Il potere antitumorale dell’inositolo esafosfato (IP6) e dell’inositolo

0
187

Negli ultimi decenni, un numero crescente di ricerche ha fatto luce sulle notevoli proprietà antitumorali dell’inositolo esafosfato altamente fosforilato (IP6) e del suo composto progenitore, il mio-inositolo (Ins).

IP6 e Ins sono carboidrati presenti in natura che si trovano in abbondanza nelle piante, in particolare nelle diete ricche di fibre, così come nelle cellule dei mammiferi, dove svolgono ruoli cruciali nella regolazione delle funzioni cellulari essenziali. I potenziali benefici per la salute dell’IP6 sono stati ampiamente esplorati, con i suoi effetti positivi sulla salute umana che si estendono a varie aree.

Tuttavia, la scoperta più notevole è stata la sorprendente attività antitumorale ad ampio spettro dell’IP6, che ha catturato l’attenzione della comunità scientifica focalizzata sulla nutrizione e sulla ricerca sul cancro.

Contesto storico: svelare il potenziale anticancro dell’IP6

Tre decenni fa, sono stati condotti esperimenti pionieristici sul cancro del colon, segnando i primi passi nell’indagine sulle proprietà antitumorali dell’IP6.

Questi primi studi erano guidati da concetti e ipotesi teorici, con una conoscenza limitata degli intricati meccanismi coinvolti nella progressione e nella soppressione del cancro. Nonostante ciò, i risultati di questi esperimenti hanno dimostrato risultati promettenti, spingendo i ricercatori ad approfondire l’argomento.

I molteplici effetti antitumorali dell’IP6

Fin dalla sua prima associazione con la soppressione del cancro, l’IP6 è stato rigorosamente testato in vari modelli sperimentali, rivelando costantemente la sua capacità di inibire la crescita e la progressione del tumore. Sono stati identificati diversi meccanismi chiave alla base dei suoi effetti antitumorali:

  • Inibizione della proliferazione cellulare: l’IP6 mostra potenti effetti anti-proliferativi sulle cellule tumorali, compromettendo la loro capacità di dividersi e moltiplicarsi in modo incontrollabile, un segno distintivo del cancro.
  • Induzione dell’apoptosi: IP6 innesca la morte cellulare programmata (apoptosi) nelle cellule maligne, eliminando così le cellule aberranti e prevenendo la crescita del tumore.
  • Differenziazione delle cellule maligne: IP6 può facilitare la differenziazione delle cellule tumorali, portando alla loro reversione a un fenotipo più normale, sopprimendo infine il potenziale tumorigenico.
  • Modulazione di bersagli molecolari critici: IP6 influenza vari percorsi molecolari chiave coinvolti nello sviluppo e nella progressione del cancro, contribuendo ulteriormente alla sua attività antitumorale.
  • Immunità migliorata: è stato dimostrato che l’IP6 rafforza il sistema immunitario, consentendo alle difese naturali dell’organismo di riconoscere ed eliminare le cellule tumorali in modo più efficace.
  • Proprietà antiossidanti: IP6 presenta proprietà antiossidanti, riducendo lo stress ossidativo e proteggendo le cellule normali dai danni causati dalle specie reattive dell’ossigeno.

Effetti sinergici di IP6 e Myo-Inositolo

Mentre Ins da solo mostra un modesto potenziale antitumorale, la combinazione di IP6 e Ins ha mostrato risultati superiori. Questo effetto sinergico migliora l’efficacia antitumorale complessiva, offrendo una potente opzione terapeutica per combattere il cancro.

IP6 è un agente antitumorale ad ampio spettro

L’IP6 (inositolo esafosfato), noto anche come acido fitico, è un composto presente in natura che si trova in alte concentrazioni in alcuni alimenti a base vegetale come cereali, legumi e noci. Negli ultimi tre decenni, un’ampia ricerca di laboratorio ha costantemente dimostrato che l’IP6 possiede proprietà antitumorali ad ampio spettro. L’efficacia dell’IP6 come agente antineoplastico è stata studiata sia in vitro (in colture cellulari) che in vivo (in organismi viventi), rivelando il suo potenziale nell’inibire la crescita e la proliferazione di varie cellule tumorali da diversi tessuti.

