Maelstrom mediterraneo: navigare tra le maree del potere in un mare di rivalità geopolitiche

0
103

Il Mar Mediterraneo, spesso definito la culla della storia navale, è stato un elemento fondamentale nel plasmare il corso della civiltà umana. Questo antico mare vide la nascita della prima nave da guerra, la trireme dei Fenici, e la costituzione della prima flotta permanente da parte degli Ateniesi. Il suo significato storico va oltre i semplici progressi marittimi; servì come asse cruciale per l’espansione dell’Impero Romano, sottolineandone la duratura rilevanza geopolitica.

Geograficamente, il Mediterraneo è biforcato nelle metà orientale e occidentale, una divisione che ha profondamente influenzato gli eventi storici della regione. La lunga dicotomia Est-Ovest, esemplificata dal confronto millenario tra Islam e Cristianesimo, è stata una caratteristica distintiva della storia del Mediterraneo. Tuttavia, la divisione Nord-Sud, spesso messa in ombra, è altrettanto fondamentale per comprendere le dinamiche della regione.

Storicamente, i marinai preferivano le rotte settentrionali a causa della natura pericolosa e delle infrastrutture portuali inadeguate dei viaggi meridionali, sebbene esistessero notevoli eccezioni. Oggi, questa divisione “orizzontale” persiste, delimitando un nord più sviluppato, a predominanza cristiana, da un sud meno sviluppato, a predominanza musulmana.

Le caratteristiche geofisiche del Mediterraneo – piccole maree e una natura generalmente calma – lo rendono altamente navigabile. La sua posizione, a cavallo di circa 30-45º Nord e 0-30º Est, benedice la regione con climi caldi e terreni fertili, apportando grandi benefici agli abitanti costieri. L’orizzontalità del mare consente di replicare queste condizioni favorevoli in tutto il bacino e nelle terre circostanti.

L’accesso al Mediterraneo è limitato a tre stretti passaggi: lo Stretto di Gibilterra, lo Stretto dei Dardanelli e il Canale di Suez. Adiacenti ad esso ci sono due mari geopoliticamente significativi: il Mar Nero, che funge da principale sbocco marittimo della Russia, e il Mar Rosso, un punto cruciale per le rotte petrolifere e il commercio del Medio Oriente. Questi interessi convergenti del Nord e dell’Est incontrano quelli delle nazioni indigene, creando un complesso arazzo di interazione geopolitica. Questa interazione è ulteriormente complicata dalla presenza di potenze globali come gli Stati Uniti e dall’influenza emergente della Cina.

Le isole e i punti strategici del Mediterraneo hanno influenzato in modo significativo gli eventi storici. La lotta per la Sicilia scatenò la prima guerra punica, Malta servì come base per le forze navali alleate durante la seconda guerra mondiale e Cipro rimane una questione controversa tra Grecia e Turchia. Nel 2019, il Regno Unito ha sfruttato la posizione strategica di Gibilterra per intercettare una nave petrolifera iraniana, evidenziando le manovre geopolitiche in corso nella regione. Le rivendicazioni marittime della Turchia vicino a Cipro sottolineano ulteriormente la duratura importanza strategica di queste acque.

L’interazione tra potenza terrestre e navale nel Mediterraneo è unica. La sconfitta della potenza marittima Cartaginese da parte di Roma, focalizzata sulla terraferma, nella Prima Guerra Punica e l’incapacità delle città italiane di mantenere un controllo marittimo prolungato nel Medioevo, nonostante la loro abilità commerciale, dimostrano come i fattori terrestri possano influenzare il dominio navale. Storicamente, potenze terrestri come Roma e gli Ottomani sono riuscite ad affermare la propria influenza sul Mediterraneo, sfidando le tradizionali potenze marittime.

La necessità di controllo del territorio costiero ha spinto le potenze esterne che cercavano una presenza nel Mediterraneo ad assicurarsi innanzitutto punti d’appoggio territoriali. Gli sforzi storici della Gran Bretagna per controllare Tangeri, Gibilterra, Minorca e Malta nei secoli XVII e XVIII esemplificano questa strategia. L’attuale predominio navale statunitense nel Mediterraneo, sebbene diverso nell’approccio, aderisce ancora a questo imperativo geo-storico, come evidenziato dalle basi NATO e statunitensi in tutta la regione.

Coalizioni e alleanze hanno avuto un ruolo determinante nel plasmare la politica mediterranea. La formazione di coalizioni panelleniche, cristiane e musulmane alterò significativamente gli equilibri di potere. La diplomazia navale dell’Impero britannico nel XIX secolo, caratterizzata dalla sua capacità di formare diverse alleanze con Russia, Impero Ottomano e Francia, sottolinea l’importanza di partenariati flessibili e strategici per mantenere il dominio regionale.

Geopolitica mediterranea e strategie marittime nel XXI secolo

Al centro delle dinamiche geopolitiche contemporanee, il Mar Mediterraneo continua a rivestire un’importanza strategica, soprattutto alla luce dei ruoli in evoluzione delle potenze globali e regionali. Gli Stati Uniti, nonostante la loro influenza in declino in Medio Oriente, rimangono una forza dominante nel Mediterraneo. Con l’istituzione dello Squadrone del Mediterraneo nel 2013 e l’annessione della Crimea nel 2014, la Russia ha notevolmente rafforzato la propria presenza nella regione. La Cina, d’altro canto, ha adottato un approccio diverso, concentrandosi su politiche di investimento aggressive e potenziando rapidamente le proprie capacità navali, sebbene non abbia ancora mostrato un forte dispiegamento militare nel Mediterraneo.

Tre punti caldi attuali: immigrazione, risorse energetiche e conflitti armati

  • Immigrazione irregolare : questa rimane una sfida importante, con un afflusso significativo di migranti che arrivano in paesi come Turchia, Spagna, Italia e Grecia. La lotta dell’Unione Europea per gestire efficacemente questo problema attraverso la cooperazione è evidente.
  • Lotta per le risorse energetiche : la competizione per le risorse energetiche nel Mediterraneo orientale ha portato alla formazione di due blocchi contrapposti. L’alleanza EastMed, che comprende Israele, Cipro, Grecia, Egitto, Italia, Francia e Stati Uniti, si oppone alla Turchia e ai suoi alleati, tra cui la Repubblica turca di Cipro del Nord e il governo libico di accordo nazionale.
  • Conflitti armati : “L’asse del conflitto” si è spostato dai Balcani al Medio Oriente e al Nord Africa, con le guerre civili libica e siriana come attuali punti focali. Negli ultimi quindici anni i conflitti sono stati diffusi in tutta la regione MENA.

