Il consumo di alcol da basso a moderato può aiutare a ridurre i rischi di demenza

0
52

Un recente studio condotto dalla dottoressa Louise Mewton presso il Center for Healthy Brain Aging (CHeBA) dell’UNSW ha riacceso il dibattito sul fatto che bassi livelli di consumo di alcol possano essere positivi per la salute.

La recensione, pubblicata su Addiction, ha dimostrato che astenersi completamente dall’alcol può effettivamente aumentare il rischio di demenza.

Negli ultimi decenni, la prevalenza globale stimata della demenza è quasi triplicata, passando da 20,2 milioni nel 1990 a 57,4 milioni nel 2019. Entro il 2050, la proiezione è che ci saranno 152 milioni di persone nel mondo che vivranno con la demenza.

Secondo i ricercatori, la riduzione dei fattori di rischio è una strategia fondamentale per la prevenzione della demenza, in particolare alla luce dell’assenza di trattamenti modificanti la malattia per la demenza. Un rapporto del 2020 della The Lancet Commission for Dementia Prevention, Intervention and Care ha stimato che il 40% dei casi globali di demenza potrebbe essere prevenuto o ritardato se 12 fattori di rischio chiave modificabili per la demenza fossero eliminati, con l’uso eccessivo o dannoso di alcol nella mezza età appena elencato come uno di quei fattori.

Il dottor Mewton, che è a capo del gruppo sui fattori di rischio al CHeBA, ha affermato che l’inclusione dell’alcol come fattore di rischio chiave per la demenza si basa su prove coerenti e solide che indicano che l’uso cronico di alcolici è associato alla demenza e al declino cognitivo.

“C’è controversia sull’impatto di livelli più moderati di consumo di alcol sull’incidenza della demenza. Anche bassi livelli di consumo di alcol sono stati associati a peggiori esiti di salute, incluso un aumento del rischio di cancro”.

“Sono stati anche associati all’atrofia in regioni chiave del cervello legate alla demenza, come l’ippocampo”.

Tuttavia, in questo studio internazionale condotto su quasi 25.000 adulti residenti in comunità di età superiore ai 65 anni, inclusi Stati Uniti, Australia, Europa, Brasile e Repubblica del Congo, è stato costantemente dimostrato che l’astinenza dall’alcol era associata a un rischio più elevato di demenza .

“I nostri dati provengono da 15 studi sull’invecchiamento sano in sei continenti e da una solida valutazione del consumo di alcol e della demenza”, ha affermato il dott. Mewton.

“Durante la durata dello studio 2.124 adulti hanno sviluppato demenza. Ciò che possiamo concludere dal nostro studio è che non sembra esserci la necessità di intervenire in quegli adulti più anziani che attualmente bevono in modo da leggero a moderato se la prevenzione della demenza è l’obiettivo finale”.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che bevevano fino a quattro bevande standard australiane al giorno avevano un rischio inferiore di demenza rispetto alle persone che non bevevano affatto. Il minor rischio di demenza associato al consumo di alcol era evidente al di là degli effetti delle caratteristiche demografiche (come età, sesso e istruzione), nonché delle caratteristiche cliniche (come storia di ictus, diabete e ipertensione).

“È stato suggerito che l’aumento del rischio di demenza associato all’astinenza può essere il risultato dell’inclusione di ex bevitori che hanno smesso di bere a causa di altre condizioni di salute o dell’insorgenza di problemi cognitivi”.

“Tuttavia, il nostro studio ha rilevato un aumento del rischio di demenza anche dopo aver escluso dall’analisi gli ex bevitori e dopo aver aggiustato le caratteristiche demografiche e cliniche rilevanti”, ha affermato il dott. Mewton.

Nonostante ciò, potrebbero esserci altre caratteristiche come l’attività sociale che potrebbero guidare l’apparente effetto protettivo dell’alcol contro la demenza, piuttosto che l’uso di alcol di per sé.

L’autore senior e co-direttore del professor Perminder Sachdev del CHeBA ha affermato che mentre l’uso di alcol da leggero a moderato può essere associato a un ridotto rischio di demenza, anche bassi livelli di consumo di alcol sono stati associati a volume cerebrale ridotto, atrofia della materia grigia e aumento dell’iperintensità della sostanza bianca, indicando che anche l’uso di alcol a basso livello è dannoso per il cervello.


Il consumo di alcol e tabacco sono considerate abitudini malsane, dannose per la salute e sono correlate allo sviluppo di patologie come malattie cardiovascolari (CVD), malattie dell’apparato digerente, ipertensione, diabete mellito o deterioramento cognitivo tra gli altri, rappresentando un grave problema per la sanità pubblica (1-3). In effetti, il consumo di alcol aumenta il rischio di demenza, in particolare la demenza ad esordio precoce (4-10), indicando un impatto negativo del consumo di alcol su diverse aree del benessere familiare, sociale e culturale (11-13).

Le raccomandazioni sul consumo di alcol stabilite dall’OMS sono 30 g per gli uomini e 20 g per le donne, rispettivamente 3 unità di consumo standard (SBU) e 2 SBU, in quanto 1 SBU corrisponde a 10 g di alcol puro (14). È stato suggerito che il consumo di alcol da basso a moderato potrebbe essere benefico per la salute dei soggetti di mezza età (15) e più anziani (16-18), portando a un’associazione a forma di J o a forma di U inversa tra alcol e cognitivo funzione, malattie cardiache (19, 20) e mortalità per tutte le cause (21). Inoltre, e secondo precedenti revisioni sistematiche, il consumo moderato di alcol sembra essere associato a un minor rischio di deterioramento cognitivo, demenza, morbo di Alzheimer e una migliore cognizione (9, 22), che può essere collegato ai suoi effetti sulle malattie cardiovascolari (22 ).

Un’ulteriore analisi dei dati indica che l’effetto dell’alcol dipende dal tipo di bevanda alcolica analizzata (20), distinguendo tra birra, vino bianco, vino rosso, vino liquoroso e superalcolici (23). Sebbene il consumo di vino sia stato associato a un ridotto rischio di malattie cerebrovascolari e morbo di Alzheimer (24), è controverso se questi benefici siano riportati anche per la birra e altri alcolici (4, 25). Le caratteristiche specifiche del vino potrebbero essere la ragione dei suoi benefici. Dalla fermentazione dell’uva si ottiene il vino, a cui si aggiunge il lievito, che fa sì che gli zuccheri presenti nell’uva si trasformino in etanolo, conferendo al vino diverse proprietà nutritive. È stato riportato che alcuni componenti del vino, come il resveratrolo, gli acidi fenolici e i flavonoidi, possono esercitare effetti positivi sulla salute (26).

Indipendentemente dalle ricerche precedenti, le prove sull’associazione tra consumo di vino e rischio di declino cognitivo rimangono inconcludenti (9, 14, 22, 33). Questa revisione sistematica e meta-analisi mira a esaminare la forza dell’associazione tra consumo di vino e declino cognitivo e ad analizzare se questa associazione varia a seconda del livello di consumo di vino o è influenzata dalle caratteristiche individuali e di studio, tra cui l’età media, la percentuale di donne partecipanti e tempo di follow-up.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9133879/


Ricerca originale:  accesso aperto.
” La relazione tra uso di alcol e demenza negli adulti di età superiore ai 60 anni: un’analisi combinata di dati prospettici individuali-partecipanti da 15 studi internazionali ” di Louise Mewton et al. Dipendenza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.