Le mutazioni E166V – L50F+E166V sulle varianti SARS-CoV-2 indeboliscono il Nirmatrelvir

0
47

Un nuovo studio condotto da ricercatori del Copenhagen University Hospital-Danimarca, del Dipartimento di Immunologia e Microbiologia dell’Università di Copenaghen-Danimarca e dell’Università Tecnica della Danimarca ha scoperto che le mutazioni E166V e L50F+E166V che si trovano su vari SARS emergenti- Varianti CoV-2, indebolisce il legame nirmatrelvir-Mpro.

Il nirmatrelvir, un inibitore della proteasi orale, è un componente importante del farmaco Paxlovid, di cui coloro che controllano le narrazioni sul COVID-19 stanno attualmente cercando di promuovere ampiamente nonostante i dati emergenti mostrino che si tratta di un altro farmaco letteralmente inefficace e troppo costoso con effetti tossici a lungo termine, simili il NIH statunitense e la FDA statunitense hanno promosso remdesivir e molnupiravir.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su un server di prestampa e sono attualmente in fase di revisione paritaria.
https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2022.06.06.494921v1

L’inibitore della proteasi orale nirmatrelvir dovrebbe svolgere un ruolo fondamentale per la prevenzione dei casi gravi di malattia da coronavirus 2019 (COVID-19).

Per facilitare il monitoraggio della resistenza potenzialmente emergente, abbiamo studiato la fuga di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo da nirmatrelvir. Le varianti resistenti selezionate nella coltura cellulare ospitavano diverse combinazioni di sostituzioni nella proteasi principale SARS-CoV-2 (Mpro).

Studi genetici inversi in un sistema di coltura cellulare infettiva omologa hanno rivelato una resistenza fino a 80 volte conferita dalla combinazione delle sostituzioni L50F ed E166V. Le varianti resistenti avevano un’elevata forma fisica aumentando la probabilità di insorgenza e diffusione della resistenza. Le simulazioni di dinamica molecolare hanno rivelato che E166V e L50F+E166V hanno indebolito il legame nirmatrelvir-Mpro.

L’inibitore della polimerasi SARS-CoV-2 remdesivir ha mantenuto l’attività contro le varianti resistenti al nirmatrelvir e la combinazione di remdesivir e nirmatrelvir ha migliorato l’efficacia del trattamento rispetto ai singoli composti. Questi risultati hanno implicazioni per il monitoraggio e la garanzia di programmi di trattamento con elevata efficacia contro SARS-CoV-2 e coronavirus potenzialmente emergenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.