Analisi dei principali attori del Mediterraneo

  • Turchia : il potenziale della Turchia come attore dominante nel Mediterraneo è considerevole, data la sua potenza militare, capacità demografica e posizione strategica. Tuttavia, i conflitti interni come la guerra in Siria e la questione curda, insieme alla politica estera revisionista, stanno ostacolando il suo dominio regionale. La strategia navale della Turchia è espansiva, estendendo i suoi interessi oltre il Mediterraneo fino al Canale di Suez e all’Oceano Indiano. Il recente coinvolgimento militare in Libia e le controversie sulle risorse energetiche nel Mediterraneo orientale hanno messo a dura prova le sue relazioni con i paesi vicini e con l’UE.
  • Francia : in quanto attore principale, la Francia combina le capacità militari con un potente approccio diplomatico. Le sue esercitazioni navali e la presenza in zone di conflitto come la Siria e la Libia sottolineano la sua influenza regionale. La richiesta della Francia per una maggiore autonomia in termini di sicurezza europea, pur mantenendo il suo ruolo all’interno della NATO, riflette il suo atto di equilibrio strategico nel Mediterraneo.
  • Italia : Tradizionalmente allineata con gli Stati Uniti all’interno della NATO, l’attenzione dell’Italia nel Mediterraneo si è spostata dai Balcani alle questioni di immigrazione e sicurezza energetica. La sua posizione sull’immigrazione irregolare si è irrigidita e partecipa attivamente all’alleanza EastMed. Il coinvolgimento dell’Italia in Libia, sia in termini di interessi energetici che di mediazione dei conflitti, evidenzia il suo ruolo significativo nelle dinamiche regionali.
  • Spagna : la strategia mediterranea della Spagna è strettamente legata alle iniziative della NATO e dell’UE. Le preoccupazioni principali includono la lotta all’immigrazione irregolare e la risposta alle tensioni regionali, come quelle con il Marocco sulle rivendicazioni marittime. La dipendenza della Spagna dalla sicurezza statunitense e la sua attenzione relativamente limitata agli affari mediterranei potrebbero rendere necessaria una rivalutazione delle sue priorità strategiche.

La via da seguire: sfide e opportunità

Questa analisi sottolinea la complessa interazione di vari fattori che modellano la geopolitica mediterranea. Il ruolo dei principali attori indigeni, unito all’influenza di potenze globali come Stati Uniti, Russia e Cina, crea un ambiente dinamico e spesso instabile. Le sfide dell’immigrazione irregolare, delle controversie sulle risorse energetiche e dei conflitti armati in corso richiedono approcci sfumati e collaborativi. Comprendere il contesto storico e le dinamiche attuali è fondamentale per sviluppare strategie e politiche efficaci che affrontino i problemi di stabilità regionale e di sicurezza sia immediati che a lungo termine nel Mediterraneo.

Mentre ci addentriamo più a fondo nel 21° secolo, il Mar Mediterraneo rimane un nesso fondamentale tra interessi geopolitici e strategie marittime. Le dinamiche in evoluzione nella regione sono modellate non solo dalle azioni delle potenze tradizionali ma anche dalle tendenze emergenti e dai cambiamenti strategici.

Dinamiche in evoluzione e cambiamenti strategici

  • La crescente influenza della Cina : l’approccio della Cina al Mediterraneo è caratterizzato da investimenti economici piuttosto che da una presenza militare diretta. La Belt and Road Initiative (BRI) ha portato a significativi investimenti cinesi nelle infrastrutture portuali del Mediterraneo. Questo punto d’appoggio economico potrebbe potenzialmente tradursi in una maggiore influenza geopolitica, alterando le tradizionali dinamiche di potere nella regione.
  • Le ambizioni mediterranee della Russia : la maggiore presenza della Russia nel Mediterraneo, in particolare attraverso la sua base navale a Tartus, in Siria, e il suo ruolo nel conflitto siriano, riflette il suo desiderio di riaffermare il proprio potere nella regione. Questa rinascita sfida il tradizionale dominio occidentale e potrebbe portare a una riconfigurazione delle alleanze e delle strategie regionali.
  • Il ruolo e le sfide dell’UE : L’Unione Europea deve affrontare diverse sfide nel Mediterraneo, tra cui la gestione dell’immigrazione irregolare, il bilanciamento del fabbisogno energetico e la gestione delle complesse relazioni con la Turchia e altri attori regionali. L’efficacia dell’UE nell’affrontare questi problemi avrà un impatto significativo sulla sua influenza e sul suo ruolo nella regione.
  • L’equazione energetica : la scoperta di importanti giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale ha innescato una nuova competizione geopolitica. La delimitazione dei confini marittimi, i diritti di esplorazione e la potenziale costruzione di gasdotti come il gasdotto EastMed sono questioni controverse che potrebbero intensificare le tensioni regionali.
  • Conflitti regionali e vuoti di potere : i conflitti in corso in Siria e Libia, insieme all’instabilità in altre parti della regione MENA, creano vuoti di potere che le potenze esterne possono sfruttare. Questi conflitti hanno anche implicazioni più ampie per la migrazione, il terrorismo e la stabilità regionale.

Implicazioni strategiche e scenari futuri

  • Bilanciare le alleanze tradizionali e le potenze emergenti : i paesi del Mediterraneo dovranno destreggiarsi in una complessa rete di alleanze e interessi. Bilanciare le alleanze tradizionali con la NATO e l’UE con la crescente influenza di Russia e Cina sarà una sfida strategica fondamentale.
  • Sicurezza marittima e presenza navale : garantire la sicurezza marittima di fronte all’immigrazione irregolare, alla pirateria e ai potenziali conflitti richiederà una maggiore presenza navale e cooperazione tra i paesi del Mediterraneo e i loro alleati.
  • Sicurezza economica ed energetica : la competizione per le risorse energetiche continuerà a modellare le dinamiche regionali. Garantire la sicurezza energetica e diversificare le fonti energetiche sarà fondamentale per i paesi della regione.
  • Considerazioni ambientali : la regione mediterranea deve affrontare sfide ambientali significative, tra cui l’inquinamento e gli impatti dei cambiamenti climatici. Affrontare questi problemi richiederà cooperazione regionale e politiche sostenibili.
  • Legami culturali e storici: i ricchi legami culturali e storici tra le nazioni del Mediterraneo forniscono una base unica per la cooperazione. Sfruttare queste storie e culture condivise potrebbe favorire una migliore comprensione e collaborazione nell’affrontare le sfide comuni.

