Il ruolo importante dei tratti della personalità per le differenze individuali nell’esperienza dello stress

0
53

Un nuovo documento co-scritto da un team di esperti dell’Università dell’Illinois Urbana-Champaign che studiano la scienza delle personalità sottolinea l’importante ruolo dei tratti della personalità per tenere conto delle differenze individuali nell’esperienza dello stress.

In una meta-analisi che sintetizza più di 1.500 dimensioni dell’effetto da circa 300 studi primari, il team ha dimostrato che mentre tutti i tratti della personalità dei “Big Five” —

  • piacevolezza,
  • coscienziosità,
  • estroversione,
  • Nevrosi
  • apertura

– sono legati allo stress, il nevroticismo ha mostrato il legame più forte, ha detto Bo Zhang, professore di lavoro e rapporti di lavoro e di psicologia all’Illinois e coautore dell’articolo.

“Lo stress è un importante problema di salute mentale e fisica che colpisce molte persone e molti importanti ambiti della vita, e alcuni individui hanno maggiori probabilità di sperimentare o percepire lo stress in modo sproporzionato o più intenso rispetto ad altri, il che può quindi svolgere un ruolo nella salute mentale e fisica problemi come ansia o depressione.

“Abbiamo scoperto che gli individui ad alto contenuto di nevroticismo” – una tendenza accentuata verso l’affetto negativo così come una risposta esagerata alla minaccia, alla frustrazione o alla perdita – “hanno dimostrato una relazione sia con l’esposizione allo stress che con lo stress percepito che era più forte degli altri quattro tratti della personalità. “

I coautori di Zhang sono Jing Luo, della Feinberg School of Medicine della Northwestern University; Mengyang Cao, ex studente laureato dell’Università di I.; e Brent W. Roberts, professore di psicologia all’Università di I.

“Lo studio è la prima revisione meta-analitica che riassume e integra i risultati assortiti sulle connessioni tra i tratti della personalità dei Big Five e lo stress”, ha affermato Luo, il principale investigatore della ricerca.

“Il nostro articolo suggerisce che alcuni tratti della personalità sono una fonte importante per comprendere le differenze individuali nello stress”.

I ricercatori hanno scoperto che quando è stato testato lo stress valutato sotto diverse concettualizzazioni, tutti i tratti dei Big Five erano correlati allo stress percepito, ma solo il nevroticismo, la gradevolezza e la coscienziosità erano correlati all’esposizione allo stress.

“Gli altri principali fattori di personalità hanno un legame con lo stress, ma non è così pronunciato come in qualcuno che è nevrotico”, ha detto Zhang.

“Con la gradevolezza e la coscienziosità, ad esempio, è possibile che le persone gradevoli abbiano meno probabilità di incontrare situazioni stressanti come i conflitti interpersonali a causa della tendenza a essere premurose, comprensive e indulgenti.

“Allo stesso modo, le persone coscienziose hanno meno probabilità di sperimentare lo stress perché le loro buone capacità di autoregolazione possono proteggerle dall’incontro con esperienze stressanti, nonché dagli impatti psicologici negativi dei fattori di stress”.

Ma non è lo stesso modo in cui il nevroticismo influisce sullo stress, ha detto Zhang.

“Il nevroticismo e lo stress condividono componenti comuni, quindi è probabile che gli individui ad alto livello di nevroticismo svolgano un ruolo strumentale nel generare fattori di stress e reagire a un’ampia varietà di eventi in modi negativi, portando a una maggiore probabilità o cronicità di esperienze negative”, ha affermato.

Lo studio sottolinea l’importanza della personalità per comprendere meglio le differenze individuali nello stress, hanno affermato i ricercatori.

“Lo stress è onnipresente e i risultati di questo studio potrebbero avere implicazioni per l’indagine sulle differenze individuali nell’esperienza dello stress e l’identificazione di individui ad alto rischio di soffrire di stress e problemi di salute correlati”, ha affermato Zhang.

“Se vogliamo aggiungere una sorta di programma di intervento per aiutare le persone a gestire lo stress, potremmo dover prendere in considerazione il loro specifico profilo di personalità, perché ci sono differenze individuali nel modo in cui le persone gestiscono lo stress”.


Il nevroticismo è la disposizione caratteristica a sperimentare affetti negativi, tra cui rabbia, ansia, autocoscienza, irritabilità, instabilità emotiva e depressione. Le persone con livelli elevati di nevroticismo rispondono male allo stress ambientale, interpretano le situazioni ordinarie come minacciose e possono sperimentare frustrazioni minori come irrimediabilmente opprimenti. Il nevroticismo è uno dei domini dei tratti della personalità più ben consolidati e convalidati empiricamente, con un corpus sostanziale di ricerche a sostegno della sua ereditarietà, antecedenti dell’infanzia, stabilità temporale nel corso della vita e presenza universale1, 2.

Il nevroticismo ha enormi implicazioni per la salute pubblica3. Fornisce una vulnerabilità disposizionale per un’ampia gamma di diverse forme di psicopatologia, tra cui ansia, umore, sostanze, sintomi somatici e disturbi alimentari1, 4. e l’instabilità emotiva del nevroticismo. Episodi clinicamente significativi di ansia e stati d’animo depressivi spesso rappresentano un’interazione del tratto o del temperamento del nevroticismo con un fattore stressante della vita1.

