L’assunzione di glucosamina riduce il rischio di demenza

0
164

La demenza è un disturbo neurologico caratterizzato da una progressiva perdita delle capacità cognitive, tra cui la memoria, il linguaggio e le capacità di risoluzione dei problemi.

È una grave preoccupazione per la salute che colpisce milioni di persone in tutto il mondo e si prevede che la sua prevalenza aumenterà con l’invecchiamento della popolazione.

Pertanto, l’identificazione di misure preventive per la demenza è fondamentale. Studi recenti hanno suggerito che la glucosamina, un integratore alimentare comunemente usato per la salute delle articolazioni, può anche avere effetti neuroprotettivi che riducono il rischio di sviluppare la demenza.

La glucosamina è un composto naturale presente nel corpo che è coinvolto nella formazione della cartilagine, che è un tessuto connettivo che protegge le articolazioni. È comunemente usato come integratore alimentare per alleviare il dolore e la rigidità articolare nelle persone con osteoartrite. È stato dimostrato che la glucosamina ha proprietà antinfiammatorie e studi recenti hanno suggerito che potrebbe avere anche effetti neuroprotettivi.

Uno studio pubblicato nel Journal of Alzheimer’s Disease nel 2020 ha studiato l’associazione tra l’assunzione di glucosamina e il rischio di demenza. Lo studio ha incluso 95.173 partecipanti della UK Biobank, uno studio prospettico di coorte su larga scala che raccoglie informazioni sulla salute di individui di età compresa tra 40 e 69 anni. I partecipanti hanno completato un questionario di valutazione dietetica che includeva domande sul loro uso di integratori di glucosamina. I partecipanti sono stati poi seguiti per una media di 8 anni per determinare l’incidenza della demenza.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti che hanno riferito di assumere integratori di glucosamina avevano un rischio significativamente inferiore di sviluppare demenza rispetto a quelli che non assumevano integratori di glucosamina. In particolare, il rischio di sviluppare la demenza era inferiore del 17% nelle persone che hanno riferito di assumere integratori di glucosamina rispetto a coloro che non ne hanno assunto. L’associazione è rimasta significativa dopo l’aggiustamento per potenziali fattori confondenti come età, sesso, istruzione, fumo, consumo di alcol, attività fisica e indice di massa corporea.

Un altro studio pubblicato nel Journal of Clinical Psychiatry nel 2019 ha studiato gli effetti neuroprotettivi della glucosamina negli individui con depressione. Lo studio ha incluso 80 partecipanti con disturbo depressivo maggiore che sono stati randomizzati a ricevere glucosamina o placebo per 12 settimane. I partecipanti sono stati sottoposti a valutazioni cognitive prima e dopo l’intervento per misurare la loro funzione cognitiva.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti che hanno ricevuto la glucosamina avevano una funzione cognitiva significativamente migliore rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo. Nello specifico, i partecipanti che hanno ricevuto glucosamina avevano migliorato la memoria di lavoro e la funzione esecutiva, che sono abilità cognitive che sono comunemente compromesse negli individui con depressione.

Il meccanismo con cui la glucosamina esercita i suoi effetti neuroprotettivi non è completamente compreso. Tuttavia, è stato suggerito che la glucosamina possa ridurre l’infiammazione nel cervello, che si ritiene sia un fattore chiave nello sviluppo della demenza. È stato anche dimostrato che la glucosamina aumenta la produzione di glicosaminoglicani, che sono componenti importanti della matrice extracellulare che supportano la funzione neuronale.

Una nuova ricerca ha dimostrato che l’uso quotidiano di glucosamina riduce notevolmente il rischio di demenza e morbo di Alzheimer.

link di riferimento: Zheng, J., Ni, C., Zhang, Y.  et al.  Associazione dell’uso regolare di glucosamina con la demenza incidente: evidenza da uno studio di coorte longitudinale e di randomizzazione mendeliana. BMC Med  21 , 114 (2023). https://doi.org/10.1186/s12916-023-02816-8

Abbiamo osservato che l’uso regolare di glucosamina era correlato a una riduzione del 15% del rischio di demenza per tutte le cause, del 17% per l’AD e del 26% per la demenza vascolare in questo ampio studio basato sulla popolazione che includeva 494.814 partecipanti.

Queste associazioni sono rimaste dopo l’aggiustamento per variabili tra cui fattori sociodemografici, comportamento dello stile di vita, condizioni di comorbidità, farmaci e altre condizioni dietetiche.

