Esplorare la relazione tra mantenimento somatico, comportamenti riproduttivi e avversità della prima infanzia nel disturbo borderline di personalità

0
201

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è una condizione complessa e sfaccettata che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è una condizione di salute mentale complessa che emerge tipicamente durante la tarda adolescenza o la prima età adulta. È caratterizzata da una serie di sintomi tra cui relazioni interpersonali instabili, paura dell’abbandono, difficoltà a regolare le emozioni, sentimenti di vuoto e disforia cronica o depressione.

Questi sintomi si manifestano spesso insieme a comportamenti che compromettono in modo significativo il funzionamento psicosociale di una persona, come l’abuso di sostanze, l’assunzione di rischi sessuali, la bassa prosocialità, la violenza interpersonale, l’autolesionismo e persino i tentativi di suicidio. Inoltre, gli individui con BPD hanno una maggiore prevalenza di comorbilità somatica, che contribuisce a una durata della vita ridotta. La co-occorrenza di queste manifestazioni apparentemente non correlate rende la BPD un disturbo complesso e non ben compreso.

Il BPD è caratterizzato da un modello pervasivo di instabilità nelle relazioni interpersonali, nell’immagine di sé e nelle emozioni, nonché da impulsività e comportamenti suicidari o autolesivi ricorrenti. Il BPD emerge spesso nella tarda adolescenza o nella prima età adulta ed è associato a una significativa compromissione del funzionamento psicosociale e della qualità della vita. La BPD aumenta anche il rischio di vari problemi di salute fisica e mentale, come disturbi da uso di sostanze, assunzione di rischi sessuali, violenza interpersonale, comorbilità somatica e mortalità prematura.

L’eziologia della BPD non è completamente compresa, ma è ampiamente riconosciuto che sia i fattori genetici che quelli ambientali giocano un ruolo. In particolare, l’esposizione a esperienze infantili avverse (ACE), come abuso, abbandono, violenza o instabilità, è stata costantemente collegata allo sviluppo di BPD.

Tuttavia, non tutti gli individui che soffrono di ACE sviluppano BPD, suggerendo che ci sono differenze individuali nella vulnerabilità e nella resilienza ai fattori di stress ambientali. Un modo possibile per spiegare queste differenze è considerare come gli individui adattano le loro strategie di vita per far fronte alle sfide e alle opportunità che incontrano nel loro ambiente.

Secondo la teoria della storia della vita (LHT), gli organismi hanno risorse limitate da allocare a diverse funzioni biologiche, come la crescita, il mantenimento, la riproduzione e la sopravvivenza. LHT propone che gli organismi adeguino la loro allocazione delle risorse in base ai rischi di mortalità e alla disponibilità di risorse nel loro ambiente.

Ad esempio, in ambienti con elevati rischi di mortalità o scarsa disponibilità di risorse, gli organismi possono adottare una strategia di vita veloce, che comporta maturazione precoce, elevato sforzo riproduttivo, basso investimento dei genitori e breve durata della vita. Al contrario, in ambienti con bassi rischi di mortalità o elevata disponibilità di risorse, gli organismi possono adottare una strategia di vita lenta, che comporta maturazione ritardata, basso sforzo riproduttivo, elevato investimento dei genitori e lunga durata della vita.

LHT è stato applicato al comportamento e allo sviluppo umano per capire come gli individui variano nelle loro strategie di vita in base alle loro condizioni ambientali. Alcuni ricercatori hanno suggerito che la BPD possa rappresentare una forma estrema di una strategia di vita veloce che è disadattativa nelle società moderne. Secondo questo punto di vista, gli individui con BPD potrebbero aver sperimentato alti livelli di ACE che segnalavano un ambiente duro e imprevedibile in cui la sopravvivenza era incerta e la riproduzione aveva la priorità.

Di conseguenza, potrebbero aver sviluppato una strategia di vita veloce che prevede un debutto sessuale precoce, più partner sessuali, bassa sicurezza di attaccamento, alta emotività, basso autocontrollo e scarso orientamento al futuro. Questi comportamenti possono essere stati adattivi in ​​ambienti ancestrali in cui le risorse erano scarse e la competizione era intensa, ma sono dannosi negli ambienti contemporanei in cui le risorse sono abbondanti ed è richiesta la cooperazione.

Sono stati compiuti sforzi per comprendere le origini dello sviluppo della BPD e identificare i primi determinanti ambientali che possono aiutare nella sua prevenzione. È ampiamente accettato che la BPD abbia radici nelle prime esperienze di vita, inclusa l’esposizione a eventi avversi come instabilità, privazione, abbandono, abuso o violenza, sia all’interno che all’esterno della famiglia. Nonostante questi progressi, c’è ancora una conoscenza limitata su chi è a rischio di sviluppare BPD.

Per comprendere meglio questo rischio, è necessario considerare la capacità di un individuo di rispondere alle prime esperienze di vita attraverso cambiamenti evolutivi. Esistono prove di un’associazione tra i rischi di mortalità nell’ambiente e il modo in cui gli individui danno la priorità ai propri obiettivi biologici, tra cui crescita e mantenimento, obiettivi sociali e obiettivi riproduttivi, date le risorse energetiche limitate. Da una prospettiva biologica, è logico che gli organismi allochino più risorse a comportamenti che forniscono rapidi benefici riproduttivi e meno risorse a tratti di mantenimento somatico che forniscono benefici di sopravvivenza a lungo termine.

