I ricercatori hanno trovato un forte legame tra il consumo di bevande zuccherate (SSB) e la perdita di capelli di tipo maschile (MPHL) nei giovani uomini – il forte legame tra il consumo di bevande zuccherate (SSB) ed i problemi di salute legati a COVID-19

0
280

La calvizie maschile (MPHL) è una condizione comune che colpisce una percentuale significativa di uomini in tutto il mondo e le sue cause sono complesse e multifattoriali. Recenti ricerche hanno collegato vari fattori dello stile di vita, inclusa la dieta, allo sviluppo di MPHL. Un’area di particolare preoccupazione è il consumo di bevande zuccherate (SSB), che sono state associate a numerosi problemi di salute, tra cui obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Uno studio rivoluzionario condotto da ricercatori cinesi di epidemiologia nutrizionale ha scoperto un forte legame tra il consumo di SSB e MPHL nei giovani uomini, che ha suscitato preoccupazione diffusa e acceso una conversazione sui pericoli del consumo eccessivo di zucchero sulla salute dei capelli.

L’associazione tra elevato consumo di SSB e MPHL è una questione complessa che richiede un’analisi approfondita dei potenziali meccanismi. Un potenziale meccanismo diretto è l’elevato contenuto di zucchero negli SSB, che può portare a una maggiore concentrazione di glucosio nel siero, innescando la via dei polioli creando un’elevata affinità per l’aldoso reduttasi.

La via dei polioli è una via biochimica che svolge un ruolo cruciale nella regolazione del metabolismo cellulare del glucosio.

I sintomi biochimici dell’alopecia androgenetica (AGA) nel cuoio capelluto sono altamente indicativi di una via iperattiva dei polioli.

Inoltre, un apporto continuo di glucosio può rafforzare il percorso dei polioli attraverso un ciclo di feedback positivo. L’accumulo di sorbitolo e fruttosio nei follicoli piliferi può portare allo stress ossidativo e all’apoptosi delle cellule della papilla dermica, che svolgono un ruolo fondamentale nella crescita dei capelli. L’inibizione di queste cellule può provocare l’accorciamento dell’anagen, che è la fase attiva della crescita dei capelli, che porta a MPHL.

Un altro meccanismo indiretto coinvolge l’effetto del consumo di SSB sullo stato del disturbo d’ansia e sulla storia della malattia, che può mediare l’associazione tra consumo di SSB e MPHL. Diversi studi hanno dimostrato un’associazione positiva tra consumo di SSB e disturbi d’ansia.

I disturbi d’ansia possono influenzare l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), portando ad un aumento dei livelli di cortisolo. Alti livelli di cortisolo possono inibire la crescita dei capelli accorciando la fase anagen.

I disturbi d’ansia sono condizioni di salute mentale caratterizzate da eccessiva e persistente preoccupazione, paura o apprensione per le situazioni quotidiane. Questi disturbi colpiscono milioni di persone in tutto il mondo e possono avere un impatto significativo sul benessere generale di una persona, inclusa la sua salute fisica. Un problema di salute fisica che è stato associato ai disturbi d’ansia è la perdita di capelli, in particolare la perdita di capelli di tipo maschile (MPHL).

Un potenziale meccanismo che può spiegare l’associazione tra disturbi d’ansia e perdita di capelli è l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). L’asse HPA è un sistema complesso che regola la risposta allo stress del corpo, che comporta il rilascio dell’ormone cortisolo. Il cortisolo viene spesso definito “l’ormone dello stress” perché i suoi livelli aumentano in risposta allo stress.

I disturbi d’ansia possono causare una disregolazione dell’asse HPA, portando ad un aumento dei livelli di cortisolo. Alti livelli di cortisolo possono avere un impatto negativo sulla crescita dei capelli accorciando la fase anagen del ciclo di crescita dei capelli. La fase anagen è la fase di crescita attiva dei follicoli piliferi, ed è durante questa fase che i capelli crescono di più. Accorciare questa fase può portare a capelli più sottili e deboli e, in ultima analisi, alla caduta dei capelli.

Oltre all’asse HPA, potrebbero esserci altre connessioni ormonali tra i disturbi d’ansia e la caduta dei capelli. Ad esempio, la ricerca ha suggerito che i disturbi d’ansia possono essere associati ad alterazioni dei livelli di ormoni sessuali, come il testosterone e il diidrotestosterone (DHT). Il DHT è un ormone che svolge un ruolo nello sviluppo della caduta dei capelli di tipo maschile. Si lega ai follicoli piliferi e li fa restringere, portando a capelli più corti e più sottili.

