Deficit cognitivi nei pazienti con COVID lungo: un’analisi completa dell’infezione da SARS-CoV-2 e degli effetti sulla durata dei sintomi

0
153

La pandemia COVID-19 causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) ha avuto un profondo impatto sulla salute e sul benessere globale.

Sebbene molte ricerche si siano concentrate sugli effetti acuti del virus, un numero crescente di prove suggerisce che alcuni individui potrebbero sperimentare sintomi persistenti e deficit cognitivi molto tempo dopo la loro infezione iniziale, una condizione spesso definita “COVID lungo”.

In questo articolo, approfondiamo uno studio completo che indaga gli effetti cognitivi dell’infezione da SARS-CoV-2 basata sulla comunità, in particolare tra gli individui con durata prolungata dei sintomi.

Progettazione e metodologia dello studio

Lo studio in questione è stato condotto utilizzando i dati della coorte CSSB (Cognition and Severe SARS-CoV-2 in Birmingham), che comprende individui con stati SARS-CoV-2 negativi e positivi per varie durate dei sintomi.

Includendo partecipanti con diversi profili di infezione e sintomi, i ricercatori miravano a districare gli effetti dell’infezione e la durata dei sintomi sulle prestazioni cognitive.

Al test iniziale del Round 1, i partecipanti con stato di infezione da SARS-CoV-2 positivo hanno mostrato punteggi di accuratezza del compito cognitivo inferiori rispetto a quelli con stato negativo, anche controllando la durata dei sintomi. I deficit cognitivi più significativi sono stati osservati in soggetti con durata dei sintomi superiore a 12 settimane.

Questi partecipanti spesso si autoidentificavano come affetti da “COVID lungo” e soddisfacevano i criteri per “sindrome post-COVID-19” e “condizione post-COVID-19” secondo le definizioni del NICE e dell’OMS.

Deficit cognitivi e impatto

I deficit cognitivi osservati nei partecipanti con durata prolungata dei sintomi erano paragonabili in grandezza a quelli causati da altri fattori come il ricovero in ospedale durante la malattia, un aumento dell’età di circa 10 anni e un disagio psicologico da lieve a moderato.

Tuttavia, i deficit erano inferiori a quelli associati a un livello di istruzione inferiore o a livelli di affaticamento superiori alla soglia. Sorprendentemente, lo studio non ha trovato prove di un effetto dell’infezione da SARS-CoV-2 sul tempo medio di reazione durante i compiti cognitivi.

Questa assenza di compromissione della velocità di elaborazione è una scoperta positiva, poiché la velocità di elaborazione è cruciale per la cognizione e ha ampie implicazioni per gli esiti di salute, tra cui fragilità, demenza e mortalità.

In particolare, i partecipanti che hanno riferito di sentirsi guariti e “tornati alla normalità” dopo la loro malattia COVID-19 non hanno mostrato alcun deterioramento cognitivo rilevabile, anche tra quelli con sintomi a lungo termine che durano da più di 12 settimane. Inoltre, la presenza di sintomi continui di disagio psicologico, affaticamento e compromissione funzionale ha parzialmente mediato i deficit cognitivi osservati, suggerendo che questi sintomi sono intrecciati con il recupero e le prestazioni cognitive associate.

Follow-up longitudinale e tassi di recupero

Il follow-up longitudinale, condotto dopo circa 9 mesi, ha rivelato che le persone con infezione da SARS-CoV-2 e che non avevano segnalato il recupero al Round 1 non hanno mostrato alcun cambiamento nell’accuratezza cognitiva, né miglioramento né declino. Questi deficit cognitivi persistevano anche a quasi due anni dall’infezione iniziale.

In un’analisi opportunistica di individui che avevano stati SARS-CoV-2 negativi ma hanno sperimentato le prime infezioni tra le valutazioni cognitive, l’evidenza di sequele cognitive è stata meno convincente.

Queste successive infezioni da COVID-19 si sono verificate prevalentemente dopo la vaccinazione contro SARS-CoV-2 e sono state orientate verso durate più brevi. La ridotta probabilità di COVID lungo per le varianti più recenti e dopo la vaccinazione può spiegare questi risultati.

Limitazioni e implicazioni

Lo studio ha riconosciuto diverse limitazioni, tra cui l’indisponibilità di alcuni dati come precedenti comorbilità neurovascolari e neurodegenerative, dati di valutazione cognitiva pre-infezione per la maggior parte dei casi e informazioni sul trattamento o sulla riabilitazione cognitiva dopo l’infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, la composizione della coorte dello studio presentava alcune disparità rispetto alla più ampia popolazione del Regno Unito, limitando la generalizzabilità dei risultati.

Conclusione

In conclusione, lo studio indica che gli individui con sintomi prolungati dopo l’infezione da SARS-CoV-2 durante il primo anno della pandemia hanno mostrato deficit cognitivi. Inoltre, quelli con sintomi in corso al test iniziale non hanno mostrato recupero cognitivo al follow-up, quasi due anni dopo l’infezione.

Considerando la considerevole popolazione colpita da COVID lungo, con impatti negativi sulla qualità della vita e sul funzionamento quotidiano, lo studio sottolinea la necessità di rinnovare gli sforzi per identificare e sostenere coloro che soffrono di sintomi in corso a seguito di COVID-19.

Lo studio sottolinea anche l’importanza di valutare l’aspetto continuo delle lunghe definizioni COVID come un migliore predittore di deterioramento cognitivo dovuto a COVID-19 rispetto alla durata dei sintomi.

