Interocezione: cos’è e perché è importante

0
439

L’interocezione è il senso che ci permette di percepire e comprendere lo stato interno del nostro corpo.

Implica la percezione, l’interpretazione, l’integrazione e la regolazione di segnali provenienti da noi stessi, come il battito cardiaco, il respiro, la fame, la sete, il dolore, la temperatura e le emozioni.

L’interocezione è essenziale per mantenere l’omeostasi, l’equilibrio dei processi fisiologici che ci mantengono vivi e sani. L’interocezione contribuisce anche all’autocoscienza, all’empatia e al processo decisionale.

Come funziona l’interocezione?

L’interocezione si basa su una complessa rete di percorsi neurali e non neurali che collegano diverse parti del corpo al cervello. Alcuni di questi percorsi sono:

  • Il percorso spinotalamico della lamina I: questo percorso trasporta i segnali dalla pelle, dai muscoli, dalle articolazioni e dai visceri (organi interni) al talamo, una stazione di trasmissione nel cervello che distribuisce le informazioni sensoriali ad altre regioni.
  • Il classico percorso viscerosensoriale: questo percorso trasporta i segnali dal cuore, dai polmoni, dallo stomaco e dalla vescica al tronco cerebrale, che regola le funzioni vitali come la respirazione e la frequenza cardiaca.
  • Il nervo vago e il nervo glossofaringeo: questi nervi trasportano segnali dall’intestino, dal cuore, dai polmoni e da altri organi al tronco cerebrale e al nucleo del tratto solitario (NTS), che integra le informazioni viscerali e le invia alle aree cerebrali superiori.
  • Percorsi chemosensoriali nel sangue: questi percorsi rilevano i cambiamenti nella chimica del sangue, come ossigeno, anidride carbonica, glucosio e ormoni, e inviano segnali al tronco cerebrale e all’ipotalamo, che controlla il sistema endocrino.
  • Vie somatosensoriali dalla pelle: queste vie trasportano i segnali dai recettori tattili della pelle al midollo spinale e al tronco encefalico.

Questi segnali vengono quindi elaborati da varie regioni del cervello che formano un sistema interocettivo gerarchico. Alcune di queste regioni sono:

  • L’insula: questa regione riceve input dal talamo e dall’NTS e crea una rappresentazione soggettiva dello stato interno del corpo. L’insula è coinvolta nella consapevolezza delle sensazioni corporee, delle emozioni, del dolore e dell’empatia.
  • La corteccia somatosensoriale: questa regione riceve input dal talamo e mappa la posizione e l’intensità degli stimoli sensoriali sulla superficie corporea. La corteccia somatosensoriale è coinvolta nella percezione del tatto, della temperatura, del dolore e della posizione del corpo.
  • La corteccia cingolata anteriore: questa regione riceve input dall’insula e modula l’attenzione e le risposte emotive ai segnali interocettivi. La corteccia cingolata anteriore è coinvolta nella motivazione, nell’apprendimento, nella memoria e nel comportamento sociale.
  • La corteccia prefrontale: questa regione riceve input dall’insula e integra le informazioni interocettive con fattori cognitivi e contestuali. La corteccia prefrontale è coinvolta nelle funzioni esecutive come la pianificazione, il ragionamento, il processo decisionale e l’autocontrollo.

Perché l’interocezione è importante?

L’interocezione è importante per molti aspetti della nostra salute fisica e mentale. Alcuni di questi aspetti sono:

  • Omeostasi: l’interocezione ci aiuta a monitorare e regolare le nostre funzioni fisiologiche per mantenere condizioni ottimali per la sopravvivenza. Ad esempio, l’interocezione ci aiuta a regolare la nostra temperatura corporea rilevando quando siamo troppo caldi o freddi e innescando comportamenti appropriati come sudorazione o brividi.
  • Emozioni: l’interocezione ci aiuta a sperimentare e riconoscere le nostre emozioni collegandole alle sensazioni corporee. Ad esempio, l’interocezione ci aiuta a provare paura rilevando i cambiamenti nella frequenza cardiaca, nella pressione sanguigna, nella respirazione e nella conduttanza cutanea.
  • Empatia: l’interocezione ci aiuta a comprendere e condividere le emozioni degli altri simulando i loro stati corporei nel nostro stesso corpo. Ad esempio, l’interocezione ci aiuta a provare compassione percependo il dolore o l’angoscia di un’altra persona.
  • Processo decisionale: l’interocezione ci aiuta a fare scelte vantaggiose per noi stessi e per gli altri fornendo feedback sulle conseguenze delle nostre azioni. Ad esempio,
    l’interocezione ci aiuta a evitare comportamenti rischiosi rilevando esiti negativi come dolore o rimpianto.

Quali sono alcune sfide legate all’interocezione?

