L’influenza dell’esercizio di auto-mobilitazione sulla stabilità e sul controllo posturale

0
246

La stabilità posturale, la capacità di mantenere l’equilibrio stando in piedi o svolgendo attività dinamiche, è un aspetto fondamentale del movimento umano.

Il mantenimento della stabilità è strettamente legato alla precisa regolazione del baricentro del corpo all’interno della base di appoggio [1]. Questo processo comporta una coordinazione continua e precisa dei comandi motori, del feedback sensoriale e degli aggiustamenti posturali. Mentre il corpo umano svolge senza sforzo questo compito, vari fattori possono interrompere questo delicato equilibrio, portando a una perdita di stabilità.

Un fattore critico che influenza la stabilità è la distribuzione del peso corporeo che, se asimmetrica, può compromettere l’equilibrio. La stabilità posturale è un processo sfaccettato che integra le informazioni sensoriali dai sistemi visivo, propriocettivo e vestibolare [2,3,4,5].

Il sistema nervoso centrale elabora questi input per orchestrare le risposte muscolari necessarie per mantenere l’equilibrio [6]. Tuttavia, quando questa elaborazione sensoriale è compromessa, può risultare in un controllo della stabilità posturale alterato [7].

Integrazione sensomotoria e controllo posturale

Fondamentale per la stabilità posturale è l’integrazione delle informazioni sensoriali dai sistemi visivo, propriocettivo e vestibolare. Questi sistemi lavorano in armonia per fornire un quadro completo della posizione del corpo nello spazio. I segnali visivi consentono l’orientamento spaziale, mentre l’input propriocettivo informa il cervello sulla posizione degli arti e del corpo. Il sistema vestibolare fornisce informazioni sul movimento della testa e sull’orientamento spaziale.

Questa integrazione è cruciale per la stabilità, come evidenziato da studi in cui l’oscillazione posturale durante la posizione eretta è stata aumentata a causa di manipolazioni mirate di input sensoriali periferici [3,4,13,14]. Questi risultati sottolineano l’importanza dei segnali periferici nel rilevare i cambiamenti di posizione e l’elaborazione centrale di questi segnali nel mantenere la stabilità.

Il ruolo della postura nella stabilità

L’influenza della postura sulla stabilità non può essere sottovalutata. Le variazioni nell’allineamento della colonna vertebrale e nel posizionamento delle parti del corpo possono avere un impatto significativo sulla stabilità [15,16,17,18]. Deviazioni posturali come l’oscillazione all’indietro, le spalle arrotondate, l’ipercifosi, l’iperlordosi e la postura della testa in avanti alterano l’attivazione dei muscoli responsabili del mantenimento dell’equilibrio [19]. La postura della testa in avanti e l’ipercifosi sono state collegate a un aumento dell’oscillazione posturale [18,20,21], suggerendo che la postura influenza direttamente il controllo neuromuscolare e il centro di gravità del corpo.

Esercizio di automobilizzazione per la correzione posturale

Riconoscendo l’importanza della postura, è stato sviluppato un nuovo programma di esercizi di auto-mobilizzazione per affrontare le deviazioni della curvatura spinale come l’ipercifosi, l’iperlordosi e la postura della testa in avanti [22,23]. Questo programma di esercizi mira a indurre effetti simili alla mobilizzazione articolare attraverso movimenti autoiniziati mentre si è in posizione supina.

Si ipotizza che la forza gravitazionale sui segmenti corporei durante questi esercizi promuova lo scorrimento articolare simile alle tecniche di mobilizzazione articolare.

Studi precedenti hanno dimostrato che questo programma di esercizi di auto-mobilizzazione può portare a una diminuzione dell’oscillazione posturale antero-posteriore (AP) quando ci si trova su una piattaforma instabile [16]. Tuttavia, questi risultati mancavano di un’analisi dettagliata dei movimenti del centro di pressione plantare (CoP), un elemento critico nella valutazione della stabilità posturale.

