Il vaccino Gardasil HPV ha causato il cancro cervicale in una giovane donna: la prima causa per sostenere che Gardasil può causare il cancro cervicale

0
326

I virus del papilloma umano (HPV) sono piccoli virus a DNA senza involucro che appartengono alla famiglia dei virus del papilloma e infettano l’epitelio cutaneo e delle mucose nell’uomo (1). Gli HPV sono estremamente comuni in tutto il mondo e consistono in più di 170 tipi (2).

Un’infezione persistente con alcuni tipi di HPV muco-tropici è riconosciuta come il fattore principale nell’eziologia del cancro cervicale (3-6). Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cancro cervicale è il secondo tipo più comune di cancro nelle donne, con circa 530.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno (7).

L’incidenza del cancro cervicale in Germania è una delle più alte tra i paesi occidentali, ed è attualmente la seconda causa di mortalità tra le donne >50 anni (8).

L’HPV viene solitamente acquisito tramite trasmissione sessuale e può indurre lo sviluppo del cancro cervicale entro diversi anni a seguito di un’infezione persistente (9). Il progresso del cancro cervicale è lento, a partire dalla neoplasia intraepiteliale cervicale (CIN) (3) e termina con il cancro invasivo. Le lesioni precancerose possono essere efficacemente rilevate mediante screening cervicale mediante il test di Papanicolaou (Pap test).

Gli HPV sono stati classificati in tipi ad alto rischio (HR-HPV), che sono oncogeni o hanno potenziale oncogenico, e tipi a basso rischio (LR-HPV), che non presentano un’associazione causale con il cancro (9). Un recente studio ha fornito prove biologiche di cancerogenicità per i tipi di HPV 26, 53, 66, 67, 68, 70, 73 e 82, precedentemente classificati come possibilmente cancerogeni (HPV26, 53, 66, 68, 73 e 82) e non cancerogeno (HPV67 e 70) (10).

Mentre i tipi di LR-HPV rappresentano condizioni non fatali, tra cui verruche e condilomi, numerosi studi hanno dimostrato l’associazione causale tra HR-HPV e lesioni maligne (4,6,11). In uno studio mondiale retrospettivo trasversale riguardante l’associazione tra genotipo HPV e carcinoma della cervice utilizzando dati provenienti da > 10.000 pazienti, il DNA dell’HPV è stato identificato nell’85% delle pazienti con carcinoma della cervice (12). Il più alto rischio cancerogeno è attribuito ai seguenti tipi HR-HPV: 16, 18, 31, 33, 35, 52 e 58 (13). HPV16 e 18 sono associati a >2/3 di tutti i casi di cancro cervicale in tutto il mondo (14-16), il che ha portato allo sviluppo di vaccini profilattici contro questi due tipi di HPV (17).

Attualmente, ci sono due vaccini contro l’HPV approvati in Germania (18). Questi sono il vaccino quadrivalente Gardasil® (Merck & Co., Inc., Whitehouse Station, NJ, USA), che ha come bersaglio HPV6, 11, 16 e 18, e il vaccino bivalente Cervarix® (GlaxoSmithKline, Brentford, UK), che ha come bersaglio HPV16 e 18.

Dal 2006, numerosi paesi hanno implementato programmi di vaccinazione utilizzando questi due vaccini (18). In Germania, la vaccinazione contro l’HPV viene solitamente eseguita durante un controllo sanitario di routine per adolescenti denominato J1, disponibile per le ragazze di 12-14 anni, e la raccomandazione del Comitato permanente per la vaccinazione presso l’Istituto Robert Koch è di vaccinare tra il età compresa tra 9 e 14 anni (19).

I risultati degli studi clinici indicano che le ragazze e le donne vaccinate hanno una maggiore protezione contro lo sviluppo di CIN (20-23). Oltre alla comprovata efficacia contro l’HPV 16 e 18 (10,15), è noto che i suddetti vaccini HPV bivalenti e quadrivalenti conferiscono una protezione incrociata contro alcuni tipi di HPV non vaccinali. È stato descritto che il vaccino quadrivalente offre una protezione crociata principalmente contro l’HPV31 (24), mentre è stato dimostrato che il vaccino bivalente mostra un effetto protettivo contro l’HPV31, 33, 45 (25) e 51 (26).

