Long-COVID e rischio di malattie autoimmuni

0
360

Le malattie autoimmuni sono un gruppo eterogeneo di disturbi che possono colpire più organi e sistemi del corpo e si verificano quando il sistema immunitario attacca erroneamente cellule e tessuti sani.

Le cause esatte delle malattie autoimmuni non sono completamente comprese, ma si ritiene che siano influenzate da una combinazione di fattori genetici, ambientali e immunologici.

In questo rapporto, esploreremo come il COVID-19 può innescare risposte autoimmuni e aumentare il rischio di malattie autoimmuni, punto per punto.

  • Risposta del sistema immunitario a COVID-19

Il sistema immunitario svolge un ruolo cruciale nella lotta contro infezioni e virus, incluso il SARS-CoV-2. Quando una persona viene infettata da COVID-19, il suo sistema immunitario risponde producendo anticorpi e cellule T per combattere il virus. Tuttavia, in alcuni casi, la risposta immunitaria può essere disregolata, portando a una sovrapproduzione di citochine (nota come tempesta di citochine) e danneggiando i tessuti sani.

  • Disregolazione del sistema immunitario

La disregolazione del sistema immunitario può portare a risposte autoimmuni, in cui il sistema immunitario attacca i tessuti e gli organi sani. Gli studi hanno scoperto che COVID-19 può causare una risposta immunitaria disregolata in alcuni pazienti, portando alla produzione di autoanticorpi (anticorpi che attaccano i tessuti sani) e allo sviluppo di malattie autoimmuni.

  • Produzione di autoanticorpi

Gli autoanticorpi sono stati trovati nei pazienti COVID-19, compresi quelli che si sono ripresi dall’infezione. Questi autoanticorpi possono colpire una vasta gamma di tessuti e organi sani, inclusi polmoni, fegato, reni e cervello. La presenza di questi autoanticorpi può portare allo sviluppo di malattie autoimmuni.

  • Mimetismo molecolare

Una teoria per la produzione di autoanticorpi nei pazienti COVID-19 è il mimetismo molecolare. Il mimetismo molecolare si verifica quando una proteina virale assomiglia a un’auto-proteina, inducendo il sistema immunitario ad attaccare sia il virus che il tessuto sano. Gli studi hanno identificato somiglianze tra il virus SARS-CoV-2 e le proteine ​​umane, come l’ACE2 e la proteina basica della mielina, che possono portare alla produzione di autoanticorpi.

  • Diffusione dell’epitopo

Un’altra teoria per lo sviluppo di malattie autoimmuni nei pazienti COVID-19 è la diffusione dell’epitopo. La diffusione dell’epitopo si verifica quando il sistema immunitario inizia ad attaccare altri antigeni oltre al virus, portando allo sviluppo di malattie autoimmuni. Gli studi hanno dimostrato che il COVID-19 può causare la diffusione dell’epitopo e aumentare il rischio di sviluppare malattie autoimmuni.

  • Tempesta di citochine

Nei casi gravi di COVID-19, può verificarsi una tempesta di citochine, che è una sovrapproduzione di citochine che può portare a infiammazione sistemica e danni agli organi. Questa tempesta di citochine può portare allo sviluppo di malattie autoimmuni, poiché la risposta infiammatoria può indurre il sistema immunitario ad attaccare tessuti e organi sani.

  • Suscettibilità genetica

I fattori genetici possono anche svolgere un ruolo nello sviluppo di malattie autoimmuni nei pazienti COVID-19. Gli studi hanno scoperto che alcune variazioni genetiche possono aumentare il rischio di sviluppare malattie autoimmuni in risposta alle infezioni virali, incluso il COVID-19.

  • Malattie autoimmuni associate a COVID-19

COVID-19 è stato associato allo sviluppo di diverse malattie autoimmuni, tra cui la sindrome di Guillain-Barré, l’anemia emolitica autoimmune e l’artrite reumatoide. Queste malattie autoimmuni possono svilupparsi durante o dopo l’infezione da COVID-19 e possono portare a complicazioni di salute a lungo termine.