Inoltre, l’effetto benefico dell’uso della glucosamina sull’AD sembrava essere maggiore nei partecipanti di età inferiore ai 60 anni rispetto a quelli di età superiore ai 60 anni. Il genotipo APOE non ha modificato questa associazione. Nell’analisi MR, abbiamo nuovamente osservato gli effetti causali protettivi dell’uso regolare di glucosamina sul rischio di demenza.

I nostri risultati erano per lo più coerenti tra i vari metodi MR che formulavano varie ipotesi sulla pleiotropia orizzontale, dimostrando che la pleiotropia orizzontale non è probabilmente una spiegazione sufficiente per i nostri risultati.

Abbiamo scoperto che il 19,0% dei partecipanti utilizzava la glucosamina; questo numero si avvicina al 22,0% degli australiani sopra i 45 anni che assumono anche glucosamina [5]. I nostri risultati sono in linea con una precedente indagine trasversale che ha rilevato che l’assunzione di glucosamina è correlata a una migliore funzione cognitiva [18].

Gli utilizzatori di glucosamina avevano un punteggio di ragionamento più elevato e una velocità di reazione più rapida rispetto ai non utilizzatori [18]. Inoltre, in un modello murino, la glucosamina ha esercitato una funzione di potenziamento cognitivo [20], che implicava l’impatto benefico dell’uso della glucosamina sulla prevenzione della demenza.

Poiché gli integratori di glucosamina e condroitina sono in genere utilizzati contemporaneamente una volta al giorno [6], le nostre relazioni osservate potrebbero essere attribuite a uno di questi integratori. Per affrontare questa preoccupazione, è stata condotta un’analisi di sensibilità per verificare se la sola glucosamina (senza condroitina) potesse prevenire la demenza.

Nessun cambiamento sostanziale si è verificato nelle analisi di sensibilità. Pertanto, ipotizziamo che l’uso di glucosamina possa avere un ruolo preventivo nello sviluppo della demenza, indipendentemente dalla co-somministrazione di condroitina.

Nel nostro studio, è stato riscontrato un effetto più forte tra l’uso di glucosamina e l’AD tra i partecipanti di età inferiore a 60 anni rispetto a quelli di età superiore a 60 anni. L’effetto più debole dell’uso della glucosamina nei partecipanti più anziani può essere correlato alla graduale atrofia dell’ippocampo e alla riduzione della densità corticale con l’aumentare dell’età, con conseguente riduzione dei recettori della membrana delle cellule cerebrali e diminuzione della sensibilità ai farmaci [67]. Questo risultato sottolinea la connessione modificata dall’età tra l’uso di glucosamina e la demenza e sottolinea l’importanza della prevenzione precoce della demenza.

L’associazione protettiva tra uso di glucosamina e demenza può essere spiegata da alcuni processi diversi. Come supplemento popolare che può passare attraverso la barriera emato-encefalica, la glucosamina può raggiungere l’ippocampo, lo striato e la corteccia [68, 69]. Nel frattempo, diversi trasportatori di glucosamina sono stati identificati nel cervello [70].

Ad esempio, il trasportatore di glucosio 2 (GLUT2) è stato trovato nei neuroni e ha mostrato la massima affinità per la glucosamina [71, 72]. Prove intriganti indicano che specifiche popolazioni neuronali si affidano a GLUT2 per regolare i livelli di glucosio, influenzando così la loro vulnerabilità ai meccanismi patogenetici alla base dell’AD [73, 74].

Questi studi supportano fortemente l’importante ruolo della glucosamina sulla demenza. La proteina C-reattiva, un indicatore di infiammazione sistemica, era significativamente più bassa in coloro che assumevano regolarmente glucosamina, secondo i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) [8]. Gli studi sugli animali hanno anche dimostrato che la glucosamina potrebbe sopprimere la neuroinfiammazione [75], che ha dimostrato di aumentare il rischio di demenza [76].

Inoltre, una ricerca precedente ha scoperto che la glucosamina potrebbe simulare una dieta a basso contenuto di carboidrati nei topi attraverso la riduzione della glicolisi e l’aumento del catabolismo degli aminoacidi [77]: di conseguenza, la glucosamina è stata considerata un agente che imita la restrizione energetica [21]. Lavori recenti hanno dimostrato che una dieta a basso contenuto di carboidrati protegge dallo sviluppo della demenza [78, 79].

