L’ombra minacciosa del conflitto: comprendere le dinamiche di una potenziale guerra tra Israele e Hezbollah

0
171

Lo spettro di una grande guerra tra Israele e Hezbollah incombe sull’instabile Medio Oriente, con tensioni che aumentano e si attenuano periodicamente mentre entrambe le parti sono impegnate in un conflitto perpetuo a bassa intensità.

Sullo sfondo di questa duratura situazione di stallo si trova una sorta di “Guerra Fredda”, caratterizzata da una continua lotta per l’influenza e il potere tra Israele e il principale benefattore di Hezbollah, l’Iran.

Questo articolo approfondisce le potenziali strategie che potrebbero essere adottate dai principali attori coinvolti nel caso in cui la situazione degenerasse in un conflitto su vasta scala.

Perché un’altra grande guerra?

Per comprendere le dinamiche di un potenziale conflitto Israele-Hezbollah, dobbiamo prima affrontare una domanda fondamentale: perché dovrebbe scoppiare una guerra del genere?

Gli obiettivi strategici di Israele riguardo al Libano ruotano principalmente attorno al mantenimento della relativa calma raggiunta dopo la “Seconda Guerra del Libano”, senza chiare ambizioni politiche nella regione. Sebbene Israele abbia occasionalmente preso di mira le risorse di Hezbollah in Siria per impedire il flusso di armi avanzate dall’Iran a Hezbollah e abbia risposto a sporadici attacchi di Hezbollah al confine con la Siria, non ha mostrato alcun interesse politico nell’intensificare le ostilità.

Pertanto, l’impulso per un altro grande conflitto risiede principalmente in Hezbollah e, ​​più probabilmente, nel suo protettore, l’Iran, anche se un’operazione preventiva israeliana potrebbe innescare l’aspetto militare del conflitto.

Hezbollah, un movimento libanese politico-religioso, è stato fondato ed è meticolosamente coltivato dall’Iran.

Di conseguenza, è guidato da una duplice fedeltà: all’Iran, sua fonte di finanziamenti, attrezzature e formazione, e alla popolazione sciita libanese, da cui trae il suo sostegno politico e le sue reclute. Sebbene Hezbollah abbia diversificato le sue fonti di finanziamento, compreso il coinvolgimento nel traffico di stupefacenti, l’Iran rimane il suo principale finanziatore.

La popolazione sciita libanese ha gradualmente spostato il suo sostegno dal movimento laico AMAL a Hezbollah grazie alla capacità di quest’ultimo di fornire welfare, istruzione, assistenza sanitaria, lavoro e di influenzare il governo libanese nell’allocare risorse alla propria comunità.

Alla fine degli anni ’80, nonostante l’iniziale vantaggio politico e militare dell’AMAL, l’intervento della Siria la costrinse a desistere dallo smantellamento di Hezbollah e diede a Hezbollah il controllo de facto sul Libano meridionale.

Gli obiettivi di Hezbollah nei confronti di Israele sono principalmente ideologici, radicati nelle credenze religiose condivise con i suoi benefattori iraniani. Uno dei principi centrali di questa ideologia è l’eliminazione di uno stato ebraico in Medio Oriente.

Sin dalla rivoluzione iraniana, il regime religioso iraniano ha costantemente espresso il suo obiettivo di sradicare Israele, con il leader supremo dell’Iran, Khamenei, che ha addirittura fissato una scadenza per questo obiettivo entro il 2040.

Il leader di Hezbollah, Nasrallah, ha fatto eco a questo impegno, anche se senza specificare una scadenza. Pertanto, la forza trainante dietro le azioni di Hezbollah nei confronti di Israele è radicata in un quadro ideologico-religioso.

La scintilla precisa che potrebbe innescare il prossimo conflitto è imprevedibile. La “Seconda Guerra del Libano” nel 2006 fu innescata da un raid di Hezbollah contro una pattuglia di confine israeliana, provocando vittime e il rapimento di soldati israeliani.

Sebbene tali incidenti non fossero senza precedenti, questa volta Israele ha risposto con un significativo attacco aereo, portando ad una guerra di media intensità durata 38 giorni. Nessuna delle due parti aveva inizialmente pianificato di impegnarsi in un conflitto di lunga durata, dimostrando come le ostilità possano intensificarsi in modo imprevedibile.

Il futuro potrebbe vedere un altro incidente imprevisto come fattore scatenante. Nel corso degli anni, Israele è stato accusato di prendere di mira segretamente importanti membri di Hezbollah. Inoltre, Israele ha ripetutamente attaccato i convogli di Hezbollah che trasportavano armi avanzate dall’Iran attraverso la Siria al Libano, aderendo alla sua politica di impedire che alcune armi “rivoluzionarie” raggiungano l’arsenale di Hezbollah.

Sebbene Hezbollah non abbia reagito apertamente per queste azioni, un incidente nel 2015 li ha visti lanciare missili anticarro contro veicoli militari israeliani vicino al confine libanese, provocando vittime. Ciò evidenzia come qualsiasi piccola azione da entrambe le parti possa potenzialmente innescare un’escalation significativa.

Dato l’obiettivo primario di Israele di mantenere un confine tranquillo con il Libano, ci sono scenari in cui Israele potrebbe iniziare una guerra.

Questi scenari includono la risposta a un’escalation istigata da Hezbollah o la conduzione di un attacco preventivo basato sull’intelligence che indica un attacco Hezbollah su larga scala. Mentre gli analisti occidentali spesso minimizzano le motivazioni religiose e ideologiche, questi fattori sono significativi in ​​Medio Oriente, dove le azioni vengono spesso intraprese per ragioni ideologiche pur essendo portate avanti con mezzi razionali e pragmatici.

La probabilità che l’Iran decida di iniziare una grande guerra con Israele è scarsa, poiché l’Iran ha dimostrato il suo impegno verso calcoli politici e militari pragmatici nonostante la sua retorica religiosa. Israele ha già sconfitto in passato coalizioni più formidabili, e le capacità militari combinate di Iran, Hezbollah e Siria non rappresentano una minaccia insormontabile.

