Rilevazione prolungata del DNA del virus del vaiolo delle scimmie nei tamponi nasofaringei, nelle urine e nei campioni di sangue

0
34

Fino all’11 luglio 2022 sono stati confermati più di 9.000 casi di vaiolo delle scimmie (MPX) in 57 paesi [1].

L’analisi di sette casi diagnosticati nel Regno Unito tra il 2018 e il 2021 ha rivelato il rilevamento prolungato del DNA del virus MPX nei tamponi nasofaringei, nelle urine e nei campioni di sangue [2]. Inoltre, un rapporto di quattro casi in Italia dall’attuale focolaio ha rilevato il DNA di MPX nello sperma, nelle feci e nella saliva [3].

Abbiamo mirato a caratterizzare lo spargimento virale per comprendere meglio il possibile ruolo di diversi fluidi corporei nella trasmissione della malattia e abbiamo studiato la presenza del DNA del virus MPX nella saliva, tampone rettale, tampone nasofaringeo, sperma, urina e campioni fecali, da 12 pazienti MPX a Barcellona, ​​​​Spagna.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer review: Eurosurveillance. https://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/1560-7917.ES.2022.27.28.2200503

Il virus MPX è un agente patogeno zoonotico e l’infezione da virus orthopox più frequente nell’uomo. Dalla descrizione della malattia nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo, sono stati segnalati numerosi casi in paesi endemici ma anche al di fuori delle aree endemiche in viaggiatori di ritorno dall’Africa occidentale e centrale [2,7]. Nel 2003 è stato segnalato un focolaio di MPX negli Stati Uniti legato all’importazione di animali infetti [8].

Il virus è stato quindi considerato come un’infezione emergente e una potenziale minaccia per la salute pubblica, che purtroppo è stata confermata nei successivi focolai di MPX [7], compreso l’attuale focolaio in corso [9].

In questo studio, forniamo dati su 147 campioni clinici, raccolti in 23 punti temporali da 12 casi confermati di MPX a Barcellona. Le nostre conoscenze sulla diffusione del virus MPX sono chiaramente limitate, ma estremamente necessarie nell’attuale situazione epidemiologica, in cui molti paesi stanno vivendo un’impennata di casi.

A nostra conoscenza, un unico report [3] è stato pubblicato su questo argomento, riportando i risultati su 24 campioni da quattro casi e ha rilevato DNA MPX nel seme (tre pazienti), sangue (un paziente), tampone nasofaringeo (tre pazienti), feci (due pazienti) e saliva (un paziente). Inoltre, uno studio dalla Germania [10] ha rilevato il virus MPX nel sangue e nello sperma di due casi.

Nell’attuale focolaio, numerosi dati clinici ed epidemiologici supportano il fatto che il contatto stretto spesso nel contesto dell’attività sessuale sta guidando la trasmissione della malattia [11]. Pertanto, una descrizione dettagliata della presenza del virus nei fluidi corporei può far luce sui meccanismi di trasmissione virale.

Al momento della diagnosi, il DNA del virus MPX è stato rilevato nei tamponi di lesioni cutanee in tutti i pazienti. Nelle pustole cutanee sono state osservate cariche virali elevate (intervallo di valori Cq: 16–21). Alcuni pazienti presentavano ulteriori lesioni orali, faringee e rettali. La capacità dell’infezione da virus MPX di causare proctite e altre presentazioni cliniche atipiche giustifica ulteriori ricerche [12,13]. È interessante notare che l’analisi dei campioni di follow-up ha mostrato la diffusione del virus MPX in una serie di fluidi corporei durante le prime 2 settimane di malattia e fino a 16 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

I nostri risultati sui campioni di saliva sono di particolare interesse. In un precedente rapporto, la saliva è stata testata solo una volta in un singolo paziente [3]. Qui, troviamo che il DNA di MPX è stato rilevato nella saliva ad un certo punto in tutti i 12 pazienti studiati, nei campioni raccolti tra 4 e 16 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

Gli altri campioni clinici analizzati, compreso lo sperma, contenevano spesso il DNA del virus MPX. Non abbiamo eseguito colture cellulari e nella letteratura esistente non è stata riportata una chiara correlazione tra PCR in tempo reale e isolamento del virus. Tuttavia, i risultati di studi su campioni animali che hanno quantificato il virus MPX ed eseguito colture cellulari indicano che l’isolamento del virus può avere successo con cariche virali comprese tra 104 e 105 copie/ml [14].

Inoltre, durante l’attuale focolaio, il virus MPX è stato isolato da campioni di lesioni cutanee con una Cq di 20 in un caso [10]. Con i bassi valori di Cq osservati nel nostro studio in una varietà di campioni come saliva, tampone rettale, sperma, urina e campioni fecali, ulteriori ricerche sul potenziale infettivo di questi fluidi corporei e sul loro potenziale ruolo nella trasmissione della malattia da stretto contatto fisico durante l’attività sessuale è garantita.

La diffusione iniziale di MPX in Europa sembrava essere correlata a specifici eventi di raduno di massa in Spagna e Belgio [15]. I nostri dati mostrano che, tra i 12 casi studiati, la storia del viaggio in queste aree era assente e solo alcuni pazienti hanno riferito di aver avuto uno stretto contatto fisico con casi positivi di MPX.

Infatti, mentre la dimensione del paziente studiata era piccola, la nostra esperienza accumulata con circa 125 casi diagnosticati indica che, in alcuni dei nostri primi casi, la storia del viaggio verso gli eventi summenzionati era più frequente, mentre nei casi successivi, una storia di contatto sessuale con qualcuno che ha partecipato a uno di questi eventi o l’assenza di questo collegamento epidemiologico era più frequente (dati non mostrati). Questo, insieme al numero crescente di casi in tutto il mondo [1], supporta la nozione di trasmissione prolungata di MPX nella comunità, almeno all’interno dei gruppi a rischio MSM a Barcellona.

Un aumento dei casi di MPX è stato collegato a un calo della popolazione vaccinata contro il vaiolo in aree endemiche come la Nigeria [7]. La vaccinazione delle famiglie ad alto rischio e dei contatti stretti identificati è considerata una misura complementare per il controllo dell’attuale epidemia di MPX da alcune organizzazioni come l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito [16].

Da notare, nel nostro studio, la vaccinazione contro il vaiolo è stata segnalata in quattro dei sette pazienti in cui queste informazioni erano disponibili. Ulteriori informazioni dettagliate sulla storia del vaccino da serie di casi più ampie e test sierologici accoppiati dovrebbero essere eseguiti per una migliore comprensione dell’effetto protettivo del vaccino contro il vaiolo contro il ceppo virale MPX attualmente in circolazione.

 
Aggiornamenti Monkeypox  : nelle ultime ore mostrano che il numero totale di infezioni confermate globali di vaiolo scimmia ha raggiunto 14.628 con la Spagna in testa con 3299 casi, seguita dal Regno Unito con 2.137 casi, USA con 2.108 casi, Germania 2.033 casi, Francia 912 casi , Paesi Bassi 656 casi e Canada 596 casi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.