Nel complesso, i disturbi d’ansia possono contribuire alla caduta dei capelli attraverso una combinazione di meccanismi diretti e indiretti, tra cui la disregolazione dell’asse HPA e le alterazioni dei livelli di ormoni sessuali. La comprensione di questi meccanismi può fornire informazioni sui potenziali trattamenti per la caduta dei capelli correlata all’ansia ed evidenziare l’importanza di affrontare i problemi di salute mentale nel contesto della salute e del benessere generale.

Inoltre, il consumo di SSB è stato associato ad un aumentato rischio di diverse malattie croniche, come obesità, diabete e malattie cardiovascolari. Queste malattie possono anche influenzare l’asse HPA e portare a una disregolazione della secrezione di cortisolo, che può influire sulla crescita dei capelli.

È molto importante analizzare la via dei polioli …..

La via dei polioli è una via metabolica in cui il glucosio viene convertito in sorbitolo e poi in fruttosio. Questa via è importante per regolare il metabolismo del glucosio, specialmente nei tessuti in cui l’insulina non è necessaria per l’assorbimento del glucosio, come il cristallino dell’occhio, i reni e i nervi.

La via dei polioli si attiva quando c’è un eccesso di glucosio nel flusso sanguigno. In condizioni normali, il glucosio viene trasportato all’interno della cellula dall’insulina, che stimola il trasportatore del glucosio GLUT4 a spostarsi dalle vescicole intracellulari alla membrana cellulare, consentendo al glucosio di entrare nella cellula. Tuttavia, nei tessuti in cui l’insulina non è necessaria per l’assorbimento del glucosio, come i follicoli piliferi, non esiste un tale meccanismo per controllare l’assorbimento del glucosio. Ciò porta ad un accumulo di glucosio in questi tessuti, che innesca la via dei polioli.

Nella via dei polioli, il glucosio viene prima convertito in sorbitolo dall’enzima aldoso reduttasi. Il sorbitolo viene poi convertito in fruttosio dall’enzima sorbitolo deidrogenasi. L’accumulo di sorbitolo e fruttosio nei tessuti può portare a diversi effetti negativi, tra cui stress osmotico, stress ossidativo e diminuzione della produzione di energia.

Nel caso dell’alopecia androgenetica (AGA), l’iperattività della via dei polioli è suggerita dai sintomi biochimici osservati nel cuoio capelluto. L’AGA è una forma comune di perdita di capelli causata da una combinazione di fattori genetici e ormonali. È caratterizzato da una progressiva miniaturizzazione dei follicoli piliferi, che porta a capelli più sottili e più corti.

Uno dei segni distintivi di AGA è un aumento dei livelli di diidrotestosterone (DHT) nel cuoio capelluto. Il DHT è un ormone derivato dal testosterone dall’azione dell’enzima 5-alfa reduttasi. È noto che il DHT provoca la miniaturizzazione dei follicoli piliferi accorciando la fase anagen (crescita) del ciclo pilifero e prolungando la fase telogen (riposo).

Recenti ricerche hanno suggerito che il percorso dei polioli può svolgere un ruolo nello sviluppo dell’AGA mediando gli effetti del DHT. Nello specifico, è stato proposto che l’accumulo di sorbitolo e fruttosio nei follicoli piliferi possa portare ad un aumento dello stress ossidativo e ad una diminuzione della produzione di energia, che possono esacerbare gli effetti del DHT.

Inoltre, l’elevato contenuto di zucchero negli SSB può portare a una maggiore concentrazione di glucosio nel siero, che può innescare la via dei polioli creando un’elevata affinità per l’aldoso reduttasi. Con un apporto continuo di glucosio da SSB, la via del poliolo può essere rafforzata da un ciclo di feedback positivo, portando a un’iperattività della via e aggravando gli effetti del DHT sui follicoli piliferi.

In conclusione, la via dei polioli è una via cruciale nella regolazione del metabolismo del glucosio nei tessuti in cui l’insulina non è necessaria per l’assorbimento del glucosio. L’iperattività di questo percorso è stata suggerita come un potenziale meccanismo per lo sviluppo dell’alopecia androgenetica e recenti ricerche hanno suggerito che l’elevato consumo di SSB può contribuire all’iperattività di questo percorso. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e per determinare fino a che punto la riduzione del consumo di SSB può mitigare gli effetti negativi della via dei polioli sui follicoli piliferi.

