Il potere di sopprimere i pensieri sconvolgenti: formazione per la resilienza nella salute mentale

0
155

La mente umana è un’entità complessa e dinamica, capace di elaborare ogni giorno un’immensa quantità di informazioni. Tuttavia, questo meccanismo mentale non è sempre sotto il nostro controllo.

Spesso ci troviamo alle prese con pensieri invadenti e sconvolgenti che interrompono la nostra tranquillità. Sopprimere questi intrusi mentali indesiderati è una sfida comune e comprendere i meccanismi dietro di essi può permetterci di riprendere il controllo sui nostri pensieri e sulle nostre emozioni.

Il ruolo della soppressione del pensiero nella salute mentale è stato a lungo argomento di dibattito nel campo della psicologia. Mentre le teorie psicoanalitiche storiche suggerivano che sopprimere i pensieri potesse avere effetti dannosi sul benessere mentale, la ricerca scientifica moderna ha messo in discussione questo punto di vista.

Questo articolo approfondisce l’idea intrigante che sopprimere i pensieri sconvolgenti possa, in effetti, promuovere la salute mentale durante le avversità e che questa capacità possa essere allenata.

La natura dei pensieri sconvolgenti

I pensieri sconvolgenti, noti anche come pensieri intrusivi, sono contenuti mentali involontari, angoscianti e indesiderati che possono variare da preoccupazioni fugaci a immagini o ricordi inquietanti. Spesso rientrano in diverse categorie, tra cui:

  • Pensieri ossessivo-compulsivi: questi pensieri sono caratterizzati da temi ripetitivi e angoscianti, come paure di contaminazione, impulsi aggressivi o pensieri di danno a se stessi o agli altri.
  • Ricordi traumatici: le persone che hanno vissuto eventi traumatici possono spesso sperimentare ricordi intrusivi o flashback di tali eventi.
  • Pensieri che inducono ansia: possono comprendere preoccupazioni per il futuro, catastrofe imminente o varie paure irrazionali.
  • Autoriflessione negativa: anche i pensieri legati alla bassa autostima, al senso di colpa o alla vergogna possono intromettersi nella mente di una persona.

Perché sperimentiamo pensieri sconvolgenti

Comprendere le origini dei pensieri sconvolgenti è fondamentale per gestirli. Diversi fattori contribuiscono al loro verificarsi:

  • Prospettiva evolutiva: alcune teorie suggeriscono che i pensieri intrusivi possono avere radici evolutive, aiutandoci ad anticipare e prepararci a potenziali pericoli.
  • Funzionalità cerebrale: la rete in modalità predefinita (DMN) del cervello svolge un ruolo nel vagare della mente, contribuendo alla comparsa di pensieri intrusivi quando non siamo concentrati su un compito.
  • Esperienze passate: eventi traumatici, problemi irrisolti o esperienze passate possono innescare pensieri sconvolgenti.
  • Condizioni di salute mentale: condizioni come disturbi d’ansia, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) possono aumentare la frequenza e l’intensità dei pensieri intrusivi.

L’impatto negativo dei pensieri sconvolgenti

I pensieri sconvolgenti possono avere effetti profondi sul benessere mentale ed emotivo, tra cui:

  • Aumento dello stress: frequenti pensieri intrusivi possono innescare la risposta allo stress del corpo, portando a tensione fisica ed emotiva.
  • Funzionalità compromessa: i pensieri intrusivi possono interrompere la concentrazione, la memoria e le capacità decisionali, influenzando il funzionamento quotidiano.
  • Disagio emotivo: il disagio continuo dovuto a pensieri sconvolgenti può portare ad ansia, depressione e altri disturbi dell’umore.

Prospettive storiche sulla soppressione del pensiero

La prospettiva storica sulla soppressione del pensiero è profondamente radicata nella teoria psicoanalitica di Sigmund Freud, che proponeva che i pensieri repressi persistono nella mente inconscia, per poi riaffiorare attraverso sintomi e sogni. Questa teoria ha posto le basi per la convinzione che sopprimere i pensieri fosse intrinsecamente disadattivo (1, 2). Tuttavia, nel corso del tempo, sono emerse teorie contemporanee, che suggeriscono che la soppressione del pensiero potrebbe non essere così dannosa come si pensava una volta.

Teorie moderne e prove neurobiologiche

I resoconti teorici moderni mettono in discussione l’idea secondo cui la soppressione del pensiero porta inevitabilmente a risultati negativi. La ricerca indica che anche quando la soppressione del pensiero sembra avere successo a breve termine, i pensieri repressi tendono a rimbalzare in termini di accessibilità e intensità emotiva, potenzialmente esacerbando il disagio (3, 4).