Analisi di altri attori importanti nella geopolitica del Mediterraneo

La regione del Mediterraneo, un complesso scacchiere geopolitico, coinvolge diversi attori chiave oltre alle forze dominanti di Stati Uniti, Russia e Cina. Nazioni come Algeria, Egitto, Grecia, Israele, Libia, Marocco e Siria svolgono un ruolo fondamentale nel plasmare le dinamiche regionali.

Algeria e Marocco: rivali regionali che sviluppano capacità militari L’Algeria sta investendo massicciamente nella tecnologia militare russa, segnalando la sua intenzione di diventare una potenza regionale significativa. L’acquisizione di attrezzature avanzate come i jet Su-57 e i sottomarini di classe Kilo è una chiara indicazione delle ambizioni dell’Algeria. Al contrario, il Marocco, rivale regionale dell’Algeria, si allinea strettamente con gli Stati Uniti, come risulta evidente dal suo approvvigionamento su larga scala di attrezzature militari americane. La modernizzazione delle capacità militari di entrambe le nazioni, sebbene non sia ancora una corsa agli armamenti, richiede un attento monitoraggio a causa del potenziale aumento delle tensioni regionali.

Egitto: un’influenza crescente oltre la Libia Il ruolo dell’Egitto nel conflitto libico è significativo, in particolare per quanto riguarda il sostegno al generale Haftar. La scoperta dei giacimenti di gas l’ha portata a diventare un centro chiave per il commercio e l’esportazione di gas naturale. I potenziamenti militari e gli accordi di difesa dell’Egitto, soprattutto nel Mediterraneo e nel Mar Rosso, dimostrano il suo impegno nel garantire i propri interessi contro potenziali minacce. Inoltre, la capacità dell’Egitto di mantenere relazioni amichevoli con una serie di nazioni potenti, tra cui Stati Uniti, Russia e Israele, accentua la sua diplomazia strategica.

Grecia: rinascita militare e allineamento con EastMed La Grecia, un partner cruciale di EastMed, ha recentemente riacceso la sua spesa militare, evidente negli schieramenti navali e negli accordi di difesa con gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita. La forte posizione della Grecia contro le politiche marittime della Turchia e le sue crescenti capacità militari indicano un cambiamento strategico, volto a rafforzare la sua influenza nel Mediterraneo.

Israele: un attore silenzioso ma risoluto Israele, tradizionalmente attivo nella politica regionale, ha recentemente mantenuto un profilo relativamente basso, nonostante le azioni militari in corso a Gaza e in Siria. Il suo obiettivo principale sembra essere quello di ottenere il sostegno internazionale per Gerusalemme come sua capitale. I partenariati strategici di Israele con gli Stati Uniti e la Russia, insieme alle sue esportazioni di armamenti, sottolineano il suo ruolo duraturo come importante attore regionale.

Siria e Libia: punti geostrategici di conflitto Siria e Libia sono attualmente luoghi geostrategici cruciali, principalmente a causa delle guerre civili in corso. Le recenti esercitazioni navali congiunte della Siria con la Russia e la ripresa del conflitto a Idlib evidenziano la sua situazione instabile. La Libia, d’altro canto, continua a essere un campo di battaglia per gli interessi stranieri, sfidando l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite. La missione militare dell’Unione Europea per impedire l’ingresso di armi in Libia segna un passo significativo, creando potenzialmente un precedente per l’autonomia strategica europea.

Stati Uniti: una crescente attenzione al Mediterraneo Gli Stati Uniti mantengono il loro ruolo dominante nel Mediterraneo, con la Sesta Flotta con base a Napoli che funge da elemento chiave della loro proiezione di potenza. I recenti sviluppi, come l’assertività della Turchia e la crescente influenza della Russia, hanno spinto gli Stati Uniti a spostare la propria attenzione dall’impegno alla deterrenza e alla difesa. La maggiore presenza militare e le azioni diplomatiche, come la revoca dell’embargo economico su Cipro, riflettono un rinnovato impegno americano nella regione.

Russia: sogna l’accesso al Mediterraneo L’ambizione storica della Russia per l’accesso al Mediterraneo è evidente nei suoi schieramenti e nelle sue alleanze navali strategiche. La sua attenzione al Mar Nero e al Mediterraneo come aree chiave per la proiezione navale, nonostante i vincoli economici e geografici, evidenzia la sua determinazione a mantenere una presenza nella regione. La dipendenza della Russia dalle alleanze, in particolare con la Siria, e il suo focus tattico sulle operazioni A2AD, sono centrali nella sua strategia nel Mediterraneo.

Cina: proiezione del potere economico L’influenza della Cina nel Mediterraneo è principalmente economica, caratterizzata da investimenti significativi nelle infrastrutture portuali in tutta la regione. L’estensione della Belt and Road Initiative ai porti del Mediterraneo segnala il crescente interesse della Cina. L’unica base militare della Cina a Gibuti, vicino alla regione del Mediterraneo, insieme alle esercitazioni militari congiunte con la Russia, suggeriscono un potenziale per una futura presenza militare nel Mediterraneo.

Iran: un focus strategico oltre il Mediterraneo Il coinvolgimento dell’Iran nella regione avviene principalmente attraverso il suo sostegno agli alleati in Libano e Siria. Mentre il suo focus navale rimane sul Golfo Persico e sull’Oceano Indiano, la nuova linea di navigazione proposta dall’Iran verso i porti del Mediterraneo orientale potrebbe aumentare la sua influenza economica. Tuttavia,

La capacità dell’Iran di emergere come potenza significativa nel Mediterraneo è limitata dai suoi limiti economici e militari, nonché dagli interessi concorrenti di potenze regionali come Turchia e Russia. L’influenza dell’Iran nel Mediterraneo è più indiretta, poiché deriva dalle sue attività in Medio Oriente, in particolare in Libano e Siria. Il suo sostegno a Hezbollah e al regime di Assad in Siria estende la sua portata strategica al Mediterraneo, sebbene non abbia ancora sfruttato appieno queste connessioni per un’influenza diretta nel mare.

Nel 2022-2023, la composizione del gruppo navale russo nel Mar Mediterraneo ha subito cambiamenti drammatici

All’inizio del 2022, la presenza navale della Russia nel Mar Mediterraneo era a un livello senza precedenti, riflettendo le sue intenzioni strategiche e le sue capacità militari. La prima decade di febbraio 2022 ha visto una formidabile assemblea, denominata “squadrone del Mediterraneo”, comprendente 29 navi e imbarcazioni di tutte e quattro le sue flotte. Questa flotta comprendeva una vasta gamma di navi: 11 navi missilistiche, 6 grandi navi d’assalto anfibio (LST), una corvetta di pattuglia, 2 dragamine, una nave da guerra antisommergibile, 2 navi da ricognizione, 4 navi da rifornimento ausiliarie e 2 rimorchiatori.