Studi recenti hanno suggerito che il COVID-19 e il COVID-lungo possono essere associati a un aumentato rischio di sviluppare malattie autoimmuni, tra cui:

  • Artrite reumatoide (RA) : RA è una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni e può portare a danni articolari e disabilità. Diversi studi hanno riportato un aumento del rischio di sviluppare RA dopo l’infezione da COVID-19 e alcuni case report hanno descritto pazienti che hanno sviluppato sintomi di RA dopo essersi ripresi da COVID-19.
  • Lupus eritematoso sistemico (LES) : il LES è una malattia autoimmune cronica che può colpire più organi, tra cui la pelle, le articolazioni, i reni e il cervello. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare il LES e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili al lupus dopo il COVID-19.
  • Sindrome di Sjogren : la sindrome di Sjogren è una malattia autoimmune che colpisce le ghiandole che producono l’umidità, portando a secchezza degli occhi e della bocca, e può colpire anche altri organi, come i reni, i polmoni e il sistema nervoso. Ci sono state segnalazioni di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla sindrome di Sjogren dopo l’infezione da COVID-19.
  • Sclerosi multipla (SM) : la SM è una malattia autoimmune cronica che colpisce il sistema nervoso centrale, causando infiammazione e danneggiamento della guaina mielinica che ricopre le fibre nervose. Ci sono state segnalazioni di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla SM dopo l’infezione da COVID-19, sebbene il legame tra le due condizioni non sia completamente compreso.
  • Malattia infiammatoria intestinale (IBD) : IBD è un gruppo di disturbi infiammatori cronici che colpiscono il tratto digestivo, tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare l’IBD e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi di IBD dopo il COVID-19.
  • Miosite : la miosite è un gruppo di malattie autoimmuni che colpiscono i muscoli, portando a debolezza muscolare e atrofia. Ci sono state segnalazioni di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla miosite dopo l’infezione da COVID-19, sebbene il legame tra le due condizioni non sia completamente compreso.
  • Epatite autoimmune : l’epatite autoimmune è una malattia epatica cronica che si verifica quando il sistema immunitario attacca le cellule del fegato, causando infiammazione e danni. Ci sono state segnalazioni di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’epatite autoimmune dopo l’infezione da COVID-19, sebbene il legame tra le due condizioni non sia completamente compreso.
  • Diabete di tipo 1 : il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune cronica che si verifica quando il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule produttrici di insulina nel pancreas, portando a livelli elevati di zucchero nel sangue. Studi recenti hanno suggerito un aumento del rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 dopo l’infezione da COVID-19 e alcuni case report hanno descritto pazienti che hanno sviluppato sintomi correlati al diabete dopo essersi ripresi da COVID-19.
  • Malattie autoimmuni della tiroide : le malattie autoimmuni della tiroide, come la tiroidite di Hashimoto e il morbo di Graves, si verificano quando il sistema immunitario attacca la ghiandola tiroidea, portando a ipo o ipertiroidismo. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare le malattie autoimmuni della tiroide e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi correlati alla tiroide dopo il COVID-19.
  • Sindrome di Guillain-Barre (GBS) : GBS è una rara malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso periferico, portando a debolezza muscolare, intorpidimento e paralisi. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare GBS e sono stati riportati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili a GBS dopo COVID-19.
  • Sindrome da antifosfolipidi (APS) : l’APS è una rara malattia autoimmune che si verifica quando il sistema immunitario attacca determinate proteine ​​nel sangue, portando a coaguli di sangue e complicazioni della gravidanza. Studi recenti hanno suggerito un aumento del rischio di sviluppare APS dopo l’infezione da COVID-19 e alcuni case report hanno descritto pazienti che hanno sviluppato sintomi correlati a APS dopo essersi ripresi da COVID-19.
  • Vasculite : la vasculite è un gruppo di malattie autoimmuni che colpiscono i vasi sanguigni, portando a infiammazioni e danni a vari organi e tessuti. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la vasculite e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla vasculite dopo il COVID-19.
  • Psoriasi : la psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle che si verifica quando il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule della pelle, causando chiazze rosse e squamose sulla pelle. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la psoriasi e sono stati riportati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla psoriasi dopo il COVID-19.
  • Uveite : l’uveite è una malattia autoimmune che colpisce l’uvea, lo strato intermedio dell’occhio, causando infiammazione e danni all’occhio. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare l’uveite e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’uveite dopo COVID-19.