Tuttavia, queste opinioni cliniche sono in contrasto con le prove neurobiologiche, che suggeriscono che la soppressione del pensiero può essere benefica per la salute mentale (5-11).

Ad esempio, gli studi hanno dimostrato che il coinvolgimento della corteccia prefrontale laterale destra per sopprimere i pensieri intrusivi è associato a una maggiore resilienza allo sviluppo di disturbo da stress post traumatico (PTSD) dopo esperienze traumatiche (11). Inoltre, la soppressione del pensiero è stata collegata a una diminuzione dell’ansia riguardo agli eventi temuti (12), a un minor numero di intrusioni angoscianti dopo l’esposizione a stimoli traumatici (13) e ad una tendenza a dimenticare i contenuti soppressi nei test di memoria (14, 15). Questi risultati mettono in discussione la prospettiva tradizionale secondo cui sopprimere i pensieri è intrinsecamente dannoso.

La mancanza di prove causali

Nonostante i potenziali benefici della soppressione del pensiero, mancano prove causali dirette dei suoi effetti sulla salute mentale. Le preoccupazioni etiche hanno dissuaso gli studi sperimentali dall’investigare l’impatto della soppressione del pensiero sulle popolazioni vulnerabili (18). Pertanto, è necessaria una ricerca rigorosa per determinare se la soppressione del pensiero possa davvero migliorare la salute mentale riducendo i pensieri angoscianti e il loro impatto emotivo.

L’ipotesi della ricerca

Gli autori di questo studio miravano a sfidare l’opinione prevalente secondo cui la soppressione del pensiero peggiora la malattia mentale. Invece, hanno ipotizzato che addestrare gli individui a sopprimere i pensieri spiacevoli in risposta ai promemoria potrebbe effettivamente migliorare la loro salute mentale, anche in quelli affetti da ansia, depressione e disturbo da stress post-traumatico.

Gli individui con queste condizioni spesso lottano con la soppressione del pensiero sia nelle misurazioni di laboratorio che nella vita quotidiana (11, 27–31). Questa difficoltà è spesso attribuita a deficit nel controllo inibitorio sulla memoria e sulle emozioni, potenzialmente derivanti da vari fattori neurobiologici (32-40).

Gli autori hanno cercato di determinare se i deficit di soppressione del pensiero potessero anche riflettere fattori modificabili, come l’inesperienza con la soppressione, strategie inefficaci o credenze metacognitive che ne scoraggiano l’uso. Per verificare questa ipotesi, hanno condotto uno studio in cui i partecipanti sono stati addestrati a sopprimere i loro pensieri angoscianti sugli eventi futuri temuti. Dato l’aumento di ansia, depressione e stress post-traumatico durante la pandemia di COVID-19, lo studio mirava ad affrontare un sintomo comune a queste condizioni (41-43).

Metodologia di studio

Lo studio ha coinvolto 120 adulti provenienti da 16 paesi e ha utilizzato videoconferenze personalizzate per la somministrazione del trattamento. Prima della formazione, i partecipanti hanno elencato gli eventi futuri temuti legati alle loro preoccupazioni attuali, ciascuno associato a una parola chiave che fungeva da promemoria. I partecipanti hanno descritto brevemente ciascuna paura e hanno fornito una singola parola che rappresenta un dettaglio centrale di ciò che normalmente immaginavano riguardo all’evento.

Durante la fase di formazione, i partecipanti si sono impegnati nel compito Imagine/No-Imagine (INI), che richiedeva una forma specifica di soppressione del pensiero nota come arresto del recupero (5, 14, 15). Per tre giorni, i partecipanti si sono esercitati a sopprimere i pensieri legati agli eventi temuti, con ciascun evento segnalato 36 volte. Dopo questa formazione e dopo un ritardo di tre mesi, i ricercatori hanno valutato come la soppressione del pensiero avesse influenzato questi eventi, in particolare in termini di memoria e affetto.

Focus centrale sulla salute mentale

L’obiettivo principale dello studio era determinare in che modo i partecipanti alla formazione per sopprimere i pensieri angoscianti avrebbero avuto un impatto causale sulla loro salute mentale. Per misurare questi effetti, i ricercatori hanno valutato i cambiamenti negli indici clinici relativi a depressione, ansia, preoccupazione, affetto e benessere. Queste valutazioni sono state condotte prima e dopo l’addestramento alla soppressione del pensiero e di nuovo dopo un periodo di tre mesi.

