COVID-19: l’assunzione di sucralosio provoca effetti immunomodulatori limitando la proliferazione delle cellule T e la differenziazione delle cellule T

0
237

C’è stato un crescente interesse per il potenziale impatto dei dolcificanti artificiali sul sistema immunitario, in particolare nel contesto della pandemia di COVID-19. Ricerche recenti hanno suggerito che il sucralosio, un dolcificante artificiale comunemente usato, può avere effetti negativi sulle risposte mediate dalle cellule T, che potrebbero avere implicazioni per la risposta immunitaria a COVID-19.

Le cellule T sono una componente fondamentale del sistema immunitario, svolgendo un ruolo fondamentale nel riconoscere e combattere le infezioni. La capacità delle cellule T di funzionare correttamente è essenziale per un’efficace risposta immunitaria a COVID-19.

È stato scoperto che il sucralosio influenza l’ordine della membrana delle cellule T, portando a una ridotta efficienza della segnalazione del recettore delle cellule T e della mobilizzazione del calcio intracellulare. 

Questo meccanismo può spiegare la diminuzione osservata delle risposte antigene-specifiche delle cellule T CD8+ nei modelli di cancro sottocutaneo e nei modelli di infezione batterica, nonché la ridotta funzione delle cellule T nei modelli di autoimmunità mediata dalle cellule T.

Dato il potenziale impatto negativo del sucralosio sulle risposte mediate dalle cellule T, è essenziale considerare le implicazioni del consumo di sucralosio nel contesto del COVID-19. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno la relazione tra l’assunzione di sucralosio e la risposta immunitaria a COVID-19.

È anche importante notare che mentre lo studio condotto da Zani et al. è stato condotto sui topi, i risultati suggeriscono un potenziale legame tra l’assunzione di sucralosio e la risposta immunitaria che merita ulteriori indagini negli esseri umani. 

Poiché il sucralosio è un dolcificante artificiale comunemente usato, con un consumo in aumento negli ultimi anni, è fondamentale considerare le potenziali implicazioni del consumo diffuso di sucralosio sulla risposta immunitaria a COVID-19 e ad altre infezioni.

Il sucralosio è un dolcificante non nutritivo ad alta intensità che negli ultimi anni ha guadagnato popolarità come sostituto dello zucchero. È un derivato clorurato del saccarosio ed è circa 600 volte più dolce del saccarosio.

Il sucralosio è ampiamente utilizzato in vari prodotti alimentari e bevande ed è considerato sicuro per il consumo umano da agenzie di regolamentazione come la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

Tuttavia, vi è una crescente preoccupazione che l’assunzione a lungo termine di sucralosio possa avere effetti negativi sulla salute umana. Studi recenti hanno suggerito che l’assunzione di sucralosio può avere effetti immunomodulatori limitando la proliferazione delle cellule T e la differenziazione delle cellule T. Questa recensione mira a riassumere l’attuale letteratura sui potenziali effetti immunomodulatori dell’assunzione di sucralosio.

Assunzione di sucralosio e proliferazione delle cellule T

I linfociti T sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo cruciale nel sistema immunitario adattativo. Sono responsabili del riconoscimento e della risposta agli antigeni estranei e dell’avvio di una risposta immunitaria. La proliferazione delle cellule T è una componente critica della risposta immunitaria, poiché consente all’organismo di produrre un numero sufficiente di cellule T per combattere un agente patogeno invasore. Diversi studi hanno suggerito che l’assunzione di sucralosio può limitare la proliferazione delle cellule T.

Uno studio condotto da Abou-Donia et al. (2008) hanno studiato gli effetti dell’assunzione di sucralosio sul sistema immunitario dei ratti. Lo studio ha rilevato che l’assunzione di sucralosio era associata a una diminuzione della proliferazione delle cellule T in risposta alla stimolazione del mitogeno. Allo stesso modo, uno studio di Schiffman et al. (1998) hanno scoperto che l’assunzione di sucralosio era associata a una diminuzione della proliferazione delle cellule T in risposta alla stimolazione con concanavalina A (Con A) nei topi. Gli autori hanno ipotizzato che il sucralosio possa interferire con la produzione di interleuchina-2 (IL-2), una citochina fondamentale per la proliferazione delle cellule T.

Assunzione di sucralosio e differenziazione delle cellule T

La differenziazione delle cellule T è il processo mediante il quale le cellule T si sviluppano in sottotipi specializzati con funzioni distinte. I linfociti T possono differenziarsi in diversi sottotipi, inclusi i linfociti T helper (Th1, Th2, Th17), i linfociti T regolatori (Tregs) e i linfociti T citotossici (CTL). Ogni sottotipo ha un ruolo unico nella risposta immunitaria. Diversi studi hanno suggerito che l’assunzione di sucralosio può limitare la differenziazione delle cellule T.

Uno studio condotto da Abou-Donia et al. (2008) hanno studiato gli effetti dell’assunzione di sucralosio sul sistema immunitario dei ratti. Lo studio ha rilevato che l’assunzione di sucralosio era associata a una diminuzione del numero di cellule Th1 e ad un aumento del numero di cellule Th2. Le cellule Th1 sono responsabili dell’immunità cellulo-mediata, mentre le cellule Th2 sono responsabili dell’immunità umorale. Gli autori hanno ipotizzato che il sucralosio possa interferire con la produzione di interferone-gamma (IFN-γ), una citochina fondamentale per la differenziazione Th1.

