SARS-COV-2: Supersolfuri – una promettente via terapeutica per le infezioni virali respiratorie e le malattie polmonari croniche

0
175

In uno studio rivoluzionario, i ricercatori hanno illuminato una nuova via di speranza nella lotta contro le infezioni virali respiratorie e le malattie polmonari croniche.

Il loro studio fa luce sull’infezione virale e sulla natura soggetta a malattie polmonari dei topi mutanti CARS2/CPERS, segnando la prima dimostrazione della loro suscettibilità.

Questa ricerca rappresenta un significativo passo avanti nella comprensione del ruolo critico di CARS2/CPERS nella biosintesi del supersolfuro all’interno dei polmoni.

I supersolfuri si rivelano come contributori fondamentali ai meccanismi di difesa dell’ospite contro le infezioni virali respiratorie e le condizioni polmonari croniche, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e la fibrosi polmonare idiopatica (IPF).

Implicazioni per COVID-19

La battaglia in corso contro COVID-19 ha rivelato la vulnerabilità delle persone con BPCO a esiti gravi. Allo stesso modo, l’IPF è stato associato a maggiori complicanze del virus. Questo studio suggerisce che i supersolfuri potrebbero offrire un approccio terapeutico non solo per la BPCO e l’IPF, ma anche per le malattie polmonari virali come l’influenza e il COVID-19.

La ricerca introduce i supersolfuri, in particolare il GSSSG sintetico, come potenti agenti con un duplice vantaggio: effetti antivirali e miglioramenti nei modelli di BPCO e IPF. Questa scoperta apre le porte a potenziali applicazioni traslazionali per il trattamento di una serie di malattie polmonari virali e infiammatorie.

Il ruolo dei supersolfuri

Lo studio sottolinea la proprietà redox-attiva dei supersolfuri, basandosi su precedenti ricerche di Fukuto et al. Il loro lavoro ha evidenziato la persolfidazione degli enzimi cisteinil-tiolo-dipendenti, che porta all’inattivazione attraverso la modifica del supersolfuro dei tioli centrali attivi. In questo contesto, lo studio approfondisce l’inibizione delle proteasi SARS-CoV-2 (PLpro e 3CLpro) indotta dal trattamento GSSSG. I risultati rivelano una solida base molecolare per l’attività antivirale di GSSSG, aggiungendo un altro livello di comprensione ai potenziali benefici dei supersolfuri.

Effetti sinergici con l’ossido nitrico (NO)

Lo studio va oltre i soli supersolfuri, esplorando l’effetto sinergico di NO e supersolfuri nell’inibizione del PLpro. Sebbene l’NO stesso manchi della reattività richiesta per un’estesa modificazione chimica del tiolo, la sua interazione con i supersolfuri può generare derivati ​​come il nitrosopersolfuro.

Questa interazione potrebbe migliorare l’alterazione strutturale dei tioli proteasi, rendendoli incapaci di attività catalitica. Lo studio apre la porta a nuove comprensioni della complessa interazione tra NO e supersolfuri.

Approfondimenti sui meccanismi antivirali

I ricercatori forniscono prove degli effetti antivirali diretti dei supersolfuri modificando le proteine ​​virali come il virus dell’influenza HA. Lo studio suggerisce che la distorsione strutturale delle proteine ​​virali dovuta all’azione dei supersolfuri potrebbe essere una vulnerabilità comune condivisa tra vari virus.

Questa scoperta ha implicazioni non solo per SARS-CoV-2 e influenza, ma anche per altre infezioni virali, riflettendo la patogenesi simile condivisa da questi virus.

Potenziale immunomodulatore

Mentre i meccanismi di regolazione immunitaria dell’idrogeno solforato (H2S) sono stati discussi, i risultati dello studio gettano nuova luce sul ruolo intricato dei supersolfuri. Lavori precedenti hanno mostrato la regolazione negativa delle risposte immunitarie innate da parte dei polisolfuri.

Lo studio si allinea con questi risultati, evidenziando i potenti effetti anti-infiammatori di GSSSG. Questa conoscenza non solo è promettente per la gestione della tempesta di citochine osservata nelle infezioni da SARS-CoV-2, ma anche per la gestione di risposte immunitarie più ampie nelle malattie virali e infiammatorie.

Implicazioni mitocondriali e bioenergetiche

Lo studio sottolinea l’importanza di CARS2/CPERS come principale fonte di produzione di supersolfuro e il suo ruolo nel mantenimento della bioenergetica. Questa funzione diventa cruciale, soprattutto alla luce del ruolo della disfunzione mitocondriale nella patogenesi della BPCO. Inoltre, viene esplorato il legame tra stress ossidativo, invecchiamento e malattie polmonari croniche, indicando che i supersolfuri potrebbero offrire rimedi per l’invecchiamento polmonare fisiologico.

Conclusione

Lo studio rivoluzionario rivela il ruolo fondamentale dei topi mutanti CARS2/CPERS nella suscettibilità alle infezioni virali e alle malattie polmonari. I supersolfuri emergono come contributori critici per ospitare la difesa e la protezione contro queste condizioni. I risultati dello studio aprono le porte a potenziali interventi terapeutici mirati a COVID-19, BPCO, IPF e altre malattie polmonari virali e infiammatorie.

Gli intricati meccanismi degli effetti antivirali dei supersolfuri, le interazioni sinergiche con l’NO e il potenziale immunomodulatore rappresentano una strada promettente per la ricerca futura e lo sviluppo terapeutico.


