Il consumo di verdure verdi e l’aggiunta di un integratore quotidiano di clorofillina aiuta ad alleviare i sintomi della malattia infiammatoria intestinale

0
72

L’integratore alimentare di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, secondo i ricercatori del Center for Diabetes and Metabolism Research dell’Università di Sichuan in Cina e del Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles.

Inoltre, la clorofillina riduce significativamente la mortalità correlata a IBD, perdita di peso, diarrea e sangue nascosto nelle feci, danno epiteliale intestinale e infiltrazione di cellule infiammatorie.

I risultati sono stati pubblicati prima della stampa sull’American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology e lo studio è stato scelto come articolo APS select per agosto.

I disturbi gastrointestinali cronici come l’IBD colpiscono decine di milioni di persone che vivono negli Stati Uniti. L’IBD ha creato un onere sanitario globale a causa dell’aumento dei costi di trattamento della condizione.

Sebbene la causa esatta dell’IBD non sia completamente compresa, alcuni fattori che contribuiscono includono lo stress e le scelte ambientali, lo stile di vita e la dieta, come l’elevato consumo di carne o pesce.

Anche l’infiammazione cronica, l’anomalia nell’autofagia – il processo del corpo di ripulire le cellule danneggiate per fare spazio a cellule più nuove e più sane – e lo stress lisosomiale (un’anomalia in un organello che porta all’infiammazione) sono collegati alla condizione.

Le attuali terapie per l’IBD includono farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori) e la chirurgia. Tuttavia, l’uso a lungo termine di trattamenti immunosoppressori potrebbe causare gravi effetti avversi, comprese infezioni opportunistiche e persino insufficienza d’organo.

In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di un integratore orale di clorofillina, un composto derivato dal pigmento verde presente nelle piante, riduce la colite e le anomalie negli epiteli intestinali dei topi.

Inoltre, il consumo di verdure verdi e clorofillina può essere utile per il recupero dell’IBD, in parte attraverso l’alleviamento dell’infiammazione e del flusso autolisosomico (un processo che utilizza il lisosoma per degradare e rimuovere molecole e organelli tossici).

Il pigmento verde presente in questi alimenti e integratori può avviare una segnalazione di alimentazione per modulare l’autofagia nelle cellule, che sopprime i sintomi dell’IBD.

I ricercatori ritengono che questi risultati potrebbero essere un percorso verso un trattamento meno intrusivo per l’IBD.

“Il consumo di verdure di colore verde o integratori di pigmenti verdi come la clorofillina potrebbe aiutare le persone con malattie infiammatorie intestinali”, ha affermato Xiaofeng Zheng, Ph.D., dell’Università di Sichuan e coautore dello studio.


Le malattie infiammatorie intestinali (IBD) sono disturbi gastrointestinali cronici e recidivanti, caratterizzati da colite ulcerosa (CU) e morbo di Crohn (CD) (1). Sebbene l’eziologia dell’IBD rimanga poco conosciuta, le prove accumulate suggeriscono che fattori dietetici, ambientali, genetici, epigenetici e immunologici possono promuovere l’inizio e la progressione della malattia (2-5).

Due forme di sindromi IBD condividono alcuni meccanismi comuni ma sono distinte nelle loro caratteristiche fisiopatologiche. Nella malattia di Crohn (CD), l’infiammazione è tipicamente segmentaria, asimmetrica e transmurale. La CD colpisce l’intero tratto gastrointestinale ei reperti patologici si trovano principalmente nell’ileo terminale e nel colon (6). Al contrario, la CU mostra un pattern continuo di malattia, che coinvolge la mucosa superficiale e la sottomucosa, ed è limitata al colon (7).

La prevalenza di IBD è elevata in Europa e Nord America, mentre il tasso è in aumento in Asia, Africa e Sud America (8). I costi crescenti per l’assistenza sanitaria per le MICI sono diventati un onere sanitario globale (9). Le attuali strategie terapeutiche per l’IBD sono spesso basate su farmaci antinfiammatori, agenti immunosoppressori, terapia biologica e chirurgia (10, 11).

