Aggiornamento sul vaccino Pfizer-BioNTech contro il COVID-19 per il 2023-2024: un passo avanti nella mitigazione della pandemia

0
195

L’infezione da sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) continua a rappresentare una sfida sanitaria globale in corso. Al 16 agosto 2023, la SARS-CoV-2 ha causato oltre 770 milioni di casi di malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), inclusi 7 milioni di decessi in tutto il mondo, e ha causato interruzioni a livello sociale, economico e del sistema sanitario.

La vaccinazione contro il Covid-19 è stata una pietra angolare della risposta alla pandemia, poiché i vaccini possono fornire protezione contro il Covid-19. Si stima che le vaccinazioni contro il COVID-19 abbiano prevenuto decine di milioni di morti in tutto il mondo solo nel primo anno dopo la loro disponibilità nel dicembre 2020.

Il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 ha svolto un ruolo cruciale nello sforzo di vaccinazione globale.

Si tratta di un vaccino con RNA messaggero (mRNA) modificato con nucleosidi che codifica la proteina spike (S) a lunghezza intera del ceppo SARS-COV-2 originale (Wuhan Hu-1). Questo vaccino, denominato vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale), è stato determinante nel ridurre la diffusione del virus e prevenire malattie gravi. Tuttavia, il virus continua ad evolversi e sono emerse nuove varianti, come la linea Omicron.

Per far fronte al panorama in evoluzione della pandemia, il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 è stato aggiornato per includere la glicoproteina S dell’originale e la glicoproteina S delle varianti SARS-CoV-2 Omicron dei lignaggi BA.4 e BA.5, denominate collettivamente come vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente. Questo aggiornamento mirava a migliorare l’efficacia del vaccino contro il virus in evoluzione.

Il 18 aprile 2023, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha autorizzato l’uso dei vaccini COVID-19 bivalenti Pfizer-BioNTech e Moderna (Original e Omicron BA.4/BA.5) per tutti gli individui di età pari o superiore a 6 mesi. più vecchio.

Questa autorizzazione ha consentito una singola dose nella maggior parte degli adulti e nelle popolazioni pediatriche, due o tre dosi nelle popolazioni pediatriche più giovani, una dose aggiuntiva per le persone di età pari o superiore a 65 anni e dosi aggiuntive adeguate all’età per le persone con determinati tipi di immunocompromissione.

Di conseguenza, la FDA non ha più autorizzato l’uso dei vaccini monovalenti Moderna e Pfizer-BioNTech contro il COVID-19 contenenti l’mRNA che codifica la proteina spike del virus SARS-CoV-2 originale. Queste decisioni sono state prese sulla base di un’analisi approfondita dei dati disponibili.

Sebbene i vaccini bivalenti contro il COVID-19 abbiano dimostrato efficacia contro varie sottolinee della variante Omicron, gli studi hanno indicato una graduale diminuzione dell’efficacia nel tempo e titoli anticorpali neutralizzanti più bassi contro alcune sottolinee Omicron rispetto alla sottolinea BA.4/BA.5 abbinata. . Ciò ha sollevato la necessità di una composizione aggiornata del ceppo per allinearsi più strettamente con i sottolignaggi Omicron attualmente in circolazione.

Il comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) si è riunito per discutere e formulare raccomandazioni sulla selezione dei ceppi per i vaccini COVID-19 aggiornati. Il 15 giugno 2023, VRBPAC ha votato per raccomandare un aggiornamento dell’attuale composizione del vaccino COVID-19 a un lignaggio XBB monovalente, con preferenza per il sottolignaggio XBB.1.5. La FDA ha successivamente consigliato ai produttori di sviluppare vaccini con una composizione monovalente XBB.1.5 per la formula 2023-2024.

Pfizer/BioNTech, il 23 giugno 2023, ha richiesto l’autorizzazione del loro vaccino COVID-19 per includere la Formula 2023-2024 come una serie di 3 dosi da 3 µg per individui di età compresa tra 6 mesi e meno di 5 anni e come singola dose dose di 10 µg per soggetti di età compresa tra 5 e meno di 12 anni. Hanno inoltre richiesto l’autorizzazione per l’uso di dosi aggiuntive in soggetti con determinati tipi di immunocompromissione nella fascia di età compresa tra 6 mesi e 11 anni.

È importante sottolineare che il profilo di sicurezza del vaccino Pfizer BioNTech COVID-19 aggiornato (formula 2023-2024) è simile a quello dei suoi predecessori, il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) e il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (monovalente originale). e Omicron BA.4/BA.5).

