I vaccini COVID-19 sono collegati a un aumento dei casi di miocardite?

0
179

Il COVID-19 è stato dichiarato pandemia globale dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) da marzo 2020. È causato dal virus SARS-CoV-2 e ha infettato milioni di persone in tutto il mondo. COVID-19 ha provocato una significativa morbilità e mortalità e lo sviluppo di vaccini è stato un passo cruciale verso il controllo della diffusione della malattia.

Mentre il lancio del vaccino continua in tutto il mondo, sono emerse preoccupazioni sui potenziali effetti avversi, inclusa la possibilità di miocardite, una condizione rara ma grave. In questo documento, esploreremo se i vaccini COVID-19 sono collegati a un aumento dei casi di miocardite.

Premessa:

La miocardite è una condizione caratterizzata da infiammazione del muscolo cardiaco. Può essere causato da una varietà di fattori, tra cui infezioni virali, malattie autoimmuni ed esposizioni tossiche. La miocardite può essere una condizione grave che può portare a insufficienza cardiaca, aritmie e persino alla morte. I sintomi della miocardite possono variare ma possono includere dolore toracico, mancanza di respiro e affaticamento.

I vaccini COVID-19 funzionano addestrando il sistema immunitario a riconoscere e combattere il virus SARS-CoV-2. Hanno dimostrato di essere altamente efficaci nella prevenzione di malattie gravi, ospedalizzazione e morte per COVID-19. Tuttavia, ci sono state segnalazioni di miocardite che si sono verificate in un piccolo numero di persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19.

Prove attuali:

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti hanno indagato sulle segnalazioni di miocardite a seguito della vaccinazione COVID-19. Il CDC ha riferito che sono stati osservati casi di miocardite in persone che hanno ricevuto i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna, che utilizzano la tecnologia mRNA. La maggior parte dei casi è stata segnalata in maschi di età inferiore ai 30 anni e i casi sono stati più comuni dopo la seconda dose del vaccino.

Anche l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha monitorato la sicurezza dei vaccini COVID-19 e ha riportato risultati simili. L’EMA ha segnalato casi di miocardite a seguito di vaccinazione con vaccini a mRNA, ma l’agenzia osserva che l’incidenza della miocardite è ancora molto rara.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che la miocardite è un evento avverso raro dopo la vaccinazione contro il COVID-19. L’organizzazione raccomanda che i benefici della vaccinazione superino i rischi di eventi avversi, inclusa la miocardite.

Un nuovo studio ha esaminato una coorte di pazienti che hanno sviluppato miocardite e/o pericardite con livelli elevati di troponina, peptide natriuretico di tipo B e proteina C-reattiva, nonché anomalie dell’imaging cardiaco poco dopo la vaccinazione con SARS-CoV-2 mRNA.

Contrariamente alle prime ipotesi, i pazienti non hanno mostrato caratteristiche di miocardite da ipersensibilità, né hanno esagerato risposte anticorpali specifiche o neutralizzanti SARS-CoV-2 coerenti con un meccanismo umorale iperimmune. Inoltre, non abbiamo trovato prove di autoanticorpi mirati al cuore.

Invece, la profilazione sistematica imparziale del siero immunitario ha rivelato aumenti delle interleuchine circolanti (IL-1β, IL-1RA e IL-15), delle chemochine (CCL4, CXCL1 e CXCL10) e delle metalloproteasi della matrice (MMP1, MMP8, MMP9 e TIMP1) . La successiva profilazione immunitaria profonda utilizzando l’RNA unicellulare e il sequenziamento del repertorio delle cellule mononucleate del sangue periferico durante la malattia acuta ha rivelato l’espansione delle  cellule T citotossiche attivate CXCR3 + e delle cellule NK, entrambe fenotipicamente simili a cellule killer guidate da citochine.

Inoltre, i pazienti hanno mostrato firme di CCR2  CD163 +  monociti infiammatori e profibrotici, insieme a CD163 sierosolubile elevato, che può essere collegato all’aumento tardivo del gadolinio alla risonanza magnetica cardiaca, che può persistere per mesi dopo la vaccinazione. Insieme, i nostri risultati dimostrano l’up-regolazione delle citochine infiammatorie e dei corrispondenti linfociti con capacità di danno tissutale, suggerendo una patologia dipendente dalle citochine, che può essere ulteriormente accompagnata da fibrosi cardiaca associata a cellule mieloidi.

Questi risultati probabilmente escludono alcuni meccanismi precedentemente proposti della miopericardite associata al vaccino a mRNA e ne indicano di nuovi rilevanti per lo sviluppo del vaccino e la cura clinica.

link di riferimento: https://www.science.org/doi/10.1126/sciimmunol.adh3455#abstract

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.