BPA trovato nelle urine del 92% degli adulti in Europa

0
312

Il BPA è ampiamente utilizzato in tutto il mondo. Di conseguenza, le persone sono continuamente esposte al BPA rilasciato dai contenitori degli alimenti e da altri prodotti di uso quotidiano.

Il BPA può danneggiare la salute umana a causa delle sue proprietà di interferente endocrino che può alterare il funzionamento del sistema ormonale. Può danneggiare il sistema riproduttivo e influenzare negativamente il sistema immunitario.

Una recente iniziativa di ricerca di Orizzonte 2020,  HBM4EU , ha misurato le sostanze chimiche nei corpi delle persone in Europa e ha rilevato il BPA nelle urine del 92% dei partecipanti adulti provenienti da 11 paesi europei.

Anche i livelli di BPA misurati nelle urine delle persone superano le soglie di sicurezza europee recentemente riviste, il che solleva preoccupazioni per la salute a lungo termine per tutti.

Esposizione umana al bisfenolo A in Europa: comprendere i rischi per la salute

Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica sintetica ampiamente utilizzata in Europa e nel mondo da decenni, trovando la sua strada in vari prodotti di consumo e imballaggi. Questo articolo approfondisce l’importante problema dell’esposizione umana al BPA in Europa, evidenziandone la presenza diffusa e i potenziali rischi per la salute ad esso associati.

Comprensione del bisfenolo A (BPA) e del suo utilizzo

Il BPA, una sostanza chimica sintetica, è stato un alimento base nelle industrie europee, con oltre un milione di tonnellate prodotte o importate nell’UE ogni anno, secondo il Regolamento sulla registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (REACH) (ECHA, 2023a) . La sua applicazione principale risiede nella produzione di polimeri come la plastica in policarbonato e le resine epossidiche, che trovano entrambi la loro strada in numerosi prodotti di consumo, compresi gli imballaggi alimentari (ECHA, 2023b; HBM4EU, 2022a).

La plastica in policarbonato viene utilizzata nella produzione di bottiglie di plastica riutilizzabili, biberon e contenitori per la conservazione. Le resine epossidiche, invece, servono come rivestimenti protettivi per lattine per alimenti e bevande e vengono applicate all’interno dei tubi utilizzati per fornire acqua potabile (EFSA, 2023a; Geens et al., 2012; Lehmler et al., 2018). Oltre agli articoli legati al cibo, il BPA ha una presenza pervasiva in vari altri prodotti, tra cui carta termica, inchiostri, tessuti, vernici, elettronica, materiali da costruzione, giocattoli, CD, rivestimenti automobilistici, dispositivi medici e sigillanti dentali (Govarts et al. , 2023).

I rischi del bisfenolo A per la salute

La classificazione del BPA come sostanza chimica pericolosa nell’UE deriva dai suoi effetti dannosi sulla salute umana. Può compromettere la fertilità, causare gravi danni agli occhi, provocare reazioni allergiche cutanee e indurre irritazione respiratoria.

Inoltre, il BPA agisce come un interferente endocrino, interrompendo il normale funzionamento del sistema ormonale, con conseguenti effetti negativi sulla funzione riproduttiva, sullo sviluppo delle ghiandole mammarie, sulla funzione cognitiva e sul metabolismo (ECHA, 2017).

La Figura 1 illustra alcuni dei potenziali effetti sulla salute derivanti dall’esposizione al BPA oltre i livelli di sicurezza. L’ Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha recentemente aggiornato la soglia di assunzione giornaliera tollerabile (TDI) per il BPA a causa del suo impatto osservato sul sistema immunitario. Studi sui topi hanno dimostrato effetti sulle cellule del sistema immunitario fondamentali per i meccanismi immunitari cellulari e collegati allo sviluppo di condizioni infiammatorie, tra cui l’autoimmunità e l’infiammazione polmonare (EFSA, 2023a).

Figura 1. In che modo il bisfenolo A influisce sulla salute

Fonte:  HBM4EU (HBM4EU, 2022b).

In particolare, questi effetti si verificano a dosi estremamente basse, spingendo l’EFSA a ridurre significativamente la TDI rispetto alla TDI temporanea fissata nel 2015 (cfr. riquadro 1). L’EFSA riconosce inoltre che la tossicità riproduttiva, dello sviluppo e metabolica può verificarsi in intervalli di dosaggio simili.

Sebbene la popolazione generale sia esposta all’esposizione al BPA, alcuni individui, in particolare i lavoratori, potrebbero riscontrare livelli di esposizione più elevati a causa della loro occupazione. Ad esempio, i cassieri che maneggiavano spesso carte termiche per ricevute prima del divieto di utilizzo del BPA in tali carte (introdotto dal REACH nel 2020) sono stati esposti al BPA attraverso il contatto con la pelle (Björnsdotter et al., 2017).