Una decisione iraniana di impegnarsi in una guerra su larga scala con Israele potrebbe rispondere ai tentativi israeliani o statunitensi di distruggere il programma nucleare iraniano o essere parte di una strategia a lungo termine volta a infliggere un colpo psicologico a Israele, simile al concetto introdotto nel 1973. dal presidente egiziano Sadat, che cercava di minare la fiducia degli israeliani nella vitalità della loro nazione.

La questione delle armi nucleari gioca un ruolo fondamentale in questi calcoli. L’Iran, come gran parte del mondo, ritiene che Israele possieda armi nucleari ed è disposto a usarle in determinate circostanze.

L’Iran sta perseguendo il proprio programma di armi nucleari per raggiungere la parità. L’accordo sul nucleare iraniano aveva lo scopo di fermare questo programma, ma nella migliore delle ipotesi lo ha ritardato solo temporaneamente. Mentre l’Iran progredisce nella produzione di un gran numero di testate nucleari e nel loro montaggio su sistemi di lancio affidabili, aumenta il rischio di azioni iraniane più aggressive contro Israele. Fino ad allora, è probabile che l’Iran presti cautela nei confronti diretti con Israele.

Intenzioni e capacità di Hezbollah

Hezbollah, un potente gruppo militante sciita che opera dal Libano, si trova in una posizione precaria, intrappolato in una rete di tensioni regionali e internazionali. L’organizzazione, che è stata designata un gruppo terroristico dagli Stati Uniti e da molti altri paesi, deve navigare con attenzione per mantenere i suoi impegni nazionali e internazionali, il tutto facendo attenzione a non provocare un altro grande conflitto. Tuttavia, vale la pena notare che ogni misura adottata da Hezbollah per contrastare potenziali attacchi israeliani aumenta la probabilità di un incendio catastrofico.

La morte di Qassem Soleimani

Il 3 gennaio 2020, gli Stati Uniti hanno effettuato un attacco mirato che ha ucciso Qassem Soleimani, il capo della Forza Quds delle Guardie rivoluzionarie iraniane. Questo evento è stato accolto con favore da Israele, poiché Soleimani era stato uno dei suoi nemici più pericolosi e aveva svolto un ruolo chiave nel facilitare l’armamento di Hezbollah.

Nonostante questa significativa battuta d’arresto, Hezbollah si è astenuto dal provocare immediatamente Israele nelle settimane successive all’assassinio di Soleimani. Tuttavia, rimane la possibilità che Hezbollah possa essere coinvolto in una ritorsione iraniana contro gli Stati Uniti e/o Israele, sia in Medio Oriente che altrove.

L’influenza politica di Hezbollah in Libano

Hezbollah esercita un’influenza significativa all’interno del parlamento e del governo libanesi, dove opera sotto le spoglie di un partito politico legittimo, cercando di nascondere la propria identità terroristica. Il gruppo ha anche coltivato legami con l’esercito libanese, un fattore che solleva preoccupazioni circa la sua potenziale infiltrazione nell’apparato statale libanese. Questa strategia consente a Hezbollah di operare su più fronti, sia militarmente che politicamente.

Negli ultimi anni, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno scoperto e distrutto tunnel che provenivano dal Libano e conducevano in Israele. Questi tunnel servivano come potenziali vie per l’infiltrazione di Hezbollah in Israele. In un futuro conflitto, è probabile che Hezbollah impiegherà tattiche sia superficiali che sotterranee, cercando di infiltrare agenti operativi in ​​Israele.

L’IDF risponderebbe senza dubbio rapidamente per neutralizzare qualsiasi combattente Hezbollah che varchi il confine. Nonostante la prevista natura di breve durata e improduttiva di tali incursioni, Hezbollah tenterà senza dubbio di dipingerle come vittorie, rendendo quindi necessario che Israele le caratterizzi come incursioni fallite.

L’uso delle aree civili per lo stoccaggio dei razzi

Una delle tattiche più controverse di Hezbollah è lo stoccaggio dei suoi razzi nelle aree urbane. Questa strategia è particolarmente problematica perché quando Israele prende di mira questi razzi, rischia di causare danni collaterali significativi alle aree popolate che li ospitano.

Nel tentativo di mitigare questo problema, Israele spesso lancia avvertimenti ai non combattenti libanesi, consentendo loro di evacuare le loro case prima che avvengano gli attacchi. Questo sistema di allarme, sebbene progettato per proteggere i civili, fornisce a Hezbollah ulteriore tempo per rafforzare le sue posizioni e pianificare le sue risposte.

L’arsenale in crescita di Hezbollah: analisi della loro forza militare e recente esposizione delle armi

Hezbollah, il gruppo militante sciita con sede in Libano, ha recentemente messo in mostra le sue capacità militari in un evento pubblico, rivelando una significativa espansione del suo arsenale e fornendo informazioni sulle sue strategie in evoluzione. Questa revisione analitica approfondisce i dettagli della forza militare di Hezbollah, comprese le scorte di razzi e missili, il numero di combattenti e la sua rete di supporto. Esamina inoltre l’enfasi posta dal gruppo sulle tecnologie anti-drone, il potenziale dei missili a guida di precisione e una vasta gamma di armi esposte durante l’evento.

La forza militare di Hezbollah

Secondo le ultime stime, si ritiene che Hezbollah disponga di un formidabile arsenale composto da circa 150.000 razzi e missili. Inoltre, il gruppo vanta circa 20.000 combattenti attivi, supportati da ulteriori 20.000 riserve. La formidabile forza di Hezbollah non si limita ai suoi armamenti ma si estende alla sua portata operativa, che si estende oltre il Libano, fino alla Siria, all’Iraq e allo Yemen.