Inoltre, la glucosamina potrebbe invertire il microbiota intestinale squilibrato [80]. Attraverso l’asse intestino-cervello, il microbiota intestinale modula il funzionamento cerebrale dell’ospite e svolge un ruolo significativo nella patogenesi della demenza [81, 82]. Pertanto, la glucosamina potrebbe avere un effetto benefico sulla patologia della demenza regolando il microbiota intestinale. Altri percorsi potrebbero essere rilevanti e richiedono ulteriori studi per esplorare i ruoli funzionali della glucosamina nella demenza.

La nostra ricerca ha avuto una serie di vantaggi, come un gran numero di partecipanti e dati abbondanti su comportamenti dietetici e relativi alla salute e vari fattori che ci hanno permesso di esaminare la robustezza dei risultati ed esplorare gli effetti dell’esposizione in diversi sottogruppi. Inoltre, l’analisi MR ha offerto un metodo superiore per ottenere stime un po’ meno confuse delle associazioni causali che non sono state influenzate da causalità inversa o confusione. Ammettiamo che la nostra ricerca ha dei limiti.

In primo luogo, il “consumo regolare di glucosamina” è stato definito come auto-riportato solo al basale, che potrebbe essere cambiato nel periodo di follow-up. I dettagli sull’uso della glucosamina, come la dose e la durata dell’uso, non sono stati raccolti nella biobanca del Regno Unito, il che potrebbe indebolire i risultati dello studio.

Pertanto, per approfondire queste connessioni sono necessarie ulteriori ricerche che incorporino il modello di assunzione di glucosamina e convalidino in modo incrociato i dati sulla glucosamina per l’accuratezza. In secondo luogo, UK Biobank non ha registrato gli effetti collaterali negativi che i partecipanti hanno subito dopo aver usato la glucosamina.

Tuttavia, la glucosamina ha dimostrato di essere un’integrazione sicura per le persone con osteoartrite a causa del suo basso rischio di effetti collaterali tra cui rare reazioni allergiche e reazioni gastrointestinali [3]. Sebbene le persone ad alto rischio di diabete abbiano mostrato una ridotta tolleranza al glucosio dopo l’assunzione di glucosamina [83, 84], gli studi hanno dimostrato che nelle persone sane e nei pazienti diabetici, qualsiasi dose orale di glucosamina non influirà sul metabolismo del glucosio e sullo stato lipidico [85, 86] .

In terzo luogo, in generale, si raccomandano 20-100 set di dati imputati, mentre in questo studio sono stati imputati 5 set di dati. A causa delle percentuali piuttosto basse di dati mancanti, riteniamo che cinque set di dati imputati funzionino bene. In quarto luogo, nonostante gli SNP che abbiamo utilizzato fossero significativamente correlati con l’esposizione, le varianti genetiche riflettevano solo una modesta porzione della varianza complessiva nell’assunzione di glucosamina, limitando loro l’essere precisi proxy dell’esposizione.

Dato che non sappiamo ancora come funzionano biologicamente gli strumenti genetici, non possiamo eliminare totalmente le violazioni delle ipotesi di restrizione di indipendenza e esclusione, specialmente per quanto riguarda la pleiotropia [63]. Tuttavia, per dedurre stime causali affidabili, abbiamo utilizzato una varietà di tecniche, tra cui la statistica Q di Cochran, MR-PRESSO, mediana ponderata e MR-Egger. In quinto luogo, l’interpretazione della responsabilità genetica dell’uso di integratori dovrebbe essere cauta poiché i predittori genetici della glucosamina possono catturare partecipanti con una salute articolare peggiore [87].

Abbiamo ulteriormente regolato l’artrosi nell’analisi MR multivariata per ridurre i bias. In sesto luogo, la RM è un’opzione utile per convalidare i risultati; tuttavia, le varianti genetiche riflettono esposizioni per tutta la vita piuttosto che modalità di trattamento brevi, che possono creare un impatto maggiore rispetto a un intervento limitato nel tempo [88].

Pertanto, i nostri risultati dovrebbero essere presi con cautela, poiché generano ipotesi e giustificano ulteriori dati clinici per indagare ulteriormente sulla connessione tra assunzione di glucosamina e demenza. In settimo luogo, sebbene l’attuale definizione di demenza fosse ampiamente utilizzata in studi precedenti e il tasso di veri positivi per la demenza per tutte le cause raccolto nella biobanca del Regno Unito fosse dell’82,5% [89]; i veri tassi positivi di malattia di Alzheimer e demenza vascolare erano inferiori al 75%. Pertanto, i risultati sui sottotipi di demenza dovrebbero essere presi con cautela.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.