Gli obiettivi della ricerca

Questo studio cerca di chiarire l’influenza del programma di esercizi di auto-mobilizzazione sulla stabilità posturale. L’obiettivo principale è esaminare l’impatto del programma di esercizi su vari parametri di oscillazione stando in piedi su una superficie stabile. Nello specifico, lo studio mira a indagare i cambiamenti nel CoP plantare rispetto alla base di appoggio durante la stazione eretta statica.

Ipotesi

Sulla base di ricerche precedenti, si ipotizza che il programma di esercizi di auto-mobilizzazione porti a una diminuzione dei parametri di oscillazione posturale, in particolare nella direzione AP [16,22,23]. Ciò si basa sulla comprensione che il programma di esercizi affronta le deviazioni della curvatura spinale associate all’aumento dell’oscillazione posturale.

Inoltre, l’ipotesi secondaria è che i cambiamenti nei parametri di oscillazione saranno coerenti indipendentemente dal fatto che i partecipanti stiano con gli occhi aperti o chiusi, sulla base di risultati precedenti [16].

Discussione

Questo studio ha studiato l’impatto di un programma di esercizi di auto-mobilizzazione progettato per riallineare la curvatura spinale sulla stabilità posturale misurata dai parametri di oscillazione del centro di pressione (CoP) durante la posizione statica su una superficie stabile.

I risultati fanno luce sugli effetti del programma di esercizi sul controllo posturale e forniscono approfondimenti sui meccanismi sottostanti che contribuiscono a migliorare la stabilità.

I principali risultati dello studio hanno rivelato che non vi era alcuna differenza significativa nei parametri di oscillazione del CoP tra le misure pre e post test per entrambi i gruppi con gli occhi aperti. Tuttavia, un risultato notevole è stato osservato nel gruppo Esercizio con gli occhi chiusi. In questo gruppo, si è verificata una significativa diminuzione dell’area, della distanza, dell’escursione e dello spostamento quadratico medio (RMS) dell’oscillazione del CoP nella direzione antero-posteriore (AP) .


Lo spostamento quadratico medio (RMS) dell’oscillazione del CoP nella direzione antero-posteriore (AP) è una misura della variabilità del centro di pressione (CoP) nella direzione AP. Il CoP è il punto di applicazione della forza di reazione al suolo ed è in costante movimento mentre ci alziamo o camminiamo. Lo spostamento RMS dell’oscillazione del CoP è una misura di quanto il CoP si sposta dalla sua posizione media.

Un elevato spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP indica che il CoP si sta muovendo molto, il che può essere un segno di instabilità. Ciò può essere causato da una serie di fattori, come affaticamento, diminuzione della forza muscolare o disturbi neurologici. Uno spostamento RMS basso dell’oscillazione del CoP nella direzione AP indica che il CoP si sta muovendo di meno, il che è un segno di stabilità.

Lo spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP può essere misurato utilizzando una piattaforma di forza. Una piattaforma di forza è un dispositivo che misura la forza di reazione al suolo. Lo spostamento RMS dell’oscillazione del CoP può essere calcolato dai dati raccolti dalla piattaforma di forza.

Lo spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP è una misura utile della stabilità posturale. Può essere utilizzato per valutare il rischio di cadute nelle persone a rischio di caduta, come gli anziani o le persone con disturbi neurologici. Può anche essere utilizzato per monitorare l’efficacia degli interventi volti a migliorare la stabilità posturale.

Ecco alcuni dei fattori che possono influenzare lo spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP:

  • Fatica: Man mano che ci affaticamo, i nostri muscoli si indeboliscono e la nostra capacità di mantenere l’equilibrio diminuisce. Ciò può portare ad un aumento dello spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP.
  • Diminuzione della forza muscolare: se abbiamo una diminuzione della forza muscolare nelle gambe, avremo meno controllo sul nostro equilibrio. Ciò può anche portare ad un aumento dello spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP.
  • Disturbi neurologici: le persone con disturbi neurologici, come il morbo di Parkinson o la sclerosi multipla, spesso hanno difficoltà a controllare il proprio equilibrio. Ciò può portare ad un aumento dello spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP.
  • Età: gli adulti più anziani tendono ad avere meno forza muscolare e flessibilità rispetto ai giovani adulti. Ciò può renderli più suscettibili alle cadute e può portare a un aumento dello spostamento RMS dell’oscillazione del CoP nella direzione AP.