Una delle caratteristiche distintive del cancro è la crescita cellulare incontrollata e sostenuta. L’IP6 ha mostrato una costante inibizione della crescita di molti diversi tipi di cellule tumorali, seguendo un modello dipendente dal tempo e dalla dose. Questo effetto antitumorale è stato osservato in numerose linee di cellule tumorali, tra cui cellule di leucemia umana, cellule tumorali del colon, cellule del cancro al seno (sia positive al recettore degli estrogeni che negative al recettore degli estrogeni), cellule del cancro cervicale, cellule del cancro alla prostata e linee cellulari dell’epatoma.

Inoltre, l’IP6 si è dimostrato efficace nell’inibire la crescita di tumori mesenchimali, come il fibrosarcoma murino e il rabdomiosarcoma umano. Tuttavia, vale la pena notare che la sensibilità al trattamento con IP6 varia tra diversi tipi e modelli di cellule, indicando che i meccanismi inibitori della crescita possono differire a seconda del tipo specifico di cancro.

Oltre a inibire la proliferazione cellulare, l’IP6 ha mostrato la capacità di indurre la differenziazione e la maturazione delle cellule maligne, portando alla loro reversione verso un fenotipo più normale. Questo fenomeno è stato dimostrato in varie linee cellulari tumorali, tra cui cellule ematopoietiche, cellule di carcinoma del colon, cellule di cancro alla prostata, cellule di cancro al seno e cellule di rabdomiosarcoma. Inoltre, il trattamento con IP6 è stato associato a una riduzione della secrezione di marcatori tumorali, come l’α-fetoproteina (AFP), suggerendo la sua potenziale applicazione clinica nel monitoraggio dei pazienti oncologici per la riduzione dei marcatori tumorali.

Anche il potenziale preventivo dell’IP6 contro il cancro è stato ampiamente studiato. Studi in vitro hanno dimostrato la sua efficacia nel prevenire la trasformazione delle cellule indotta da agenti cancerogeni. Nei modelli animali, l’IP6 ha dimostrato l’efficacia nella prevenzione del cancro della pelle e nell’inibizione dello sviluppo del tumore, inclusi tumori della pelle e tumori mammari indotti da agenti cancerogeni come DMBA e NMU. Inoltre, è stato dimostrato che l’IP6 riduce l’incidenza di focolai di cripta aberranti, che sono considerati lesioni preneoplastiche, nel colon, supportando il suo ruolo di agente preventivo contro il cancro del colon.

Le proprietà terapeutiche dell’IP6 sono state dimostrate in modelli animali di cancro. In un modello murino di fibrosarcoma, il trattamento con IP6 ha determinato un aumento della sopravvivenza e una significativa inibizione della crescita tumorale. L’IP6 si è anche dimostrato efficace nell’inibire la formazione del tumore in un modello di rabdomiosarcoma umano, portando a una significativa riduzione delle dimensioni del tumore. Inoltre, IP6 ha mostrato la capacità di indurre la regressione di tumori epatici preesistenti in un modello murino, fornendo prove del suo potenziale terapeutico nel trattamento di tumori consolidati.

Gli effetti antitumorali dell’IP6 non sono stati limitati a specifici tipi di cancro, rendendolo un promettente agente antitumorale ad ampio spettro. È importante ricordare che l’IP6 è un composto presente in natura e ha mostrato una tossicità minima in vari studi, rendendolo un candidato interessante per ulteriori indagini come potenziale terapia del cancro.