Tuttavia, questi trattamenti presentano carenze come gravi effetti collaterali e rischio chirurgico. Inoltre, molti pazienti non rispondono bene a questi trattamenti. Pertanto, dovrebbero essere esplorati approcci terapeutici alternativi e persino diete o integratori alimentari.

La composizione squilibrata della dieta è ben nota per la patogenesi delle IBD. Le diete ricche di zuccheri e di grassi sono strettamente correlate all’incidenza di IBD (12, 13), mentre le diete a base di frutta e verdura sono correlate negativamente (12, 14). Coerentemente con questa nozione, le incidenze di IBD sono elevate nell’Europa occidentale e nel Nord America in associazione con la dieta e lo stile di vita.

Al contrario, la bassa incidenza di IBD in Asia e in altre regioni è correlata a una dieta ricca di verdure verdi. Varie vitamine e fibre nelle verdure verdi sono benefiche per la salute umana e possono prevenire molte malattie tra cui l’IBD. Tuttavia, il pigmento verde nelle verdure verdi, vale a dire la clorofilla, deve ancora essere esaminato per il miglioramento dell’IBD.

La clorofillina (CHL, C34H31CuN4Na3O6) è un derivato alimentare semisintetico e solubile in acqua della clorofilla, ampiamente utilizzato nell’industria alimentare (15). Numerosi studi hanno dimostrato i ruoli del CHL nell’antigenetossicità, nell’antiossidazione e nell’anticarcinogenesi (16-20), tuttavia, i potenziali effetti terapeutici del CHL sull’IBD devono ancora essere studiati.

D’altra parte, l’autofagia nella dinamica fisiologica è essenziale per mantenere l’omeostasi intestinale. L’autofagia è un processo biologico di base per tutti gli eucarioti ed è vitale per la risposta ambientale e il meccanismo di adattamento per la disponibilità di nutrienti e calorie (21).

Una delle principali funzioni dell’autofagia è il turnover di proteine ​​a vita lunga o mal ripiegate e organelli danneggiati per il riciclaggio metabolico (22). Il flusso autofagico è concertato con la digestione lisosomiale e svolge un ruolo importante nel mantenimento dell’omeostasi metabolica nella morte cellulare programmata, nella differenziazione cellulare, nella clearance intracellulare dei patogeni e nell’immunomodulazione (23, 24).

Precedenti studi hanno dimostrato che la variazione genetica dei geni dell’autofagia, tra cui 16-like 1 (ATG16L1) correlata all’autofagia, la famiglia GTPase M (IRGM) correlata all’immunità e la chinasi 1 simile a Unc-51 (ULK1), è associata alla suscettibilità alle IBD ( 25–27). I topi con delezione di Atg16l1 sono suscettibili alla colite indotta da destrano solfato sodico (DSS) in parte a causa di anomalie delle cellule di Paneth o aumento della produzione di IL-1β (28, 29).

Al contrario, l’attivazione anormale dell’autofagia intestinale può aggravare la progressione delle MICI (30-32). Dati i ruoli fondamentali dei nutrienti nella regolazione dell’mTOR e dell’autofagia, è quindi interessante sapere se la clorofillina, un pigmento verde alimentare, può regolare l’autofagia intestinale nel contesto dell’IBD.

In questo studio, abbiamo trovato l’attivazione persistente dell’autofagia nella colite sperimentale. Inoltre, abbiamo scoperto che il CHL potrebbe alleviare la colite sperimentale in parte a causa dell’attivazione del percorso Akt/mTOR, portando alla soppressione del flusso autofagico nel modello IBD. Pertanto, questo studio indica un potenziale ruolo benefico di CHL e verdure verdi nella mitigazione delle sindromi IBD.

https://journals.physiology.org/doi/full/10.1152/ajpgi.00291.2021

Ricerca originale:  accesso aperto.
” Dispositivi Liver-on-a-chip: i pro ei contro della complessità ” di Philip Dalsbecker et al. Giornale americano di fisiologia: fisiologia gastrointestinale e del fegato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.