Per differenziare gli effetti unici della soppressione dei pensieri angoscianti da altri fattori, lo studio ha confrontato i cambiamenti in questi indici tra due gruppi: uno che sopprimeva gli eventi temuti (il gruppo Suppress-Negative) e un altro che sopprimeva gli eventi neutri (il gruppo Suppress-Neutral).

Quest’ultimo è servito come gruppo di controllo per tenere conto dei cambiamenti generali derivanti da vari fattori, tra cui la generazione di eventi positivi, negativi e neutri all’inizio dello studio, l’esperienza generale dell’addestramento alla soppressione del pensiero, i potenziali effetti placebo e l’interazione sociale con gli sperimentatori. .

Lo studio ha anche incorporato una manipolazione complementare confrontando gli effetti sulla salute mentale della soppressione dei pensieri paurosi con quelli indotti dall’immaginazione di eventi futuri positivi e neutri. Ciò ha permesso ai ricercatori di valutare come la soppressione del pensiero si confrontava con la tecnica consolidata del pensiero positivo per migliorare l’umore (44-46).

Sopprimere i pensieri sconvolgenti

Sebbene sia difficile eliminare completamente i pensieri sconvolgenti, varie strategie possono aiutare le persone a gestirli e sopprimerli:

  • Consapevolezza e consapevolezza: riconoscere la presenza di pensieri sconvolgenti senza giudicarli può ridurre il loro impatto emotivo.
  • Terapia cognitivo comportamentale (CBT): le tecniche CBT, come la ristrutturazione cognitiva e la terapia dell’esposizione, aiutano le persone a sfidare e modificare modelli di pensiero negativi.
  • Tecniche di rilassamento: la respirazione profonda, la meditazione e il rilassamento muscolare progressivo possono aiutare a calmare la mente e ridurre la frequenza dei pensieri sconvolgenti.
  • Farmaci: nei casi più gravi, i farmaci prescritti da un professionista della salute mentale possono alleviare i sintomi associati a condizioni come ansia e disturbo ossessivo compulsivo.
  • Attività che distraggono: impegnarsi in hobby o attività che richiedono concentrazione può distogliere l’attenzione dai pensieri sconvolgenti.
  • Cercare un aiuto professionale: consultare un terapista o un consulente della salute mentale può fornire una guida e un supporto preziosi nella gestione dei pensieri intrusivi.

Discussione

In questo studio, abbiamo approfondito le intricate dinamiche della soppressione del pensiero e il suo potenziale impatto sulla salute mentale. I risultati qui presentati mettono in discussione le convinzioni di lunga data riguardo al ruolo della soppressione del pensiero nei disturbi di salute mentale. Abbiamo esplorato le sfumature della soppressione del pensiero, i suoi effetti sulla consapevolezza di contenuti angoscianti, l’accesso volontario ai dettagli degli scenari temuti e il disagio soggettivo. Inoltre, abbiamo esaminato il suo potenziale nel prevenire schemi di pensiero ripetitivi che contribuiscono all’ansia, alla depressione e allo stress post-traumatico.

I modelli mnemonici e affettivi che abbiamo osservato in seguito alla formazione dei partecipanti per sopprimere i pensieri angoscianti suggeriscono un ruolo protettivo e potenziante della soppressione del pensiero nella salute mentale. Se eseguita in modo efficace, la soppressione del pensiero raggiunge tre risultati critici: diminuisce la consapevolezza immediata dei contenuti angoscianti, limita l’accesso volontario ai dettagli degli scenari temuti e riduce il disagio soggettivo associato a questi scenari.

Questi impatti normativi, quando hanno successo, agiscono come barriere all’escalation di preoccupazioni, ruminazioni e altre forme di pensiero ripetitivo che amplificano il peso dell’ansia, della depressione e dello stress post-traumatico. Allo stesso tempo, l’aumento della percezione del controllo sui propri pensieri, come dimostrato nella Tabella S12, ha un effetto positivo sul benessere generale. Vale la pena notare che i partecipanti hanno continuato ad applicare volontariamente tecniche di soppressione sia alle loro paure iniziali che a nuove paure fino a tre mesi dopo l’allenamento, ottenendo benefici duraturi per la salute mentale di coloro che avevano manifestato sintomi.

