Il livello di motivazione può influenzare la nostra percezione e quindi le nostre scelte

0
60

Di buon umore o di cattivo umore, concentrato o distratto, disperato o non necessario: i nostri stati interni influenzano direttamente le nostre percezioni e il processo decisionale.

Mentre il ruolo della motivazione nell’esecuzione di compiti comportamentali è noto da più di un secolo – grazie al lavoro degli psicologi Robert Yerkes e John Dilligham Dodson – il suo preciso effetto sul cervello rimane poco chiaro.

Un team dell’Università di Ginevra (UNIGE), in collaborazione con l’EPFL, ha rivelato come la motivazione altera i circuiti neurali responsabili della percezione sensoriale che precede il processo decisionale nei topi.

Questo studio rivela perché un livello di motivazione troppo alto o troppo basso può influenzare la nostra percezione e quindi le nostre scelte.

Questi risultati, pubblicati sulla rivista Neuron, aprono nuove prospettive nei metodi di apprendimento.

Andare al lavoro la mattina presto, scegliere un ristorante all’ora di pranzo: molte delle nostre decisioni sono motivate da bisogni, come guadagnarsi da vivere o soddisfare la nostra fame.

Tuttavia, il processo decisionale è un processo complesso, che può essere influenzato anche da fattori esterni, come l’ambiente o altri individui, e dai nostri stati interni, come il nostro umore, il nostro livello di attenzione o il nostro grado di motivazione.

Il laboratorio di Sami El-Boustani, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze di Base della Facoltà di Medicina dell’UNIGE e beneficiario di una borsa di studio Eccellenza (FSNS), sta studiando i circuiti neurali coinvolti nel processo decisionale. In un recente lavoro, svolto in collaborazione con il team del professor Carl Petersen all’EPFL, il suo laboratorio ha studiato il ruolo svolto da uno specifico stato interno – la motivazione – nella percezione e nel processo decisionale.

Da più di un secolo si sa che esiste una relazione tra motivazione e performance grazie al lavoro degli psicologi americani Robert Yerkes e John Dilligham Dodson. Troppa o poca motivazione è dannosa per le prestazioni. Tuttavia, il modo in cui ciò influisce sui nostri circuiti neurali rimane poco chiaro.

“Volevamo osservare come le informazioni sensoriali trasmesse dai neuroni nella corteccia siano alterate dal grado di motivazione e in che misura quest’ultima possa avere un effetto sull’apprendimento e sulle prestazioni in un compito decisionale”, spiega Sami El-Boustani , l’autore principale dello studio.

Il team di ricerca ha sviluppato un paradigma comportamentale che coinvolge i topi in un regime di consumo idrico controllato. Per prima cosa hanno addestrato questi roditori a rispondere agli stimoli tattili tramite due baffi (A e B) ea produrre un’azione – leccare un beccuccio – solo per il baffo A in modo da ottenere una goccia d’acqua.

In seguito a questo addestramento, questi topi hanno reagito principalmente alla stimolazione del baffo A, indicando così la loro capacità di discriminare tra queste due sensazioni. Infine, i ricercatori hanno condotto questi esperimenti a livelli decrescenti di sete per variare la motivazione dei roditori a partecipare all’attività.

Lo stato di ipermotivazione offusca le informazioni sensoriali

In uno stato di grande sete – quindi di grande motivazione – i roditori si sono comportati male. Leccarono il beccuccio indiscriminatamente, senza distinguere tra i baffi stimolati.

Al contrario, in uno stato di moderata sete, la scelta della propria azione diventava ottimale. Leccavano principalmente il beccuccio quando veniva stimolato il baffo A. Alla fine, quando non avevano molta sete, il loro rendimento nel compito è diminuito di nuovo.

Osservando l’attività delle popolazioni neuronali responsabili del processo decisionale percettivo in questi topi, i ricercatori hanno scoperto che i neuroni in questi circuiti erano inondati di segnali elettrici quando i topi erano iper-motivati. Al contrario, in uno stato di bassa motivazione, i segnali erano troppo deboli.

“L’ipermotivazione porta a una forte stimolazione dei neuroni corticali, che provoca una perdita di precisione nella percezione degli stimoli tattili”, afferma Giulio Matteucci, un Postdoctoral Fellow nel laboratorio di Sami El-Boustani e primo autore dello studio.

Al contrario, nello stato di bassa motivazione, l’accuratezza delle informazioni sensoriali è stata recuperata, ma la forza del segnale era troppo bassa per essere trasferita correttamente. Di conseguenza, anche la percezione degli stimoli era compromessa.

Una nuova comprensione dell’apprendimento

Questi risultati aprono nuove prospettive. Forniscono una possibile base neurale per la legge di Yerkes-Dodson.

”Rivelano inoltre che il livello di motivazione non influisce solo sul processo decisionale, ma anche sulla percezione delle informazioni sensoriali, che porta alla decisione”, spiega Carl Petersen, Professore Ordinario presso il Brain Mind Institute dell’EPFL e co-senior autore nello studio.

Questo lavoro suggerisce anche che è necessario disaccoppiare l’acquisizione e l’espressione di nuove conoscenze.

”Abbiamo osservato che i topi hanno compreso la regola molto rapidamente, ma hanno potuto esprimere questo apprendimento solo molto più tardi, a seconda di una percezione alterata legata al loro livello di motivazione.”

Questo svelamento del ruolo della motivazione nell’apprendimento apre la strada a nuovi metodi adattivi che mirano a mantenere un livello ottimale di motivazione durante l’apprendimento.


