Esplorando il potenziale delle vitamine nella lotta ai coronavirus umani

0
90

La sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) è stata l’agente eziologico dietro la pandemia globale in corso della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). Rilevato inizialmente a Wuhan, in Cina, alla fine del 2019, da allora si è diffuso in tutto il mondo, provocando circa 673,68 milioni di infezioni e oltre 6.660.603 decessi a febbraio 2023 [1].

L’aumento allarmante dei casi ha stimolato ricerche approfondite su potenziali trattamenti, con particolare attenzione al riutilizzo dei farmaci esistenti, comprese le vitamine.

La famiglia Coronaviridae, a cui appartiene SARS-CoV-2, comprende vari ceppi che causano malattie respiratorie da lievi a gravi. Comprendere le interazioni delle diverse vitamine con i coronavirus può fornire preziose informazioni su potenziali approcci terapeutici [4,5].

Riutilizzo dei farmaci approvati dalla FDA:

Sono in corso sforzi per sviluppare farmaci anti-SARS-CoV-2 efficaci, con particolare attenzione al riutilizzo dei composti approvati dalla FDA. Questo approccio sfrutta gli effetti clinici e i profili di tossicità ben noti dei farmaci esistenti, rendendoli prontamente disponibili per nuovi scopi, soprattutto durante le emergenze sanitarie [6].

Le sfide legate alla disponibilità dei farmaci e al rapporto costo-efficacia, in particolare nei paesi a basso reddito, rimangono ostacoli significativi. Inoltre, devono essere affrontate le preoccupazioni relative alla tossicità e alla mancanza di validazione sperimentale dei farmaci riproposti [6].

Vitamine come potenziali agenti antivirali:

Le vitamine, micronutrienti essenziali con ruoli nel metabolismo cellulare e nell’immunità dell’ospite, si sono dimostrate promettenti nella lotta contro vari disturbi virali. La solubilità delle vitamine le classifica in gruppi liposolubili (A, D2, D3, E) e idrosolubili (B, C) [8] .

La vitamina D, ad esempio, ha dimostrato attività antivirale diretta e indiretta contro diversi virus, compresi quelli che causano infezioni respiratorie. La sua capacità di regolare le funzioni immunitarie e di indurre la via di segnalazione dell’interferone lo rende un potenziale candidato per la terapia anti-SARS-CoV-2 [9,10,11,12].

Le vitamine B1, C, D ed E svolgono un ruolo cruciale nel sistema immunitario innato durante le infezioni virali. Un apporto maggiore di micronutrienti complessi di vitamina C e vitamina B si è dimostrato promettente nella gestione con successo della pandemia di COVID-19 [17,18,19].

Ruoli di vitamine specifiche:

La vitamina A, vitale per la maturazione e il funzionamento delle cellule immunitarie, è stata collegata alla gravità delle infezioni. Le carenze sono associate a una ridotta rigenerazione degli epiteli danneggiati dal virus [20,21].

La vitamina B12, una vitamina idrosolubile, svolge un ruolo cruciale nei processi metabolici, nella salute cardiovascolare e nel controllo del sistema immunitario. È stato implicato nella riparazione del danno tissutale e nella compensazione della ridotta conservazione epatica durante l’epatite virale [9,23,24].

Obiettivi dello studio:

Nonostante i dati esistenti a sostegno dell’integrazione vitaminica nelle infezioni virali, inclusa la SARS-CoV-2, il ruolo specifico di ciascuna vitamina nella lotta ai coronavirus rimane poco chiaro. Questo studio mira a studiare l’impatto di vitamine selezionate sull’infettività e sulla replicazione dei coronavirus umani, tra cui SARS-CoV-2, MERS-CoV e HCoV-229E. La ricerca utilizzerà studi in silico e in vitro per fornire una comprensione completa dei potenziali effetti antivirali delle vitamine.

Discussione

Le vitamine, essenziali per la crescita, la funzione e lo sviluppo cellulare, svolgono un ruolo cruciale nelle risposte immunitarie agli agenti patogeni e nella produzione di anticorpi. Con implicazioni sia sull’immunità innata che su quella adattativa, le vitamine, in particolare la vitamina C, agiscono come antiossidanti, antinfiammatori e immunomodulatori, riducendo il rischio di polmonite e infezioni respiratorie virali [51]. Nel contesto della pandemia di COVID-19, il potenziale delle vitamine, compreso il loro ruolo nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni respiratorie, ha attirato l’attenzione [52].