Questa dimostrazione di forza, tuttavia, fu di breve durata. Il panorama geopolitico è cambiato radicalmente con la decisione della Turchia, il 27 febbraio 2022, di vietare il passaggio delle navi da guerra russe attraverso gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli. Questa mossa ha di fatto intrappolato lo squadrone russo nel Mediterraneo, privandolo della mobilità e dell’utilità strategica, impedendo il gesto simbolico della dimostrazione della bandiera.

Ulteriori complicazioni sono sorte con lo scoppio del conflitto in Ucraina il 24 febbraio 2022. Alle navi da guerra russe è stato negato l’accesso alle strutture di riparazione nei porti mediterranei degli stati dell’UE. Allo stesso tempo, i piani per trasferire un bacino galleggiante dalla flotta del Mar Nero (BSF) a Tartus nel 2022 sono stati vanificati. La struttura di Tartus, un cantiere navale galleggiante, aveva una capacità limitata di servire la flotta, in particolare le navi più grandi che erano prevalentemente di costruzione dell’era sovietica e necessitavano di frequente manutenzione.

Entro la fine dell’estate 2022, un cambiamento strategico è diventato evidente quando la Russia ha avviato il graduale ritiro delle sue principali navi da guerra dal Mediterraneo. Entro il 15 ottobre 2023, il raggruppamento russo nel Mediterraneo era diminuito in modo significativo, una riduzione di circa l’80%, da 29 navi e imbarcazioni a soli 6. La flotta rimanente comprendeva 2 corvette missilistiche, una nave da guerra antisommergibile, una nave da ricognizione, una nave cisterna per rifornimenti e un cantiere navale galleggiante, in particolare privo di rimorchiatori.

Questo ridimensionamento indica una ricalibrazione strategica da parte della Russia. La prospettiva di navigare attraverso lo stretto turco è diventata irrealistica, portando a una rivalutazione del ruolo del gruppo nelle parti settentrionali e nordoccidentali del Mar Nero. Invece, l’attenzione sembra essersi spostata sulla protezione delle loro basi, sulla capacità di lanciare attacchi missilistici contro l’Ucraina e sulla conduzione di attività di ricognizione nel Mar Nero sudoccidentale.

Questo cambiamento nella composizione e nello schieramento delle forze navali russe nel Mediterraneo rispecchia dinamiche geopolitiche più ampie e riallineamenti strategici. Sottolinea l’impatto delle alleanze regionali, l’efficacia delle manovre diplomatiche come la chiusura dello stretto della Turchia e le continue sfide che la Russia deve affrontare nel mantenere una formidabile presenza navale in un dominio marittimo sempre più complesso e contestato.

Evoluzione del Raggruppamento Navale russo nel Mediterraneo: 2022-2023

Negli anni 2022-2023, la presenza navale russa nel Mar Mediterraneo ha visto significative trasformazioni, influenzate principalmente dagli sviluppi geopolitici, in particolare dal conflitto in Ucraina.

Formazione dello “Squadrone del Mediterraneo” all’inizio del 2022

Prima dell’escalation del conflitto in Ucraina, il 24 febbraio 2022, la Russia aveva riunito un’imponente forza navale nel Mar Mediterraneo, composta da navi da guerra di tutte e quattro le sue flotte.

Questo formidabile gruppo, noto come “squadrone del Mediterraneo”, era composto da 29 navi e vascelli. Comprendeva 11 navi missilistiche, 6 grandi navi d’assalto anfibio (LST), una corvetta di pattuglia, 2 dragamine, una nave da guerra antisommergibile, 2 navi da ricognizione, 4 navi da rifornimento ausiliarie e 2 rimorchiatori.

Obbiettivi strategici

La formazione di questo gruppo ha avuto molteplici scopi:

  • Sostituzione delle navi BSF: ha sostituito le navi BSF russe che erano tornate nel Mar Nero prima del 24 febbraio 2022.
  • Potenziale partecipazione al conflitto del Mar Nero: il gruppo era potenzialmente attrezzato per partecipare a una guerra contro l’Ucraina nel Mar Nero.
  • Contrappeso alla NATO: ha agito come un contrappeso dimostrativo ai gruppi navali della NATO nel Mediterraneo.

L’obiettivo primario era utilizzare la maggior parte di queste navi nel teatro del Mar Nero, direttamente nella guerra contro l’Ucraina.

Obiettivi operativi

Il gruppo navale è stato incaricato di diversi obiettivi operativi chiave:

  • Sostenere l’offensiva terrestre russa.
  • Lanciare attacchi missilistici contro infrastrutture civili e militari cruciali.
  • Distruggere il potenziale della Marina ucraina.
  • Blocco delle comunicazioni marittime intorno all’Ucraina.
  • Impedire alle navi della NATO di entrare in aree di interesse russo.
  • Interruzione delle attività di intelligence della NATO.
  • Partecipazione ad operazioni anfibie nell’Ucraina meridionale.
  • Mantenere il controllo sulle infrastrutture del petrolio e del gas nel Mar Nero.
  • Garantire la logistica per il contingente militare russo in Siria.

Impatto della chiusura dello stretto della Turchia

La chiusura degli stretti del Bosforo e dei Dardanelli da parte della Turchia il 28 febbraio 2022, ai sensi della Convenzione di Montreux, ha alterato drasticamente il calcolo strategico della Russia. Questa decisione, influenzata dalla pressione diplomatica ucraina, ha ostacolato il movimento delle navi da guerra russe e ha di fatto sventato i piani della Russia di affermare il controllo sulla regione del Mar Nero. Ciò ha comportato notevoli sfide logistiche, in particolare nel rifornimento delle basi militari russe in Siria.

Ritiro graduale e ristrutturazione

Entro la fine dell’estate 2022, la Russia ha iniziato a ridurre la propria presenza navale nel Mediterraneo. Ciò ha comportato il ritiro di diverse navi da guerra chiave, inclusi incrociatori lanciamissili e cacciatorpediniere. Per mantenere la propria presenza, la Russia ha ruotato altre navi nella regione, ma la forza complessiva dello squadrone è diminuita notevolmente.

Al 15 ottobre 2023, la forza navale russa nel Mediterraneo si è quintuplicata, da 29 a sole 6 navi. L’attuale composizione comprende una corvetta missilistica, una barca antisommergibile, una nave da ricognizione, una nave cisterna e una nave galleggiante, segnalando un ambito operativo ridotto.

