Perdita di capelli nei sopravvissuti al COVID-19

0
159

Perdita di capelli nei sopravvissuti a COVID-19: cause, sintomi e opzioni di trattamento

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, i professionisti medici hanno monitorato attentamente i sintomi e gli effetti a lungo termine del virus sui sopravvissuti. Uno degli effetti meno noti del COVID-19 è la caduta dei capelli, che è stata segnalata in molti sopravvissuti al COVID-19. In questo articolo, esploreremo le cause, i sintomi e le opzioni di trattamento per la caduta dei capelli nei sopravvissuti al COVID-19.

Cause di perdita di capelli nei sopravvissuti a COVID-19

La caduta dei capelli, nota anche come alopecia, può verificarsi a causa di diversi fattori. Nel caso dei sopravvissuti al COVID-19, la caduta dei capelli può essere causata da diversi fattori legati al virus e al suo trattamento. Ecco alcune delle potenziali cause di perdita di capelli nei sopravvissuti a COVID-19:

  • Stress: COVID-19 è un’esperienza altamente stressante, sia fisicamente che mentalmente. Lo stress della malattia, combinato con l’ansia e l’incertezza che circondano la pandemia, può portare alla caduta dei capelli.
  • Infiammazione: COVID-19 è noto per causare infiammazione in tutto il corpo, compresi i follicoli piliferi. L’infiammazione può interrompere il normale ciclo di crescita dei capelli, portando alla caduta dei capelli.
  • Farmaci: alcuni farmaci usati per trattare il COVID-19, come gli steroidi, possono causare la caduta dei capelli come effetto collaterale.
  • Carenze nutrizionali: i sopravvissuti al COVID-19 possono sperimentare carenze nutrizionali a causa del virus e del suo trattamento. Le carenze nutrizionali possono contribuire alla caduta dei capelli.

Sintomi della perdita di capelli nei sopravvissuti al COVID-19

La perdita dei capelli nei sopravvissuti al COVID-19 può presentarsi in diversi modi. Ecco alcuni dei sintomi più comuni:

  • Diradamento dei capelli: molti sopravvissuti al COVID-19 soffrono di diradamento dei capelli, in particolare nei mesi successivi alla malattia.
  • Perdita di capelli a chiazze: alcuni sopravvissuti possono sperimentare una perdita di capelli a chiazze, dove i capelli cadono in piccole chiazze rotonde.
  • Perdita di capelli diffusa: nei casi più gravi, i sopravvissuti al COVID-19 possono sperimentare una perdita di capelli diffusa sul cuoio capelluto o addirittura su tutto il corpo.

Opzioni di trattamento per la caduta dei capelli nei sopravvissuti a COVID-19

Fortunatamente, la caduta dei capelli nei sopravvissuti al COVID-19 è spesso temporanea e può essere curata. Ecco alcune delle opzioni di trattamento disponibili:

  • Trattamenti topici: i trattamenti topici come il minoxidil (Rogaine) possono aiutare a promuovere la crescita dei capelli e prevenire un’ulteriore caduta dei capelli.
  • Integratori alimentari: gli integratori alimentari come la biotina e il ferro possono aiutare a migliorare la salute dei capelli e favorirne la crescita.
  • Iniezioni di steroidi: nei casi in cui la caduta dei capelli è più grave, le iniezioni di steroidi nel cuoio capelluto possono essere utilizzate per ridurre l’infiammazione e promuovere la crescita dei capelli.
  • Trapianti di capelli: nei rari casi in cui la perdita di capelli è estesa e altri trattamenti sono stati inefficaci, si può prendere in considerazione il trapianto di capelli.

Oltre a questi trattamenti, è importante che i sopravvissuti al COVID-19 prendano provvedimenti per gestire i loro livelli di stress e mantenere una dieta sana per sostenere la salute dei capelli.