In questo studio, le attività antivirali dirette di varie vitamine contro i coronavirus sono state esplorate attraverso valutazioni in vitro e in silico. I risultati hanno rivelato che alcune vitamine hanno mostrato un impatto diretto sull’infettività e sulla replicazione virale, sottoregolando l’RNA virale di SARS-CoV-2, MERS-CoV e HCoV-229E nelle cellule Vero E6.

È importante sottolineare che queste attività antivirali hanno dimostrato un’inibizione dose-dipendente, suggerendo il loro potenziale nella soppressione delle infezioni virali. In particolare, alcune vitamine, anche se mostrano una bassa attività antivirale diretta, potrebbero contribuire indirettamente al recupero del paziente migliorando la risposta immunitaria.

La vitamina C, pur mostrando una bassa attività anti-coronavirus diretta in questo studio, è stata associata a una minore mortalità e gravità nei pazienti con SARS-CoV-2, indicando il suo ruolo nel potenziare l’attività antivirale immunitaria [55,56]. La vitamina B12, in particolare la metilcobalamina, ha mostrato significative affinità di legame con le proteine ​​virali, suggerendo potenziali benefici terapeutici. Inoltre, la vitamina B12 ha dimostrato effetti regolatori sui livelli di NFκB, noti per il loro ruolo nella risposta proinfiammatoria legata alla gravità del COVID-19 [17,63,64].

L’analisi in silico delle forme di vitamina B12 ha rivelato sostanziali affinità di legame con le proteine ​​virali SARS-CoV-2, tra cui RdRp e l’endoproteasi furina. Questi risultati sono in linea con i risultati in vitro, confermando l’efficacia delle vitamine B12 contro vari bersagli proteici del coronavirus. In particolare, la vitamina B12, nota per i suoi effetti immunomodulatori, ha dimostrato di alleviare i sintomi associati alla prognosi del COVID-19, come intensità del dolore, sintomi depressivi, perdita di memoria e ridotta concentrazione [67,68,69].

Le vitamine B2 e B9 hanno dimostrato una significativa inibizione di varie proteine ​​nei coronavirus, sia in vitro che in silico. La vitamina B9, nota per il potenziamento dell’attività delle cellule killer naturali e della conta dei linfociti T, ha mostrato un’ampia attività antivirale, legandosi efficacemente all’endoproteasi furinica in silico. La vitamina B2, essenziale per le funzioni cellulari e il metabolismo energetico, ha mostrato un’attività antivirale diretta inibendo il numero di copie di RNA in vitro e legandosi in modo efficiente ai siti attivi delle proteine ​​virali.

Un complesso di vitamina B iniettabile disponibile in commercio (B-Com di Amoun pharm), composto da B1, B2, B3, B5, B6, ha dimostrato un’efficace inibizione della replicazione virale, supportando il potenziale dell’uso combinato del complesso B per la protezione o il trattamento [75] . Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per esplorare la forma chimica, la dose e i tempi di integrazione ottimali della vitamina B12, da sola o in combinazione con altre vitamine.

Mentre la vitamina D3 ha mostrato una moderata inattivazione della replicazione del virus in vitro, la sua bassa affinità di legame con le proteine ​​virali in silico suggerisce la sua potenziale attività antivirale indiretta attraverso una risposta immunitaria innata. Gli studi clinici hanno prodotto risultati incoerenti riguardo all’efficacia della vitamina D3 nel trattamento e nella prevenzione del COVID-19, evidenziando la necessità di ulteriori indagini.

In conclusione, lo studio ha svelato le potenziali attività antivirali di varie vitamine contro i coronavirus, sottolineando l’efficacia della vitamina B12 nelle sue diverse forme. L’attività antivirale target multiproteica delle vitamine B2 e B9 si aggiunge al crescente numero di prove a sostegno dell’esplorazione delle vitamine come potenziali agenti terapeutici.

Tuttavia, ulteriori studi in vivo sono cruciali per chiarire le condizioni ottimali per l’integrazione vitaminica e il suo potenziale nelle terapie combinate, aprendo la strada a strategie sanitarie e nutrizionali di precisione nella lotta contro le malattie virali.


link di riferimento: https://www.mdpi.com/2076-2607/11/11/2777

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.