Miocardite acuta dopo la vaccinazione contro il COVID-19: uno studio nazionale in Corea rivela risultati clinicamente importanti

0
303

Raramente sono stati osservati casi di miocardite e pericardite a seguito del ricevimento di vaccini COVID-19 utilizzati negli Stati Uniti. Le prove provenienti da più sistemi di monitoraggio negli Stati Uniti e in tutto il mondo supportano un’associazione causale tra i vaccini mRNA COVID-19 (ad esempio, Moderna o Pfizer-BioNTech) e miocardite e pericardite.

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco e la pericardite è un’infiammazione del rivestimento esterno del cuore; la miopericardite è presente quando sia la miocardite che la pericardite si verificano contemporaneamente. In queste condizioni, l’infiammazione si verifica in risposta a un’infezione o a qualche altro fattore scatenante. CDC ha pubblicato le definizioni dei casi di  miocardite e pericardite . La gravità dei casi di miocardite e pericardite può variare. CDC ha  pubblicato studi  con informazioni cliniche su miocardite e pericardite dopo la vaccinazione COVID-19.

Casi di miocardite e pericardite si sono verificati più frequentemente in adolescenti e giovani adulti di sesso maschile entro 7 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose di un vaccino mRNA COVID-19; tuttavia, sono stati osservati casi anche dopo la dose 1 e le dosi di richiamo.

I dati degli studi clinici del vaccino Novavax COVID-19 e dei sistemi di monitoraggio della sicurezza globale del vaccino suggeriscono un aumento del rischio di miocardite e pericardite dopo la vaccinazione Novavax. I dati del monitoraggio post-autorizzazione del vaccino Janssen COVID-19 (Johnson & Johnson) suggeriscono un possibile aumento del rischio di miocardite e pericardite dopo la vaccinazione Janssen.


Le informazioni sugli studi clinici per il vaccino Novavax COVID-19 sono disponibili qui:  I risultati degli studi clinici statunitensi mostrano che il vaccino Novavax è sicuro e previene il COVID-19 | Istituti Nazionali della Salute (NIH)

Le informazioni sul monitoraggio della sicurezza del vaccino Janssen COVID-19 sono disponibili qui:  Safety Monitoring of the Janssen (Johnson & Johnson) COVID-19 Vaccine — Stati Uniti, marzo-aprile 2021 | MMWR (cdc.gov)


Comprendere la miocardite

La miocardite è una condizione eterogenea che può colpire individui di tutte le età. Si verifica quando il miocardio si infiamma, portando a una compromissione della funzione del muscolo cardiaco. L’infiammazione può causare danni alle cellule del cuore e interrompere i normali segnali elettrici, che regolano il ritmo del cuore. Ciò può provocare sintomi come dolore toracico, affaticamento, mancanza di respiro e, nei casi più gravi, insufficienza cardiaca o morte cardiaca improvvisa.

Classificazione della miocardite

La miocardite può essere classificata in base a diversi fattori, tra cui la causa sottostante, le caratteristiche istologiche e la presentazione clinica. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’American Heart Association (AHA) hanno proposto diverse classificazioni per la miocardite:

  • Miocardite infettiva: questo tipo di miocardite è causato da infezioni virali, batteriche, fungine o parassitarie. Le infezioni virali, in particolare enterovirus e adenovirus, sono i colpevoli più comuni. Il COVID-19, causato dal virus SARS-CoV-2, è stato anche associato in alcuni casi alla miocardite.
  • Miocardite autoimmune: questa forma di miocardite si verifica quando il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente il tessuto cardiaco. È spesso associato a malattie autoimmuni sistemiche come il lupus o l’artrite reumatoide.
  • Miocardite a cellule giganti: questa forma rara e grave di miocardite è caratterizzata dalla presenza di cellule giganti multinucleate nel tessuto cardiaco. La sua causa esatta è sconosciuta, ma si ritiene che sia correlata a una risposta autoimmune.
  • Miocardite linfocitaria: questo tipo di miocardite è caratterizzato dall’infiltrazione di linfociti (un tipo di globuli bianchi) nel tessuto cardiaco. È comunemente associato a infezioni virali, inclusi alcuni ceppi di Coxsackievirus e adenovirus.

Collegamento tra vaccini COVID-19 e miocardite

Negli ultimi mesi, ci sono state segnalazioni di miocardite verificatesi dopo la vaccinazione COVID-19, in particolare con i vaccini mRNA, come i vaccini Pfizer-BioNTech (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273). L’associazione tra vaccini COVID-19 e miocardite è ancora oggetto di indagine, ma diversi studi hanno fornito approfondimenti su questo potenziale collegamento.

