L’infezione da COVID-19 aumenta il rischio di sviluppare sintomi nuovi o in peggioramento della vescica iperattiva

0
259

Un nuovo studio condotto da ricercatori del Dipartimento di Urologia, William Beaumont School of Medicine dell’Università di Oakland, Beaumont Hospital-Royal Oak, Michigan-USA ha scoperto che le persone con precedenti infezioni da SARS-CoV-2 tendono a sviluppare una nuova incidenza o peggioramento della vescica iperattiva .

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer reviewed: European Eurology Open Science.

link di riferimento: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2666168322020389

Il nostro studio dimostra un’incidenza di Cistite associata a COVID-19 (CAC) del 36,6% tra gli individui con precedente infezione sintomatica da COVID-19, che ha coinvolto de novo OAB nel 22% di questi casi.
L’infezione sintomatica da COVID era associata a un rischio tre volte maggiore di peggioramento dei sintomi “OAB” rispetto alla coorte COVID-negativa, mentre il rischio era solo raddoppiato per quelli con COVID asintomatico.

La variazione media del punteggio ICIQ-OAB per la nostra coorte è stata un aumento di 6,5 punti (aumento del 121%) rispetto al basale al momento dello studio, con i maggiori cambiamenti osservati per i punteggi di frequenza e urgenza. Coloro che erano COVID+ riportavano una frequenza urinaria media di 7-8 episodi/giorno, con urgenza “occasionalmente” o “a volte”.

Questo è meno grave di quanto riportato da Lamb e colleghi [15]: la maggior parte dei pazienti nel loro studio, valutati utilizzando lo strumento OAB [18], aveva una frequenza di 2:13 episodi/24 ore (84,6%) e nicturia di 2 :4 episodi/notte (87,2%). Mumm et al. [19] hanno osservato un notevole aumento della frequenza urinaria tra i pazienti con COVID-19.

Dopo aver trattato un paziente di sesso maschile per sospetta urosepsi che in seguito è stato confermato avere un’urinocoltura negativa e uno stato COVID-19 positivo, gli autori hanno valutato retrospettivamente i sintomi urinari nella loro coorte COVID-19 e hanno scoperto che 7/57 dei loro pazienti COVID avevano frequenza urinaria come sintomo di presentazione.

Le infezioni batteriche del tratto urinario superiore e inferiore come cause sono state escluse mediante analisi delle urine e RNA virale urinario, creatinina sierica e test dell’antigene prostatico specifico [19].

L’esatta fisiopatologia della CAC deve ancora essere scoperta, sebbene altri abbiano ipotizzato che l’aumento dell’infiammazione sistemica sull’infezione da COVID-19 possa portare a infiammazione della vescica e quindi fastidiosi sintomi urinari [15]. 

È ben noto che la causa primaria della cistite può essere multifattoriale (batterica, virale, farmaci, sostanze chimiche, radiazioni o idiopatica), ma una volta che la mucosa della vescica è danneggiata, ciò può innescare una cascata di eventi tra cui il rilascio di citochine proinfiammatorie.

Una volta rilasciate, queste citochine possono attivare i nervi afferenti e le contrazioni dei muscoli detrusori che producono fastidiosi LUTS. Ciò è stato dimostrato da Tyagi et al. [20], che hanno riportato un aumento delle citochine urinarie come MCP-1, sCD40L, IL-12 p70/p40, EGF e IL-10 in pazienti con OAB. In quelli con cistite interstiziale, sono stati rilevati nelle urine anche livelli più elevati di IL-6, IL-8 e oncogeni correlati alla crescita [21].

Analogamente, altri virus, come il virus di Epstein-Barr, causano infiammazione di organi solidi (epatite, gastrite, cistite interstiziale) inducendo il rilascio da parte delle cellule T di citochine come IL-8 e ligandi delle chemochine CCL2, CCL3, CCL4 e CCL5 [9,22]. In particolare per SARS-CoV-2, l’infezione è stata collegata a risposte infiammatorie multisistemiche: IL-6 elevato è il fattore prognostico più forte per la gravità ed è stata identificata una nuova condizione pediatrica chiamata sindrome infiammatoria multisistemica [23,24].