Il BPA può degradarsi rapidamente nelle acque superficiali, ma la sua degradazione può rallentare in condizioni ambientali specifiche. Tuttavia, non è considerato altamente bioaccumulabile negli organismi viventi (JRC, 2022). Pertanto, l’ambiente, compresa l’acqua, l’aria o il cibo attraverso il suolo contaminato (piuttosto che i materiali a contatto con gli alimenti), non è considerato una delle principali vie di esposizione. Tuttavia, l’esposizione interna rimane una preoccupazione poiché il BPA può fuoriuscire dai prodotti in plastica di policarbonato e contaminare la polvere.

In una recente iniziativa di biomonitoraggio umano denominata HBM4EU, il BPA è stato rilevato nel 92% dei partecipanti adulti in 11 paesi europei (Govarts et al., 2023).

Valutazione delle preoccupazioni sanitarie e delle misure normative

Per valutare la significatività dei livelli di BPA nelle urine dei residenti europei, è stato stabilito un valore guida per il biomonitoraggio umano (HBM-GV). L’HBM-GV rappresenta una concentrazione nella matrice biologica umana (in questo caso l’urina) al di sotto della quale non sono previsti effetti avversi sulla salute. Utilizzando la nuova TDI per il BPA stabilita dall’EFSA, l’HBM-GV è stato calcolato pari a 11,5 ng/L di BPA urinario totale per gli adulti. Rispetto ai dati di esposizione interna raccolti nell’ambito di HBM4EU, il 92% della popolazione campione ha superato questo HBM-GV.

Negli 11 paesi partecipanti, il livello di superamento variava dal 71% al 100% (Figura 3). Ciò indica che l’esposizione della popolazione al BPA in Europa è allarmante e costituisce un potenziale problema per la salute.

Figura 3. Percentuale di adulti in 11 paesi europei con livelli di BPA nelle urine superiori all’HBM-GV, dal 2014 al 2020

Vale la pena notare che i metodi analitici utilizzati per monitorare il BPA nell’urina umana hanno un limite di quantificazione superiore all’HBM-GV, il che implica che i superamenti segnalati rappresentano numeri minimi, che potenzialmente interessano tutti gli 11 paesi.

Questi risultati sono in linea con la conclusione dell’EFSA secondo cui esiste un problema di salute per i residenti nell’UE a causa dell’esposizione al BPA (EFSA, 2023). Il biomonitoraggio umano offre misurazioni concrete dell’esposizione interna totale da varie fonti, e i dati sui livelli di BPA nelle urine umane sottolineano che l’esposizione rimane troppo elevata, nonostante le misure normative introdotte dal 2015.

Misure protettive contro l’esposizione dannosa al BPA

Diverse misure normative sono state implementate a livello UE per mitigare l’esposizione al BPA e proteggere la salute pubblica. Il BPA è stato designato come sostanza estremamente preoccupante (SVHC) ai sensi del regolamento REACH nel 2016 (a causa delle proprietà tossiche per la riproduzione) e nel 2017 (a causa delle proprietà di interferenza con il sistema endocrino negli esseri umani e nell’ambiente). La tabella 1 fornisce una panoramica di queste misure.

Tabella 1. Misure normative per limitare l’esposizione ai bisfenoli nell’UE

AnnoMisurareRiferimento
2011Divieto di biberon in plastica.UE, 2011b
2016Classificazione armonizzata del BPA come sostanza tossica per la riproduzione dei gatti. 1B, che imponeva una serie di restrizioni per l’uso nelle miscele chimiche destinate ai consumatori.UE, 2016a
2018Restrizione sulla quantità di BPA (0,04 mg/l) che può fuoriuscire dai giocattoli per bambini di età inferiore a tre anni e da tutti i giocattoli destinati a essere messi nella bocca di un bambino.UE, 2018a
2018Divieto di bottiglie di plastica e imballaggi rivestiti contenenti alimenti per neonati e bambini sotto i tre anni.UE, 2018b
2018Riduzione del limite di migrazione del BPA nei materiali plastici a contatto con gli alimenti a 0,05 mg/kg di cibo e applicazione agli MCA rivestiti.UE, 2018b
2020Restrizione per l’uso nella carta termica (per stampa) ai sensi del REACH.UE, 2016b

Proposte di misure normative aggiuntive per limitare ulteriormente gli usi e i limiti

Nell’UE sono allo studio proposte per ulteriori misure normative per limitare il BPA e altri bisfenoli. Una nuova proposta REACH presentata dalle autorità tedesche mira a limitare l’uso del BPA e di altri bisfenoli (BPB, BPS, BPF e BPAF) con proprietà di interferenza endocrina per l’ambiente. La proposta mira a limitare l’immissione sul mercato se la loro concentrazione è pari o superiore a 10 ppm (0,001% in peso) (ECHA, 2022c). Tuttavia, questa proposta è stata temporaneamente ritirata a causa della necessità di revisione del fascicolo a seguito della consultazione pubblica (BAuA, 2023).

