L’impatto di vasta portata della pandemia di COVID-19 sul dolore cronico

0
150

L’emergenza della pandemia di COVID-19 ha provocato un’onda d’urto nella comunità globale, rimodellando il panorama dell’esistenza umana in modi senza precedenti.

Al di là delle implicazioni sanitarie tangibili del virus stesso, la pandemia ha esercitato una profonda influenza su numerosi aspetti della vita delle persone, con ripercussioni che si sono estese in profondità ai regni della salute e del benessere mentale, della stabilità economica e della salute fisica (1).

Un gruppo demografico particolarmente vulnerabile che ha sopportato il peso di queste sfide sfaccettate è stato quello degli individui alle prese con il dolore cronico, le cui difficoltà sono state ulteriormente esacerbate dalla complessa interazione della pandemia con le dinamiche della percezione e della gestione del dolore (1).

Mentre le società di tutto il mondo erano alle prese con la nuova realtà dei lockdown e delle misure di distanziamento fisico, si è instaurato un palpabile senso di isolamento e solitudine. Il bilancio risultante sulla salute mentale è stato sconcertante, innescando un’ondata di disagio psicologico che non ha lasciato intatto nessun angolo del globo. (1).

Allo stesso tempo, le ricadute economiche della pandemia hanno scatenato un’ondata di perdite di posti di lavoro e instabilità finanziaria, che hanno ulteriormente alimentato le fiamme dello stress e dell’ansia per innumerevoli individui (1). Questi vortici emotivi, provocati dall’isolamento, dall’insicurezza lavorativa e dalle turbolenze finanziarie, avevano un’implicazione diretta sulla percezione del dolore.

Gli studi hanno rivelato un’impennata delle ricerche globali relative al “dolore”, sottolineando l’accresciuta preoccupazione del pubblico per il dolore durante questi tempi difficili (2).

La combinazione di fattori come l’incertezza occupazionale, l’isolamento sociale e l’applicazione di misure di distanziamento fisico hanno cospirato per creare una tempesta perfetta di avversità che ha eroso la resilienza psicologica degli individui in tutto il mondo (3, 4). All’interno di questo crogiolo di disagio psicologico e tumulto fisiologico, coloro che erano già alle prese con il dolore cronico si sono trovati particolarmente vulnerabili ai molteplici impatti della pandemia (1).

Fondamentalmente, comprendere i fattori di rischio che sono alla base della genesi delle condizioni di salute è fondamentale per frenarne lo sviluppo (5). Nel contesto della pandemia, domini specifici sono emersi come contributori fondamentali alla potenziale incubazione del dolore cronico tra gli individui che avevano contratto COVID-19 (5).

Un aspetto notevole è stato l’intersezione tra salute mentale e dolore cronico, con il rischio di disturbo da stress post-traumatico e lo spettro persistente dell’isolamento sociale sia durante che dopo il ricovero che contribuiscono al potenziale sviluppo del dolore cronico (5). Gli oneri psicologici senza precedenti intessuti nel tessuto della pandemia hanno ulteriormente aumentato questo rischio (5).

Inoltre, anche le conseguenze neurologiche di un’infezione da COVID-19 sono state esaminate come potenziale catalizzatore del dolore cronico (5). L’insidiosa capacità del virus di manifestarsi a livello neurologico ha avuto implicazioni di vasta portata, con un potenziale impatto sui percorsi di percezione del dolore in modi ancora da comprendere appieno.

Inoltre, i rigori delle cure nelle unità di terapia intensiva (ICU) sono stati implicati come potenziali colpevoli dell’insorgenza del dolore cronico (5). La ventilazione prolungata, l’immobilità e altri fattori associati all’unità di terapia intensiva, come i blocchi neuromuscolari e il dolore procedurale, si sono tutti coalizzati per creare una complessa rete di fattori di rischio.

Un aspetto spesso trascurato erano i dati demografici dei pazienti stessi. La presenza di alti tassi di comorbilità e l’invecchiamento della popolazione hanno aumentato la suscettibilità dei pazienti COVID-19 allo sviluppo di dolore cronico (5). Questa relazione simbiotica tra età, condizioni preesistenti e dolore ha sottolineato la necessità di interventi su misura in questo segmento della popolazione.