Numerosi dati sulla sicurezza post-marketing indicano che questi vaccini sono stati somministrati con successo a milioni di individui negli Stati Uniti, con solo pochi eventi avversi segnalati.

SARS-CoV-2, il virus dietro il COVID-19

SARS-CoV-2, una minaccia zoonotica

Il mondo è venuto a conoscenza della SARS-CoV-2 per la prima volta alla fine del 2019, quando è stato identificato in pazienti affetti da polmonite di origine sconosciuta. Questo nuovo virus, ormai famigerato come agente eziologico della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), si è diffuso rapidamente a livello globale, mettendo a dura prova i sistemi sanitari e le società. SARS-CoV-2 è un membro della famiglia dei coronavirus, di cui i pipistrelli sono considerati il ​​probabile serbatoio naturale.

COVID-19: una malattia complessa e variabile

Al 16 agosto 2023, la SARS-CoV-2 aveva infettato oltre 770 milioni di persone in tutto il mondo, provocando circa 7 milioni di morti. Tuttavia, il COVID-19 non è una malattia uniforme; i suoi sintomi e la gravità possono variare notevolmente. Alcuni individui non presentano sintomi o presentano malattie lievi, mentre altri, in particolare quelli di età superiore ai 65 anni e quelli con patologie preesistenti, sviluppano gravi problemi respiratori, come polmonite e sindrome da distress respiratorio acuto, che portano a insufficienza multiorgano e morte.

Effetti a lungo termine e impatto sui bambini

La maggior parte degli adulti affetti da COVID-19 guarisce entro 1 o 2 settimane, ma alcuni continuano a manifestare sintomi per mesi. I bambini generalmente presentano sintomi più lievi, tra cui febbre e tosse i più comuni. Tuttavia, l’emergere della variante Omicron nel gennaio 2022 ha portato a un aumento inaspettato dei ricoveri ospedalieri tra i bambini di età inferiore a 6 mesi, rispecchiando i tassi osservati negli adulti di età compresa tra 65 e 74 anni.

Il bilancio negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno segnalato oltre 6,3 milioni di ricoveri correlati a COVID-19 e 1,1 milioni di decessi. Gli anziani (quelli di età pari o superiore a 65 anni) rappresentavano una percentuale significativa sia dei casi che dei decessi, mentre gli individui sotto i 18 anni rappresentavano una quota minore.

Fattori che determinano picchi nei casi

Durante tutta la pandemia, l’impennata dell’attività della SARS-CoV-2, con conseguente aumento di casi, ricoveri e decessi, è stata influenzata da vari fattori. Questi includono l’emergere di varianti con maggiore trasmissibilità e virulenza, l’allentamento delle misure di sanità pubblica e le variazioni stagionali tipiche dei virus respiratori.

Il ruolo dei vaccini

I vaccini COVID-19 basati sul ceppo originale Wuhan-HU-1 sono stati introdotti negli Stati Uniti nel dicembre 2020. Questi vaccini erano inizialmente efficaci ma hanno dovuto affrontare le sfide derivanti dalle varianti in rapida diffusione, inclusa la variante Omicron. I vaccini bivalenti mirati sia al ceppo originale che alle varianti Omicron sono stati distribuiti nel settembre 2022.

La sfida di Omicron

La variante Omicron si è rivelata particolarmente formidabile, evolvendosi continuamente in sottolineaggi distinti con mutazioni del gene “spike” e maggiore resistenza all’immunità post-vaccinazione e post-infezione. Il sottolignaggio XBB, in particolare, ha dominato, con varianti come XBB.1.5 e XBB.1.16 che si sono diffuse rapidamente a causa dei cambiamenti nella proteina spike e in altre regioni genomiche.

Evoluzione continua e incertezza

L’evoluzione di SARS-CoV-2 rimane imprevedibile, con fattori virali intrinseci, risposte immunitarie dell’ospite e fattori non virali che modellano l’emergere di nuove varianti. La sorveglianza globale continua e le valutazioni degli interventi preventivi e terapeutici sono cruciali poiché il virus continua ad adattarsi.

Vaccini e terapie autorizzati e approvati per COVID-19

Vaccini e terapie: un arsenale vitale

Per combattere la pandemia di COVID-19, è stata sviluppata e autorizzata l’uso di una serie di vaccini e terapie negli Stati Uniti. Questi strumenti sono cruciali nella battaglia contro SARS-CoV-2.

Vaccino COVID-19 di Comirnaty e Pfizer-BioNTech

Comirnaty (formula 2023-2024) , prodotto da Pfizer per BioNTech, è un vaccino approvato dalla FDA per individui di età pari o superiore a 12 anni. Contiene l’mRNA che codifica per la glicoproteina del picco della variante SARS-CoV-2 Omicron XBB.1.5. Inoltre, il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) , è autorizzato per varie fasce di età ai sensi dell’EUA, offrendo protezione contro molteplici varianti SARS-CoV-2.