Meccanismi cellulari dell’attività antitumorale IP6:

L’IP6 e l’inositolo (Ins) svolgono un ruolo cruciale nella trasduzione del segnale cellulare, nella regolazione della funzione cellulare, nella crescita e nella differenziazione in quasi tutte le cellule animali. Nel contesto del cancro, è stato dimostrato che l’IP6 ha un impatto su più percorsi di segnalazione e sui loro dialoghi incrociati, portando a diverse risposte cellulari. Alcuni dei meccanismi chiave con cui l’IP6 esercita i suoi effetti antitumorali sono:

  • Modulazione del legame del recettore: IP6 può bloccare il dominio di legame dell’eparina del fattore di crescita dei fibroblasti di base, interrompendo ulteriori interazioni del recettore. Questa interferenza con il legame del recettore può impedire la proliferazione e la crescita delle cellule tumorali.
  • Regolazione delle chinasi: IP6 può agire su varie chinasi, tra cui la fosfatidilinositolo-3 chinasi, la protein chinasi C e le protein chinasi attivate dal mitogeno, che sono cruciali per la segnalazione cellulare e la proliferazione. La modulazione di queste chinasi contribuisce all’inibizione della crescita mediata da IP6 e all’induzione dell’apoptosi.
  • Regolazione del ciclo cellulare: IP6 sottoregola proteine ​​come p21 e p27, inibisce la fosforilazione di pRB e interrompe le vie PI3K/Akt e PKC/RAS/ERK, portando all’arresto del ciclo cellulare G1.
  • Inibizione dell’infiammazione e dell’angiogenesi: IP6 riduce l’attivazione di NF-kappaB e inibisce l’infiammazione. Inoltre inibisce l’angiogenesi, prevenendo la formazione di nuovi vasi sanguigni che supportano la crescita del tumore.
  • Espressione genica: IP6 influisce sull’espressione di proteine ​​cellulari chiave, tra cui p53, BCL-2 e metalloproteinasi della matrice (MMP), che sono coinvolte nella sopravvivenza, nell’apoptosi e nelle metastasi delle cellule tumorali.

Obiettivi molecolari nella ricerca sul cancro al colon:

Nella ricerca sul cancro del colon, l’IP6 ha dimostrato la sua efficacia nell’inibire vari aspetti dello sviluppo e della progressione del tumore. Alcuni importanti bersagli molecolari e percorsi coinvolti negli effetti antitumorali dell’IP6 nel cancro del colon sono:

  • Aberrant Crypt Foci: biomarcatori precoci della carcinogenesi del colon, questi focolai sono ridotti dal trattamento con IP6, indicando il suo potenziale nella prevenzione dell’inizio del cancro.
  • Proteine ​​della matrice extracellulare (ECM): il trattamento con IP6 e Ins altera l’espressione di collagene IV, fibronectina e laminina, che svolgono ruoli critici nelle interazioni cellula-extracellulare durante le metastasi del cancro.
  • MMP-9: IP6 inibisce MMP-9, un enzima legato all’invasione tumorale, alla metastasi e alla formazione vascolare, limitando così la diffusione delle cellule tumorali del colon.
  • Segnalazione Wnt/β-catenina: IP6 regola la mutazione della via di segnalazione Wnt/β-catenina, che è spesso disregolata nel cancro del colon, riducendo così l’espressione di Wnt10b, Tcf7, β-catenina e c-Myc.

Altri meccanismi:

Oltre ai suddetti percorsi, l’IP6 esercita i suoi effetti antitumorali attraverso vari altri meccanismi:

Funzione antiossidante: la struttura unica dell’IP6 gli consente di chelare Fe3+ e sopprimere la formazione di radicali idrossilici, prevenendo così il danno cellulare causato dalle specie di ossigeno attivo.

Attività di legame minerale: la capacità dell’IP6 di legarsi con Zn2+ influisce sull’attività della timidina chinasi, un enzima essenziale per la sintesi del DNA, ostacolando così la proliferazione delle cellule tumorali.

Supporto immunitario: IP6 migliora l’attività delle cellule natural killer (NK), che sono cruciali per la sorveglianza immunitaria contro le cellule tumorali. È stato dimostrato che l’integrazione con IP6 ripristina la funzione immunitaria e riduce l’incidenza del tumore.