Una ricerca ha confermato che la caduta dei capelli è comune tra i sopravvissuti al COVID-19 e suggerisce principalmente che questo sintomo potrebbe essere associato a uno squilibrio del sistema Gas6/TAM.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sull’International Journal Of Molecular Sciences.
https://www.mdpi.com/1422-0067/24/7/6257
 

Mentre COVID-19 è ancora una minaccia globale per la salute pubblica, la persistenza dei sintomi e delle sequele a lungo termine nelle persone che si sono riprese dall’infezione acuta da SARS-CoV-2 sta emergendo come un problema sanitario rilevante in tutto il mondo. In questo studio, abbiamo mirato a valutare la potenziale implicazione del sistema Gas6/TAM nella patogenesi del COVID lungo. Sulla base dei nostri dati, questo sistema non sembra essere alterato tra i pazienti che lamentano sintomi COVID post-acuti, con un’unica grande eccezione: la caduta dei capelli dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

La perdita dei capelli è comune tra i sopravvissuti al COVID-19. Nella presente coorte, più di un quarto dei soggetti si è lamentato della caduta dei capelli a seguito di COVID-19, un dato in linea con quanto riportato in una recente meta-analisi che riportava che la prevalenza della caduta dei capelli nei sopravvissuti a COVID-19 è 25% (CI95%: 17–34%) [39].

I meccanismi alla base di questa specifica complicanza sono sconosciuti. Diversi fattori di rischio sono stati suggeriti come attori principali, come lo stress indotto da un’infezione virale, il potenziale coinvolgimento dei trattamenti utilizzati durante la fase acuta e lo stress psicosociale indotto dalla stessa pandemia globale [40].

Per elaborare, lo stress cronico sembra avere un impatto sulla crescita dei capelli mantenendo le cellule staminali del follicolo pilifero (HFSC) in uno stato quiescente a causa dei cambiamenti del microambiente con la conseguente caduta dei capelli [41]. Sebbene il gene Gas6 sia stato rivelato come un gene candidato che funziona come regolatore della crescita dei capelli, dato che è sensibile allo stress, attualmente vi sono pochi dati che valutano il coinvolgimento di questo sistema nello sviluppo della caduta dei capelli.

In un recente articolo, Choi et al. dimostrato che il corticosterone, che è l’equivalente roditore del cortisolo nell’uomo, controlla la quiescenza dell’HFCS e la crescita dei peli nei topi attraverso la regolazione dell’espressione di Gas6. Vale la pena notare che la proteina Gas6 in condizioni normali è in grado di legare il recettore Axl sulle HFSC attivando i geni coinvolti nel ciclo cellulare [42].

In condizioni di stress cronico, l’aumento dei livelli di corticosterone porta alla soppressione dell’espressione di Gas6 che agisce sulle papille dermiche. Nei topi, l’espressione forzata di Gas6 nel derma è in grado di superare questa inibizione e favorisce la crescita dei capelli [43]. Pertanto, secondo questi studi, livelli più elevati di Gas6 possono proteggere dalla caduta dei capelli. In linea con questa ipotesi è che nella nostra popolazione di studio, i pazienti che lamentano la caduta dei capelli hanno mostrato livelli ridotti di Gas6 e sAxl rispetto a tutti gli altri.

Sebbene questi risultati siano interessanti, il nostro studio presenta alcune limitazioni. Innanzitutto, la dimensione della popolazione è relativamente piccola. In secondo luogo, non abbiamo misurato i livelli basali di Gas6 e sTAM per capire se questi biomarcatori possano anche avere un ruolo patogenetico nello sviluppo della caduta dei capelli.

Infine, la definizione di perdita di capelli è stata auto-riportata senza una diagnosi formale di perdita di capelli. Infatti, per superare la mancanza di informazioni su questo specifico reclamo, abbiamo somministrato un questionario retrospettivo. In base a ciò, la maggior parte dei pazienti ha descritto una perdita di capelli diffusa e solo una minoranza ha descritto una perdita di capelli a chiazze.