Vaccino Spikevax e Moderna COVID-19

Spikevax (formula 2023-2024) , prodotto da Moderna, è un vaccino approvato dalla FDA per soggetti di età pari o superiore a 12 anni, contenente mRNA che codifica per la proteina spike della variante SARS-CoV-2 Omicron del lignaggio XBB.1.5. Anche il vaccino Moderna COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) , è autorizzato dall’EUA, fornendo una gamma simile di protezione per diversi gruppi di età.

Vaccino Novavax COVID-19, adiuvato

Il vaccino Novavax COVID-19, adiuvato , offre un approccio diverso, utilizzando la proteina S ricombinante del ceppo SARS-CoV-2 originale. L’uso è autorizzato in soggetti di età pari o superiore a 12 anni, con particolari raccomandazioni per le dosi di richiamo.

Terapie per COVID-19

Oltre ai vaccini, sono state approvate o autorizzate diverse terapie per il trattamento del COVID-19, a seconda delle condizioni del paziente e dei fattori di rischio.

Terapie approvate dalla DA

  • Veklury (remdesivir) è approvato per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici affetti da COVID-19, in particolare quelli ad alto rischio di malattia grave.
  • Paxlovid (nirmatrelvir e ritonavir) è approvato per il trattamento del COVID-19 da lieve a moderato negli adulti ad alto rischio di progressione verso una malattia grave.
  • Olumiant (baricitinib) e Actemra (Tocilizumab) sono approvati per gli adulti ospedalizzati con esigenze respiratorie specifiche.

Terapie autorizzate in caso di emergenza

Diverse terapie hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza per la profilassi pre-esposizione, la profilassi post-esposizione e il trattamento di COVID-19, a seconda delle caratteristiche del paziente e dei fattori di rischio. Questi includono antivirali orali come Paxlovid e Lagevrio, anticorpi monoclonali mirati alla SARS-CoV-2 e modulatori immunitari come Kineret e Gohibic.

Plasma convalescente COVID-19

Il plasma convalescente COVID-19 ad alto titolo è autorizzato per il trattamento di pazienti con malattie immunosoppressive o che ricevono un trattamento immunosoppressivo, sia in ambito ambulatoriale che ospedaliero.

Mentre la pandemia di COVID-19 continua ad evolversi, la disponibilità e l’efficacia di questi vaccini e terapie rimangono strumenti essenziali nella lotta contro la SARS-CoV-2 e le sue varianti. La ricerca continua, il monitoraggio e l’adattamento delle strategie saranno cruciali per gestire questa sfida sanitaria globale in continua evoluzione.

Motivazione del cambiamento di ceppo nei vaccini COVID-19

Efficacia attuale dei vaccini bivalenti autorizzati contro il COVID-19 e necessità di un aggiornamento sul ceppo

Sulla scia dell’emergere della variante Omicron e delle sue varie sottolinee, il panorama della vaccinazione contro il COVID-19 ha subito cambiamenti significativi. La variante Omicron, con le sue sottolinee come BA.1, BA.4/BA.5 e altre, ha stimolato un’evoluzione nelle strategie vaccinali. In risposta ai dati emergenti sull’efficacia dei vaccini bivalenti contro il COVID-19 rispetto a quelli monovalenti, la FDA ha adottato un’azione decisiva.

Il 31 agosto 2022, la FDA ha autorizzato l’uso del vaccino Moderna COVID-19, bivalente (Originale e Omicron BA.4/BA.5) e del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (Originale e Omicron BA.4/BA .5) per le dosi di richiamo in soggetti di età pari o superiore rispettivamente a 18 o 12 anni. Allo stesso tempo, hanno rivisto l’ambito dell’autorizzazione per i vaccini monovalenti dei produttori, eliminando il loro uso come dose di richiamo in queste fasce di età.

Successivamente a queste autorizzazioni, ulteriori dati osservazionali hanno indicato che i vaccini bivalenti contro il COVID-19 offrivano una maggiore protezione contro i sottolignaggi Omicron, in particolare BA.4/BA.5, rispetto ai vaccini monovalenti originali. Questa migliore protezione contro le varianti circolanti ha gettato le basi per la transizione ai vaccini bivalenti contro il Covid-19 per tutte le dosi autorizzate nei soggetti di età pari o superiore a 6 mesi, oltre a supportare aggiornamenti periodici alla composizione dei ceppi di questi vaccini. Inoltre, si è ritenuto ragionevole aspettarsi che una singola dose di vaccini bivalenti contro il COVID-19 potesse prevenire efficacemente condizioni gravi o pericolose per la vita causate dalla SARS-CoV-2, comprese varie sottolinee di Omicron.