  • Miastenia grave (MG) : la miastenia grave è una rara malattia autoimmune che colpisce la giunzione neuromuscolare, portando a debolezza muscolare e affaticamento. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la MG e ci sono stati casi clinici di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla MG dopo il COVID-19.
  • Pemfigo : il pemfigo è una rara malattia autoimmune che colpisce la pelle e le mucose, causando vesciche e ulcerazioni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare il pemfigo e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili al pemfigo dopo il COVID-19.
  • Encefalite autoimmune : l’encefalite autoimmune è una rara malattia autoimmune che colpisce il cervello, portando a sintomi neurologici come convulsioni, deterioramento cognitivo e cambiamenti comportamentali. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare l’encefalite autoimmune e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’encefalite autoimmune dopo il COVID-19.
  • Malattia correlata a IgG4 : la malattia correlata a IgG4 è una rara malattia autoimmune che colpisce vari organi e tessuti, causando infiammazione e danni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la malattia correlata alle IgG4 e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla malattia correlati alle IgG4 dopo il COVID-19.
  • Polimialgia reumatica (PMR) : la polimialgia reumatica è una malattia infiammatoria cronica che colpisce i muscoli e le articolazioni, causando dolore e rigidità, specialmente alle spalle e ai fianchi. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare la PMR e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla PMR dopo il COVID-19.
  • Sarcoidosi : la sarcoidosi è una malattia infiammatoria cronica che può colpire più organi e tessuti, portando alla formazione e al danno del granuloma. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la sarcoidosi e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla sarcoidosi dopo il COVID-19.
  • Anemia emolitica autoimmune (AIHA) : l’AIHA è una rara malattia autoimmune che colpisce i globuli rossi, causando anemia e altre complicazioni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare l’AIHA e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’AIHA dopo il COVID-19.
  • Pancreatite autoimmune: la pancreatite autoimmune è una rara malattia autoimmune che colpisce il pancreas, causando infiammazione e danni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare la pancreatite autoimmune e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla pancreatite autoimmune dopo il COVID-19.
  • Disturbo dello spettro della neuromielite ottica (NMOSD) : la NMOSD è una rara malattia autoimmune che colpisce i nervi ottici e il midollo spinale, portando a perdita della vista, debolezza muscolare e altri sintomi neurologici. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare il NMOSD e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili al NMOSD dopo il COVID-19.
  • Sindrome da antifosfolipidi (APS) : l’APS è una rara malattia autoimmune che colpisce i vasi sanguigni, causando coaguli di sangue e altre complicazioni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare APS e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili a APS dopo COVID-19.
  • Disturbi neuropsichiatrici : l’infezione da COVID-19 è stata associata a vari disturbi neuropsichiatrici, tra cui depressione, ansia, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e psicosi. Sebbene i meccanismi esatti non siano ancora del tutto chiari, alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare processi autoimmuni o infiammatori sottostanti che contribuiscono a questi sintomi neuropsichiatrici.
  • Malattia infiammatoria intestinale (IBD) : l’IBD è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il tratto gastrointestinale, causando dolore addominale, diarrea e altri sintomi. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può scatenare o esacerbare l’IBD e ci sono stati casi clinici di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’IBD dopo il COVID-19.
  • Malattia autoimmune della tiroide : la malattia autoimmune della tiroide è un gruppo di malattie autoimmuni che colpiscono la ghiandola tiroidea, portando a ipotiroidismo o ipertiroidismo. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare una malattia autoimmune della tiroide e ci sono state segnalazioni di casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili alla malattia autoimmune della tiroide dopo il COVID-19.
  • Artrite idiopatica giovanile (AIG) : l’AIG è una malattia infiammatoria cronica che colpisce bambini e adolescenti, causando dolori articolari, gonfiore e rigidità. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare l’AIG e sono stati segnalati casi di bambini che hanno sviluppato sintomi simili all’AIG dopo il COVID-19.
  • Malattie bollose autoimmuni : l’infezione da COVID-19 è stata associata a varie malattie bollose autoimmuni, tra cui il pemfigoide bolloso, il pemfigo volgare e la malattia da IgA lineare. Sebbene i meccanismi esatti non siano ancora del tutto chiari, alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare i processi autoimmuni sottostanti che contribuiscono a queste condizioni cutanee vesciche.
  • Uveite autoimmune : l’uveite è una rara malattia autoimmune che colpisce gli occhi, causando infiammazione e danni. Alcuni studi hanno suggerito che l’infezione da COVID-19 può innescare o esacerbare l’uveite autoimmune e sono stati segnalati casi di pazienti che hanno sviluppato sintomi simili all’uveite dopo il COVID-19.