  • Incidenza di miocardite dopo la vaccinazione COVID-19: diversi studi hanno riportato casi di miocardite dopo la vaccinazione COVID-19, sebbene con una bassa incidenza. I tassi riportati variano tra gli studi, ma generalmente vanno da 1 a 10 casi per 100.000 individui vaccinati. In particolare, l’incidenza sembra essere più alta nei maschi più giovani, in particolare quelli di età compresa tra 16 e 30 anni.
  • Vaccini a mRNA e miocardite: la maggior parte dei casi di miocardite riportati dopo la vaccinazione contro il COVID-19 sono stati associati a vaccini a mRNA. Le ragioni di questa associazione non sono ancora chiare. Si ipotizza che la risposta immunitaria innescata dal vaccino, in particolare nei soggetti più giovani con un sistema immunitario più robusto, possa contribuire allo sviluppo della miocardite.
  • Caratteristiche cliniche della miocardite correlata al vaccino: la miocardite correlata al vaccino (VRM) si presenta tipicamente entro pochi giorni dalla vaccinazione, di solito dopo la seconda dose. I sintomi possono includere dolore toracico, mancanza di respiro, palpitazioni e affaticamento. Sebbene la maggior parte dei casi di VRM abbia un decorso clinico lieve e esiti favorevoli, sono stati segnalati casi gravi tra cui morte e miocardite fulminante, sebbene siano rari.
  • Morte cardiaca improvvisa e VRM: studi recenti hanno evidenziato una potenziale associazione tra VRM COVID-19 e morte cardiaca improvvisa (SCD), in particolare negli individui di età inferiore ai 45 anni che hanno ricevuto vaccini a mRNA. Questi casi di SCD sono rari ma preoccupanti. È fondamentale notare che il rischio complessivo di SCD dopo la vaccinazione contro il COVID-19 è ancora estremamente basso rispetto ai rischi associati al COVID-19 stesso.

Un recente studio nazionale condotto in Corea che ha coinvolto oltre 44 milioni di individui vaccinati ha fatto luce sull’insorgenza di miocardite acuta in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19.

Lo studio evidenzia diversi risultati cruciali che hanno implicazioni cliniche significative

Innanzitutto, rivela che la miocardite correlata al vaccino (VRM) è una complicanza estremamente rara della vaccinazione COVID-19, che si verifica a un tasso di 1,08 casi ogni 100.000 persone vaccinate. Inoltre, l’incidenza di VRM è risultata principalmente associata ai vaccini a mRNA, in particolare nei giovani maschi.

In secondo luogo, le caratteristiche demografiche dei casi di COVID-19 VRM in Corea differivano da quelle osservate negli studi precedenti.

In terzo luogo, lo studio ha rivelato una rivelazione preoccupante secondo cui i casi gravi di VRM COVID-19, inclusi decessi e casi che richiedono interventi medici intensivi come l’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO), non erano rari, rappresentando il 19,8% di tutti i casi di VRM.

Lo studio ha anche identificato la morte cardiaca improvvisa (SCD) come una complicazione potenzialmente fatale della vaccinazione COVID-19, in particolare nelle persone di età inferiore ai 45 anni che avevano ricevuto vaccini a mRNA. Infine, lo studio ha mostrato una significativa diminuzione dell’incidenza di casi gravi di VRM dopo la terza vaccinazione contro il COVID-19.

Incidenza di COVID-19 VRM

Il rapporto coreano a livello nazionale ha rivelato che l’incidenza complessiva di COVID-19 VRM era di 1,08 casi per 100.000 persone vaccinate in tutti i vaccini.

Quando si considerano vaccini specifici, l’incidenza è stata di 2,30 casi su 100.000 per mRNA-1273 e di 1,23 casi su 100.000 per BNT162b2.

Queste cifre sono in linea con gli studi precedenti, che riportavano diverse incidenze di miocardite dopo la vaccinazione COVID-19, che andavano da 1,4 a 5,0 casi per 100.000 persone vaccinate. In particolare, un ampio studio di coorte in Israele ha identificato VRM in 54 casi su 2,5 milioni di individui vaccinati, con un’incidenza stimata di 2,13 casi ogni 100.000 persone vaccinate entro 42 giorni dalla prima dose di vaccino.