Stato attuale e implicazioni

Il ridimensionamento della presenza navale russa nel Mediterraneo riflette un cambiamento strategico. La Russia sembra aver abbandonato i piani per operazioni attive nelle parti settentrionali e nordoccidentali del Mar Nero. Tuttavia, le forze rimanenti sono ritenute sufficienti per la protezione della base, gli attacchi missilistici contro l’Ucraina e la ricognizione nel Mar Nero sudoccidentale.

Questa evoluzione della Marina russa nel Mediterraneo riflette una ricalibrazione delle priorità strategiche nella regione. Sebbene la flotta ridotta significhi una ridotta capacità per operazioni su larga scala nel Mediterraneo e nel Mar Nero, mantiene comunque una presenza sufficiente per soddisfare obiettivi strategici specifici. Questo cambiamento sottolinea l’impatto delle dinamiche geopolitiche regionali, in particolare l’influenza delle manovre diplomatiche e degli scontri militari, sulle operazioni navali e sugli schieramenti strategici.

Analisi approfondita del raggruppamento navale russo nel Mar Mediterraneo (2022-2023)

Formazione iniziale e intento strategico (inizio 2022)

All’inizio del 2022, il rafforzamento navale della Russia nel Mediterraneo, denominato “squadrone del Mediterraneo”, era un’assemblea formidabile che rifletteva un ampio disegno strategico. Questa mossa non riguardava semplicemente la proiezione di potere, ma era profondamente intrecciata con la narrativa geopolitica in corso nella regione, in particolare per quanto riguarda l’Ucraina.

  • Composizione e capacità: la composizione dello squadrone era varia e potente: 11 navi missilistiche, 6 grandi navi d’assalto anfibie, varie navi di supporto e navi da ricognizione. Questo mix ha fornito una capacità marittima offensiva e difensiva equilibrata.
  • Flessibilità strategica: la formazione dello squadrone ha fornito alla Russia la flessibilità strategica per rispondere alla presenza navale della NATO e per sostenere potenziali operazioni nel Mar Nero, in particolare contro l’Ucraina.

Dinamica delle operazioni navali dopo febbraio 2022

In seguito allo scoppio del conflitto in Ucraina e alla chiusura degli stretti da parte della Turchia, le dinamiche delle operazioni navali russe nella regione sono cambiate in modo significativo.

  • Blocco e sfide logistiche: la chiusura dello Stretto turco ai sensi della Convenzione di Montreux è stata un colpo strategico alla logistica navale e alla mobilità della Russia. Ciò ha portato al blocco delle comunicazioni marittime e a una significativa riduzione della capacità della Russia di proiettare potenza nel Mar Nero e oltre.
  • Ristrutturazione operativa: il gruppo navale russo ha dovuto affrontare vincoli nell’esecuzione delle operazioni pianificate, comprese le operazioni anfibie nelle regioni meridionali dell’Ucraina e nel mantenimento del controllo sulle infrastrutture marittime critiche.

Evoluzione della postura navale e dei modelli di ritiro (fine 2022-2023)

Nel corso del 2022, la presenza navale russa nel Mediterraneo ha subito una serie di ritiri e ridistribuzioni, segnalando una ricalibrazione strategica.

  • Ritiro di risorse chiave: il graduale ritiro delle principali navi da guerra come gli incrociatori missilistici Varyag e il Maresciallo Ustinov, e il riposizionamento di navi come Soobrazitelnyy e Stoikiy, indicavano un ridimensionamento della posizione navale russa nel Mediterraneo.
  • Concentrazione sugli obiettivi chiave: nonostante la riduzione numerica, la flotta rimanente, sebbene più piccola, è stata considerata adeguata per obiettivi specifici come la protezione della base, la ricognizione e le limitate capacità offensive contro l’Ucraina.

Il ruolo della diplomazia internazionale e le pressioni geopolitiche

L’evoluzione della strategia navale russa nel Mediterraneo non può essere vista separatamente dal contesto geopolitico più ampio.

  • Manovre diplomatiche: le azioni di paesi come la Turchia, influenzate dagli sforzi diplomatici dell’Ucraina, hanno svolto un ruolo significativo nell’alterare il panorama marittimo strategico nella regione.
  • Impatto delle tensioni geopolitiche: l’accresciuto stato di allerta militare e il rischio di scontri, come evidenziato dagli incidenti con navi della NATO, hanno sottolineato la natura instabile delle tensioni geopolitiche nelle aree del Mediterraneo e del Mar Nero.
  • Cambiamento nella dottrina navale: le mutevoli circostanze hanno portato a un cambiamento nella dottrina navale russa nella regione, adattandola alla nuova realtà di movimenti limitati e di maggiore presenza della NATO. Ciò è stato dimostrato dalla dipendenza da navi più piccole e più versatili e dall’attenzione alle missioni compatibili con le dimensioni ridotte della flotta.

Sviluppi recenti e stato attuale (2023)

A partire dagli ultimi aggiornamenti del 2023, la presenza navale russa nel Mediterraneo è stata caratterizzata da una maggiore attività ma con una flotta notevolmente più piccola e diversamente composta.

  • Composizione attuale: lo squadrone russo nel Mediterraneo, alla fine del 2023, comprende, tra gli altri, una corvetta missilistica, una barca antisommergibile, una nave da ricognizione, una nave cisterna e una nave galleggiante. Questa composizione rappresenta un passaggio strategico da una flotta ampia e diversificata a un gruppo più compatto e concentrato.
  • Focus operativo: il focus operativo dell’attuale flotta sembra essere quello di garantire la sicurezza degli interessi russi nella regione, compreso il supporto logistico per le operazioni militari in Siria e il mantenimento di una presenza minima ma strategica nel Mediterraneo.