Il Long-COVID, noto anche come Post-Acute Sequelae of SARS-CoV-2 Infection (PASC), è una condizione caratterizzata da sintomi persistenti che durano oltre la fase acuta di COVID-19, che in genere dura da due a quattro settimane. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association, fino al 30% delle persone con COVID-19 può manifestare sintomi a lungo termine e dati recenti dal Regno Unito suggeriscono che circa il 10% dei pazienti con COVID-19 soffre di sintomi a lungo termine sintomi a termine.

I sintomi del COVID lungo possono includere affaticamento, mancanza di respiro, dolore toracico, annebbiamento del cervello, difficoltà a dormire, dolori articolari e depressione, tra gli altri. La gravità di questi sintomi può variare e alcuni individui possono manifestare solo sintomi lievi mentre altri possono essere debilitati per mesi. La causa esatta del COVID lungo non è ancora del tutto chiara, ma si ritiene che sia correlata a una risposta immunitaria iperattiva al virus, nonché a danni a vari organi causati dall’infezione iniziale.

Un’area di preoccupazione per le persone con COVID lungo è il potenziale aumento del rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Le malattie autoimmuni si verificano quando il sistema immunitario attacca erroneamente cellule e tessuti sani nel corpo, provocando infiammazioni e danni. Alcuni esempi di malattie autoimmuni includono l’artrite reumatoide, il lupus e la sclerosi multipla.

Uno studio pubblicato su Lancet Rheumatology nel febbraio 2021 ha suggerito che potrebbe esserci un legame tra il COVID lungo e lo sviluppo di malattie autoimmuni. Lo studio ha analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di oltre 500.000 persone negli Stati Uniti e ha scoperto che le persone a cui era stato diagnosticato il COVID-19 avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie autoimmuni rispetto a quelle che non erano state infettate dal virus.

Un altro studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Immunology nell’aprile 2021 ha esaminato la risposta immunitaria di individui con COVID lungo e ha scoperto che molti di loro avevano una risposta immunitaria iperattiva, inclusi alti livelli di citochine pro-infiammatorie. Questo tipo di risposta immunitaria si osserva anche nelle malattie autoimmuni, suggerendo che il COVID lungo può innescare o esacerbare condizioni autoimmuni preesistenti.

È importante notare, tuttavia, che questi studi sono ancora preliminari e sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno il legame tra COVID lungo e malattie autoimmuni. Inoltre, non tutti gli individui con COVID lungo svilupperanno malattie autoimmuni ed è probabile che il rischio complessivo sia basso.

In sintesi, COVID-19 e lungo-COVID sono stati collegati a un aumentato rischio di sviluppare varie malattie autoimmuni, tra cui artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjogren, sclerosi multipla, malattia infiammatoria intestinale, miosite, epatite autoimmune, diabete di tipo 1, malattie autoimmuni della tiroide, sindrome di Guillain-Barré, sindrome antifosfolipidica, vasculite, psoriasi e uveite. È importante che le persone che hanno avuto COVID-19 o COVID-19 da lungo tempo siano consapevoli del rischio potenziale e si rivolgano a un medico se manifestano sintomi nuovi o in peggioramento. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i meccanismi sottostanti e sviluppare strategie di prevenzione e trattamento efficaci per queste condizioni.


link di riferimento:

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2023.01.25.23285014v1

https://www.thelancet.com/journals/eclinm/article/PIIS2589-5370(22)00512-0/fulltext

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.10.06.22280775v1

https://www.mdpi.com/2076-393X/10/6/961

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.