In oltre il 75% dei soggetti il ​​sintomo si è completamente risolto nel tempo; sebbene, circa un quarto abbia riportato una perdita di capelli persistente. Per quanto riguarda i pazienti che sono guariti, una possibile spiegazione potrebbe essere il telogen effluvium (TE), che è caratterizzato da perdita di capelli diffusa e aumento della caduta dei capelli dopo diverse settimane dopo l’infezione. In una recente revisione sistemica e meta-analisi, Nguyen e Tosti hanno descritto le manifestazioni legate ai capelli di COVID-19, incluso il telogen effluvium, che si presenta come una sequela di nuova insorgenza di COVID-19 [44]. Inoltre, come suggerito da Christensen et al., l’alopecia areata può anche essere una manifestazione dermatologica che insorge da 1 a 2 mesi dopo una contrazione dell’infezione da SARS-CoV-2 [45].

Abbiamo riferito che il sesso femminile è fortemente associato alla caduta dei capelli, poiché l’aumento della caduta dei capelli è più evidente nelle donne rispetto agli uomini. Tuttavia, i nostri risultati rafforzano la base razionale per ulteriori studi che valutino il potenziale coinvolgimento di questo sistema pleiotropico nella caduta dei capelli oltre il contesto dell’infezione da SARS-CoV-2.

Abbiamo anche valutato la potenziale associazione di Gas6 e dei suoi recettori solubili con COVID lungo. Questa ipotesi si basava sull’osservazione che il COVID lungo può essere associato a danno d’organo persistente e fibrosi polmonare [5]; inoltre, secondo recenti evidenze, questa condizione può essere associata alla presenza di un’infiammazione persistente di basso grado, come evidenziato dall’aumento dei livelli di citochine pro-infiammatorie [46]. Gas6 è una molecola centrale nella regolazione dell’interazione tra infiammazione e fibrosi [14]; pertanto, è un biomarcatore candidato di COVID lungo con una forte motivazione.

La prevalenza di reclami persistenti era alta nella nostra popolazione (39,3%), e questo era coerente con i dati che avevamo già pubblicato su una coorte più ampia nello stesso momento, a cui appartiene questo sottoinsieme di soggetti [5]. Tuttavia, solo i livelli di sAxl sono stati marginalmente ridotti nei pazienti COVID lunghi nella nostra popolazione e questa associazione è stata persa se considerata nel contesto di un modello multivariato.

Ciò sembra escludere un potenziale ruolo di questo sistema; tuttavia, come accennato in precedenza, i livelli di base di Gas6/sTAM dovrebbero essere valutati per escludere definitivamente un potenziale ruolo di questo sistema. In effetti, in articoli precedenti, concentrazioni plasmatiche più elevate di Gas6 al momento del ricovero ospedaliero durante la fase acuta di COVID-19 hanno predetto un’evoluzione più grave [35,36].

Se questo è anche associato ad un aumentato rischio di sviluppo di sequele a lungo termine dovrebbe essere valutato in uno studio ad hoc. Va notato, tuttavia, che nella nostra coorte la gravità della malattia acuta non era predittiva del lungo sviluppo di COVID. Infine, vale anche la pena notare che i livelli di Gas6 e sAxl un anno dopo la dimissione dall’ospedale rimangono associati alla classe di gravità riportata nella fase acuta di COVID-19, come già evidenziato nei livelli basali di Gas6 e sAxl da altri autori [36]. ].

In conclusione, i nostri risultati confermano che la caduta dei capelli è comune tra i sopravvissuti al COVID-19 e suggeriscono principalmente che questo sintomo potrebbe essere associato a uno squilibrio del sistema Gas6/TAM. Infatti, mentre i livelli di Gas6 e dei suoi recettori solubili un anno dopo la malattia acuta non hanno alcuna associazione significativa con sintomi organici persistenti, Gas6 e sAxl inferiori sono associati a pazienti con una storia di perdita di capelli a seguito di COVID-19. Una comprensione più approfondita dei possibili fattori che contribuiscono alla caduta dei capelli nei sopravvissuti al COVID-19 potrebbe fornire nuove informazioni su questa condizione comune nella popolazione generale, identificando possibilmente un percorso nuovo e rilevante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.