Nell’aprile 2023, la FDA ha autorizzato l’uso del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) e del vaccino Moderna COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5 ) per tutte le dosi in soggetti di età pari o superiore a 6 mesi. I regimi a dose singola erano autorizzati rispettivamente per soggetti di età pari o superiore a 5 o 6 anni. Inoltre, sono state autorizzate dosi aggiuntive per individui di età pari o superiore a 65 anni e per quelli con determinate forme di immunocompromissione.

Nonostante questi sviluppi, SARS-CoV-2 ha continuato ad evolversi in sottolinee distinte caratterizzate da ulteriori mutazioni. Studi di efficacia nel mondo reale hanno suggerito che gli attuali vaccini bivalenti hanno mantenuto la loro efficacia protettiva contro i sottolignaggi di Omicron attualmente circolanti, incluso XBB.1.5. Tuttavia, è stata osservata una relazione inversa tra il tempo trascorso dalla vaccinazione e l’efficacia del vaccino, con l’efficacia contro i sottolignaggi di Omicron in declino nel tempo. Gli studi hanno anche indicato titoli anticorpali neutralizzanti più bassi indotti dagli attuali vaccini bivalenti COVID-19 contro i sottolignaggi correlati a XBB rispetto al sottolignaggio BA.4/BA.5 abbinato. Questi dati accumulati hanno supportato la necessità di una composizione aggiornata dei ceppi per i vaccini COVID-19 per corrispondere più da vicino ai sottolignaggi Omicron circolanti.

Raccomandazione per la formula 2023-2024 dei vaccini COVID-19 negli Stati Uniti

Per affrontare il panorama in evoluzione della SARS-CoV-2 e la necessità di vaccini aggiornati, il Comitato consultivo per i vaccini e i prodotti biologici correlati (VRBPAC) si è assunto la responsabilità di raccomandare i ceppi da includere nella formula 2023-2024 dei vaccini COVID-19 . Nella riunione del 26 gennaio 2023, la FDA ha dichiarato la propria intenzione di valutare l’evoluzione della SARS-CoV-2 almeno una volta all’anno, iniziando la revisione nella primavera di ogni anno, e convocando il VRBPAC a giugno per determinare la selezione del ceppo per il prossimo autunno. stagione vaccinale.

L’analisi dei dati sull’evoluzione della SARS-CoV-2 ha indicato che i sottolignaggi XBB hanno dominato le varianti virali circolanti negli Stati Uniti all’inizio di giugno 2023. Sebbene XBB.1.5 fosse diminuito, XBB.1.16 era in aumento e XBB.2.3 stava lentamente aumentando in proporzione . Ciò suggerisce che XBB.1.16 potrebbe diventare il sottolignaggio dominante entro l’autunno del 2023, con altri che continueranno ad evolversi.

Nonostante questi cambiamenti, le sequenze di aminoacidi delle proteine ​​​​spike XBB.1.5, XBB.1.16 e XBB.2.3 hanno mostrato somiglianze, con poche differenze di aminoacidi. Le prove hanno suggerito un’ulteriore evasione immunitaria minima o nulla da queste nuove sostituzioni di aminoacidi nella proteina picco XBB.1.16 rispetto a XBB.1.5. Tuttavia, le prove disponibili indicano che i vaccini bivalenti COVID-19 attualmente disponibili erano meno efficaci contro le varianti attualmente circolanti, in particolare i virus della linea XBB, rispetto ai precedenti ceppi di SARS-CoV-2.

Considerando queste prove, il VRBPAC si è riunito il 15 giugno 2023 per discutere la composizione del ceppo per la formula 2023-2024 dei vaccini COVID-19 nelle sottolinee statunitensi come XBB.1.5, XBB.1.16 e XBB.2.3. . La decisione del Comitato è stata unanime, con 21 membri che hanno votato a favore e nessuno contrario, di raccomandare l’aggiornamento dell’attuale composizione del vaccino a un lignaggio XBB monovalente per la Formula 2023-2024. Sulla base della totalità delle prove, la FDA ha consigliato ai produttori di sviluppare vaccini con una composizione monovalente XBB.1.5 per la formula 2023-2024 dei vaccini COVID-19 negli Stati Uniti

Considerazioni normative per l’EUA di un vaccino bivalente contro il COVID-19 con un componente Omicron

Nella battaglia incessante contro la pandemia di COVID-19, le agenzie di regolamentazione hanno svolto un ruolo fondamentale nel garantire la sicurezza e l’efficacia dei vaccini. L’emergere di nuove varianti, come la variante Omicron, ha reso necessari adattamenti nelle formulazioni dei vaccini. Questo capitolo approfondisce le considerazioni normative per ottenere l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per un vaccino bivalente contro il COVID-19, concentrandosi in particolare su un componente Omicron.