Con il crescente impatto della vaccinazione contro alcuni tipi di HPV nelle giovani donne (27), è importante monitorare i cambiamenti nella prevalenza dei tipi di HPV.

link di riferimento : https://www.spandidos-publications.com/10.3892/ol.2016.4668

Il caso…

Il vaccino Gardasil, prodotto da Merck & Co., è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel 2006 per l’uso nella prevenzione dell’infezione da solo alcuni dei centinaia di tipi di papillomavirus umano (HPV).

Da quando è arrivato sul mercato, tuttavia, migliaia di adolescenti e adulti hanno riportato  effetti collaterali gravi e invalidanti del Gardasil  dopo aver ricevuto il vaccino HPV. Il più importante tra questi effetti collaterali è la sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS).

Gardasil ha ottenuto l’approvazione della FDA in soli sei mesi. Anche uno dei principali investigatori degli  studi clinici Gardasil  (i test sull’uomo che precedono l’approvazione della FDA) ha affermato che il processo “è andato troppo veloce”.

Il ricercatore Peter C. Gøtzsche  nel suo libro  Vaccines: Truth, Lies, and Controversy  ha notato alcune delle inadeguatezze della ricerca negli studi clinici sul vaccino HPV:

“È un requisito per la registrazione dei farmaci che siano stati condotti studi randomizzati in cui un gruppo ha ricevuto il farmaco e il gruppo di controllo ha ricevuto placebo o niente. Ciò consente di valutare sia i benefici che i danni delle droghe. Ho svolto ricerche su farmaci non vaccinali per decenni e sono rimasto scioccato quando ho appreso attraverso il mio lavoro con i vaccini contro il virus del papilloma umano (HPV) che i requisiti normativi sono molto inferiori per i vaccini. Quasi tutti gli studi sul vaccino HPV hanno un gruppo di controllo che riceve un vaccino contro l’epatite o un adiuvante fortemente immunogenico, il che rende impossibile scoprire quali sono i danni dei vaccini HPV.

Oggi, molte giovani donne e uomini che hanno ricevuto il vaccino Gardasil (il Gardasil approvato anche dalla FDA per i ragazzi) stanno soffrendo, ed è stato un incubo vivente per i genitori con bambini che hanno avuto gravi reazioni avverse al vaccino. Tutti si sono fidati di Gardasil, senza mai sospettare le gravi malattie e disabilità che ne sarebbero potute derivare.

25 aprile 2023 15:30 ET

Newswire legale POWERED BY LAW.COM

Gli avvocati di Wisner Baum (precedentemente Baum Hedlund Aristei & Goldman) per danni da vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) hanno intentato una causa presso un tribunale federale per conto di una giovane donna dello Utah che sostiene che il vaccino Gardasil HPV di Merck le abbia causato lo sviluppo di cancro cervicale e altre  lesioni  . Questa è la prima causa per sostenere che Gardasil può causare il cancro cervicale, lo stesso cancro che Merck afferma che Gardasil previene.

La querelante Caroline Cantera, 25 anni, sostiene che la Merck & Co., Inc., con sede nel New Jersey, e la controllata Merck Sharp & Dohme abbiano ipervenduto il Gardasil come “vaccino contro il cancro cervicale” e abbiano minimizzato i rischi per la salute noti per aumentare le vendite.

Gli avvocati di Cantera, Bijan Esfandiari, Michael L. Baum e Monique Alarcon hanno presentato la denuncia (caso n. 3:23-cv-00161) presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale della Carolina del Nord nell’ambito del contenzioso multidistrettuale Gardasil (MDL n. 3036). Dozzine di casi federali di lesioni al Gardasil archiviati in tutto il paese sono stati consolidati nella Carolina del Nord.

Secondo la denuncia, Merck non ha mai studiato se Gardasil previene il cancro cervicale. Invece, Gardasil è stato testato per determinare se potesse prevenire lo sviluppo di determinate lesioni, alcune delle quali sono considerate correlate al cancro, tuttavia, la maggior parte di tali lesioni, anche le più gravi, regrediscono da sole. Non tutte le infezioni da HPV mettono a rischio di cancro cervicale. Solo infezioni persistenti da HPV (non infezioni a breve termine o transitorie) in un numero limitato di casi possono causare lo sviluppo di lesioni precancerose.

I funzionari della sanità pubblica raccomandano da tempo il Pap test come la risposta di salute pubblica più efficace in prima linea per prevenire il cancro cervicale. Molto prima che Gardasil fosse introdotto sul mercato nel 2006, i tassi di cancro cervicale erano crollati fino all’80% con l’implementazione del Pap test di routine. Per coloro a cui vengono diagnosticate lesioni precancerose o peggiori, il cancro cervicale è ampiamente curabile se preso in tempo.