Il potere e l’influenza del gruppo sono cresciuti in modo significativo, con alcuni esperti che suggeriscono che abbia superato qualsiasi singola divisione militare in Libano. Questa espansione è guidata da una combinazione di credenze religiose, dall’obiettivo dichiarato di difendere il Libano dall’intervento israeliano e da un sostanziale sostegno finanziario da parte dell’Iran.

Capacità anti-drone

L’enfasi di Hezbollah sulle tecnologie anti-droni è indicativa della natura in evoluzione della guerra moderna. Al recente evento, il gruppo ha presentato due cannoni anti-drone portatili progettati per distruggere i droni più piccoli che i tradizionali sistemi di difesa aerea faticano a rilevare. Queste armi anti-drone sono agili ed economiche, il che le rende particolarmente attraenti per attori non statali come Hezbollah.

Hezbollah ha già dimostrato la sua capacità di produrre droni militari, presentando ottocotteri “da trasporto pesante” dotati di munizioni aeree improvvisate. Questi droni possono essere utilizzati sia per scopi offensivi che di sorveglianza, evidenziando l’adattabilità del gruppo nello sfruttare le moderne tecnologie per raggiungere i propri obiettivi.

Un combattente di Hezbollah mostra una pistola anti-drone portatile davanti ai media (Al-Manar TV/Twitter)

https://x.com/MiddleEastEye/status/1666075420897476613?s=20

Missili a guida di precisione

L’arsenale di Hezbollah comprende missili a guida di precisione (PGM) in grado di mirare più accuratamente, ridurre i danni collaterali e aumentare le vittime nemiche. Anche se sono state menzionate pubblicamente strutture per la produzione di questi missili, l’uso operativo o i test registrati sono limitati, il che rende il loro possesso alquanto incerto.

Durante la recente esibizione, Safieddine di Hezbollah ha lanciato una velata minaccia, avvertendo che le MGP “pioverebbero” su Israele in caso di aggressione. Ciò sottolinea la crescente attenzione del gruppo al miglioramento delle proprie capacità offensive.

Armi assortite

Oltre a razzi, missili e droni, Hezbollah ha presentato una varietà di armi durante l’evento. Alcune di queste armi includono:

  • Missili guidati anticarro (ATGM): Hezbollah ha accesso al russo 9M133 Kornet e all’iraniano Toophan. Questi ATGM vengono utilizzati efficacemente contro veicoli e strutture corazzate.
  • Lanciarazzi a canna multipla (MBRL): Hezbollah ha mostrato MBRL di produzione artigianale montati su camion civili. Questi lanciatori possono lanciare un gran numero di razzi su distanze considerevoli.
  • RPG-29 Vampir: un lanciagranate riutilizzabile con propulsione a razzo dell’era sovietica, in grado di penetrare veicoli corazzati.
  • Sistemi di difesa aerea portatili (MANPADS): Hezbollah ha mostrato i MANPADS della serie cinese-iraniana QW-18, probabilmente forniti dall’Iran.
  • Cannoni automatici antiaerei: il gruppo ha presentato il cannone automatico antiaereo sovietico ZU-23-2 a doppia canna da 23 mm.
  • Cannoni d’artiglieria: Hezbollah ha presentato il cannone automatico AZP S-60 e l’M-46 iraniano da 130 mm, utilizzato per ingaggiare veicoli, strutture e forze nemiche in terreno aperto.

Oltre a queste armi convenzionali, Hezbollah ha dimostrato la sua competenza nelle tattiche di guerra di terra, utilizzando una gamma di fucili, tra cui i fucili AK-103 e AK-104 di fabbricazione russa, i fucili di precisione a otturatore Orsis T-5000 e i fucili leggeri a servizio dell’equipaggio. lanciagranate.

Oltre all’ampia gamma di armi esposte durante l’evento, l’esibizione di Hezbollah presentava anche alcune aggiunte degne di nota:

  • Lanciagranate MK-19 : il gruppo ha esibito un lanciagranate più potente, il modello MK-19, in grado di lanciare granate con una distanza massima di 2.200 metri. Tuttavia, la sua portata effettiva contro bersagli puntuali è di circa 1.500 metri. Dotati di granate da 40 mm, questi proiettili hanno un raggio letale di circa cinque metri, a seconda del modello specifico. Le granate più comunemente usate sono del tipo ad alto esplosivo a doppio scopo (HEDP), note per la loro capacità di penetrare circa 50 mm di protezione corazzata. È importante notare che l’MK-19 non è tradizionalmente associato all’arsenale di Hezbollah, suggerendo che potrebbe essere stato dirottato dalle forze di sicurezza libanesi. La presenza di quest’arma indica la volontà del gruppo di migliorare le proprie capacità offensive.
  • Pistola senza rinculo di tipo M40 da 106 mm : l’esposizione di Hezbollah includeva pistole senza rinculo di tipo M40 da 106 mm, probabilmente copie iraniane dell’M40 americano. Queste armi sono versatili e svolgono ruoli anticarro e antiuomo. Gli M40 sono stati a lungo favoriti dall’Iran e dai gruppi sostenuti dall’Iran nella regione, rendendoli uno spettacolo comune nei conflitti del Medio Oriente. La loro presenza nell’arsenale di Hezbollah riafferma l’adattabilità e la prontezza del gruppo per vari scenari di combattimento.

Combattenti Hezbollah equipaggiati con pistole senza rinculo tipo M40 da 106 mm (Hanna Davis/MEE)

L’inclusione di queste armi avanzate nella mostra di Hezbollah non solo dimostra la crescente sofisticazione militare del gruppo, ma sottolinea anche la sua preparazione per una serie di potenziali minacce e conflitti nella regione. Il display funge da messaggio chiaro agli attori regionali, evidenziando la determinazione di Hezbollah nel proteggere i propri interessi e mantenere una solida posizione militare.