Requisiti statunitensi per supportare l’emissione di un EUA per un prodotto biologico

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) degli Stati Uniti ha l’autorità di dichiarare le emergenze sanitarie pubbliche con potenziali implicazioni per la sicurezza nazionale legate al COVID-19. In tali circostanze, la Food and Drug Administration (FDA) può emettere un EUA per farmaci e prodotti biologici, a condizione che soddisfino specifici requisiti di legge delineati nella Sezione 564 del Federal Food, Drug, and Cosmetic Act (FD&C Act).

Questi requisiti includono:

  • Malattia grave o pericolosa per la vita : l’agente, in questo caso il virus SARS-CoV-2 e le sue varianti, deve essere in grado di causare una malattia grave o pericolosa per la vita.
  • Prova di efficacia : la FDA deve avere una ragionevole convinzione, basata su prove scientifiche, che il prodotto sia efficace nel prevenire, diagnosticare o trattare la malattia causata da SARS-CoV-2 o nell’attenuare una malattia causata da un prodotto regolamentato dalla FDA utilizzato per diagnosticare, trattare o prevenire tale malattia.
  • Analisi rischi-benefici : i benefici noti e potenziali del prodotto, quando utilizzato per diagnosticare, prevenire o trattare la malattia identificata, devono superare i rischi noti e potenziali.
  • Mancanza di alternative : non dovrebbero esserci alternative adeguate, approvate e disponibili al prodotto per diagnosticare, prevenire o trattare la malattia.

Quando questi criteri sono soddisfatti, la FDA può concedere un EUA per prodotti medici non approvati o usi non approvati di prodotti medici approvati da impiegare in situazioni di emergenza. La FDA svolge un ruolo fondamentale nel fornire indicazioni normative ai produttori di vaccini COVID-19, garantendo che i dati comprovino l’equilibrio tra benefici e rischi, pur mantenendo la qualità e la coerenza del prodotto.

Guida della FDA per l’industria relativa ai vaccini COVID-19, compresi i vaccini COVID-19 modificati

La FDA ha costantemente evoluto le sue linee guida per adattarsi al panorama in evoluzione della pandemia. La Guida per l’industria della FDA, “Autorizzazione all’uso di emergenza per i vaccini per prevenire il COVID-19”, pubblicata per la prima volta nell’ottobre 2020 e aggiornata l’ultima volta nel marzo 2022, delinea un approccio completo alla chimica, alla produzione e ai controlli (CMC), non clinici e clinici. dati necessari per supportare la sicurezza e l’efficacia dei vaccini monovalenti modificati per affrontare le varianti emergenti di SARS-CoV-2.

Per quanto riguarda i dati clinici, la guida inizialmente raccomandava la valutazione clinica dei vaccini monovalenti modificati. Tuttavia, la posizione della FDA si è evoluta man mano che sono diventati disponibili più dati sulle varianti SARS-CoV-2 e sui vaccini corrispondenti. Un ottimo esempio di questa evoluzione è l’autorizzazione del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024), che non si basava su studi clinici sulla nuova formulazione. Invece, la FDA ha sfruttato la vasta esperienza acquisita con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (originale e BA.4/BA.5), insieme alla CMC e ai dati preclinici presentati come parte del Richiesta EUA.

Questa esperienza collettiva, unita a una rigorosa analisi dei dati, ha stabilito un profilo rischio-beneficio favorevole per l’uso del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) ai sensi dell’EUA. Sottolinea l’adattabilità e il pragmatismo delle agenzie di regolamentazione nel rispondere al panorama in continua evoluzione della pandemia di COVID-19, garantendo al tempo stesso la sicurezza e l’efficacia dei vaccini.

Revisione della FDA sull’efficacia clinica e sui dati di sicurezza

Panoramica degli studi clinici

Nel nostro continuo impegno volto a garantire la sicurezza e l’efficacia dei vaccini contro il COVID-19, la FDA ha condotto una revisione completa dell’efficacia clinica e dei dati sulla sicurezza del vaccino Pfizer-BioNTech contro il COVID-19 (formula 2023-2024) per soggetti di età compresa tra 6 mesi e 6 mesi. 11 anni. I dati qui presentati si basano su studi precedenti condotti con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) e il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5), poiché questi vaccini condividono lo stesso processo produttivo.

Efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024)

L’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) negli individui di età compresa tra 6 mesi e 11 anni deriva da molteplici fonti:

  • Efficacia della serie primaria a 2 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) nei partecipanti di età pari o superiore a 16 anni.
  • Efficacia della serie primaria a 2 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) nei partecipanti di età compresa tra 12 e 15 anni.
  • Efficacia della serie primaria a 2 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) nei partecipanti di età compresa tra 5 e 11 anni.
  • Immunogenicità della serie primaria a 2 dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) in partecipanti di età compresa tra 5 e 11 anni.
  • Efficacia della serie primaria a 3 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) nei partecipanti di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.
  • Immunogenicità della dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) dopo la serie primaria del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) nei partecipanti di età compresa tra 5 e 11 anni.
  • Immunogenicità della dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech anti-COVID-19 (monovalente originale) dopo vaccinazione primaria con un altro vaccino anti-COVID-19 autorizzato o approvato (monovalente originale).
  • Immunogenicità del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) somministrato come richiamo (quarta dose) in individui di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.
  • Efficacia di una singola dose di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) in soggetti con evidenza di precedente infezione da SARS-CoV-2.

Prove dettagliate a sostegno di questi punti possono essere trovate nelle sezioni 6.2 e 6.3 del Memorandum di revisione della FDA datato 18 aprile 2023.

Individui immunocompromessi

Per gli individui con determinati tipi di immunocompromissione di età compresa tra 6 mesi e 11 anni, l’efficacia della serie di tre dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 si deduce dall’immunogenicità della terza dose della serie primaria. Questa deduzione si basa sulle prove presentate nel memorandum di revisione del 12 agosto 2021.

Ulteriori dati a supporto dell’efficacia di dosi extra di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) in soggetti immunocompromessi di età compresa tra 6 mesi e 11 anni sono disponibili nel memorandum di revisione della FDA datato 18 aprile 2023. Questi dati includono:

  • Immunogenicità di una quarta dose di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) dopo il completamento della vaccinazione primaria con 3 dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 in individui di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.
  • Immunogenicità di una singola dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) somministrata almeno 2 mesi dopo il completamento della vaccinazione primaria o la ricezione della dose di richiamo più recente da parte di un medico autorizzato o Vaccino monovalente COVID-19 approvato in individui di età compresa tra 5 e 11 anni.
  • Efficacia di dosi aggiuntive del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5) in individui immunocompromessi.

Per informazioni dettagliate su questi studi, fare riferimento alle rispettive sezioni del Memorandum di revisione della FDA datato 18 aprile 2023.

Conclusione

In sintesi, i dati sull’efficacia dei precedenti vaccini Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale e bivalente) sono altamente rilevanti per il vaccino Pfizer BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) perché condividono lo stesso processo di produzione. La totalità delle prove provenienti dagli studi clinici, inclusi i dati sull’efficacia e sull’immunogenicità, supportano l’uso del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) in individui di età compresa tra 6 mesi e 11 anni.

Inoltre, i dati preclinici indicano che il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) induce titoli anticorpali neutralizzanti più elevati contro i sottolignaggi XBB, inclusi XBB.1.5, XBB.1.16, XBB.1.16.1 e XBB.2.3 rispetto a il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (Originale e Omicron BA.4/BA.5).

Data l’urgenza di affrontare l’evolversi della situazione relativa al COVID-19 e la necessità di un vaccino strettamente compatibile con le varianti circolanti, la FDA ha rilasciato un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) a base di sulle prove rilevanti di sicurezza ed efficacia dei vaccini Pfizer-BioNTech COVID-19 precedentemente autorizzati e attualmente approvati, tutti prodotti utilizzando lo stesso processo. I dati preclinici di supporto sugli animali per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) rafforzano ulteriormente questa decisione.

Dati di sicurezza

La sicurezza del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) negli individui di età compresa tra 6 mesi e 11 anni è stata rigorosamente valutata utilizzando una varietà di fonti di dati.

Studi clinici

I dati di sicurezza provenienti da studi clinici che hanno valutato sia la vaccinazione primaria che quella di richiamo con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) sono stati esaminati attentamente. Ulteriori dati di follow-up sulla sicurezza sono stati esaminati a supporto dell’autorizzazione all’uso di emergenza. Informazioni dettagliate su questi studi possono essere trovate nel memorandum EUA del 17 maggio 2022 e nel memorandum clinico a supporto dell’approvazione di STN 125742/276.

