in cui le ha rotte. Un sacco di altre cose non riesco proprio a scriverle. scusa”, e “Mi si è rotta la schiena quando l’ho affrontata per una malattia sessualmente trasmissibile. Il mio occhio era nero quando non ho approvato il suo incontro con i suoi amici drogati “

Cambiamenti comportamentali

Le vittime hanno riportato numerosi cambiamenti comportamentali, inclusi cambiamenti nel sonno e nell’alimentazione (es. insonnia), abbandono della cura di sé (es. abuso di sostanze, fumo) e cambiamenti nelle attività/o interazioni sociali. Le risposte su questo tema includono quanto segue: “Quando ero nell'”occhio del ciclone”, ho avuto GRANDI problemi ad addormentarmi e a rimanere addormentato, ero molto irritabile, non riuscivo a concentrarmi, non ero il mio solito me stesso con i colleghi e amici che non sapevano cosa stesse succedendo ma sentivano che mancava qualcosa in me.”, “autolesionismo (taglio) attacchi di panico abuso di droghe (cocaina, benzo) bevuto troppo” e “Fisicamente, lo faccio e basta non badare affatto. Mi sono trascurato molto”. Molte vittime hanno affermato di aver ridotto le attività sociali come “Ho avuto a che fare con una depressione quasi costante per molto tempo dopo aver lasciato questa donna. Non mi avventurerei in pubblico troppo a lungo, preferendo invece stare in casa e da solo. Non socializzo da nessuna parte come una volta” o “Sono rimasto a casa più spesso e ho abbandonato i gruppi sociali, rifiutato gli inviti per tutti gli eventi sociali”.

Cambiamenti cognitivi

Data la prevalenza dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico, non sorprende che molte vittime abbiano riferito di aver sperimentato intrusione (es. flashback) e dissociazione (es. ruminazione), difficoltà di concentrazione (es. perdita di concentrazione) e difficoltà di memoria. Le risposte rappresentative includono: “Ho frequenti flashback e sono in uno stato di nausea quasi costante”, “Ho sofferto di un acuto senso di ipervigilanza dopo essere stato con il sociopatico. Durò quasi due mesi. Ero molto nervoso per la maggior parte del giorno e della notte, avendo problemi a dormire. Non ho mai avuto una sensazione di panico o preoccupazione così prolungata come questa, mai!”, ” e “Non riuscivo a concentrarmi e stavo quasi per perdere il lavoro perché il mio capo si è accorto che stavo dimenticando le cose e commettendo errori”.