Inoltre, Francia e Svezia hanno presentato una proposta ai sensi del REACH per limitare l’uso di oltre 1.000 sostanze chimiche sensibilizzanti la pelle nell’abbigliamento, nelle calzature e in articoli simili a contatto con la pelle. Se adottata, questa restrizione si applicherebbe anche ai bisfenoli sensibilizzanti della pelle.

La Commissione Europea ha recentemente espresso l’intenzione di proporre un divieto sull’uso intenzionale del BPA nella produzione di materiali a contatto con gli alimenti, come plastica o rivestimenti (UE, 2023a; UE, 2023b).

Incertezze e direzioni future

Il BPA è stato ampiamente studiato e rimane un argomento di dibattito significativo tra gli esperti. Esistono opinioni scientifiche divergenti riguardo al suo valore TDI, come evidenziato dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) che esprimono punti di vista diversi (EMA, 2023) (BfR, 2023). Ciononostante, la valutazione dell’EFSA ha raccolto il sostegno di scienziati che ne sostengono la metodologia, compreso l’inclusione di studi accademici e l’uso di endpoint intermedi (Zoeller et al., 2023).

Sebbene l’HBM-GV per il BPA nelle urine sia stato aggiornato, non si tratta di un valore limite normativo ufficiale. Tuttavia, attualmente rappresenta la misura più praticabile per valutare i rischi per la salute legati alle concentrazioni di BPA nelle urine.

A differenza degli inquinanti ambientali persistenti, il BPA non persiste né si bioaccumula in modo significativo. Pertanto, le misure normative dovrebbero portare a una riduzione relativamente rapida dell’esposizione umana, in particolare per quanto riguarda i materiali usa e getta a contatto con gli alimenti e i prodotti con ciclo di vita breve. Tuttavia, i prodotti con cicli di vita più lunghi, come materiali non usa e getta a contatto con gli alimenti, prodotti di consumo in policarbonato, prodotti in PVC con additivi BPA e rivestimenti epossidici nelle reti di acqua potabile, richiederanno più tempo per vedere gli effetti delle misure normative.

Le tendenze recenti dei dati indicano una diminuzione dei livelli urinari di BPA e un leggero aumento del bisfenolo S. Tuttavia, in questa fase non è possibile fare affermazioni conclusive. Il partenariato dell’UE Orizzonte Europa per la valutazione del rischio delle sostanze chimiche (PARC) è destinato a studiare ulteriormente i bisfenoli negli studi di biomonitoraggio umano, offrendo ulteriori approfondimenti nei prossimi anni.

In conclusione, nonostante due decenni di rigorosa supervisione e numerosi interventi normativi, l’esposizione al BPA rimane elevata in modo allarmante e continua a rappresentare un potenziale problema sanitario per gli europei. Ciò sottolinea l’urgenza di rafforzare la protezione contro le esposizioni chimiche dannose. La strategia sulle sostanze chimiche e il piano d’azione per l’inquinamento zero della Commissione europea delineano diverse misure, tra cui una proposta di divieto del BPA e di altri bisfenoli nei materiali a contatto con gli alimenti, che sarà presa in considerazione nel primo trimestre del 2024 (UE, 2023a).

Esposizione umana al bisfenolo A in Europa

Dato il suo uso diffuso, è lecito ritenere che la maggioranza, se non tutti, gli europei siano esposti al BPA (Covaci et al., 2015; Geens et al., 2012; Vicente et al., 2022). Le principali vie di esposizione ai bisfenoli sono illustrate nella Figura 2.

Figura 2. Panoramica delle fonti e delle vie di esposizione ai bisfenoli

Per la maggior parte degli individui, la fonte di esposizione predominante è la dieta (Geens et al., 2012). Quantità minime di BPA residuo possono migrare dai materiali a contatto con gli alimenti negli alimenti e nelle bevande, determinando un’esposizione dovuta all’ingestione. Inoltre, le resine epossidiche utilizzate per rivestire i tubi dell’acqua potabile possono provocare la lisciviazione di BPA nella fornitura di acqua potabile. L’esposizione può avvenire anche attraverso vari altri percorsi, inclusi alcuni sigillanti dentali, dispositivi medici e il contatto con beni di consumo realizzati in policarbonato.


link di riferimento:https://www.eea.europa.eu/publications/peoples-exposure-to-bisphenol-a/human-exposure-to-bisphenol-a#:~:text=It%20can%20damage%20the%20reproductive,participants%20from%2011%20European%20countries.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.