Nel caso di un’offensiva israeliana in Libano, Hezbollah si troverebbe in grave svantaggio a causa della schiacciante potenza di fuoco e del controllo aereo di Israele. Hezbollah potrebbe ricorrere a imboscate contro piccole unità israeliane, in particolare quelle logistiche e vulnerabili, come parte della sua strategia asimmetrica. Impedire a Hezbollah di spostare efficacemente personale e rifornimenti attraverso l’aspro territorio libanese potrebbe rappresentare una sfida per l’IDF, soprattutto se tali movimenti vengono condotti di notte.

Lezioni dalla guerra civile siriana

Il generale Hossein Salami, comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana, ha affermato nell’agosto 2019 che Hezbollah aveva sviluppato la capacità di “cancellare il regime sionista dalla mappa geografica” in ogni possibile guerra. Questa affermazione riflette le lezioni apprese da Hezbollah durante il suo coinvolgimento nella guerra civile siriana, dove ha affinato le sue capacità di combattimento.

Tuttavia, è importante notare che affrontare le Forze di Difesa Israeliane (IDF) rappresenterebbe una sfida significativa per Hezbollah. L’IDF è meglio equipaggiato e addestrato dei ribelli siriani incontrati da Hezbollah in Siria.

Inoltre, Hezbollah godeva della superiorità aerea in Siria grazie al supporto aereo russo e siriano, un lusso che non avrebbe avuto in un conflitto con Israele. Invece, gli aerei da caccia multiruolo F-15 e F-16 dell’aeronautica israeliana dominerebbero i cieli e condurrebbero attacchi di precisione in tutto il Libano.

Hezbollah possiede alcune capacità di difesa aerea, che potrebbero potenzialmente abbattere alcuni aerei israeliani, ma queste perdite non sarebbero sufficienti a contrastare l’aeronautica israeliana. Pertanto, Hezbollah dovrebbe adattarsi da una posizione di superiorità aerea e supporto aereo esterno in Siria a una nuova realtà in un potenziale conflitto con Israele.

Valutazione dei rischi e dei benefici

Il coinvolgimento di Hezbollah nella guerra civile siriana ha avuto un costo elevato, con oltre 2.000 combattenti che hanno perso la vita. Questa esperienza deludente, unita alla prospettiva di enormi danni alle città e ai villaggi libanesi, dissuade Hezbollah dal perseguire attivamente una guerra su vasta scala con Israele. Se l’Iran richiedesse il coinvolgimento di Hezbollah in un attacco contro Israele, la leadership del gruppo potrebbe tentare di limitare la portata del conflitto per ridurre al minimo vittime e danni, cose che difficilmente può permettersi.

La strategia offensiva israeliana: un’analisi completa

Nell’aprile 2018, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno pubblicato una versione aggiornata del loro documento strategico, puntando a una vittoria rapida e decisiva nei conflitti futuri. Una delle sfide più significative affrontate da questa strategia è la necessità di affrontare Hezbollah, un formidabile avversario con profonde radici nella comunità sciita libanese.

 I fronti principali dell’IDF includono Hezbollah in Libano, Hamas nella Striscia di Gaza e le complesse dinamiche che coinvolgono Siria e Iran sulle alture di Golan. In questo articolo ci concentreremo sull’approccio dell’IDF nel trattare con Hezbollah in Libano, una sfida formidabile che richiede una pianificazione complessa e un approccio strategico.

La sfida di Hezbollah

Hezbollah, un’organizzazione militante sciita, vanta notevoli capacità militari e sostegno in Libano. La loro roccaforte, conosciuta come Dahiyeh, si trova in un sobborgo della capitale libanese, Beirut, a circa 55 miglia a nord del confine israeliano.

Per comprendere l’approccio dell’IDF, è essenziale riconoscere che l’ultima volta che l’IDF raggiunse Beirut via terra fu durante la guerra del 1982, che richiese circa una settimana di intensi combattimenti e sfide logistiche. Al contrario, durante i precedenti conflitti ad alta intensità del 1956 e del 1967, l’IDF fu in grado di avanzare rapidamente in profondità nel territorio nemico.

Questa discrepanza evidenzia l’importanza della capacità delle forze israeliane di lanciare un’offensiva massiccia in profondità all’interno del territorio ostile, qualora se ne presentasse la necessità.

Strategia multifronte

L’IDF deve essere pronto ad affrontare molteplici avversari su diversi fronti, tra cui Hezbollah in Libano, Hamas nella Striscia di Gaza e potenziali minacce provenienti dalla Siria e dall’Iran sulle alture di Golan.

Sebbene l’esercito israeliano sia altamente capace, distribuire le sue forze in modo troppo limitato su questi fronti potrebbe portare a sfide significative. Pertanto, la lotta in Libano, dove Hezbollah rappresenta una minaccia critica, rimane la massima priorità. La questione è come affrontare questa complessa situazione senza sovraccaricare le risorse dell’IDF.

Superare le sfide geografiche

Il Libano meridionale, dove Hezbollah ha stabilito le sue roccaforti, presenta sfide geografiche uniche. La regione è caratterizzata da strade strette e spesso tortuose che sono soggette a congestione del traffico.

Anche durante i combattimenti, i veicoli militari israeliani potrebbero rimanere bloccati negli ingorghi, ostacolando l’efficacia complessiva dell’operazione. Di conseguenza, solo gli elementi principali delle colonne dell’IDF sarebbero in grado di impegnarsi in combattimento, mentre il resto verrebbe immobilizzato, rendendo necessaria una rivalutazione dello schieramento strategico.

Penetrazione e ritiro rapidi

L’approccio dell’IDF per affrontare Hezbollah prevede una rapida penetrazione nel territorio libanese senza un’occupazione estesa. Israele cerca di evitare di ripetere il suo costoso dispiegamento in Libano e, invece, intende rimanere nel territorio libanese solo per il tempo necessario a neutralizzare le infrastrutture militari di Hezbollah, in particolare il suo arsenale di razzi e missili. Questo approccio enfatizza un attacco chirurgico con una chiara strategia di uscita, riducendo il rischio di impantanarsi in un conflitto prolungato.