Relazioni interpersonali

Anche il coinvolgimento con un partner intimo con tratti psicopatici ha avuto effetti devastanti sulle relazioni interpersonali delle vittime. Molte vittime hanno sviluppato una perdita di fiducia negli altri, come illustrato dalle descrizioni di mettere in discussione le motivazioni delle persone, controllare i loro precedenti, nascondere informazioni personali e paura del tradimento o dell’abbandono. Le vittime percepivano i propri giudizi sugli altri come difettosi a causa della loro relazione con il partner con alti livelli di psicopatia. Ad esempio: “Ero una persona molto fiduciosa. Ora sono estremamente cauto, specialmente con gli uomini”. “Questo ha scosso la mia fede. Ho riferito quello che è successo e non credo di essere stato creduto. Ora non mi fido degli altri della mia organizzazione religiosa. . .. Sento di non essere più apprezzato dagli altri nella mia religione, e mi sentivo e sapevo di essere molto apprezzato. È difficile credere in me stesso quando tutti gli credono e mi invalidano. . .La cosa che mi ha dato più significato nella mia vita è stata danneggiata e potrebbe essere irreparabile. e “. . .alcune persone e, purtroppo, anche alcune delle persone a me più vicine ho messo in dubbio la mia fiducia per loro. Ho grandi difficoltà a dirlo alla gente a causa dell’umiliazione che ne deriva”. Inoltre, le vittime hanno descritto sentimenti di perdita e solitudine: “Mi sento vuoto e solo, tutto il tempo. Come se avessi perso tutto quello che c’era di buono nella mia vita perché sono un idiota e mi sono innamorato di uno psicopatico. Ho poche speranze di riuscire a trovare qualcuno, o chiunque mi capirà o vorrà uscire con me. La cosa che mi ha dato più significato nella mia vita è stata danneggiata e potrebbe essere irreparabile”. e “. . .alcune persone e, purtroppo, anche alcune delle persone a me più vicine ho messo in dubbio la mia fiducia per loro. Ho grandi difficoltà a dirlo alla gente a causa dell’umiliazione che ne deriva”. Inoltre, le vittime hanno descritto sentimenti di perdita e solitudine: “Mi sento vuoto e solo, tutto il tempo. Come se avessi perso tutto quello che c’era di buono nella mia vita perché sono un idiota e mi sono innamorato di uno psicopatico. Ho poche speranze di riuscire a trovare qualcuno, o chiunque mi capirà o vorrà uscire con me. La cosa che mi ha dato più significato nella mia vita è stata danneggiata e potrebbe essere irreparabile”. e “. . .alcune persone e, purtroppo, anche alcune delle persone a me più vicine ho messo in dubbio la mia fiducia per loro. Ho grandi difficoltà a dirlo alla gente a causa dell’umiliazione che ne deriva”. Inoltre, le vittime hanno descritto sentimenti di perdita e solitudine: “Mi sento vuoto e solo, tutto il tempo. Come se avessi perso tutto quello che c’era di buono nella mia vita perché sono un idiota e mi sono innamorato di uno psicopatico. Ho poche speranze di riuscire a trovare qualcuno, o chiunque mi capirà o vorrà uscire con me. le vittime hanno descritto sentimenti di perdita e solitudine: “Mi sento vuoto e solo, tutto il tempo. Come se avessi perso tutto quello che c’era di buono nella mia vita perché sono un idiota e mi sono innamorato di uno psicopatico. Ho poche speranze di riuscire a trovare qualcuno, o chiunque mi capirà o vorrà uscire con me. le vittime hanno descritto sentimenti di perdita e solitudine: “Mi sento vuoto e solo, tutto il tempo. Come se avessi perso tutto quello che c’era di buono nella mia vita perché sono un idiota e mi sono innamorato di uno psicopatico. Ho poche speranze di riuscire a trovare qualcuno, o chiunque mi capirà o vorrà uscire con me.

Le vittime hanno riferito di aver interagito in modo diverso con le persone a causa della loro vittimizzazione. I commenti su questo tema includevano: “”Non sono stato fuori casa per oltre 4 mesi, divento irritabile e cerco di trovare scuse quando gli amici o la famiglia mi spingono a uscire da qualche parte.. Voglio andare avanti con la mia vita, ma non pensare che sarò mai al sicuro o libero dalle sue molestie. . ..”, “Sono rimasto a casa più spesso e ho abbandonato i gruppi sociali, rifiutando gli inviti per tutti gli eventi sociali.”; “Ho evitato di andare in molti dei posti che frequentavo una volta, ed evito gli amici che hanno inconsapevolmente partecipato alla vergogna che mi ha fatto subire; anche loro sono stati truffati, ma alcuni di loro ancora non lo capiscono.”; e

Non mi sento ‘umano’. Desidero la vicinanza con un altro ma non riesco a immaginare di essere vicino a nessuno. Non riesco a immaginare di fare sesso con qualcuno o anche cosa sia il sesso. Mi sento inutile e indesiderabile. Al momento non ho amici maschi o uomini nella mia vita. Ho perso i contatti con quasi tutti nell’ultimo mese circa da quando sento di aver finalmente finito.


link di riferimento: https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/0306624X211049187

https://link.springer.com/article/10.1365/s42681-021-00025-6

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S000169182100175X?via%3Dihub

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.