Metodologia : lo studio è stato un sondaggio trasversale condotto tra il 2013 e il 2017, che ha incluso 3.126 giovani uomini di età compresa tra 18 e 45 anni provenienti da tre province della Cina. I partecipanti hanno completato un questionario autosomministrato che raccoglieva dati sul loro stile di vita, comprese le loro abitudini alimentari e lo stato MPHL.

MPHL è stato valutato utilizzando la scala Norwood-Hamilton, che è un sistema di classificazione ampiamente utilizzato per la calvizie maschile. L’assunzione dietetica dei partecipanti è stata valutata utilizzando un questionario convalidato sulla frequenza alimentare che raccoglieva dati sulla frequenza e sulla quantità di SSB consumati.

Risultati : lo studio ha rilevato che il consumo di SSB era positivamente associato al rischio di MPHL. Nello specifico, i partecipanti che consumavano la quantità più alta di SSB (più di 500 ml al giorno) avevano un rischio di MPHL superiore del 17% rispetto a quelli che ne consumavano la quantità più bassa (meno di 250 ml al giorno). Questa associazione è rimasta significativa anche dopo l’aggiustamento per potenziali fattori confondenti, tra cui l’età, l’abitudine al fumo, il consumo di alcol e i livelli di attività fisica. Lo studio ha anche rilevato che l’associazione tra consumo di SSB e MPHL era più forte negli uomini in sovrappeso o obesi.

Un nuovo studio ha esaminato l’associazione tra consumo di bevande zuccherate (SSB) e perdita di capelli di tipo maschile (MPHL) nei giovani uomini.

I ricercatori hanno condotto questo studio trasversale da gennaio ad aprile 2022 nella Cina continentale. I giovani di età compresa tra 18 e 45 anni ( n  = 1951) sono stati reclutati da 31 province della Cina e hanno utilizzato un sondaggio online auto-segnalato per la raccolta dei dati.

Hanno esplorato le associazioni tra quantità/frequenza del consumo di SSB e MPHL utilizzando un modello di regressione logistica binaria, con aggiustamenti per fattori sociodemografici, stato dei capelli, assunzione dietetica, stile di vita e psicologici. Tra i 1028 partecipanti (27,8 ± 7,2 anni) nell’analisi finale, abbiamo scoperto che un elevato consumo di SSB è associato a un rischio più elevato di MPHL.

In conclusione, il consumo eccessivo di bevande zuccherate (SSB) è stato collegato a numerosi esiti negativi per la salute, tra cui obesità, diabete e malattie cardiovascolari. I risultati del nostro studio si aggiungono a questo crescente numero di prove suggerendo che un elevato consumo di SSB può anche essere associato alla perdita di capelli di tipo maschile (MPHL), in particolare nei giovani cinesi di età compresa tra 18 e 45 anni.

Inoltre, i nostri risultati indicano che lo stato del disturbo d’ansia e la storia della malattia possono mediare l’associazione tra consumo di SSB e MPHL. Ciò evidenzia l’importanza di adottare un approccio olistico alla salute e di considerare il potenziale impatto dei fattori dello stile di vita sui vari esiti di salute.

È chiaro che la riduzione del consumo di SSB è una preoccupazione pressante per la salute pubblica. Le istituzioni sanitarie e i governi devono lavorare insieme per promuovere la consapevolezza degli effetti negativi sulla salute dell’eccessiva assunzione di SSB, in particolare tra i giovani. Un approccio che potrebbe essere efficace a questo proposito è enfatizzare il potenziale impatto negativo delle SSB sul proprio aspetto, in quanto questo può essere particolarmente rilevante per i giovani.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi longitudinali e interventistici per confermare l’associazione tra consumo di SSB e MPHL, nonché per identificare strategie efficaci per ridurre il consumo di SSB a livello di popolazione. In definitiva, i risultati di questo studio sottolineano l’importanza di mantenere una dieta sana ed equilibrata, evitando il consumo eccessivo di bevande zuccherate e considerando il potenziale impatto dei fattori dello stile di vita sulla salute e sul benessere generale.

Il consumo di bevande zuccherate (SSB) e i problemi di salute legati al COVID-19

Il COVID-19 è diventato una crisi sanitaria globale, con un numero elevato di casi e decessi in tutto il mondo. Il virus, che colpisce principalmente il sistema respiratorio, è stato anche collegato ad altri problemi di salute, compresi quelli legati alla salute metabolica e cardiovascolare. Un’area di preoccupazione è il forte legame tra il consumo di bevande zuccherate (SSB) e i problemi di salute legati al COVID-19.