Centri di gravità

In un conflitto con Hezbollah, l’IDF dovrebbe identificare e prendere di mira i centri di gravità di Hezbollah, che potrebbero includere basi militari, centri di comando e depositi di armi. Questi obiettivi potrebbero essere distribuiti su una vasta area, richiedendo un’offensiva coordinata e multifronte. Lanciando un’offensiva su un ampio fronte, l’IDF può rapidamente raggiungere più obiettivi, esercitare la massima pressione su Hezbollah e risparmiare tempo prezioso.

Operazione terrestre

Il terreno accidentato del sud del Libano rappresenta una sfida unica. L’IDF dovrebbe sfruttare tutte le strade accessibili per navigare nella difficile topografia. Questa manovrabilità non solo consente un efficiente dispiegamento delle forze, ma aiuta anche l’IDF a guadagnare slancio, un fattore cruciale per abbreviare la durata del conflitto. Avanzando rapidamente sul terreno, le forze israeliane possono mantenere l’elemento sorpresa e cogliere Hezbollah alla sprovvista.

Manodopera e corpo: la preparazione dell’IDF a un grave conflitto

Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) sono note per il loro addestramento rigoroso, la tecnologia avanzata e la prontezza al combattimento. In uno scenario di guerra importante, l’IDF fa molto affidamento sulla sua manodopera, sia sul personale in servizio attivo che sui riservisti.

La capacità di mobilitare i propri cittadini sotto il fuoco nemico, anche di fronte agli attacchi missilistici sui loro quartieri, è una testimonianza dell’impegno e della resilienza dell’esercito israeliano. Questo capitolo esplora la preparazione e le capacità dell’IDF, sottolineando le sfide che potrebbe affrontare in un conflitto con Hezbollah, in particolare in Libano.

Il fattore umano

La forza dell’IDF risiede nella sua gente. I cittadini di Israele, comprese le truppe in servizio attivo e riservate, svolgono un ruolo cruciale nella difesa del paese. Tuttavia, la prospettiva di abbandonare le proprie famiglie nel mezzo di attacchi missilistici rappresenta una sfida unica.

L’impatto psicologico di un simile scenario non può essere sottovalutato, poiché potrebbe causare esitazione tra le truppe. Inoltre, Hezbollah rappresenta una minaccia significativa per le basi dell’IDF, che sono fondamentali per fornire ai soldati israeliani armi, veicoli e materiale.

Con i razzi di Hezbollah che prendono di mira le strade verso il fronte e le aree di raccolta, le truppe israeliane devono spesso fare affidamento su rifugi basilari come le trincee per proteggersi. In alcuni casi, i soldati potrebbero addirittura dover scavare la propria copertura. Ciò evidenzia la necessità di una forza resiliente e adattabile.

Preparazione alla guerra urbana

Nel corso degli anni, l’IDF ha riconosciuto l’importanza dell’addestramento alla guerra urbana, soprattutto alla luce del dispiegamento di razzi da parte di Hezbollah nelle città e nei villaggi di tutto il Libano. Nel 2005, l’IDF ha istituito un centro di addestramento alla guerra urbana presso la base militare di Tze’elim nel deserto del Negev, che è diventata una delle strutture di addestramento tecnologicamente più avanzate a livello globale. Il centro comprende finti villaggi che replicano scenari di vita reale, completi di case, moschee e vari elementi urbani.

L’impegno dell’IDF nell’addestramento alla guerra urbana garantisce che le sue forze siano meglio preparate a impegnarsi negli ambienti complessi e difficili che potrebbero incontrare durante un conflitto con Hezbollah.

risorsa: https://www.jns.org/jns/topic/23/7/13/302347/

Comando, controllo e sicurezza informatica

L’IDF vanta una sofisticata rete di comando, controllo, comunicazioni, computer e intelligence (C4I) che migliora notevolmente il coordinamento delle operazioni terrestri, aeree e marittime. Sebbene questa tecnologia offra un vantaggio significativo, introduce anche delle vulnerabilità, in particolare di fronte agli attacchi informatici.

È necessario mantenere un delicato equilibrio, poiché fare troppo affidamento sulla tecnologia avanzata può portare gli agenti a essere sopraffatti dalle informazioni. Di conseguenza, l’IDF ha condotto esercitazioni di addestramento in cui le truppe sono costrette a operare senza attrezzature all’avanguardia, garantendo che rimangano efficaci anche in assenza di tecnologia.

Importanza della fanteria e dell’armatura

Negli ultimi decenni, il ruolo della fanteria è diventato sempre più significativo a causa della natura del combattimento contro le forze ibride, in particolare nelle aree urbane. Tuttavia, le unità corazzate, come la 401a Brigata “Iron Tracks” con i suoi carri armati Merkava Mark IV, rimangono essenziali per supportare la fanteria e fornire slancio sul campo di battaglia. L’industria militare israeliana produce anche munizioni specializzate per la guerra urbana, come la cartuccia per carri armati multiuso M339.

Le brigate di fanteria, come la 1a “Golani” e la 35a “Paracadutisti”, fanno affidamento su mezzi corazzati pesanti come Achzarit e Namer, insieme all’obsoleto M113. L’M113 viene utilizzato principalmente per il trasporto di truppe piuttosto che per l’assalto al nemico, poiché i soldati spesso si sentono più sicuri camminando al suo fianco.

Ruolo degli ingegneri militari

Gli ingegneri militari sono indispensabili per liberare le strade dalle mine e dagli ordigni esplosivi improvvisati, nonché per aprire nuove strade per aggirare le aree minate o danneggiate. Giocheranno un ruolo vitale nell’attraversare i fiumi e nel combattere clandestinamente in Libano. Il potenziale sabotaggio dei ponti da parte delle forze di Hezbollah significa che l’IDF potrebbe dover costruire nuovi ponti sotto il fuoco, richiedendo un alto grado di preparazione per ridurre al minimo vittime e ritardi.