Perdite significative della marina russa nel conflitto in Ucraina: un resoconto dettagliato delle vittime delle navi da guerra

Dall’inizio del conflitto con l’Ucraina, la Marina russa ha perso diverse navi da guerra di varie classi. L’elenco delle perdite notevoli include:

  • Saratov (nave da sbarco di classe Alligator) : questa nave ha preso fuoco ed è stata affondata nel marzo 2022 dopo essere stata colpita da un missile balistico a Berdiansk, in Ucraina.
  • Moskva (incrociatore di classe Slava) : nell’aprile 2022, secondo quanto riferito, il Moskva è stato colpito dai missili antinave ucraini Neptune e successivamente affondato mentre veniva rimorchiato in porto.
  • BK-16 (nave d’assalto ad alta velocità) : un drone ucraino colpì e affondò questa nave vicino a Snake Island all’inizio di maggio 2022.
  • Mezzi da sbarco di classe Serna : nel maggio 2022, un drone ucraino colpì e affondò anche un mezzo da sbarco di classe Serna sull’isola di Snake.
  • Veliky Ustyug (corvetta di classe Buyan-M) : ha subito danni nel giugno 2022 ed è stata rimorchiata danneggiata.
  • Vasily Bekh (rimorchiatore di salvataggio) : nel giugno 2022, l’Ucraina ha affermato di aver affondato questa nave con missili Harpoon.
  • Ivan Golubets (dragamine di classe Natya) : segnalato per aver subito lievi danni a causa di un attacco aereo senza pilota e sottomarino nell’ottobre 2022.
  • Nave intelligence di classe Yury Ivanov Ivan Khurs : forse danneggiata dai droni marittimi ucraini nel maggio 2023.
  • Olenegorsky Gornyak (nave da sbarco di classe Ropucha) : gravemente danneggiata nell’agosto 2023 da un possibile attacco di droni marini nel porto di Novorossijsk.
  • Rostov sul Don (sottomarino) e Minsk (nave da sbarco) : attaccati dai Su-24 ucraini armati di missili Storm Shadow nel settembre 2023. Il Minsk è stato visibilmente distrutto e il Rostov sul Don è stato gravemente danneggiato.
  • Askold (corvetta di classe Karakurt) : colpita da un missile da crociera nel novembre 2023 nel cantiere navale Zalyv, Kerch, Crimea.
  • Novocherkassk (la principale nave da sbarco russa) : colpita e probabilmente distrutta da missili da crociera nel dicembre 2023 mentre era attraccata a Feodosia, nel sud della Crimea.

Queste perdite rappresentano un impatto significativo sulle capacità operative della Marina russa nella regione del Mar Nero. Gli incidenti riflettono l’intensità della componente marittima del conflitto ed evidenziano l’uso efficace di missili antinave e droni da parte delle forze ucraine


Appendice 1. Elenco completo delle navi e dei natanti dello «squadrone mediterraneo» della Marina russa nel febbraio 2022 prima dell’inizio di un attacco su larga scala contro l’Ucraina.

Abbreviazioni:
PF 
 –  Flotta russa del Pacifico, NF  –  Flotta russa del Nord, BSF  –  Flotta russa del Mar Nero, BF  –  Flotta russa del Baltico.
I nomi delle navi e delle imbarcazioni, nonché la loro classificazione, sono forniti nella terminologia NATO. I nomi delle navi sono preceduti dai loro numeri tattici.

Incrociatore lanciamissili guidato – – Ракетний крейсер

  • 011 Variag(PF)
  • 055 Maresciallo Ustinov (NF)

Fregata/cacciatorpediniere lanciamissili guidati – Ракетний фрегат / есмінець

  • 494 Ammiraglio Grigorovich (BSF)
  • 564 Tributi dell’Ammiraglio (PF)
  • 626 Vice-Ammiraglio Kulakov, (NF)
  • 431 Ammiraglio Kasatonov, (NF)

Corvetta missilistica guidata – Ракетний корвет

  • 609 V. Volocheck (BSF)
  • 626 Orechovo Zuevo (BSF)

Sottomarino missilistico da crociera convenzionale – – Ракетний підводний човен

  • 237 Rostov sul Donu (BSF)
  • 261 Novorossijsk (BSF)
  • 265 Krasnodar (BSF)

Corvetta di pattuglia – Патрульний корвет

  • 375 Dmitriy Rogachev (BSF)

Nave da sbarco – Великий десантний корабель

  • 130 Korolev (BF)
  • 102 Kaliningrad (BF)
  • 127 Minsk (BF)
  • 117 Petr Morgunov (NF)
  • 012 Olenegorskiy Gornyak (NF)
  • 016 Georgiy Pobedonosets (NF)

Dragamine – Мінний тральщик

  • 908 Vice-Ammiraglio Zakharin (BSF)
  • 659 (nuovo #466) Vladimir Emelyanov (BSF)

Barca antisabotatore – Протидиверсійний катер

  • 840 cadetti (BSF)

Nave di intelligence – Розвідувальний корабель

  • Kildin (BSF)
  • Vasiliy Tatishchev (BF)

Nave ausiliaria – Допоміжне судно

  • Epron (BSF)
  • Vice Ammiraglio Paromov (BSF)
  • Boris Butoma (PF)
  • Vjazma (NF)

Rimorchiatore – Буксир

  • MB 304 (BSF)
  • Sergey Balk (BSF)

Appendice 2: Schieramenti di navi e imbarcazioni di tutti i tipi della Marina russa nel Mar Mediterraneo da novembre 2021 a novembre 2023

Abbreviazioni:
PF – Flotta russa del Pacifico, NF – Flotta russa del Nord,
BSF – Flotta russa del Mar Nero, BF – Flotta russa del Baltico.
I nomi delle navi e delle imbarcazioni, nonché la loro classificazione, sono forniti nella terminologia NATO.
I nomi delle navi sono preceduti dai loro numeri tattici.
I colori della data della cella indicano:
Giallo 
 –  permanenza nel Mar Mediterraneo
Blu 
 –  arrivo nel Mar Mediterraneo
Rosso 
 –  partenza dal Mar Mediterraneo.

L’impegno della NATO nel Mediterraneo orientale: una panoramica completa

Introduzione al focus storico della NATO nel Mediterraneo

Gli interessi strategici della NATO nella regione del Mediterraneo risalgono agli anni ’60, inizialmente attraverso il Gruppo di lavoro di esperti sul Medio Oriente e il Maghreb e successivamente il Gruppo ad hoc sul Mediterraneo. Tuttavia, l’era della Guerra Fredda ha visto una politica della NATO limitata e specifica per il Mediterraneo, concentrata invece sulla difesa del territorio alleato, dello spazio marittimo e delle rotte marittime. La fine della Guerra Fredda ha segnato un cambiamento significativo nell’approccio della NATO. La Guerra del Golfo del 1991 ha sottolineato l’importanza della stabilità e della pace nel Mediterraneo per la sicurezza dell’Alleanza, sollevando preoccupazioni circa il potenziamento militare e la proliferazione delle armi nella regione, comprese le armi di distruzione di massa e i missili balistici.

Sviluppo del dialogo mediterraneo e concetti strategici

Nel dicembre 1994, la NATO ha espresso la volontà di impegnarsi con i paesi mediterranei non membri, portando alla creazione dell’Alleanza per il Dialogo Mediterraneo. Questo forum mirava a promuovere la sicurezza regionale e a dissipare idee sbagliate sulla NATO. Il concetto strategico del 1999 ha ulteriormente sottolineato l’importanza del Mediterraneo, collegando la sicurezza europea alla stabilità della regione. Il concetto enfatizzava l’approccio cooperativo della NATO alla sicurezza, incluso il Dialogo Mediterraneo come elemento chiave nel promuovere la fiducia e la cooperazione.