I dati di sicurezza provenienti da studi clinici che hanno valutato la vaccinazione di richiamo con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, bivalente (Originale e Omicron BA.4/BA.5), nonché una dose di richiamo di vaccino bivalente (Originale e Omicron BA.1), hanno sono stati anch’essi esaminati in dettaglio. Fare riferimento al memorandum EUA del 14 marzo 2023 e al memorandum EUA del 31 agosto 2022, per revisioni complete di questi studi.

Sicurezza post-marketing

L’esame dei dati di sicurezza post-marketing ha indicato un profilo di sicurezza simile tra il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) e il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5). Sebbene i dati più aggiornati sulla somministrazione a livello mondiale e negli Stati Uniti non siano noti, i dati sulla distribuzione stimata forniscono un indicatore dell’esposizione al vaccino.

Al 18 giugno 2023, sono state spedite circa un numero significativo di dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (monovalente originale) e di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (originale e Omicron BA.4/BA.5). in tutto il mondo a partire dalle rispettive date di autorizzazione del vaccino. Negli Stati Uniti sono state somministrate più di 366 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 originale (monovalente originale), insieme a oltre 36 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 bivalente (originale e Omicron BA. 4/BA.5). Di queste, più di 3 milioni di dosi sono state somministrate a soggetti di età compresa tra 6 mesi e 4 anni e più di 22 milioni di dosi sono state somministrate a soggetti di età compresa tra 5 e 11 anni.

Nei destinatari di tutte le dosi di vaccini Pfizer-BioNTech COVID-19 tra bambini di età compresa tra meno di 6 mesi e meno di 12 anni, i termini preferiti (PT) segnalati più frequentemente al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) includono questioni amministrative come dose somministrata errata, problemi di preparazione del prodotto e altri come piressia, vomito, mal di testa e affaticamento. Lo Sponsor sta conducendo attivamente ulteriori studi post-autorizzazione/post-marketing relativi alla sicurezza, comprese le valutazioni dei rischi gravi noti e dei rischi gravi imprevisti.

Valutazione rischi-benefici

La valutazione della FDA del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) tiene conto dei benefici e dei rischi noti e potenziali, sulla base dei dati accumulati da tutte le dosi di vaccini Pfizer-BioNTech COVID-19 fino ad oggi. Questa valutazione supporta la conclusione che il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) ha un profilo rischio-beneficio favorevole, rendendolo adatto all’uso in soggetti di età compresa tra 6 mesi e 11 anni. Il programma vaccinale aggiornato proposto si basa su questa valutazione e mira a rispondere all’attuale necessità di sanità pubblica per la vaccinazione contro il COVID-19.

Beneficio-rischio nel contesto della proposta di EUA per il vaccino Pfizer-BioNTech contro il COVID-19 (formula 2023-2024) in soggetti di età pari o superiore a 6 mesi

In questo capitolo, approfondiremo una discussione completa dei benefici, dei rischi e delle incertezze che circondano la proposta di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) in soggetti di età pari o superiore a 6 mesi. . Questo vaccino, che si basa sulle lezioni apprese dalle iterazioni precedenti, mira a fornire una maggiore protezione contro il virus SARS-CoV-2 in continua evoluzione e le sue varianti.

Discussione su vantaggi, rischi e incertezze

L’impatto continuo del COVID-19

Il COVID-19, causato dal virus SARS-CoV-2, ha provocato il caos a livello globale, con gli Stati Uniti che ne sopportano un peso significativo, contando oltre 104 milioni di casi e 1,1 milioni di morti al momento della stesura di questo articolo. Questo avversario virale ha mostrato una notevole adattabilità, dando origine a vari ceppi, tra cui Beta, Delta, Omicron BA.1 e, più recentemente, Omicron BA.5, BQ.1.1, XBB.1.5 e altri sottolignaggi Omicron. L’arsenale esistente di trattamenti COVID-19, che comprende farmaci antivirali, modulatori immunitari e plasma convalescente, dimostra la sua massima efficacia nella gestione dei casi da lievi a moderati, lasciando quelli con malattia grave inadeguatamente serviti. Inoltre, questi trattamenti potrebbero non riuscire a prevenire complicazioni come gli effetti duraturi del COVID-19, spesso indicato come “COVID lungo”.

Il ruolo dei vaccini nel controllo della pandemia

In questo panorama difficile, i vaccini approvati e autorizzati dalla FDA sono emersi come uno strumento cruciale nella battaglia contro il COVID-19. Per gli individui di età pari o superiore a 6 mesi, i vaccini attualmente autorizzati includono vaccini a base di mRNA di Moderna e Pfizer-BioNTech, insieme a un vaccino a subunità proteica adiuvato di Novavax (per quelli di età pari o superiore a 12 anni). Questi vaccini inizialmente hanno mostrato un’efficacia impressionante fino al 90-95% contro la malattia sintomatica se basati sul ceppo originale (ancestrale) di SARS-CoV-2.