Tuttavia, Merck ha richiesto l’approvazione accelerata della FDA per Gardasil per soddisfare un presunto bisogno insoddisfatto nella prevenzione del cancro cervicale, con il suo costoso vaccino HPV. Una volta approvato, Merck si è impegnato in un’implacabile campagna di marketing proclamando falsamente che Gardasil era un “vaccino contro il cancro cervicale” e che qualsiasi ragazza vaccinata con Gardasil sarebbe diventata “una donna in meno” con cancro cervicale, afferma la causa.

Cantera sostiene che Gardasil può effettivamente aumentare il rischio di cancro cervicale.

L’etichetta del vaccino Gardasil afferma specificamente: “Gardasil non è stato valutato per il potenziale cancerogeno o genotossico”. Studi dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono che la soppressione dei ceppi di HPV bersaglio di Gardasil (ci sono oltre 200 ceppi di HPV e Gardasil bersaglio tra quattro e nove ceppi) potrebbe effettivamente aprire una nicchia ecologica per la sostituzione con più virulenti ceppi, aumentando così il rischio di cancro cervicale.

Gli stessi studi di Merck mostrano che, per quelli precedentemente esposti all’HPV (un’enorme percentuale della popolazione) quando vaccinati, c’è un aumento del rischio fino al 44,6% di sviluppare cellule pre-cancro anormali avanzate o peggio. Il reclamo Cantera conclude: “Gli studi di Merck suggeriscono che i suoi vaccini HPV possono causare il cancro nelle donne che sono state precedentemente esposte all’HPV, in particolare se hanno anche un’infezione in corso”. Poiché questo è un fatto poco noto, non viene effettuato alcuno screening prima della vaccinazione, aumentando così il rischio.

Il reclamo cita anche tassi di cancro cervicale in rapido aumento tra le giovani donne nei paesi in cui Gardasil ha registrato un’elevata diffusione. Gli studi hanno anche dimostrato che le giovani donne che hanno ricevuto il vaccino Gardasil stanno rinunciando al Pap screening di routine a causa di un falso senso di sicurezza che il vaccino HPV le proteggerà dal cancro cervicale.

“Merck ha fortemente promosso il Gardasil come vaccino per la prevenzione del cancro anche se gli studi non erano progettati per rispondere a questa domanda, e la sua commercializzazione ha effettivamente portato le giovani donne a rinunciare al Pap screening, il metodo più affidabile e provato per prevenire il cancro cervicale. Merck inoltre non ha studiato se Gardasil può causare il cancro, ma ora abbiamo prove che può aumentare il rischio di cancro “, afferma Bijan Esfandiari, avvocato specializzato in lesioni da vaccino HPV, che funge da consulente legale per i querelanti nel Gardasil MDL. “Dato che Merck guadagna oltre sei miliardi di dollari all’anno con Gardasil, ha pochi incentivi a fermare l’inganno. Attraverso il nostro contenzioso, speriamo di  esporre la verità e ritenere Merck responsabile  per il danno che ha arrecato a Caroline e ad altri”.

Caroline Cantera aveva 19 anni quando ha ricevuto il suo primo dei tre colpi di Gardasil. Ha accettato di ricevere Gardasil dopo essere stata convinta dal prolifico marketing di Merck che il vaccino è molto sicuro e previene il cancro cervicale.

Prima di ricevere il vaccino contro l’HPV, Caroline era molto sana e non doveva mai andare dal medico per fare altro che regolari controlli ed esami fisici per lo sport. Ha ricevuto il Pap test di routine, tutti negativi prima del Gardasil. Al liceo giocava a tennis, andava regolarmente con lo zaino in spalla e amava passare il tempo all’aria aperta. Ha vissuto una vita felice e spensierata piena di amici e attività.

Dopo le sue iniezioni di Gardasil, Caroline ha sperimentato una stanchezza inaspettata, intensi dolori di stomaco e debolezza generale in tutto il corpo. La stanchezza e il dolore addominale occasionale continuarono fino a quando non si accorse che il suo ciclo era durato più di quattro settimane. Dopo quella che pensava fosse una prima visita da un ginecologo, la sua vita ha improvvisamente preso una svolta drastica e inaspettata.