Il concetto strategico del 2010, pur non facendo espliciti riferimenti geografici, affrontava diverse questioni pertinenti al Mediterraneo, come il terrorismo, la protezione delle vie di comunicazione e le crisi oltre i confini della NATO. Ha sottolineato il rafforzamento delle relazioni con i paesi del Mediterraneo attraverso il dialogo mediterraneo e l’iniziativa di cooperazione di Istanbul.

La risposta della NATO agli sviluppi globali e al Mediterraneo orientale

Sviluppi come l’annessione della Crimea da parte della Russia, l’instabilità nella regione MENA e l’elezione di Donald Trump hanno reso necessaria una rivalutazione strategica da parte della NATO. Ciò ha portato a un “reset strategico” durante il vertice del Galles del 2014 e a una revisione del concetto strategico della NATO nel 2021, riflettendo la necessità di un quadro strategico coerente per affrontare le realtà globali emergenti.

Il nuovo concetto strategico del 2022 riconosce le complesse dinamiche di sicurezza successive all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Sottolinea la necessità che la NATO si adatti alla rinascita della politica delle grandi potenze, sottolineando la minaccia rappresentata dall’espansionismo russo e dalle tattiche della Cina. Il concetto si concentra sul mantenimento della NATO come alleanza difensiva pur essendo pronta a rispondere alle minacce alla sicurezza con mezzi militari.

Tensioni Grecia-Turchia e ruolo della NATO

La storia della NATO con le relazioni greco-turche è complessa, segnata da controversie storiche, territoriali e di sicurezza. Entrambi i paesi hanno aderito alla NATO nel 1952, ma i loro conflitti bilaterali hanno spesso messo a dura prova l’unità dell’Alleanza. L’era della Guerra Fredda vide la NATO dare priorità al contenimento del comunismo sovietico piuttosto che alla risoluzione delle controversie tra i suoi membri. Episodi significativi come la crisi di Cipro del 1974, e successivamente la crisi di Imia nel 1996, hanno messo in luce le sfide legate al coinvolgimento della NATO nelle controversie greco-turche.

Dopo la Guerra Fredda, le aspettative erano che la NATO avrebbe svolto un ruolo più attivo nella risoluzione di queste controversie. Tuttavia, l’attenzione dell’Alleanza all’espansione e alla trasformazione in un’organizzazione di sicurezza paneuropea ha ridotto il suo impegno nelle relazioni greco-turche. Inoltre, l’americanizzazione della NATO nel periodo successivo alla Guerra Fredda e l’allargamento dell’Unione Europea hanno cambiato le dinamiche di risoluzione dei conflitti, con la NATO che ha perso la sua posizione unica come principale organizzazione di sicurezza in Europa.

La fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 hanno visto miglioramenti nelle relazioni greco-turche, influenzati da fattori come l’affare Ocalan, la diplomazia del terremoto e le prospettive di adesione della Turchia all’UE. Tuttavia, questioni come le controversie sul Mar Egeo e su Cipro hanno continuato a creare tensioni.

Sicurezza energetica e ruolo della NATO nel Mediterraneo orientale

La scoperta di importanti riserve di gas naturale nel Mediterraneo orientale ha portato ad una maggiore concorrenza e tensione tra Grecia, Cipro e Turchia. La NATO riconosce l’importanza della sicurezza energetica per la sicurezza collettiva e si concentra sulla protezione delle infrastrutture energetiche critiche e sulla garanzia di forniture energetiche affidabili. Il ruolo dell’Alleanza include il rafforzamento delle misure di sicurezza energetica e la promozione della cooperazione e del dialogo tra gli Stati membri.

Il ruolo della Russia nel Mediterraneo orientale

Dal 2015, la Russia è stata assertiva nel Mediterraneo orientale, cercando di elevare il proprio status e influenzare gli stati membri della NATO e dell’UE, in particolare Grecia, Turchia e Cipro. La Russia mira a influenzare il processo decisionale, offrire partenariati economici e aumentare la propria posizione regionale.

La risposta della NATO prevedeva la creazione dello Standing NATO Maritime Group 2 (SNMG2) nel Mediterraneo orientale per migliorare la consapevolezza situazionale e dimostrare la presenza. Nonostante questi sforzi, le tensioni tra Grecia e Turchia sono continuate, con incidenti come la crisi di Imia del 2018 e la crisi migratoria che hanno aggiunto complessità alle loro relazioni.

Le sfide future

Le tensioni in corso tra Grecia e Turchia, comprese le controversie sul Mar Egeo e le diverse posizioni su varie questioni internazionali, rappresentano sfide continue per la NATO. L’acquisizione da parte della Turchia del sistema di difesa missilistico S-400 e le preoccupazioni della Grecia circa la sua integrità territoriale e sovranità evidenziano l’intricato equilibrio che la NATO deve mantenere. La capacità dell’Alleanza di allentare le tensioni, promuovere il dialogo e mantenere l’unità tra i suoi membri rimane cruciale per la stabilità nel Mediterraneo orientale e nella più ampia regione euro-atlantica.

Dinamiche in evoluzione della NATO di fronte alle sfide contemporanee alla sicurezza

Mentre il contesto di sicurezza internazionale continua a cambiare radicalmente, l’ Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) dimostra una notevole capacità di adattamento, passando da un focus primario sulla difesa militare ad affrontare una gamma più ampia di sfide alla sicurezza regionale in modo integrato. Questa evoluzione è sottolineata dagli eventi significativi degli ultimi anni, in particolare la violazione del diritto internazionale da parte della Russia nel 2014 e la conseguente guerra in Ucraina, che hanno costretto la NATO a prendere in considerazione risposte più dinamiche per proteggere gli interessi dei suoi membri, in particolare quelli sul fianco orientale.

Il ruolo della NATO nel panorama della sicurezza internazionale è sempre più definito dall’adattamento strategico alle moderne sfide geopolitiche. Il Concetto strategico 2022 è una testimonianza di questa evoluzione, evidenziando l’impegno della NATO a favore della difesa collettiva attraverso un approccio globale che comprende deterrenza e difesa, prevenzione e gestione delle crisi e sicurezza cooperativa. Questo perno strategico si sta verificando in un contesto di complessi cambiamenti geopolitici e di evoluzione dell’opinione pubblica.