Operazioni aviotrasportate

L’IDF non solo condurrà offensive di terra ma lancerà anche operazioni aviotrasportate, utilizzando la nuova 89a Brigata Commando “Oz” fondata nel 2015. Queste unità d’élite saranno trasportate da elicotteri CH-53 Yasur e UH-60 Black Hawk, e anche il paracadutismo sarà operativo. un opzione. Altre forze speciali e unità di alta qualità contribuiranno all’attacco contro obiettivi chiave e raccoglieranno informazioni essenziali. Il coordinamento tra queste unità è cruciale per il successo complessivo dell’offensiva.

Capacità di assalto anfibio

L’IDF ha esitato a sviluppare la propria capacità di assalto anfibio nonostante le lezioni apprese dal suo relativamente consistente sbarco anfibio nel 1982. La complessità di questa operazione, che richiede uno stretto coordinamento tra unità aeree, marittime e terrestri, pone delle sfide. Tuttavia, l’estesa costa del Libano offre all’IDF l’opportunità di aggirare Hezbollah dal mare e lanciare attacchi da più angolazioni, cambiando potenzialmente il corso di un conflitto.

La preparazione dell’IDF per un grave conflitto con Hezbollah in Libano si basa su una combinazione di fattori, tra cui una forza lavoro ben addestrata e dedicata, la preparazione alla guerra urbana, una tecnologia all’avanguardia e un approccio equilibrato all’uso di attrezzature avanzate. Sebbene le sfide siano significative, l’adattabilità e l’impegno dell’IDF nel migliorare le proprie capacità assicurano che rimanga una forza formidabile nel panorama in continua evoluzione della guerra moderna. Per contrastare efficacemente le tattiche di guerra ibrida di Hezbollah, l’IDF deve continuare ad evolversi e prepararsi per una serie di scenari, tra cui la guerra urbana e gli assalti anfibi, pur mantenendo la sua forza principale: la sua gente.

Strategia Hezbollah/Iran: esame della minaccia multifronte a Israele

La geopolitica complessa e in evoluzione del Medio Oriente ha dato origine a varie strategie militari impiegate da diversi attori, in particolare Hezbollah e Iran. L’obiettivo di questo articolo dettagliato è analizzare l’evoluzione della strategia di Hezbollah, con il sostegno dell’Iran, e le sue implicazioni per Israele. Storicamente, Hezbollah è noto per le sue capacità di artiglieria missilistica, ma negli ultimi anni l’organizzazione ha ampliato il proprio arsenale, adottato un approccio multifronte e sviluppato una strategia più solida, comprese le operazioni di terra.

L’espansione della strategia offensiva di Hezbollah

Negli ultimi anni, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha svelato una nuova componente della strategia offensiva di Hezbollah: la liberazione della Galilea, il terzo settentrionale di Israele. Un piano fittizio è stato persino pubblicato sui giornali libanesi, descrivendo nel dettaglio una forza di 5.000 soldati organizzati in cinque brigate di fanteria, indicando uno spostamento verso operazioni di terra nei conflitti futuri.

Quando Hezbollah fu fondato negli anni ’80, la sua capacità militare era modesta, ma nel corso degli anni è diventata una forza formidabile. Nel 2017, le forze militari di Hezbollah contavano circa 45.000 uomini, di cui circa la metà in servizio con ruoli permanenti.

Questa formidabile forza è stata coinvolta in azioni offensive su larga scala e ha acquisito esperienza pratica nella guerra civile siriana. Hezbollah ha sviluppato capacità aeree basate sui droni per missioni di ricognizione e bombardamento tattico.

Operazioni di terra e strategia difensiva

Sebbene le capacità militari di Hezbollah si siano evolute in modo significativo, affrontare le Forze di Difesa Israeliane (IDF) in un’offensiva di terra sarà molto diverso dagli impegni in Siria. Nei conflitti futuri, Hezbollah potrebbe tentare guadagni superficiali contro le città e i villaggi israeliani vicino al confine, eventualmente infiltrandosi in piccole unità più a sud per condurre attacchi terroristici e di commando volti a disorientare e scoraggiare Israele.

Tuttavia, è più probabile che la maggior parte delle forze di terra di Hezbollah si concentreranno su operazioni difensive contro un’offensiva di terra prevista dell’IDF in Libano. Il loro obiettivo primario sarà quello di proteggere il bombardamento strategico di artiglieria delle retrovie civili israeliane.

Il terreno del Libano meridionale, caratterizzato da creste ripide e profondi burroni, rappresenterà una sfida unica. Hezbollah ha fortificato quasi tutti i villaggi sciiti della regione, dotandoli di rifugi, postazioni di combattimento e lanciarazzi.

Questi villaggi fortificati saranno difesi in modo aggressivo, bloccando potenzialmente il passaggio delle forze di terra dell’IDF. Il controllo aereo israeliano potrebbe rallentare il trasferimento delle truppe tra i villaggi fortificati.

Espansione del conflitto: Siria e Gaza

Al di là del Libano, il prossimo conflitto potrebbe non essere limitato a un unico fronte. La presenza e l’influenza dell’Iran in Siria potrebbero portare al coinvolgimento di agenti iraniani, creando un secondo fronte. Il terreno aperto vicino al confine siriano-israeliano può rendere più difficile la difesa contro l’artiglieria missilistica.

Un terzo fronte potrebbe emergere a Gaza, dove Hamas, nonostante le differenze ideologiche con l’Iran, potrebbe collaborare per sfruttare l’attenzione militare di Israele focalizzata altrove. Hamas, con le sue capacità di artiglieria e significative forze di combattimento, potrebbe richiedere all’IDF di rafforzare il fronte di Gaza.

Strategia israeliana: affrontare le sfide della deterrenza e della difesa

Nel turbolento panorama del Medio Oriente, Israele ha continuamente dovuto affrontare minacce esistenziali da parte di entità vicine, in particolare l’Iran e la sua organizzazione proxy, Hezbollah. La strategia israeliana si è evoluta nel tempo, riflettendo una complessa interazione di difesa, offesa, deterrenza e adattamento. Questo articolo approfondisce le sfumature della strategia israeliana, sottolineando il suo obiettivo generale: scoraggiare gli aggressori e, se necessario, sconfiggerli in un modo che aumenti la sua sicurezza e ricrei la deterrenza.