Tuttavia, il percorso dall’infezione acuta da COVID-19 al dolore cronico non è stato lineare. Il dolore acuto, sfortunato compagno dell’infezione virale, è emerso come un presagio del futuro sviluppo del dolore cronico (5, 6). Il trauma del dolore acuto, sia fisico che psicologico, è servito come un potente fattore di rischio per la transizione da un’agonia a breve termine a una dura prova debilitante.

Inoltre, le sfide che hanno assillato i servizi di riabilitazione durante la pandemia sono state identificate come fattori che contribuiscono al rischio di sviluppo di dolore cronico (5). Strutture riabilitative sovraccariche, percorsi di recupero mal concepiti e il reindirizzamento delle risorse sulla scia delle successive ondate del virus hanno posto notevoli ostacoli a un’efficace gestione del dolore. La scarsità di protocolli riabilitativi concreti adattati alle sfumature del COVID-19, combinata con il peso della fatica e della multimorbidità, ha formato un nesso complesso che ha ostacolato la strada verso il recupero (5).

Sulla scia di questa intricata interazione di fattori, studi come quello condotto da Soares et al. (7) ha assunto un’importanza fondamentale. In uno studio trasversale controllato, i ricercatori hanno confrontato i pazienti che erano stati dimessi a seguito di COVID-19 con un gruppo di controllo comprendente pazienti ricoverati in ospedale per motivi non COVID-19 (7).

I risultati sono stati illuminanti, indicando che il dolore de novo era significativamente più diffuso nella coorte di pazienti COVID-19, segnalando l’impatto di vasta portata del virus sulla percezione del dolore (7). Inoltre, lo studio ha rivelato che una percentuale sostanziale di pazienti COVID-19 ha sviluppato dolore cronico di nuova insorgenza, sottolineando l’intricata connessione tra la pandemia e lo sviluppo del dolore cronico (7).

Le profonde implicazioni del dolore cronico nel contesto del COVID-19 hanno inaugurato una nuova era di ricerca e attenzione clinica. La convergenza di fattori quali la salute mentale, le manifestazioni neurologiche, i rischi associati alle unità di terapia intensiva, i dati demografici dei pazienti, il dolore acuto e le sfide dei servizi di riabilitazione hanno illuminato la natura multiforme dello sviluppo del dolore cronico durante la pandemia (5).

Man mano che approfondiamo questo intricato arazzo, diventa evidente che gli effetti della pandemia sono di vasta portata e si estendono oltre le preoccupazioni immediate per la salute fino agli ambiti della percezione e della gestione del dolore. Ciò sottolinea l’urgenza di continuare la ricerca e l’intervento, mentre ci sforziamo di mitigare l’impatto a lungo termine del dolore cronico sulla scia della pandemia di COVID-19.


Approfondimento…..

Lo sconvolgimento globale senza precedenti provocato dalla pandemia di COVID-19 ha smascherato una serie sconcertante di complessità fisiche, psicologiche e sociali che si ripercuotono sulla vita degli individui. Tra la miriade di sfide, l’intricata relazione tra dolore cronico e COVID-19 è emersa come un’area di maggiore preoccupazione e indagine.

Guerrero et al. (5) hanno contribuito con una prospettiva globale che approfondisce le sfumature di questa multiforme interazione, facendo luce sui distinti gruppi di pazienti colpiti dal dolore cronico nel contesto della pandemia e svelando i meccanismi fisiopatologici sottostanti che danno origine a questo fenomeno.

Nel loro lavoro pionieristico, Guerrero et al. (5) proporre una classificazione tripartita dei pazienti, ciascuno dei quali rappresenta un aspetto distinto del dolore cronico e del nesso COVID-19.

Il primo gruppo comprende individui il cui dolore cronico emerge dopo l’infezione da COVID-19, comprendendo manifestazioni che si collegano alle conseguenze di un’infezione acuta o alla sindrome emergente nota come COVID-19 lungo (8).

Il COVID-19 lungo incapsula una costellazione di sintomi tra cui disturbi del sonno, stanchezza cronica e mialgia diffusa, che persistono per oltre 4 settimane in coloro che si sono ripresi dalla fase acuta (9, 10). Caratterizzato da una vasta gamma di sintomi fisiologici, neurologici e psicologici, il COVID-19 lungo dimostra l’intricata interazione tra il virus e i vari sistemi del corpo (10). Ciò fa luce su un’affascinante intersezione di fattori biologici che contribuiscono allo sviluppo del dolore cronico in questa coorte.