È anche possibile che COVID-19 possa colpire direttamente gli organi urogenitali dato che SARS-CoV-2 si lega all’ACE2, che si trova non solo nei polmoni, nel cuore e nell’ileo, ma anche nelle cellule uroteliali della vescica ad alti livelli di espressione. 25]. Il potenziale impatto di COVID-19 sulla patologia uro-genitale non può essere sottovalutato [26], e sebbene l’attenzione qui non sia sul meccanismo d’azione, i risultati clinici sono riportati dalla più grande coorte fino ad oggi. È anche probabile che la nostra coorte di dipendenti sanitari abbia le conoscenze professionali per rispondere accuratamente ai questionari.

Utilizzando i dati del database BLAST COVID, il più grande studio di sierologia COVID fino ad oggi, non abbiamo trovato alcuna correlazione tra i livelli di anticorpi SARS-CoV-2 e i sintomi dell’OAB tra i pazienti con una precedente infezione da COVID-19. Poiché i dati sierologici sono stati ottenuti prima che le vaccinazioni fossero approvate e disponibili per l’inoculazione di massa (dicembre 2020), i rapporti anticorpali > 1,1 erano indicativi di infezione indipendentemente dai sintomi.

Ribadendo l’attuale comprensione dei fattori di rischio per la gravità del COVID-19, il nostro studio mostra che l’elevato indice di massa corporea e il diabete sono fattori prognostici significativi per la Cistite associata a COVID-19 (CAC). In una revisione sistematica e meta-analisi, Zheng et al. [27] hanno riferito che l’ipertensione, il diabete e le malattie cardiovascolari e respiratorie al basale fanno presagire il più alto rischio di infezione grave da COVID-19 rispetto a quelli con sintomatologia non critica.

Wolfff et al. [28] hanno riferito che il fumo e l’obesità erano i fattori di stile di vita più comuni riscontrati tra i pazienti infetti. Un indice di massa corporea più elevato e il diabete sono già ben consolidati come fattori prognostici per la Rubrica fuori rete, quindi i pazienti con queste condizioni sono a maggior rischio di sviluppare CAC.

Il nostro studio ha diversi limiti. Il nostro tasso di positività al COVID (31,9%) è superiore ai tassi riportati in letteratura, come il tasso di sieropositività dell’8,8% (1818/20 614) tra gli operatori sanitari nello studio BLAST COVID [16] e il tasso di sieropositività del 9,2% tra i pazienti prevaccinati in Michigan Medicine, un sistema sanitario regionale primario, in uno studio di Zhao et al. [29], suggerendo che la nostra popolazione potrebbe essere auto-selettiva.

In altre parole, coloro a cui era stato diagnosticato il COVID, avevano sintomi simili a COVID o erano sieropositivi avevano maggiori probabilità di partecipare. Altre limitazioni includono il rischio di bias di richiamo data la natura retrospettiva dello studio, che potrebbe aver limitato l’estensione della segnalazione dei sintomi.

Inoltre, è stata stabilita una correlazione positiva tra fattori di stress psicologico e sintomi dell’OAB [30]. Dato l’aumento dello stress correlato alla pandemia, in particolare per gli operatori sanitari [31], è possibile che questi siano ulteriori fattori di confusione nell’aumento dei sintomi della rubrica fuori rete.

Inoltre, nella nostra analisi multivariata delle comorbidità, il numero di partecipanti allo studio con diagnosi positiva di COVID che avevano un uso cronico di steroidi o un sistema immunitario soppresso era molto basso, quindi i risultati per questi gruppi in particolare necessitano di convalida. Infine, il nostro studio non ha eseguito studi sulle urine per escludere cause infettive o infiammatorie; quindi, il termine

CAC potrebbe essere un termine improprio e i LUTS relativi a COVID potrebbero essere più accurati. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio questo meccanismo d’azione per guidare una corretta diagnosi e un trattamento efficace della condizione.

Conclusioni

Il nostro studio mostra che i pazienti con una precedente infezione da COVID-19 corrono un rischio maggiore di sviluppare LUTS correlati a CAC/COVID, con un’incidenza del 36,6% per i pazienti che hanno avuto un’infezione sintomatica da COVID. Sono in corso ulteriori lavori sulla progressione naturale del CAC.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.