La natura asimmetrica del conflitto

Il conflitto tra Israele e i suoi avversari, in particolare Iran e Hezbollah, è altamente asimmetrico. L’Iran e Hezbollah hanno chiarito che il loro obiettivo finale è il completo annientamento dello Stato di Israele.

La loro strategia è incentrata su un graduale esaurimento psicologico della popolazione israeliana, mentre la strategia di Israele adotta un approccio inverso, mirando a esaurire la fiducia dell’Iran e di Hezbollah nella loro capacità di raggiungere il loro obiettivo politico.

Creare e ricreare la deterrenza

L’obiettivo primario di Israele in ogni confronto è creare e ricreare la deterrenza. Riconosce che non può annientare completamente i suoi nemici, e quindi cerca di sconfiggerli di volta in volta, convincendoli gradualmente che distruggere Israele è impossibile o proibitivamente costoso. La deterrenza, tuttavia, non è un risultato statico. È contestuale, deperibile e deve essere continuamente mantenuto e migliorato.

Il ruolo dei confronti

Nel corso della sua storia, Israele è stato costantemente attaccato. La natura di questi attacchi è variata, da assalti sporadici su piccola scala ad offensive su larga scala. Ogni confronto deve concludersi in modo da non solo migliorare la sicurezza di Israele riguardo alla minaccia immediata, ma anche inviare un messaggio ad altri potenziali aggressori.

L’ambiente strategico

La strategia di Israele tiene conto del contesto geopolitico e militare. Il prossimo grande scontro, soprattutto contro Hezbollah e i suoi alleati, richiederebbe un approccio articolato, che includa sia la difesa che l’attacco. Per raggiungere i suoi obiettivi, Israele impiega due attività difensive complementari e due operazioni offensive.

Difese anti-razzo: Israele ha investito in un sistema unico di intercettazione missilistica, tra cui Iron Dome, per difendersi dai razzi in arrivo.

A ciò si aggiungono misure di difesa passiva come la costruzione di rifugi antiaerei nella maggior parte degli edifici. Il successo delle difese antimissili è intrinsecamente legato al successo delle operazioni offensive israeliane.

Difesa di terra: data la complessità dei confini con Libano e Siria, prevenire la penetrazione di forze ostili in Israele richiede un significativo dispiegamento di forze di terra. L’evacuazione delle popolazioni locali è fondamentale per garantire la libertà di azione delle forze israeliane.

Operazione offensiva aerea: l’aeronautica israeliana mira a prendere di mira l’artiglieria e le risorse strategiche di Hezbollah, riducendo la minaccia missilistica e dimostrando il costo della guerra ai sostenitori locali di Hezbollah.

Offensiva di terra: per localizzare e distruggere lanciarazzi e arsenali, Israele potrebbe dover condurre un’offensiva di terra su larga scala. Il tempo è essenziale e l’IDF cercherà di completare la missione il più rapidamente possibile.

Hezbollah e il delicato equilibrio tra deterrenza ed escalation in Medio Oriente

Nel panorama complesso e instabile del Medio Oriente, la situazione tra Israele e Hezbollah rimane una delle costanti fonti di preoccupazione per la comunità internazionale. In questa fase iniziale, sembra che Hezbollah, il gruppo militante sciita in Libano sostenuto dall’Iran, miri a mantenere le sue azioni, sia dichiarate che non dichiarate, al di sotto di una certa soglia per evitare di costringere Israele a una ritorsione più potente.

Tuttavia, il vero decisore in questa delicata situazione è l’Iran, che riconosce Hezbollah come la sua più potente risorsa esterna e una componente chiave della sua architettura di deterrenza contro un potenziale attacco da parte di Israele o degli Stati Uniti.

L’equilibrio instabile tra queste due potenze regionali è mantenuto dal fatto che né l’Iran né Israele sembrano al momento desiderare un conflitto su larga scala. È improbabile che l’Iran voglia spendere Hezbollah in una guerra con Israele per sostenere Hamas a Gaza e, allo stesso tempo, Israele è impegnato in un conflitto con Gaza e non cerca di aprire un secondo fronte in Libano.

Tuttavia, il rischio risiede nel fatto che Hezbollah potrebbe sentirsi obbligato ad aumentare il suo ritmo operativo, avvicinandosi sempre più alla “soglia” della provocazione man mano che il conflitto a Gaza si intensifica e la distruzione e la perdita di vite umane aumentano, soprattutto in caso di un attacco terroristico. importante incursione terrestre israeliana. Più Hezbollah si avvicina a questo punto critico, maggiore è la possibilità di un errore di calcolo che potrebbe scatenare una guerra che nessuna delle due parti desidera.

Israele, d’altro canto, ha riconosciuto da tempo che il solo uso della forza aerea non sarebbe sufficiente per sconfiggere Hezbollah. Una guerra con Hezbollah richiederebbe un notevole impegno di forze di terra per un’incursione profonda in Libano, con l’inevitabile costo di elevate perdite in combattimento. Condurre simultaneamente offensive aeree e terrestri su larga scala sia a Gaza che in Libano sarebbe una decisione difficile per il governo israeliano, soprattutto perché non si limiterebbe esclusivamente al Libano e a Israele. Una guerra con Hezbollah potrebbe facilmente diventare regionale, coinvolgendo il fronte siriano e potenziali attacchi da Iraq, Yemen e persino Iran.

Dal punto di vista di Hezbollah, se le dinamiche cambiassero e l’Iran ordinasse un attacco su larga scala contro Israele, l’organizzazione si adeguerebbe, data la rigida disciplina insita nel concetto di “wilayat al-faqih”, che è un pilastro del sistema di governo iraniano. Tuttavia, una guerra su larga scala avrebbe conseguenze disastrose per Hezbollah, in Libano, e potrebbe innescare una forte reazione intersettoriale contro Hezbollah, anche da parte della sua base elettorale sciita.