La letteratura esistente suggerisce che gli individui con BPD possono esibire tali compromessi in un modo che non implica un processo decisionale consapevole. Tendono a impegnarsi in comportamenti sessuali in giovane età, hanno più partner sessuali, si impegnano in rapporti sessuali non protetti e, per le donne, diventano genitori in giovane età e sperimentano più gravidanze indesiderate. Questi comportamenti hanno spesso effetti negativi sulla salute e contribuiscono a comorbilità mediche generali.

Visto attraverso la lente della teoria della storia della vita, un quadro importante nella biologia evolutiva dello sviluppo, si ipotizza che la BPD possa facilitare gli obiettivi riproduttivi che forniscono benefici immediati di fitness e si sviluppano come risposta ai rischi stimati dalle prime esperienze di vita.

Questo studio mirava a testare tre ipotesi complementari:

(1) esiste una correlazione negativa tra tratti somatici di mantenimento e comportamenti riproduttivi a breve termine attraverso un fattore latente che rappresenta il trade-off dell’allocazione delle risorse;

(2) le avversità della prima infanzia sono associate ad un aumentato rischio di espressione di BPD in età adulta;

(3) l’associazione tra le avversità della prima infanzia e il rischio di sviluppare BPD è più forte per le persone che danno la priorità agli obiettivi riproduttivi a breve termine rispetto al mantenimento somatico.

Per indagare su queste ipotesi, i ricercatori hanno utilizzato modelli di equazioni strutturali (SEM) e analisi di convalida incrociata su un ampio campione rappresentativo a livello nazionale chiamato National Epidemiological Survey on Alcohol and Related Conditions (NESARC). I risultati dello studio hanno confermato le ipotesi iniziali.

Gli intervistati che hanno ottenuto un punteggio elevato sul fattore di compromesso latente, indicando una preferenza per obiettivi riproduttivi immediati a scapito del mantenimento somatico e della salute, avevano maggiori probabilità di essere diagnosticati con BPD. L’esperienza di alti livelli di avversità nella prima infanzia è stata associata a punteggi più alti sul fattore di compromesso latente e ad un aumento del rischio di soddisfare i criteri per la BPD in età adulta. L’associazione tra avversità nella prima infanzia e rischio BPD è stata ulteriormente esacerbata per gli individui con punteggi elevati sul fattore di compromesso latente.

Questi risultati sono stati osservati sia nei maschi che nelle femmine, con solo piccole differenze tra i due sessi. Il principale modello SEM dello studio ha dimostrato robustezza nella sua capacità di generalizzare le previsioni a dati fuori campione, confermando la sua affidabilità.

Questi risultati si basano su ricerche precedenti condotte da Otto e colleghi, che hanno anche esplorato le associazioni tra avversità infantili, tratti somatici e preferenze sociosessuali nei pazienti con BPD.

I risultati supportano l’idea che la BPD sia un’espressione psicocomportamentale di una strategia di coping più ampia, in cui gli individui compensano i costi adattativi delle condizioni di vita avverse dando la priorità a un fenotipo che offre rapidi benefici riproduttivi a scapito della salute e della sopravvivenza a lungo termine.

L’impulsività, l’assunzione di rischi, l’emotività negativa, i sintomi depressivi e i comportamenti suicidari negli individui con BPD possono funzionare per facilitare la sessualità precoce, la promiscuità sessuale e la competizione intrasessuale per lo status e i partner. Questi comportamenti possono anche contribuire alla formazione di reti di supporto sociale suscitando empatia dagli altri, aumentando così la desiderabilità dell’individuo come partner.

Vale la pena notare che mentre gli individui con BPD hanno riportato, in media, meno bambini rispetto a quelli senza BPD, questa differenza può essere attribuita alla differenza di età tra i due gruppi. Adeguandosi all’età, le persone con BPD hanno effettivamente riferito di avere un numero significativamente maggiore di bambini rispetto a quelli senza il disturbo. Questi risultati evidenziano l’importanza di considerare l’età e le finestre riproduttive quando si esaminano le differenze nei tassi di fertilità.

I risultati di questo studio non invalidano né minimizzano il valore di modelli alternativi che enfatizzano altri meccanismi prossimali che precedono l’espressione di BPD, come la disregolazione emotiva o sentimenti di solitudine e minaccia di rifiuto. L’integrazione dei meccanismi scoperti in questo studio con le teorie precedenti fornirebbe una comprensione più completa della BPD e dei suoi fattori sottostanti.

È essenziale riconoscere che lo sviluppo della BPD è influenzato sia da fattori genetici che ambientali. L’ereditabilità della BPD è stimata al 46%, suggerendo che le interazioni gene-ambiente giocano un ruolo significativo nella sua espressione. Gli approcci della storia della vita ai disturbi della personalità suggeriscono che le interazioni gene-ambiente della prima infanzia possono aumentare la probabilità di esprimere una strategia di vita orientata alla riproduzione, aumentando così il rischio di sviluppare BPD.

In conclusione, questo studio contribuisce alla nostra comprensione della BPD esaminando il compromesso tra tratti somatici di mantenimento e comportamenti riproduttivi a breve termine. I risultati suggeriscono che la BPD può essere una risposta evolutiva alle esperienze avverse della prima infanzia, in cui gli individui danno la priorità agli obiettivi riproduttivi per compensare le sfide poste dal loro ambiente. Facendo luce su queste associazioni, la ricerca futura può integrare ulteriormente i meccanismi identificati in questo studio con le teorie esistenti ed esplorare potenziali bersagli terapeutici legati alla regolazione emotiva e alle preferenze sociosessuali.


link di riferimento: https://jamanetwork.com/journals/jamapsychiatry/fullarticle/2804356

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.