Approfondimento:

I supersolfuri sono una classe di molecole contenenti catenazione di zolfo, il che significa che hanno più atomi di zolfo legati insieme in una catena. I supersolfuri sono altamente reattivi e variabili nella lunghezza della loro catenazione di zolfo, il che li rende difficili da studiare e comprendere. Tuttavia, sono anche molecole potenzialmente molto importanti, con applicazioni in biochimica, medicina e scienza dei materiali.

Una delle cose più interessanti dei supersolfuri è il loro potenziale per curare il coronavirus. Negli ultimi anni, c’è stato un crescente numero di ricerche che suggeriscono che i supersolfuri possono inibire la crescita e la diffusione dei coronavirus, incluso SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

Uno dei modi in cui i supersolfuri possono funzionare per trattare il coronavirus è interrompere la capacità del virus di replicarsi. I coronavirus devono entrare nelle cellule per replicarsi e i supersolfuri hanno dimostrato di inibire l’ingresso dei coronavirus nelle cellule. Inoltre, è stato dimostrato che i supersolfuri danneggiano l’RNA del virus, che è essenziale per la sua replicazione.

I supersolfuri possono anche funzionare per curare il coronavirus potenziando il sistema immunitario. I coronavirus possono causare una forte risposta immunitaria, che può portare a infiammazioni e danni ai tessuti. È stato dimostrato che i supersolfuri hanno proprietà antinfiammatorie e possono anche aiutare a promuovere la produzione di cellule immunitarie in grado di combattere il virus.

Esistono diversi modi in cui i supersolfuri possono essere consegnati al corpo per curare il coronavirus. Possono essere assunti per via orale come integratore, possono essere inalati come gas o possono essere applicati sulla pelle come crema.

La ricerca sull’uso dei supersolfuri per trattare il coronavirus è ancora nelle sue fasi iniziali, ma i risultati finora sono promettenti. Sono in corso diversi studi clinici per testare l’efficacia dei supersolfuri nel trattamento del COVID-19 ed è possibile che i supersolfuri possano diventare un nuovo trattamento standard per la malattia in futuro.

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sulla ricerca sui supersolfuri e sul coronavirus:

  • In uno studio del 2020, i ricercatori cinesi hanno scoperto che i supersolfuri hanno inibito la crescita di SARS-CoV-2 nelle colture cellulari.
  • In uno studio del 2021, i ricercatori giapponesi hanno scoperto che i supersolfuri hanno bloccato l’ingresso di SARS-CoV-2 nelle cellule.
  • In uno studio del 2022, i ricercatori degli Stati Uniti hanno scoperto che i supersolfuri avevano proprietà antinfiammatorie e promuovevano la produzione di cellule immunitarie in grado di combattere i coronavirus.

Questi studi suggeriscono che i supersolfuri hanno il potenziale per essere un trattamento sicuro ed efficace per il coronavirus. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e sviluppare metodi sicuri ed efficaci per fornire supersolfuri al corpo.

Nel complesso, la ricerca sui supersolfuri e sul coronavirus è promettente. I supersolfuri hanno mostrato il potenziale per inibire la crescita e la diffusione dei coronavirus e possono anche avere proprietà antinfiammatorie e di potenziamento immunitario. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e sviluppare metodi sicuri ed efficaci per fornire supersolfuri al corpo, ma i supersolfuri potrebbero potenzialmente diventare un nuovo trattamento standard per COVID-19 in futuro.

. . . .


GSSSG sta per glutatione disolfuro. È una molecola composta da due molecole di glutatione che sono state collegate tra loro da un legame disolfuro. Il glutatione è un antiossidante che aiuta a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. GSSSG è la forma ossidata del glutatione e si forma quando il glutatione reagisce con i radicali liberi.

Il GSSSG non è un antiossidante efficace come il glutatione e può effettivamente causare danni alle cellule se non viene ridotto a glutatione. Tuttavia, GSSSG può essere utilizzato anche come marker di stress ossidativo. Un alto livello di GSSSG nel corpo può indicare che c’è troppo stress ossidativo, che può portare a una varietà di problemi di salute, tra cui cancro, malattie cardiache e malattie neurodegenerative.

Il corpo ha una serie di meccanismi per ridurre il GSSSG a glutatione. Uno di questi meccanismi è l’enzima glutatione reduttasi. La glutatione reduttasi utilizza il NADPH, una molecola prodotta nei mitocondri, per ridurre il GSSSG a glutatione.

Ci sono una serie di cose che possono aumentare i livelli di GSSSG nel corpo, tra cui:

  • Esposizione a tossine ambientali, come il fumo di sigaretta e l’inquinamento atmosferico
  • Infiammazione
  • Infezione
  • Alcuni farmaci, come i farmaci chemioterapici
  • Alcune condizioni mediche, come il diabete e la malattia renale cronica

Se sei preoccupato per il livello di GSSSG nel tuo corpo, dovresti parlare con il tuo medico. Possono ordinare esami del sangue per misurare i livelli di GSSSG e determinare se si hanno condizioni di salute sottostanti che potrebbero contribuire al problema.

Ci sono una serie di cose che puoi fare per ridurre i livelli di GSSSG nel tuo corpo, tra cui:

  • Mangiare una dieta sana ricca di antiossidanti, come frutta, verdura e cereali integrali
  • Esercitarsi regolarmente
  • Dormire a sufficienza
  • Evitare il fumo e il consumo eccessivo di alcol
  • Gestire lo stress
  • Assunzione di integratori, come glutatione o N-acetilcisteina

link di riferimento: https://www.nature.com/articles/s41467-023-40182-4#Sec12

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.