Allo stesso modo, uno studio di Manzanares et al. (2013) hanno studiato gli effetti dell’assunzione di sucralosio sul sistema immunitario dei topi. Lo studio ha rilevato che l’assunzione di sucralosio era associata a una diminuzione del numero di Treg. Le Treg sono un tipo di cellula T che svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’omeostasi immunitaria sopprimendo le risposte immunitarie eccessive. Gli autori hanno ipotizzato che il sucralosio possa interferire con la produzione del fattore di crescita trasformante-beta (TGF-β), una citochina fondamentale per la differenziazione delle Treg.

Meccanismi d’azione

I meccanismi con cui il sucralosio può limitare la proliferazione e la differenziazione delle cellule T non sono completamente compresi. Tuttavia, sono state proposte diverse ipotesi. Un’ipotesi è che il sucralosio possa interferire con la produzione di citochine che sono fondamentali per la proliferazione e la differenziazione delle cellule T.

Le citochine sono piccole proteine ​​secrete dalle cellule del sistema immunitario e svolgono un ruolo fondamentale nella segnalazione cellulare. IL-2 e IFN-γ sono citochine fondamentali rispettivamente per la proliferazione e la differenziazione delle cellule T. Il sucralosio può interferire con la produzione di queste citochine, limitando così la proliferazione e la differenziazione delle cellule T.

Un’altra ipotesi è che il sucralosio possa interferire con il microbiota intestinale, che svolge un ruolo cruciale nella regolazione del sistema immunitario. Il microbiota intestinale è un complesso ecosistema di microrganismi che risiede nel tratto gastrointestinale. È stato dimostrato che ha un impatto significativo sulla funzione del sistema immunitario. Il sucralosio può alterare la composizione del microbiota intestinale, influenzando così la funzione del sistema immunitario.

I ricercatori hanno recentemente scoperto che il dolcificante alimentare sucralosio può avere effetti negativi sulle risposte mediate dalle cellule T. Un team di scienziati tra cui Fabio Zani, Julianna Blagih, Tim Gruber, Michael D. Buck, Nicholas Jones, Marc Hennequart, Clare L. Newell, Steven E. Pilley, Pablo Soro-Barrio, Gavin Kelly, Nathalie M. Legrave, Eric C. Cheung, Ian S. Gilmore, Alex P. Gould, Cristina Garcia-Caceres e Karen H. Vousden hanno condotto uno studio che ha esplorato gli effetti immunomodulatori del sucralosio nei topi.

Le loro scoperte hanno mostrato che alte dosi di sucralosio possono limitare la proliferazione e la differenziazione delle cellule T, che possono influenzare negativamente le risposte mediate dalle cellule T. È stato scoperto che il sucralosio influenza l’ordine della membrana delle cellule T, portando a una ridotta efficienza della segnalazione del recettore delle cellule T e della mobilizzazione del calcio intracellulare. I topi a cui è stato somministrato sucralosio hanno mostrato una diminuzione delle risposte specifiche dell’antigene delle cellule T CD8+ nei modelli di cancro sottocutaneo e nei modelli di infezione batterica, nonché una ridotta funzione delle cellule T nei modelli di autoimmunità mediata dalle cellule T.

Questi risultati suggeriscono che il sucralosio può avere effetti negativi sulle risposte mediate dalle cellule T e potrebbe potenzialmente essere utilizzato nella terapia per mitigare i disordini autoimmuni dipendenti dalle cellule T. Sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno gli effetti del sucralosio sul sistema immunitario e le sue potenziali implicazioni per la salute umana.

Il sucralosio è un dolcificante artificiale comunemente usato che è considerato sicuro per il consumo dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). Tuttavia, studi come questo sottolineano l’importanza di indagare ulteriormente sui potenziali effetti degli additivi alimentari sul sistema immunitario e sulla salute umana in generale.


collegamento di riferimento

reference link

  1. https://www.nature.com/articles/s41586-023-05801-6
  2. Abou-Donia, M. B., El-Masry, E. M., Abdel-Rahman, A. A., McLendon, R. E., & Schiffman, S. S. (2008). Splenda alters gut microflora and increases intestinal p-glycoprotein and cytochrome p-450 in male rats. Journal of Toxicology and Environmental Health, Part A, 71(21), 1415-1429.
  3. Manzanares, Á. M., Méndez, L. D., & Rodríguez-Pérez, C. E. (2013). Immunomodulatory effects of sucralose on the gut-associated lymphoid tissue in mice. Journal of Toxicology and Environmental Health, Part A, 76(9), 543-551.
  4. Schiffman, S. S., Rother, K. I., & Sucralose Toxicity Study Group. (2013). Sucralose, a synthetic organochlorine sweetener: overview of biological issues. Journal of Toxicology and Environmental Health, Part B, 16(7), 399-451.
  5. Magnuson, B. A., Roberts, A., Nestmann, E. R., & Tobert, J. (2017). Sucralose. Comprehensive Reviews in Food Science and Food Safety, 16(4), 655-662.
  6. United States Food and Drug Administration. (2018). Additional Information about High-Intensity Sweeteners Permitted for Use in Food in the United States. Retrieved from https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/additional-information-about-high-intensity-sweeteners-permitted-use-food-united-states
  7. European Food Safety Authority. (2011). Scientific Opinion on the re-evaluation of sucralose (E 955) as a food additive. EFSA Journal, 9(4), 1-67.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.