L’impatto degli stati motivazionali
Esistono alcuni suggerimenti indiretti che i motivi alla base del pio desiderio hanno un impatto sulla percezione visiva. Un recente lavoro incentrato su stati motivazionali più orientati biologicamente mostra che influenzano la percezione degli stimoli visivi.

Ad esempio, Changizi e Hall (2001) hanno dimostrato che i partecipanti assetati percepivano una maggiore trasparenza negli stimoli visivi ambigui rispetto a quelli che non avevano sete, presumibilmente perché la trasparenza è una caratteristica associata all’acqua.

Le donne durante i periodi di alta fertilità erano più veloci nel classificare le fotografie maschili rispetto a quelle femminili in base al sesso, rispetto a quelle non in uno stato così fertile (Macrae, Alnwick, Milne e Schloerscheidt, 2002). È importante che lo stesso miglioramento comparativo non fosse presente per le donne che assumevano una pillola contraccettiva o per quelle in gravidanza (Johnston, Arden, Macrae e Grace, 2003).

Entrambi questi esempi suggeriscono una maggiore sensibilità percettiva per le caratteristiche degli stimoli visivi che sono rilevanti per le pulsioni o i desideri biologici.
Ma la spinta al pio desiderio influenzerebbe similmente la percezione? In un certo senso, questa domanda è una rivisitazione e una riapertura di una delle questioni centrali dell’approccio New Look alla percezione sorto in psicologia negli anni Quaranta e Cinquanta (Bruner & Minturn, 1955).

Secondo i teorici del New Look, la percezione era un processo attivo e costruttivo influenzato da molti fattori dall’alto verso il basso. Una classe di tali fattori era costituita dai bisogni e dai valori di chi percepiva. Ad esempio, Bruner e Goodman (1947) hanno chiesto a bambini in diverse condizioni socio-economiche di stimare la dimensione delle monete monetarie manipolando il diametro di un raggio di luce.

I bambini più poveri, per i quali il valore del denaro era maggiore, sopravvalutavano la dimensione delle monete rispetto ai bambini più ricchi, che si presumeva attribuissero un valore inferiore alle stesse monete. Negli studi sulla difesa percettiva, i teorici del New Look hanno concluso che i partecipanti hanno inibito il riconoscimento di stimoli minacciosi, come le parole preoccupanti (Postman, Bruner e McGinnies, 1948).


Queste dimostrazioni iniziali di influenze motivazionali sulla percezione sono state accolte con molto entusiasmo, seguito poi da aspre critiche. A dire il vero, gran parte di ciò che i teorici del New Look hanno proposto è durato fino ad oggi e informa la psicologia cognitiva e percettiva contemporanea in modi fondamentali. Gli psicologi concordano uniformemente con il principio del New Look secondo cui gran parte della cognizione avviene inconsciamente, cioè al di fuori della consapevolezza, del monitoraggio o del controllo di una persona (Greenwald, 1992; Wegner & Bargh, 1998).

Molti libri di testo moderni descrivono la proposta del New Look secondo cui la percezione è filtrata: che la rappresentazione dell’ambiente che le persone hanno nella coscienza ha omesso una buona quantità di informazioni che si trovano effettivamente nell’ambiente (Allport, 1989; Miller, 1987). Allo stesso modo, la percezione di un oggetto è influenzata in modo importante dalle aspettative di chi percepisce così come dal contesto che circonda quell’oggetto (Biederman, Mezzanotte, & Rabinowitz, 1982; Boyce & Pollatsek, 1992; Li & Warren, 2004; Long & Toppino , 2004).

Tuttavia, l’affermazione specifica di New Look secondo cui gli stati motivazionali influenzano la percezione non ha raggiunto la stessa statura e longevità di queste altre intuizioni. Si è invece arenata negli anni Cinquanta sui banchi rocciosi delle difficoltà metodologiche e delle controversie teoriche (Eriksen, 1958, 1962; Eriksen & Browne, 1956; Goldiamond, 1958; Prentice, 1958; Wohlwill, 1966).

I critici hanno sottolineato che i bambini più poveri potrebbero giudicare erroneamente le dimensioni delle monete perché non hanno familiarità con esse, o che i loro giudizi errati potrebbero comportare problemi di memoria piuttosto che di percezione (McCurdy, 1956). I critici hanno anche notato negli studi sulla difesa percettiva che i partecipanti avrebbero potuto impiegare più tempo a riferire parole preoccupanti non perché ci fosse voluto più tempo per percepirle, ma piuttosto perché ci voleva più tempo per superare la sorpresa di vederle o l’imbarazzo di pronunciarle ( Erdelyi, 1974, 1985). Altri si sono lamentati del fatto che la relativa scarsa familiarità con le parole minacciose, e non il loro pugno motivazionale, fosse l’ingrediente chiave che rallentava le risposte di riconoscimento dei partecipanti (Adkins, 1956; Howes & Solomon, 1950).

In quanto tale, l’influenza degli stati motivazionali sulla percezione non è mai stata stabilita con fermezza. E quando gli anni ’50 chiusero lo studio della relazione tra stati motivazionali e percezione, questa ricerca cadde nel dimenticatoio e cessò di avere l’impatto maggiore, se non del tutto, di cui godevano altre intuizioni dalla tradizione del New Look (Dunning, 2001 ; Erdelyi, 1974; Gilbert, 1998; Jones, 1985; Nisbett e
Ross, 1980).

link di riferimento: DOI: 10.1037/0022-3514.91.4.612


Ricerca originale:  accesso aperto.
” Elaborazione sensoriale corticale attraverso stati motivazionali durante il comportamento diretto all’obiettivo ” di Sami El-Boustani et al. Neurone

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.