L’interocezione può essere influenzata da vari fattori come la genetica, le influenze ambientali, le fasi di sviluppo, i traumi, lo stress e le malattie.
Alcune persone possono avere difficoltà con l’interocezione a causa di:

  • Sensibilità ridotta: alcune persone possono avere una bassa accuratezza o consapevolezza interocettiva, il che significa che hanno difficoltà a rilevare o identificare i loro segnali interni. Ciò può portare a problemi come eccesso di cibo, sottoalimentazione, disidratazione, scarsa cura di sé o difficoltà nell’esprimere le emozioni.
  • Sensibilità migliorata: alcune persone possono avere un’elevata sensibilità o reattività interocettiva, il che significa che hanno risposte intensificate o esagerate ai loro segnali interni. Questo può portare a problemi come ansia, attacchi di panico, depressione, dolore cronico o sintomi somatici.
  • Segnali non corrispondenti: alcune persone possono avere discrepanze o incongruenze interocettive,
    nel senso che hanno una discrepanza tra i loro segnali interni effettivi e percepiti. Questo può portare a problemi come dismorfismo corporeo,
    disturbi alimentari o dissociazione.

Come possiamo migliorare l’interocezione? L’interocezione può essere migliorata con vari metodi come:

  • Educazione: conoscere l’anatomia e la funzione del sistema interocettivo può aiutarci a capire come funziona il nostro corpo e di cosa ha bisogno. Questo può anche aiutarci a riconoscere ed etichettare i nostri segnali interni e le nostre emozioni in modo più accurato.
  • Attenzione: prestare attenzione ai nostri segnali interni può aiutarci a migliorare la nostra accuratezza e consapevolezza interocettiva. Questo può anche aiutarci a regolare le nostre funzioni fisiologiche e gli stati emotivi in ​​modo più efficace.
  • Allenamento: praticare esercizi interocettivi può aiutarci a migliorare la nostra sensibilità e reattività interocettiva. Questo può anche aiutarci a ridurre le discrepanze e le incongruenze interocettive. Alcuni esempi di esercizi interocettivi sono:
  • Percezione del battito cardiaco: questo esercizio prevede il conteggio o il tocco insieme al nostro battito cardiaco senza usare le mani o qualsiasi dispositivo esterno. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione cardiovascolare e la consapevolezza delle emozioni.
  • Consapevolezza del respiro: questo esercizio prevede l’osservazione o il controllo del nostro schema respiratorio senza cambiarlo troppo. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione respiratoria e la regolazione dello stress e dell’eccitazione.
  • Scansione del corpo: questo esercizio prevede la scansione del nostro corpo dalla testa ai piedi e l’osservazione di eventuali sensazioni, sentimenti o pensieri che sorgono in ogni parte. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione somatica e l’integrazione di corpo e mente.
  • Spinning: questo esercizio prevede di girare su una sedia girevole o girare la testa da un lato all’altro per simulare sensazioni di vertigini o stordimento. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione vestibolare e la tolleranza delle sensazioni spiacevoli.
  • Corsa: questo esercizio prevede la corsa su per le scale o su un tapis roulant e l’esperienza di essere senza fiato per simulare la mancanza di respiro. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione cardiorespiratoria e ad affrontare il disagio fisico.
  • Toccare: questo esercizio prevede il tocco di diverse trame, temperature o pressioni sulla pelle per simulare varie sensazioni tattili. Questo può aiutarci a migliorare la nostra interocezione cutanea e la consapevolezza del tatto.

Conclusione

L’interocezione è un senso vitale che ci aiuta a percepire e comprendere lo stato interno del nostro corpo. Implica la percezione, l’interpretazione, l’integrazione e la regolazione di segnali provenienti da noi stessi, come il battito cardiaco, il respiro, la fame, la sete, il dolore, la temperatura e le emozioni. L’interocezione è essenziale per mantenere l’omeostasi, l’equilibrio dei processi fisiologici che ci mantengono vivi e sani.

L’interocezione contribuisce anche all’autocoscienza, all’empatia e al processo decisionale. L’interocezione può essere influenzata da vari fattori come la genetica, le influenze ambientali, le fasi di sviluppo, i traumi, lo stress e le malattie. Alcune persone possono avere difficoltà con l’interocezione a causa di sensibilità ridotta, sensibilità aumentata o segnali non corrispondenti. L’interocezione può essere migliorata con vari metodi come l’istruzione, l’attenzione e la formazione.

Riferimenti

: La tua guida definitiva alla terapia dell’esposizione interocettiva – PositivePsychology.com
: Cos’è l’interocezione – Capito
: Interocezione – Wikipedia
: La scienza emergente dell’interocezione: rilevamento, integrazione, interpretazione e regolazione dei segnali all’interno del sé

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.