Allo stesso modo, l’analisi del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) negli Stati Uniti ha identificato 1626 casi di VRM su 192.405.448 individui vaccinati con vaccini mRNA COVID-19. Un altro studio condotto in Danimarca ha riportato un’incidenza di 1,4 casi per 100.000 individui vaccinati con BNT162b2 e 4,2 casi per 100.000 con mRNA-1273 entro 28 giorni dalla vaccinazione. Questi tassi di incidenza variabili possono essere attribuiti alle differenze nei vaccini COVID-19 utilizzati e ai periodi di rischio definiti per la miocardite dopo la vaccinazione. Anche le differenze etniche potrebbero contribuire alle disparità osservate.

Caratteristiche demografiche di COVID-19 VRM

Precedenti studi hanno suggerito che il VRM COVID-19 è più comunemente associato ai vaccini a mRNA, in particolare nei giovani maschi, e tende a manifestarsi dopo la seconda dose di vaccinazione. Lo studio coreano supporta questi risultati, dimostrando un modello simile di sviluppo del VRM COVID-19 prevalentemente nei giovani maschi adulti e adolescenti, principalmente in associazione con i vaccini a mRNA.

Tuttavia, le caratteristiche demografiche dei casi di COVID-19 VRM in Corea differivano per diversi aspetti. In primo luogo, la predominanza maschile osservata in altre popolazioni era meno pronunciata tra i coreani. In secondo luogo, non è stata osservata alcuna differenza significativa nell’incidenza di VRM tra la prima e la seconda dose di vaccinazione. Infine, il VRM COVID-19 è risultato essere relativamente comune negli individui di età compresa tra 40 e 60 anni, il che si discosta dai modelli osservati in altri studi.

Decorso clinico e gravità del VRM COVID-19

Studi precedenti hanno generalmente caratterizzato COVID-19 VRM come una condizione lieve con esiti clinici favorevoli a breve termine. Tuttavia, lo studio coreano ha rivelato un decorso clinico e una gravità considerevolmente diversi della VRM. Tra i casi totali di VRM, il 19,8% è stato classificato come grave, con 36 casi che hanno provocato decessi e 21 che hanno richiesto l’ECMO. In particolare, lo studio ha identificato otto casi di morte cardiaca improvvisa, confermati solo tramite autopsia e tutti attribuibili a COVID-19 VRM. È importante sottolineare che tutti gli otto casi di SCD si sono verificati in individui di età inferiore ai 45 anni che avevano ricevuto vaccini a mRNA. Questi risultati evidenziano la necessità di un attento monitoraggio e avvertimento della SCD come complicanza potenzialmente fatale della vaccinazione COVID-19, in particolare nei giovani individui che ricevono vaccini a mRNA.

Limitazioni e considerazioni

Lo studio riconosce diverse limitazioni. In primo luogo, esiste la possibilità di sottostimare l’incidenza del VRM COVID-19 a causa della natura del sistema di segnalazione, nonostante gli sforzi per ridurre la sottostima. In secondo luogo, la diagnosi di miocardite utilizzando i criteri di Boston può portare a segnalazioni sia in eccesso che in difetto. Per migliorare l’accuratezza diagnostica sono necessarie modifiche ai criteri e una valutazione più ampia, comprese le valutazioni dell’imaging cardiaco e dei biomarcatori. In terzo luogo, i risultati dell’ecocardiografia e della risonanza magnetica cardiaca (CMR) non erano disponibili per tutti i pazienti, il che potrebbe limitare la generalizzabilità di questi risultati. Tuttavia, la presenza di risultati positivi per la troponina cardiaca, insieme a robusti sintomi di miocardite, ha contribuito a rafforzare l’affidabilità della diagnosi. Finalmente,

Conclusione

Lo studio nazionale in Corea fornisce importanti informazioni sull’incidenza e le caratteristiche della miocardite acuta dopo la vaccinazione contro il COVID-19. La VRM è risultata essere una complicanza rara, prevalentemente associata ai vaccini a mRNA e più comune nei giovani maschi. Sebbene il VRM COVID-19 abbia spesso mostrato un decorso clinico favorevole, i casi gravi tra cui morte e FM non erano rari. La scoperta più significativa dello studio è stata l’associazione tra COVID-19 VRM e morte cardiaca improvvisa, in particolare nelle persone di età inferiore ai 45 anni che avevano ricevuto vaccini a mRNA. Questi risultati evidenziano la necessità di un attento monitoraggio e avvertenze riguardanti il ​​VRM COVID-19 grave come complicanza potenzialmente fatale della vaccinazione COVID-19, specialmente nei giovani.


link di riferimento: https://academic.oup.com/eurheartj/advance-article/doi/10.1093/eurheartj/ehad339/7188747?login=false#407214790

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9419896/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.