Il secondo gruppo identificato da Guerrero et al. (5) comprende individui con dolore cronico preesistente che è esacerbato dai meccanismi fisiopatologici innescati dall’infezione da COVID-19. Ciò rivela l’intricata sinergia tra gli impatti fisiologici della pandemia e il panorama del dolore esistente, sottolineando la complessità della relazione.

Il terzo gruppo esplora l’emergere del dolore cronico in individui che precedentemente non avevano dolore. Questa coorte è intrinsecamente legata al modello biopsicosociale che è alla base del dolore cronico, nonché alla moltitudine di fattori di rischio predisponenti che sono stati chiariti in letteratura (5).

L’interazione di fattori di stress psicologici e sociali in un mondo tormentato dalla pandemia catalizza l’emergere del dolore in individui che in precedenza non avevano sperimentato tale disagio. Il modello biopsicosociale fornisce una lente completa attraverso la quale esaminare questo intricato fenomeno, incapsulando la relazione simbiotica tra fattori biologici, psicologici e sociali (30).

Scavando più a fondo, la fisiopatologia e i meccanismi alla base del dolore cronico nel contesto di COVID-19 svelano una complessa interazione di risposte immuno-infiammatorie, meccanismi neuropatici ed effetti secondari della patologia COVID-19 e dei suoi trattamenti associati (1, 5).

La natura neurotropica del COVID-19, infiltrandosi nelle cellule ospiti tramite i recettori ACE2 presenti nel cervello, innesca una cascata di eventi neuroinfiammatori caratterizzati da attivazione microgliale e astrogliosi (11, 12). L’infiammazione sistemica distrugge ulteriormente la barriera emato-encefalica, devastando l’omeostasi del cervello e portando alla morte delle cellule neuronali (11).

Questa tempesta neuroinfiammatoria, alimentata da citochine come l’interleuchina-6 e il fattore di necrosi tumorale-α, si manifesta come dolore tissutale, dolore articolare e mialgia (13, 14). L’intricata interazione tra le vie dell’enzima di conversione dell’angiotensina e l’attivazione del recettore della neuropilina-1 aggiunge un altro strato a questo complesso arazzo, fornendo potenziali strade per l’intervento terapeutico (14, 16, 22). Il modello proposto di neurotropismo attraverso l’interazione della proteina virale del picco con il recettore NRP-1, come postulato da Moutal et al., approfondisce la nostra comprensione della fisiopatologia (13, 22).

Inoltre, gli effetti secondari della pandemia, come l’immobilizzazione durante la ventilazione, l’aumento dell’incidenza di ictus e il danno ai nervi periferici, contribuiscono all’intricata rete dello sviluppo del dolore cronico (27, 28, 29). La delucidazione di questi meccanismi apre la strada a strategie terapeutiche su misura.

Con una profonda comprensione di queste complessità, le opzioni di gestione e terapeutiche per il dolore cronico nel contesto di COVID-19 vengono in primo piano. L’arsenale terapeutico comprende naltrexone a basso dosaggio per modulare la secrezione di citochine, considerazioni sull’uso di oppioidi e l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), nonostante le preoccupazioni precedenti (1, 31, 32, 34, 37, 38).

Il ruolo dei blocchi del ganglio stellato nell’affrontare l’iperattività del sistema nervoso simpatico emerge come una potenziale strada, fondata sulle connessioni neurali tra il ganglio simpatico e le risposte immunitarie (24, 25). L’integrazione della telemedicina e degli approcci multidisciplinari, adattandosi alle realtà della pandemia, dimostra la resilienza dei sistemi sanitari nell’affrontare il dolore cronico (34, 44).

In conclusione, l’intricata relazione tra COVID-19 e dolore cronico è un campo in rapida evoluzione, pieno di complessità e sfumature che richiedono un approccio multidimensionale. Gli spunti offerti da Guerrero et al. (5) dipingono un quadro vivido dei fattori intrecciati che sono alla base dello sviluppo e dell’esacerbazione del dolore cronico durante la pandemia.

Dai distinti gruppi di pazienti ai meccanismi fisiopatologici, la ricerca approfondisce la nostra comprensione e fornisce una tabella di marcia per gestire questa sfida dalle molteplici sfaccettature. Mentre continuiamo a navigare nelle acque inesplorate dell’era COVID-19, la fusione di scienza, compassione e collaborazione multidisciplinare sarà determinante nel mitigare l’impatto del dolore cronico sulla vita delle persone.


link di riferimento: https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpain.2023.1234099/full

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.