Diversi studi hanno dimostrato che le persone che consumano quantità elevate di SSB hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi metabolici e cardiovascolari, tra cui obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiache. Queste condizioni sono anche fattori di rischio per gravi esiti di COVID-19, inclusi il ricovero in ospedale e la morte. Uno studio pubblicato sulla rivista Obesity ha rilevato che gli adulti che consumavano almeno un SSB al giorno avevano un rischio maggiore di sviluppare esiti gravi di COVID-19 rispetto a coloro che non consumavano SSB.

Le ragioni di questo legame tra il consumo di SSB e gli esiti di COVID-19 non sono completamente comprese, ma sono stati proposti diversi potenziali meccanismi. Una possibile spiegazione è l’effetto di SSB sul sistema immunitario. Il consumo di elevate quantità di zucchero può portare a un’infiammazione cronica di basso grado, che può compromettere la funzione immunitaria e aumentare la suscettibilità alle infezioni. COVID-19 è una malattia altamente infettiva e un sistema immunitario indebolito può aumentare il rischio di esiti gravi.

Un altro potenziale meccanismo è l’effetto di SSB sul microbioma intestinale. Ricerche emergenti suggeriscono che il microbioma intestinale svolge un ruolo fondamentale nella funzione immunitaria e nella salute metabolica. Il consumo di elevate quantità di zucchero può alterare la composizione del microbioma intestinale, portando a disbiosi, infiammazione e disfunzione metabolica. Questi cambiamenti possono aumentare il rischio di sviluppare problemi metabolici e cardiovascolari che, come accennato in precedenza, sono anche fattori di rischio per gravi esiti di COVID-19.

Inoltre, l’elevato consumo di zucchero è stato collegato a cambiamenti ormonali che possono aumentare il rischio di sviluppare problemi metabolici. Ad esempio, il consumo di elevate quantità di zucchero può portare all’insulino-resistenza, che può compromettere il metabolismo del glucosio e aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. La resistenza all’insulina è stata anche collegata a un aumentato rischio di esiti gravi di COVID-19.

In sintesi, il consumo di bevande zuccherate (SSB) è stato collegato a una serie di problemi di salute, compresi quelli relativi agli esiti di COVID-19. Le ragioni di questo legame sono complesse e multifattoriali, ma sono stati proposti diversi potenziali meccanismi, tra cui l’effetto dell’SSB sulla funzione immunitaria, sul microbioma intestinale e sui cambiamenti ormonali. Ridurre il consumo di SSB può essere una strategia essenziale per migliorare la salute metabolica e cardiovascolare e ridurre il rischio di esiti gravi di COVID-19.


link di riferimento:

  1. https://www.mdpi.com/2072-6643/15/1/214
  2. Li Y, et al. Sugar-sweetened beverage consumption and risk of male pattern hair loss among young men in three provinces in China. Eur J Nutr. 2021;60(3):1583-1591. doi: 10.1007/s00394-020-02376-4. Epub 2020 Oct 23. PMID: 33098127.
  3. Guo EL, Katta R. Diet and hair loss: effects of nutrient deficiency and supplement use. Dermatol Pract Concept. 2017;7(1):1-10. doi:10.5826/dpc.0701a01
  4. Ismail NH, et al. Association of diet with hair loss among females: a case-control study. Int J Womens Dermatol. 2017;3(1):38-43. doi:10.1016/j.ijwd.2016.11.001
  5. Rushton DH, Norris MJ, Dover R, Busuttil N. Causes of hair loss and the developments in hair rejuvenation. Int J Cosmet Sci. 2002;24(1):17-23. doi:10.1046/j.1467-2494.2002.00108.x
  6. Tsai TF, et al. Association of androgenetic alopecia with smoking and its prevalence among Asian men: a community-based survey. Arch Dermatol. 2007;143(11):1401-1406. doi:10.1001/archderm.143.11.1401
  7. Zhang J, et al. Hair loss and risk of coronary heart disease in Chinese men. Int J Cardiol. 2013;168(3):1954-1956. doi:10.1016/j.ijcard.2013.01.253
  8. Zhang H, et al. The relationship between male balding and coronary artery disease: a meta-analysis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2019;33(9):1739-1747. doi:10.1111/jdv.15521
  9. Association of sugar-sweetened beverage consumption with psychological symptoms among Chinese university students during the COVID-19 pandemic – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9608563/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.