I ricercatori hanno rilevato il virus SARS-CoV-2 negli scarafaggi: diffondono il virus nell’ambiente e contaminano il cibo umano e varie superfici degli edifici

0
215

L’ordine degli insetti è il gruppo animale più popoloso con importanza economica, medica e veterinaria. Esiste da tempo una relazione e una collaborazione tra la salute umana e alcuni insetti (Dent e Binks 2020).

Tuttavia, nel diciannovesimo secolo, fu stabilito il ruolo degli insetti e di altri artropodi nella trasmissione di determinate malattie all’uomo. Tra questi insetti, le blatte colpiscono sempre la salute umana e possono essere vettore di batteri e virus patogeni e ospite intermedio di vermi intestinali e protozoi patogeni.

Sono uno dei vettori più importanti nella trasmissione e diffusione di molte malattie umane. Questi agenti patogeni possono vivere nelle parti interne ed esterne del corpo degli scarafaggi per diversi giorni e possono distribuirli e li distribuiscono. I contatti con il corpo esterno o le feci degli scarafaggi alle sostanze con cui gli esseri umani hanno a che fare possono portare alla trasmissione di queste malattie (Patel et al. 2022; Roth e Willis 1957; Vahabi et al. 2007).

I coronavirus respiratori, come i rinovirus, possono diffondersi attraverso il contatto diretto con secrezioni contaminate o grandi goccioline di aerosol (Gomes 2020; Reed 1984). Inoltre, le persone infette possono contaminare le superfici con cui entrano in contatto, inclusi molti articoli per la casa ed elettrodomestici (Gomes 2020).

Ricerche preliminari mostrano che i coronavirus, compreso il virus a RNA SARS-CoV-2, possono rimanere in superficie per ore o giorni; Questo può variare a seconda delle diverse circostanze, ad esempio, tipo di superficie, temperatura ambientale e umidità (Casanova et al. 2010; Farnoosh et al. 2020; Kampf et al. 2020).

Un nuovo studio ha presentato i risultati RTPCR in tempo reale di campioni fecali e respiratori da casi con SARS-CoV-2 in Cina, mostrando che i campioni respiratori sono rimasti positivi per l’RNA SARS-CoV-2 per una media di 16,7 giorni, dei 41 (55%) su 74 casi e i campioni fecali sono rimasti positivi per una media di 27,9 giorni dopo l’inizio dei primi sintomi (Wu et al. 2020).

La trasmissione di laboratorio del coronavirus del tacchino viene valutata con l’ausilio di una specie di coleottero denominata Alphitobius diaperinus (Coleoptera: Tenebrionidae). Questo studio ha dimostrato che il coronavirus del tacchino potrebbe essere trasmesso meccanicamente con questo insetto (Watson et al. 2000).

Un altro studio valuta la trasmissione biologica e meccanica del virus della reticoloendoteliosi da parte di Culex pipiens e Musca domestica in vitro e in campo. I risultati hanno mostrato che le zanzare avevano il virus nei loro corpi fino a 5 ore e le mosche domestiche sono sopravvissute al virus fino a 72 ore. Sebbene tutti i campioni raccolti sul campo fossero privi di virus, questo studio mostra che le mosche domestiche sono un possibile vettore meccanico del virus (Davidson e Braverman 2005).

In un altro studio nel 2020, due delle 13 mosche (una mosca domestica e una drosofila), così come il pool di zanzare di due individui (non identificati), sono risultati positivi al DNA del virus della peste suina africana (ASFV-DNA) (Herm et al. 2020). In precedenza era stato dimostrato che le mosche succhiasangue, come le mosche stabili, possono trasmettere la PSA. È stato inoltre dimostrato sperimentalmente che le mosche stabili possono trasmettere la PSA tramite morsi (Mellor et al. 1987) o attraverso l’ingestione da parte dei suini (Olesen et al. 2018).

Un documento di sintesi pubblicato nel 2021 ha dichiarato che il contatto o l’alimentazione di feci umane da parte di un organismo come gli scarafaggi può favorire la trasmissione di SARS-CoV-2 (Sharawi 2021).

In un altro studio, è stato valutato il ruolo dello scarafaggio americano, Periplaneta americana, come vettore meccanico per Eimeria tenella, e le oocisti di E. tenella sono state trovate nel tratto digerente e nelle feci degli scarafaggi infetti fino al giorno 4 dopo l’ingestione di oocisti. Le oocisti recuperate dal tratto digerente e le feci degli scarafaggi sono rimaste infettive rispettivamente per 4 e 3 giorni per i polli (Jarujareet et al. 2019).

Un altro studio in Tailandia valuta la trasmissione in vitro del sottotipo H5N1 del virus dell’influenza aviaria (HPAI). 1500 mosche adulte sono state utilizzate in tre gruppi. Il gruppo A non ha avuto contatti con il virus, ma i gruppi B e C sono stati esposti al virus con il cibo per 15 minuti. Il gruppo B è stato immediatamente omogeneizzato e somministrato a polli sensibili. Il gruppo C è stato omogeneizzato dopo 24 ore.