Studi osservazionali clinici:

Il primo studio clinico osservazionale si è concentrato su pazienti affetti da cancro del colon che hanno ricevuto IP6 + Ins insieme alla chemioterapia. I risultati sono stati promettenti, poiché non è stata osservata alcuna tossicità e non vi è stato alcun calo della conta delle cellule del sangue o progressione del tumore. Inoltre, i pazienti hanno riportato una migliore qualità della vita. Questi risultati incoraggianti hanno aperto la strada a ulteriori indagini sui potenziali benefici di IP6 e Ins nel trattamento del cancro.

Casi clinici e piccoli studi clinici:

Nel corso degli anni, numerosi casi clinici e piccoli studi clinici hanno fornito prove dei potenziati effetti antitumorali e del miglioramento della qualità della vita associati a IP6 e Ins. In molti casi, la combinazione di IP6 + Ins ha portato a un ridotto tasso di crescita del tumore e persino alla regressione delle lesioni primarie.

In particolare, quando utilizzato in combinazione con la chemioterapia, IP6 + Ins ha diminuito gli effetti collaterali tipicamente associati alla chemioterapia, come diminuzione del numero di leucociti e piastrine, nausea, vomito e alopecia. I pazienti con cancro al seno e al colon, in particolare, hanno mostrato risposte positive al trattamento con IP6 e Ins.

Prove in diversi tipi di cancro:

Sebbene la maggior parte degli studi di casi si sia concentrata sul cancro al seno e al colon, sono stati segnalati esiti positivi anche in altri tipi di cancro.

Un caso di studio dal Giappone ha evidenziato l’efficacia di IP6 + Ins nel trattamento di un paziente con carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato, portando a una vita completamente sana senza ricadute dopo cinque anni. Inoltre, uno studio clinico di fase I ha dimostrato la sicurezza e la tollerabilità di Ins e successivi studi di fase IIb randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo hanno valutato gli effetti chemiopreventivi del mio-inositolo nei fumatori con displasia bronchiale.

Miglioramento della qualità della vita:

Diversi studi clinici hanno dimostrato che IP6 + Ins può migliorare significativamente la qualità della vita dei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia. Un piccolo studio pilota prospettico randomizzato condotto in Croazia ha dimostrato che questa combinazione riduce gli effetti collaterali negativi della chemioterapia e migliora il benessere generale dei pazienti. Un altro studio controllato randomizzato in doppio cieco ha rilevato che il trattamento topico IP6 era efficace e sicuro nel prevenire gli effetti collaterali indotti dalla chemioterapia nelle donne con carcinoma mammario duttale.

Potenziale per il trattamento del melanoma:

Un case report degno di nota si è concentrato su un paziente con melanoma metastatico che ha scelto di rifiutare la terapia tradizionale e ha invece provato il supplemento IP6 + Ins. Sorprendentemente, il paziente ha raggiunto la remissione completa ed è rimasto in remissione tre anni dopo. Ciò suggerisce che la funzione immunomodulatoria dell’IP6, combinata con la sua selettività, potrebbe offrire una nuova strada per il trattamento del melanoma attraverso l’immunoterapia.

Conclusione:

Le prove cliniche, i casi clinici e i piccoli studi evidenziano il potenziale di IP6 e Ins come preziose aggiunte nel trattamento del cancro. La loro capacità di migliorare l’attività antitumorale, ridurre gli effetti collaterali correlati alla chemioterapia e migliorare la qualità della vita dei malati di cancro li rende candidati promettenti per ulteriori indagini e integrazione nella pratica clinica. Mentre i ricercatori continuano ad approfondire i meccanismi e l’efficacia di IP6 e Ins, è probabile che il loro ruolo nella gestione del cancro diventi ancora più importante in futuro.


link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7765177/#:~:text=IP6%20is%20known%20for%20immune,activity%20%5B63%2C77%5D.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.