Date queste circostanze, esiste la possibilità che gli scontri possano degenerare in diversi giorni di combattimenti prolungati, rimanendo localizzati nel sud del Libano e nel nord di Israele, senza degenerare in una guerra su vasta scala. In questo scenario, Hezbollah potrebbe organizzare raid transfrontalieri, mentre Israele potrebbe rispondere con attacchi aerei su obiettivi infrastrutturali libanesi e limitate incursioni corazzate attraverso la Linea Blu. Tuttavia, uno scenario del genere comporta il rischio di errori di calcolo che potrebbero portare ad una spirale di violenza incontrollata.

La complessità delle operazioni su più fronti

In una guerra su più fronti, le operazioni in Siria e Gaza sarebbero versioni più piccole di quelle sul fronte libanese. La loro tempistica e intensità dipenderanno dalla valutazione dell’IDF su ciò che è necessario per sconfiggere Hezbollah e sulle risorse disponibili.

Conclusione

La strategia di Israele è un approccio dinamico e adattivo che riflette le sfide uniche che deve affrontare in una regione instabile. L’enfasi sulla deterrenza, unita a un robusto mix di misure difensive e offensive, serve a proteggere i cittadini e a mantenere la sicurezza. Di fronte all’evoluzione delle minacce, la strategia di Israele rimane una testimonianza della sua resilienza e determinazione nel garantire il proprio futuro in un panorama geopolitico complesso e stimolante.


Approfondimento…

Il concetto di Wilayat al-Faqih: un’esplorazione dettagliata

Wilayat al-Faqih, spesso tradotto come “Tutela del giurista” o “Governo islamico”, è un concetto significativo e complesso nell’ambito della giurisprudenza islamica. Questo concetto gioca un ruolo centrale nella governance e nella struttura politica della Repubblica islamica dell’Iran e ha generato ampi dibattiti e controversie sia all’interno che all’esterno del mondo musulmano. Questo articolo mira a fornire un’esplorazione completa del concetto di Wilayat al-Faqih, del suo sviluppo storico, dei suoi fondamenti teologici e delle sue applicazioni pratiche.

Sfondo storico

Per comprendere il concetto di Wilayat al-Faqih, dobbiamo approfondire le sue origini storiche e il suo sviluppo. Questo concetto può essere fatto risalire agli albori dell’Islam, con l’idea che la leadership e il governo religiosi giocassero un ruolo cruciale nella comunità musulmana. In assenza del profeta Maometto, la comunità musulmana si trovò ad affrontare la questione della leadership, che portò a una divisione storica tra il ramo sunnita e quello sciita dell’Islam.

Wilayat al-Faqih, nella sua forma moderna, è associata in modo più evidente alla rivoluzione islamica in Iran nel 1979, guidata dall’Ayatollah Ruhollah Khomeini. Khomeini propose l’idea di uno Stato islamico guidato da un giurista qualificato come Guida Suprema, che assumerebbe autorità sia religiosa che politica, sulla base della sua comprensione della giurisprudenza islamica.

Fondamenti teologici

I fondamenti teologici della Wilayat al-Faqih si basano su diversi principi e concetti chiave islamici. Il concetto si basa sui seguenti pilastri teologici:

  • L’autorità del giurista (Faqih): al centro della Wilayat al-Faqih c’è la fede nella competenza religiosa e nell’autorità morale dei giuristi qualificati. Questi giuristi sono considerati capaci di interpretare la legge islamica (Sharia) e di garantire l’attuazione della giustizia divina sulla terra.
  • L’Imam nascosto (Imam al-Mahdi): per i musulmani sciiti, la fede nel dodicesimo Imam, che è in occultazione e ritornerà come Mahdi, influenza in modo significativo il concetto di Wilayat al-Faqih. Il giurista è visto come un custode temporaneo fino alla ricomparsa del Mahdi.
  • Giurisprudenza islamica (Fiqh): la giurisprudenza islamica, come interpretata dal giurista, costituisce la base per le decisioni legali e politiche in uno stato islamico seguendo il modello Wilayat al-Faqih.

Applicazioni pratiche

La Wilayat al-Faqih è stata attuata principalmente in Iran, dove ha plasmato il panorama politico e sociale per diversi decenni. Le applicazioni pratiche di questo concetto sono molteplici:

  • Guida suprema: l’autorità religiosa di più alto rango in Iran è la Guida suprema, che detiene ampi poteri in vari ambiti, inclusi quello militare, giudiziario e dei media. La Guida Suprema è scelta dall’Assemblea degli Esperti, un consiglio di chierici.
  • Consiglio di tutela: il Consiglio di tutela ha la responsabilità di garantire che tutta la legislazione approvata dal parlamento iraniano (Majlis) sia conforme ai principi islamici e alla costituzione.
  • Magistratura islamica: la magistratura iraniana è fortemente influenzata dai principi religiosi ed è responsabile dell’interpretazione e dell’applicazione della legge islamica.
  • Guardie della Rivoluzione (IRGC): il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica funge da forza paramilitare per salvaguardare i principi della Rivoluzione Islamica e proteggere lo Stato.

Critiche e dibattiti

Il concetto di Wilayat al-Faqih ha suscitato ampi dibattiti e critiche, sia all’interno che all’esterno del mondo musulmano. I critici sostengono che la concentrazione del potere nelle mani di una singola autorità religiosa può portare all’autoritarismo e alla mancanza di responsabilità. Segnalano anche potenziali abusi di potere e la repressione del dissenso.

Inoltre, è in corso un dibattito più ampio sulla questione se la Wilayat al-Faqih sia applicabile al di fuori dell’Iran e se possa servire da modello di governo in altri paesi islamici con contesti culturali, politici e religiosi diversi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.