I risultati hanno mostrato che l’intervento del gruppo B e C è morto, sebbene il carico del virus fosse maggiore nel gruppo B. Questo studio ha dimostrato che le mosche domestiche potrebbero trasmettere meccanicamente questa malattia virale tra gli uccelli (Wanaratana et al. 2013). Un altro studio in Giappone ha dimostrato che le mosche carnarie possono trasmettere meccanicamente l’influenza aviaria H5N1 (Sawabe et al. 2011).

In un recente studio in Iran, è stata testata l’infestazione in vitro del virus dell’influenza aviaria (AIV) sottotipo H9N2 da parte delle mosche domestiche; sulla superficie corporea, il virus potrebbe sopravvivere fino a 24 ore e fino a 96 ore nei tessuti interni. Indica che le mosche domestiche potrebbero essere un vettore meccanico del virus dell’influenza aviaria (Salamatian et al. 2020).

Recentemente, è stato studiato il potenziale delle mosche domestiche di trasmettere meccanicamente SARS-CoV-2 e i risultati indicano, in condizioni di laboratorio, che SARS-CoV-2 può vivere nelle mosche domestiche fino a 24 ore. Hanno dimostrato che le mosche domestiche possono trasmettere meccanicamente l’RNA genomico SARS-CoV-2 all’ambiente fino a 24 ore (Balaraman et al. 2021b).

Un altro studio sulle mosche domestiche raccolte sul campo a Shiraz dimostra che le mosche raccolte dai centri di trattamento Corona sono infette dal virus e possono diffondere il virus nell’ambiente (Soltani et al. 2021).

Uno studio condotto di recente in Italia ha dimostrato che SARS-CoV-2 potrebbe essere rilevato nel particolato trasportato dalle raccoglitrici di api mellifere, in questo studio le api mellifere bottinatrici erano positive per i geni bersaglio dell’RNA virale SARS-CoV-2 quando tornavano a la colonia (Cilia et al. 2022).

Conclusione

Gli scarafaggi sono tra gli insetti più diffusi a livello globale e sono cosmopoliti; a causa della loro natura gregaria e delle preferenze sinantropiche, gli scarafaggi si trovano comunemente dentro o vicino alle abitazioni umane. Sono anche alimentatori indiscriminati che diffondono i patogeni microbici dagli habitat riproduttivi contaminati dai rifiuti agli alimenti umani, che gli ospiti umani possono ingerire.

La contaminazione da SARS-CoV-2 provoca un’intensa infezione gastrointestinale in alcune persone e il virus viene rilevato nelle loro feci. La vitalità del virus è stata segnalata fino a 72 ore su alcune superfici, feci e urina. Le feci possono essere considerate una fonte essenziale di infezione da SARS-COV-2.

Pertanto, tutti gli organismi che lo contattano o lo mangiano potrebbero essere associati alla trasmissione di SARS-CoV-2. Pertanto, il ruolo di insetti come mosche domestiche e scarafaggi nelle infezioni da SARS-CoV-2 potrebbe essere essenziale (Fig. 3).

Sembra che il virus possa vivere sugli scarafaggi a causa delle condizioni del loro habitat. Di solito vivono in luoghi molto umidi. Il ruolo di questi insetti nella diffusione di SARS-CoV-2 sarà più importante in luoghi affollati come hotel, pensioni, ristoranti e ospedali.

Per trasmettere meccanicamente il virus, gli scarafaggi devono prima ottenere il virus dalla fonte contaminata, ingerire una quantità sufficiente di virus e colonizzarlo sul raccolto, sull’intestino o sulla superficie corporea. Ogni virus deve essere stabile e vitale durante questo periodo. Nel complesso, questo studio ha dimostrato che gli scarafaggi possono acquisire e contaminare il virus SARS-CoV-2 nell’ambiente.

La trasmissione del virus da parte degli scarafaggi può rendere molto difficile l’epidemiologia della malattia; pertanto, il ruolo del controllo del vettore, insieme ai metodi di prevenzione e controllo di altre malattie, diventa essenziale. Gli operatori sanitari pianificano e implementano programmi di gestione integrata dei vettori (IVM) nelle aree ad alto rischio durante i mesi più caldi delle regioni temperate e ogni mese dell’anno nelle aree tropicali dove la popolazione e l’attività di questi insetti aumentano. Sono necessari ulteriori studi di laboratorio e sul campo in vivo per indagare sul ruolo esatto che questi insetti svolgono nella circolazione di questo micidiale virus universale.

La presenza di Covid-19 nelle blatte può essere molto importante, aprendo nuove frontiere per indagare la diffusione ambientale di aria, particolato, acqua e fognature così come viene segnalata da altri insetti come api mellifere e mosche domestiche. Il monitoraggio della presenza del virus SARS-COV-2 negli insetti può aiutare a determinare l’estensione epidemiologica della malattia nella comunità.

collegamento di riferimento:

Kalantari, M., Vahedi, M., Azizi, K. et al. First molecular detection of SARS-CoV-2 virus in cockroaches. Biologia (2023). https://doi.org/10.1007/s11756-023-01332-7

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.