A Caroline è stato diagnosticato un cancro cervicale al quarto stadio. Ha ricevuto più biopsie, scansioni TC e risonanza magnetica, ha avuto sei cicli di chemioterapia, 30 trattamenti con radiazioni, tre trattamenti di brachiterapia e innumerevoli visite mediche. Non è stata in grado di tornare all’università per il suo ultimo semestre e ha lottato per finire i compiti necessari per conseguire la laurea.

Poiché la maggior parte del suo trattamento era diretto alla sua cervice, anche le sue ovaie furono colpite, portandola in menopausa a 20 anni. Non potrà mai avere figli suoi perché le sue uova non sono più vitali a causa del trattamento del cancro.

“Ogni giorno dalla mia diagnosi è stata una battaglia”, dice Caroline. “Il mio corpo si sta ancora riprendendo dal bilancio di trattamenti così intensi per combattere il cancro e vivo nella costante paura che il mio cancro possa ripresentarsi in qualsiasi momento. Oltre a tutto ciò, ho anche dovuto affrontare il doloroso fatto che non potrò mai avere figli miei. Se Merck sapeva che questo vaccino può causare così tanti danni, perché non ha avvertito le persone?

Accuse di causa contro il vaccino Gardasil contro Merck

Le azioni legali contro Merck includono le seguenti cause di azione e reclami:

1) Negligenza

2) Responsabilità oggettiva (mancato avvertimento)

3) Responsabilità oggettiva (difetto di fabbricazione)

4) Violazione della garanzia

5) Frode di diritto comune

Merck ha una lunga storia di introduzione sul mercato di prodotti controversi, tra cui Fosamax (un presunto farmaco per la densità ossea che ha causato fratture ossee) e Nuvaring (un dispositivo di controllo delle nascite associato a coaguli di sangue potenzialmente letali e morte).

Il farmaco più famigerato di Merck è il Vioxx, un antidolorifico che l’azienda ha dovuto ritirare dal mercato a causa dei rischi cardiovascolari. Decine di migliaia di pazienti hanno intentato causa contro Merck sostenendo di aver subito attacchi di cuore e altre lesioni cardiovascolari a causa dell’ingestione del farmaco.

Il contenzioso ha rivelato che Merck sapeva fin dall’inizio che il Vioxx era collegato a eventi avversi cardiovascolari fatali, ma ha scelto intenzionalmente di nascondere i rischi al pubblico e alla comunità medica. Le cause legali hanno accusato Merck di aver orchestrato uno schema per minimizzare la gravità dei rischi, travisando i risultati dei suoi studi clinici, non riuscendo a intraprendere gli studi clinici che avrebbero rivelato i rischi e inserendo nella lista nera i professionisti medici che hanno osato criticare pubblicamente la sicurezza del Vioxx.

Merck ha pagato quasi 5 miliardi di dollari per risolvere le decine di migliaia di azioni per lesioni personali Vioxx e un ulteriore miliardo di dollari per risolvere un’azione collettiva sui titoli. La società è stata anche costretta a pagare $ 950 milioni di multe civili e penali al Dipartimento di Giustizia e ad altri enti governativi a seguito di varie attività criminali che Merck aveva intrapreso in relazione al Vioxx.

I querelanti nel contenzioso Gardasil affermano che Merck si è impegnata in simili illeciti aziendali con il suo vaccino HPV.

Secondo le accuse della causa, il Gardasil, che Merck commercializza come prodotto antitumorale, può esso stesso causare il cancro o cambiamenti mutagenetici che possono portare al cancro.

Studi peer-reviewed, inclusi gli studi del CDC, hanno suggerito che la soppressione dei ceppi di HPV presi di mira dal vaccino Gardasil potrebbe effettivamente aprire una nicchia ecologica per la sostituzione con ceppi più virulenti. Vedere Fangjian Guo et al., Comparison of HPV prevalence between HPV-vaccinated and non-vaccinated young adult women (20–26 years), 11 HUMAN VACCINES & IMMUNOTHERAPEUTICS 2337 (ottobre 2015); Sonja Fischer et al., Spostamento nella prevalenza dei tipi di HPV nei campioni di citologia cervicale nell’era delle vaccinazioni HPV, 12 ONCOLOGY LETTERS 601 (2016); Martcheva M. et al. Sostituzione del ceppo patogeno indotta da vaccino: quali sono i meccanismi?, JR SOC. INTERFACCIA 4:3-13 (2008); J. Lyons-Weiler, Biased Cochrane Report Ignores Flaws in HPV Vaccine Studies, and Studies of HPV Type Replacement, (18 maggio 2018).

Inoltre, i tassi di cancro cervicale stanno aumentando rapidamente nei paesi in cui Gardasil ha un’elevata diffusione.