La sfida delle varianti e il declino dell’immunità

Tuttavia, l’inarrestabile evoluzione delle varianti SARS-CoV-2 e il naturale declino dell’immunità individuale hanno portato nel tempo a una riduzione dell’efficacia del vaccino. Studi condotti in vari paesi hanno messo in luce questo fenomeno, con l’efficacia del vaccino contro le malattie sintomatiche che diminuisce più rapidamente di quella contro le malattie gravi. Le dosi di richiamo, basate sul ceppo originale, sono riuscite a ripristinare un grado di protezione contro la malattia sia grave che sintomatica di fronte a queste varianti virali.

L’emergere dei vaccini bivalenti

Riconoscendo la necessità di vaccini aggiornati per contrastare la minaccia in evoluzione, Pfizer-BioNTech e Moderna hanno intrapreso lo sviluppo di vaccini booster mRNA su misura per le varianti Beta, Delta e Omicron BA.1. Sebbene questi vaccini di richiamo siano stati valutati e ritenuti efficaci, la loro diffusione negli Stati Uniti è stata rinviata a causa della rapida emergenza di nuove varianti SARS-CoV-2. Tuttavia, in seguito all’emergere della variante Omicron e delle sue sottolinee, in particolare BA.4/BA.5, nel novembre 2021, le prove suggeriscono che i vaccini bivalenti (Pfizer-BioNTech COVID-19 Vaccine, Bivalent e Moderna COVID-19 Vaccine, Bivalent ) hanno fornito una protezione maggiore rispetto ai vaccini monovalenti originali. Di conseguenza, il 31 agosto 2022, la FDA ha autorizzato l’uso di questi vaccini bivalenti per dosi di richiamo in soggetti di età pari o superiore rispettivamente a 12 o 18 anni. Successivamente,

La necessità di un adattamento continuo

Sebbene i vaccini bivalenti (Original e Omicron BA.4/BA.5) contro il COVID-19 abbiano offerto una migliore protezione contro le sottolinee Omicron, tra cui BA.4/BA.5, è importante notare che la loro efficacia sembra diminuire nel tempo. Ciò suggerisce che una composizione aggiornata del vaccino, più strettamente allineata con le sottolinee Omicron attualmente in circolazione, è giustificata per sostenere la protezione a lungo termine.

Sicurezza e immunogenicità

Valutando la sicurezza e l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024), ci basiamo su dati provenienti da studi non clinici e confronti con la controparte bivalente. Questi studi indicano risposte anticorpali neutralizzanti più elevate quando la Formula 2023-2024 viene somministrata sia ad animali da laboratorio naïve al vaccino che ad animali già precedentemente vaccinati, in particolare contro i sottolignaggi correlati all’XBB attualmente in circolazione. Negli individui immunocompetenti e immunocompromessi di età compresa tra 6 mesi e 11 anni, è ragionevole aspettarsi che questa nuova formula migliorerà le risposte immunitarie e la protezione clinica contro le varianti SARS-CoV-2, comprese le sottolinee prevalenti di Omicron, rispetto al precedente vaccino bivalente.

Considerazione degli effetti avversi

Dosi aggiuntive del vaccino, sia della serie primaria che dei richiami, possono comportare sintomi locali e sistemici transitori, in linea con le somministrazioni precedenti. In particolare, la miocardite è emersa come un effetto collaterale raro associato ai vaccini COVID-19 basati su mRNA. I dati del sistema Biologics Effectiveness and Safety (BEST) della FDA rivelano tassi variabili di miocardite o pericardite, in particolare tra i maschi di età compresa tra 18 e 25 anni. È importante sottolineare che la maggior parte dei casi sono stati lievi e transitori.

Sorveglianza continua

Il monitoraggio continuo delle reazioni avverse e dei problemi emergenti sulla sicurezza post-EUA è fondamentale. Verranno impiegati sia sistemi di sorveglianza passivi che attivi per rilevare rapidamente e affrontare eventuali sviluppi imprevisti.

Riepilogo rischi-benefici

La tabella 3 fornisce una visione riepilogativa delle considerazioni rischio-beneficio in un formato standard FDA, facilitando una valutazione completa dell’EUA proposta per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 (formula 2023-2024) in soggetti di età pari o superiore a 6 mesi. Questa analisi olistica mira a guidare le decisioni normative e le strategie di sanità pubblica nella battaglia in corso contro COVID-19.


link di riferimento: https://www.fda.gov/media/172019/download

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.