Questa ricerca sfida l’opinione prevalente secondo cui la soppressione del pensiero gioca un ruolo dannoso nello sviluppo dei disturbi della salute mentale. Contrariamente alle preoccupazioni, non abbiamo osservato alcuna prova che addestrare gli individui a sopprimere pensieri angoscianti aumentasse il rischio di effetti di rimbalzo paradossali sugli indici mnemonici, affettivi o di salute mentale. Questo rischio è rimasto invariato indipendentemente dal ritardo, dall’intensità affettiva degli eventi temuti o dal livello di ansia, depressione o stress post-traumatico dei partecipanti all’inizio della formazione. Questa constatazione contraddice le visioni freudiane storiche secondo cui i contenuti repressi persistono nell’influenzarci inconsciamente e le affermazioni teoriche sugli effetti ironici della soppressione del pensiero.

La percezione negativa della soppressione del pensiero all’interno della comunità di psicologia clinica è in gran parte derivata dai dati derivati ​​dal compito di soppressione del pensiero dell’Orso Bianco, che implica ricordare e monitorare uno specifico pensiero proibito tentando contemporaneamente di sopprimerlo. Tuttavia, i nostri dati suggeriscono che la soppressione del recupero, che mira a interrompere la progressione dai segnali ai pensieri indesiderati, non comporta il rischio di effetti di rimbalzo.

Proponiamo che la soppressione del recupero abbia successo attivando meccanismi di controllo inibitorio in tandem con i circuiti alla base dell’estinzione della paura. Questo duplice processo inibisce sia le risposte mnemoniche che quelle affettive, allineandosi con i naturali processi di soppressione del pensiero. Addestrando gli individui ad affrontare promemoria che riattivano i loro pensieri paurosi e successivamente sopprimono la consapevolezza della memoria associata, il nostro protocollo combina l’oblio attivo di immagini angoscianti con il reclutamento controllato di circuiti di estinzione, ritenuti fondamentali nella regolazione delle risposte emotive alla minaccia.

Indipendentemente dai meccanismi precisi alla base di questi benefici, il nostro esperimento dimostra inequivocabilmente che l’addestramento alla soppressione può migliorare sostanzialmente la salute mentale degli individui che soffrono di sintomi di ansia e disturbo da stress post-traumatico. Ciò suggerisce che le origini del pensiero intrusivo persistente in questi disturbi potrebbero essere più curabili dal punto di vista comportamentale di quanto precedentemente ipotizzato.

Il notevole miglioramento nel controllo dei sintomi osservato dopo un breve regime di allenamento di tre giorni mette in discussione l’enfasi sulle carenze anatomiche in queste condizioni. Invece, suggerisce che molti disturbi psichiatrici potrebbero avere radici in modelli comportamentali curabili piuttosto che in deficit neurobiologici fissi. Questa intuizione può aiutare a identificare i pazienti che traggono grande beneficio dall’addestramento alla soppressione, consentendo interventi più precisi e personalizzati e migliorando al tempo stesso la comprensione scientifica di queste condizioni.

In un contesto più ampio, i benefici sostanziali e duraturi per la salute mentale, insieme alla sicurezza, all’elevata approvazione, all’uso spontaneo e all’accessibilità della formazione sulla soppressione, ne fanno un intervento promettente e scalabile. Può fungere da solo come approccio terapeutico o integrare trattamenti tradizionali come la terapia espositiva o la terapia cognitivo comportamentale, offrendo un’opzione neurobiologicamente fondata per migliorare il benessere mentale. Il potenziale del training di soppressione nel rimodellare il panorama degli interventi di salute mentale è una testimonianza della sua efficacia e adattabilità.

Conclusione

Questo articolo ha fornito una panoramica di uno studio innovativo che sfida la convinzione prevalente secondo cui la soppressione del pensiero peggiora la salute mentale. Invece, suggerisce che addestrare gli individui a sopprimere pensieri angoscianti sugli eventi futuri temuti potrebbe avere un impatto positivo sul benessere mentale. La metodologia di ricerca impiegata in questo studio prevedeva videoconferenze personalizzate e valutazioni rigorose degli indici di salute mentale, fornendo preziose informazioni sui potenziali benefici della soppressione del pensiero come strumento terapeutico.

Una volta analizzati e pubblicati, i risultati dello studio potrebbero influenzare in modo significativo il modo in cui vengono trattati l’ansia, la depressione e il disturbo da stress post-traumatico, portando potenzialmente a un cambiamento di paradigma negli interventi sulla salute mentale. Comprendendo il ruolo della soppressione del pensiero e la sua adattabilità, possiamo sbloccare nuove strade per aiutare le persone a sviluppare resilienza e gestire i pensieri angoscianti durante i periodi difficili.


link di riferimento: https://www.science.org/doi/10.1126/sciadv.adh5292

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.