  • In Norvegia, con un assorbimento dell’80%, si è registrato un aumento del 24% del tasso di cancro cervicale nelle donne di età compresa tra 25 e 29 anni dall’introduzione di Gardasil.
  • In Svezia, con un assorbimento del 70%, c’è stato un aumento del 16% del tasso di cancro cervicale nelle donne di età compresa tra 25 e 29 anni dall’introduzione di Gardasil.
  • In Scozia, con un assorbimento dell’80%, si è registrato un aumento del 15% del tasso di cancro cervicale nelle donne di età compresa tra 25 e 29 anni dall’introduzione di Gardasil.
  • Negli Stati Uniti, con una captazione del 70% alla prima dose di Gardasil e del 50% alla seconda, si registra un aumento del cancro cervicale nelle donne sotto i 50 anni e una diminuzione nelle donne sopra i 50 anni (che non avrebbero ricevuto il Vaccino Gardasil).
  • Dall’introduzione del vaccino HPV in Inghilterra, i tassi di cancro cervicale tra le giovani donne di età compresa tra 20 e 24 anni sono aumentati del 65%.

In Australia, i dati del governo rivelano che c’è stato un forte aumento dei tassi di cancro cervicale nelle giovani donne dopo l’implementazione del vaccino Gardasil. I dati più recenti rivelano che, 13 anni dopo che Gardasil è stato rilasciato e spinto su adolescenti e giovani adulti, c’è stato un aumento del 34% nelle donne di età compresa tra 30 e 34 anni che hanno sviluppato il cancro cervicale, confermando i dati degli studi clinici secondo cui Gardasil aumenta il rischio di cancro cervicale, in particolare nei pazienti che avevano precedenti infezioni da HPV. Nel frattempo, i tassi stanno diminuendo per le donne anziane (che non sono state vaccinate).

È importante sottolineare che, considerando il marketing di Merck per Gardasil come un “vaccino contro il cancro cervicale”, le giovani donne che hanno ricevuto Gardasil stanno rinunciando a screening regolari e Pap test nell’errata convinzione che i vaccini HPV abbiano eliminato tutti i loro rischi.

Fino al 2021, Gardasil ha  riportato più eventi avversi rispetto a qualsiasi altro vaccino . Il VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System) della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha ricevuto più di 64.000 segnalazioni di eventi avversi del vaccino HPV entro dicembre 2019. Il Vaccine Injury Compensation Program (VICP) ha pagato milioni di dollari in danni per lesioni e deceduti.

“Come risultato della frode di Merck,  Gardasil sta provocando il caos su una parte sostanziale di un’intera generazione di bambini e giovani adulti  su scala mondiale”,   affermano le cause legali di Gardasil .

A proposito di Wisner Baum

Il pluripremiato studio legale di Wisner Baum (precedentemente Baum Hedlund Aristei & Goldman) ha promosso con successo cause contro molte delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo. L’azienda si è guadagnata la reputazione di aprire nuove basi legali, ritenere le società responsabili, influenzare l’ordine pubblico e sensibilizzare l’opinione pubblica su importanti questioni di sicurezza. Usando la sua lunga tradizione di successo in aula, l’azienda si sforza sempre di puntare i riflettori su prodotti non sicuri o pratiche dannose per proteggere i consumatori da prodotti pericolosi. In tutte le aree di pratica, l’azienda ha vinto più di 4 miliardi di dollari in accordi e verdetti.

Gli avvocati Gardasil di Wisner Baum desiderano sottolineare che il nostro studio legale non è contro i vaccini. L’azienda è, tuttavia, contraria agli sforzi intenzionali per fuorviare i consumatori sulla sicurezza e l’efficacia di un farmaco o di un vaccino. Wisner Baum ha sempre lottato, e continuerà a lottare, per il diritto dei consumatori di essere pienamente e onestamente informati sui rischi associati a qualsiasi farmaco, vaccino o dispositivo medico. Lavoreremo instancabilmente per garantire che tali diritti siano difesi e che le vittime di ingiustizie siano risarcite per le loro ferite.


Nome: Robin McCall
Email:  [email protected]
Titolo di lavoro: Direttore delle pubbliche relazioni


collegamento di riferimento

https://www.law.com/legalnewswire/post-detail/hpv-vaccine-caused-cervical-cancer-in-young-woman-lawsuit-alleges/
https://www.wisnerbaum.com/prescription-drugs/gardasil-lawsuit/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.