Il nevroticismo è associato in modo comparabile a una vasta gamma di malattie fisiche, come problemi cardiaci, funzionamento immunitario interrotto, asma, eczema atopico, sindrome dell’intestino irritabile e persino un aumento del rischio di mortalità2. La relazione del nevroticismo con i problemi fisici è sia diretta che indiretta, in quanto il nevroticismo fornisce una vulnerabilità per lo sviluppo di queste condizioni, così come una disposizione a esagerare la loro importanza e un’incapacità di rispondere efficacemente al loro trattamento.

Il nevroticismo è anche associato a una ridotta qualità della vita, inclusi sentimenti di cattiva volontà, preoccupazione eccessiva, fallimento lavorativo e insoddisfazione coniugale5. Alti livelli di nevroticismo contribuiranno a scarse prestazioni lavorative a causa di preoccupazione emotiva, esaurimento e distrazione. Simile all’effetto a doppio taglio del nevroticismo sulle condizioni fisiche, alti livelli di nevroticismo si tradurranno in un effettivo deterioramento delle relazioni coniugali ma anche sentimenti soggettivi di insoddisfazione coniugale anche quando non vi è alcuna base oggettiva per tali sentimenti, che tuttavia possono a loro volta portare a reale frustrazione e ritiro coniugale.

Dato il contributo del nevroticismo a così tanti esiti negativi della vita, è stato raccomandato che la popolazione generale venga sottoposta a screening per livelli clinicamente significativi di nevroticismo durante le visite mediche di routine1, 6. Lo screening in assenza di cure disponibili sarebbe problematico. 

Tuttavia, il nevroticismo risponde all’intervento farmacologico1. La farmacoterapia può effettivamente abbassare i livelli del tratto di personalità del nevroticismo. Barlow et al.7 hanno anche sviluppato un trattamento cognitivo-comportamentale del nevroticismo validato empiricamente, chiamato Protocollo Unificato (UP). Hanno suggerito che gli attuali trattamenti psicologici sono diventati eccessivamente specializzati, concentrandosi sui sintomi specifici del disturbo. L’UP è stato progettato per essere transdiagnostico.

Il nevroticismo è stato a lungo riconosciuto fin dall’inizio della ricerca scientifica di base sulla personalità e potrebbe anche essere il primo dominio della personalità che è stato identificato all’interno della psicologia1. Data la sua importanza centrale per così tante diverse forme di disfunzione mentale e fisica, non sorprende che il nevroticismo sia evidente all’interno dei modelli predominanti di personalità, disturbo della personalità e psicopatologia.

Il nevroticismo è uno dei domini fondamentali della personalità generale inclusi nel modello a cinque fattori o Big Five2. Rientra anche nel modello dei tratti dimensionali incluso nella Sezione III del DSM‐5 per misure e modelli emergenti8. Questo modello di tratto è costituito da cinque ampi domini, tra cui l’affettività negativa (insieme a distacco, psicotismo, antagonismo e disinibizione). Come espresso nel DSM‐5, “questi cinque ampi domini sono varianti disadattive dei cinque domini del modello di personalità ampiamente convalidato e replicato noto come ‘Big Five’ o Modello a cinque fattori di personalità”8.

Anche il nevroticismo è allineato con il dominio affettivo negativo incluso nel modello del tratto dimensionale del disturbo di personalità proposto per l’ICD-119. Infine, è evidente anche all’interno dei criteri del dominio di ricerca transdiagnostico (RDoC) del National Institute of Mental Health, poiché la valenza negativa RDoC incapsula costrutti come paura, angoscia, frustrazione e perdita percepita10. Sarebbe inesatto suggerire che la valenza negativa RDoC sia equivalente al nevroticismo, ma è evidente che sono strettamente allineati.

Attualmente, c’è un notevole interesse per i fattori generali della psicopatologia, del disturbo della personalità e della personalità. Nella misura in cui il grado di menomazione e disfunzione (che definisce in gran parte i fattori generali) è associato al livello di angoscia e sgomento, il che è molto probabile, suggeriamo che il nevroticismo spieghi una parte sostanziale della varianza in quei fattori generali.

In sintesi, il nevroticismo è un dominio fondamentale della personalità che ha enormi implicazioni sulla salute pubblica, incidendo su un’ampia gamma di problemi di salute psicopatologica e fisica. Contribuisce al verificarsi di molti esiti di vita significativamente dannosi, oltre a compromettere la capacità delle persone di affrontarli adeguatamente. È stato a lungo riconosciuto come uno dei domini più importanti e significativi della personalità e viene sempre più riconosciuto come un dominio fondamentale del disturbo di personalità e della psicopatologia più in generale.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5428182/


Ricerca originale:  accesso chiuso.
” La personalità stressante: una revisione meta-analitica della relazione tra personalità e stress ” di Jing Luo et al. Revisione della personalità e della psicologia sociale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.