La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sulla comprensione delle traiettorie e dei meccanismi di recupero dopo i sintomi in corso di COVID-19 e sullo studio delle implicazioni a lungo termine dei deficit cognitivi osservati sia sugli individui che sulla società in generale.


Approfondendo…

La pandemia di COVID-19 ha devastato la popolazione globale, lasciando dietro di sé una complessa serie di sintomi e postumi per le persone infette. Una delle conseguenze più sconcertanti e debilitanti del COVID-19 è la condizione nota come COVID lungo, o sequele post-acute dell’infezione da SARS-CoV-2 (PASC). Tra la miriade di sintomi vissuti dai pazienti COVID lunghi, i deficit cognitivi si distinguono come un aspetto particolarmente impegnativo e angosciante. In questo articolo completo, miriamo ad approfondire le molteplici cause dei deficit cognitivi nel lungo COVID, esplorando i potenziali meccanismi e le interazioni che contribuiscono a questo fenomeno enigmatico.

Il panorama dei deficit cognitivi nel lungo COVID

I pazienti con COVID lungo spesso riferiscono di aver avuto difficoltà cognitive, che comprendono problemi di attenzione, memoria, concentrazione e velocità di elaborazione. Questi disturbi cognitivi possono essere abbastanza gravi da ostacolare le attività quotidiane, la produttività lavorativa e le interazioni sociali, portando a sfide significative nel riguadagnare una parvenza di normalità dopo l’infezione.

Infiammazione: il colpevole sottostante

Uno dei principali sospettati nel regno dei deficit cognitivi nel lungo COVID è l’infiammazione. Il COVID-19 è noto per indurre una risposta immunitaria iperattiva, che porta a uno stato di infiammazione sistemica. Sebbene questa infiammazione sia essenziale per combattere il virus, può anche infiltrarsi nel sistema nervoso centrale e causare infiammazione cerebrale, un fenomeno noto come neuroinfiammazione.

Il cervello è un organo squisitamente sensibile e, se esposto a neuroinfiammazione, le sue delicate reti neurali possono subire danni e disfunzioni. I disturbi cognitivi possono insorgere a seguito dell’impatto sulle regioni del cervello responsabili dell’attenzione, del consolidamento della memoria e della funzione esecutiva. La gravità e la durata della neuroinfiammazione possono variare tra i pazienti COVID lunghi, contribuendo alla diversità dei deficit cognitivi osservati.

Infezione cerebrale diretta: un cavallo di Troia nella funzione cognitiva

Al di là della risposta infiammatoria sistemica, un’altra ipotesi che sta prendendo piede è la possibilità di un’infezione cerebrale diretta da parte del virus SARS-CoV-2. Sebbene sia principalmente un virus respiratorio, gli studi hanno indicato la presenza del virus nei tessuti cerebrali di individui infetti, suggerendo che può effettivamente attraversare la barriera emato-encefalica protettiva. Una volta all’interno del cervello, il virus può infettare direttamente le cellule cerebrali, come i neuroni e le cellule gliali.

Questa invasione virale del cervello può innescare una cascata di risposte cellulari, portando a danni neurali e alla morte. Le aree più colpite potrebbero essere quelle associate alle funzioni cognitive, con conseguenti deficit osservati nell’attenzione, nella memoria e nel controllo esecutivo. L’interazione tra infiammazione e infezione virale diretta può esacerbare il deterioramento cognitivo, rendendo difficile individuare un singolo fattore causale.

Stress: un’arma a doppio taglio neurologica

La risposta allo stress a una malattia grave come COVID-19 può complicare ulteriormente il panorama cognitivo nei pazienti COVID lunghi. Lo stress attiva l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), portando al rilascio di ormoni dello stress, incluso il cortisolo. L’esposizione prolungata a livelli elevati di cortisolo può avere effetti dannosi sul cervello, in particolare sull’ippocampo, una regione cruciale per il consolidamento della memoria.

Livelli elevati di cortisolo possono compromettere la funzione dell’ippocampo e interrompere i percorsi neurali coinvolti nell’attenzione e nella funzione esecutiva, contribuendo ai deficit cognitivi. Inoltre, anche il costo emotivo di affrontare una malattia prolungata e l’incertezza sulla guarigione possono avere un impatto sulle prestazioni cognitive.

Altri fattori che contribuiscono

Diversi altri fattori possono influenzare i deficit cognitivi nei pazienti con COVID lungo:

  • Disidratazione: la disidratazione, spesso vissuta durante la malattia, può portare a stanchezza e ostacolare la funzione cognitiva.
  • Anemia: l’anemia, caratterizzata da un basso numero di globuli rossi, può causare deterioramento cognitivo a causa del ridotto apporto di ossigeno al cervello.
  • Carenze vitaminiche: le carenze di vitamine essenziali, come la vitamina B12, possono influire negativamente sulla funzione cognitiva.
  • Privazione del sonno: la scarsa qualità del sonno e la privazione possono compromettere il consolidamento della memoria e l’elaborazione cognitiva.
  • Effetti collaterali dei farmaci: alcuni farmaci usati per trattare COVID-19 o i suoi sintomi possono avere effetti collaterali cognitivi.

link di riferimento: https://www.thelancet.com/journals/eclinm/article/PIIS2589-5370(23)00263-8/fulltext#secsectitle0170

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.