Se sei preoccupato per la tua stabilità posturale, dovresti parlare con il tuo medico. Possono valutare il rischio di cadute e consigliare interventi che possono aiutare a migliorare l’equilibrio.


È importante sottolineare che questi cambiamenti indicano non solo una riduzione complessiva del movimento della CoP, ma anche una diminuzione della fluttuazione della CoP. Questi risultati sottolineano l’efficacia del programma di esercizi di auto-mobilizzazione nel migliorare la stabilità posturale.

I risultati dello studio sono in linea con la ricerca precedente, che ha anche dimostrato una riduzione dell’oscillazione posturale AP dopo il programma di esercizi di auto-mobilizzazione, coerente con vari parametri di oscillazione del CoP [16]. Il meccanismo alla base di questa riduzione può essere attribuito al posizionamento che i partecipanti adottano durante il programma di esercizi.

La posizione sdraiata supina su un palo, dove sono supportate solo aree del corpo selezionate, induce un’attrazione gravitazionale sulle parti del corpo che non supportano. Questa forza gravitazionale promuove il movimento posteriore, con conseguenti cambiamenti nell’allineamento della colonna vertebrale e una migliore stabilità posturale nella direzione AP. Il programma di esercizi sembra influenzare selettivamente la stabilità posturale nella direzione AP, che è governata dall’attivazione e dal controllo dei muscoli della caviglia [28,29].

È interessante notare che lo studio ha evidenziato che i cambiamenti nella stabilità posturale sono stati osservati solo nella condizione di occhi chiusi. Ciò suggerisce che l’impatto del programma di esercizi sulla stabilità è stato più pronunciato quando il feedback visivo è stato eliminato come fattore contribuente.

In condizioni difficili in cui i segnali visivi sono assenti, il corpo si affida maggiormente ai sistemi vestibolare e propriocettivo per il controllo della stabilità. Il programma di esercizi sembra facilitare lo spostamento dell’integrazione sensoriale verso questi sistemi più affidabili durante la condizione ad occhi chiusi.

Tuttavia, alcuni aspetti rimangono poco chiari e meritano ulteriori indagini. Gli esatti meccanismi alla base del cambiamento sensoriale che porta alla riduzione dell’oscillazione posturale richiedono un’esplorazione più approfondita. Inoltre, l’ambito dello studio era limitato alla posizione statica, quindi la ricerca futura dovrebbe esplorare gli effetti del programma di esercizi in compiti dinamici come l’andatura.

Inoltre, considerando l’inclusione nello studio di giovani adulti sani, l’estensione dei risultati ai pazienti e alle popolazioni anziane è essenziale per accertare la più ampia applicabilità del programma.

In conclusione , il programma di esercizi di auto-mobilizzazione dimostra il suo potenziale per migliorare la stabilità posturale nella direzione AP. L’attrazione gravitazionale posteriore durante gli esercizi contribuisce a migliorare l’allineamento della colonna vertebrale e, successivamente, a ridurre l’oscillazione posturale. Gli effetti del programma di esercizi sulla stabilità dipendono dalla direzione e sottolineano l’importanza di una corretta integrazione sensoriale.

Questi risultati hanno implicazioni preziose per gli operatori sanitari, inclusi fisioterapisti, preparatori atletici e allenatori di condizionamento. La riuscita distribuzione del centro di massa del programma di esercizi e la migliore simmetria posturale possono essere estrapolate in vari contesti e direzioni, arricchendo ulteriormente gli interventi terapeutici e migliorando il controllo posturale generale.

Di conseguenza, lo studio non solo contribuisce alla comprensione dei meccanismi di stabilità posturale, ma presenta anche un’applicazione pratica per le impostazioni cliniche.


link di riferimento: https://www.mdpi.com/2073-8994/15/7/1321

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.