Ad esempio, negli Stati Uniti, la generazione più giovane di rappresentanti repubblicani al Congresso mostra atteggiamenti mutevoli nei confronti del conflitto ucraino, riflettendo un sentimento pubblico diviso e in evoluzione (Cerda, 2023; Langer, 2023). Questa divergenza di opinioni sottolinea la complessità del coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto Russia-Ucraina e la necessità per i politici di considerare queste diverse prospettive nelle future decisioni di politica estera.

La dinamica situazione della sicurezza internazionale e i cambiamenti nell’opinione pubblica fanno da sfondo alle continue sfide affrontate dagli Stati membri della NATO nell’affrontare la crisi ucraina. Questo scenario ha stimolato un’ondata di letteratura che esplora questi temi da varie prospettive, tra cui la geopolitica, l’economia e la psicologia. Una ricerca completa su conflitti come la guerra in Ucraina richiede un approccio integrato che combini molteplici fonti, tra cui articoli accademici, risorse governative, rapporti di organizzazioni internazionali, social media e sondaggi di opinione pubblica. I ricercatori hanno il compito di esplorare i punti di forza e di debolezza di queste fonti impiegando una metodologia interdisciplinare per analizzare a fondo questi eventi.

La conferenza del marzo 2023, organizzata congiuntamente dall’Università di studi sulla guerra di Varsavia e dall’American College of Greece, ha fornito preziosi spunti che hanno ispirato questo numero speciale di Security and Defense Quarterly. La conferenza ha trattato una serie di argomenti, tra cui la strategia della NATO sul fianco orientale, l’interdipendenza degli Stati membri, le sfide specifiche dei paesi nella regione, la base industriale della difesa dei paesi europei e le questioni psicologiche del personale sui campi di battaglia ucraini. Un focus chiave è stato il crescente interesse per la guerra ibrida nel contesto di un panorama geopolitico in evoluzione.

Uno degli articoli, “Azioni convenzionali e ibride nell’invasione russa dell’Ucraina” di Ionita (2023) , ha messo in evidenza che l’impatto globale della pandemia di COVID-19 nel 2022 è stato profondo, colpendo la sicurezza sanitaria, le economie, la finanza e le politiche sociali. vita. Questo contesto ha posto le basi per un grave conflitto in Europa, intensificando ulteriormente le crisi globali nel settore energetico, nel movimento dei rifugiati e nella distribuzione alimentare. Il conflitto, iniziato con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, è stato unico e impegnativo, segnando un evento significativo nella guerra moderna. Nonostante sia stata definita “Operazione Militare Speciale” dal presidente russo Vladimir Putin, la sua portata, i suoi obiettivi e la sua condotta la rivelano come una guerra convenzionale con implicazioni significative per la sicurezza europea e globale.

Questo conflitto vide anche l’implementazione della visione del generale Gerasimov di “Azione limitata” e “Difesa attiva”, combinata con tattiche di “Guerra non lineare” o “Guerra ibrida”, sperimentate inizialmente in Ucraina e successivamente in tutta Europa. Questo approccio fonde operazioni convenzionali con azioni ibride, inclusi attacchi informatici, disinformazione e minacce nucleari, in linea con l’ambizione della Russia di mantenere il potere regionale e possibilmente ascendere allo status di superpotenza.

La diplomazia internazionale ha lottato per risolvere il conflitto, con la NATO e le Nazioni Unite che si trovano ad affrontare sfide uniche a causa dello status di non appartenenza delle nazioni belligeranti a queste organizzazioni. Le relazioni della NATO con la Russia si sono congelate dopo il 2014, mentre i suoi legami con l’Ucraina si sono rafforzati. L’efficacia delle Nazioni Unite è stata limitata a causa del potere di veto del Consiglio di Sicurezza della Russia. Questi vincoli hanno portato a fare affidamento sul sostegno politico, economico e informativo per l’Ucraina, piuttosto che sull’intervento militare diretto.

L’approccio analitico di questo articolo, guidato dalla metodologia del professor Clifford Woody, cerca di comprendere il rapporto causa-effetto della guerra e le sue implicazioni per la futura sicurezza europea e globale. L’analisi riguarda l’integrazione delle tattiche di guerra convenzionale e ibrida e la loro efficacia nel raggiungimento degli obiettivi strategici della Russia. Il documento esplora anche le lezioni apprese dal conflitto, il loro impatto a livello strategico, operativo e tattico e il loro potenziale per modellare la futura formazione e dottrina militare. Questa ricerca mira a contribuire alla comprensione della guerra moderna e delle sue sfide all’attuale ordine mondiale.

Un altro articolo, “Fuori rete tra gli alleati della NATO: teoria ed evidenza empirica dalla connessione quantile dinamica” di Palaios et al. (2023), affronta l’efficacia della NATO nel risolvere situazioni critiche utilizzando il soft diplomatic power.

Nello studio la ricerca mette in evidenza che i recenti sconvolgimenti geopolitici, innescati principalmente dall’invasione russa dell’Ucraina, hanno ravvivato l’interesse degli studiosi per le dinamiche economiche delle alleanze militari, in particolare della NATO. Questo scenario complesso ha portato a una biforcazione nei circoli accademici, con una fazione che sostiene l’ipotesi del free riding all’interno delle alleanze, mentre un’altra sottolinea la natura complementare delle decisioni di spesa per la difesa tra i membri dell’alleanza.

Lo studio riesamina il quadro teorico delle alleanze militari introducendo il concetto di “net spills”, che incapsula le differenze tra spill-in e spill-out. Questo approccio è particolarmente rilevante nel contesto dell’alleanza militare di lunga data e sostanziale della NATO. Concentrandosi su sette membri chiave della NATO – Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi, Germania, Italia, Grecia e Turchia – lo studio abbraccia oltre mezzo secolo (1971-2022). L’obiettivo è descrivere il contributo netto di ciascun membro alla NATO utilizzando uno strumento analitico innovativo e sofisticato: l’analisi quantilica dinamica variabile nel tempo. Questa metodologia, sia teorica che empirica, rappresenta un approccio pionieristico nella valutazione dell’impatto delle decisioni di spesa dei membri dell’alleanza militare.

I risultati dello studio sono rivelatori. Essi evidenziano una forte inclinazione verso un comportamento di free riding tra gli alleati, in gran parte determinato dagli elevati costi di ricaduta associati all’acquisizione di attrezzature di difesa. I dati suggeriscono inoltre una divisione geografica nei contributi: gli stati NATO del Nord Europa tendono ad essere contributori netti, mentre le loro controparti del Sud Europa sono più spesso destinatari netti. È interessante notare che la motivazione a contribuire sembra essere accentuata durante i periodi di crisi, un modello che è diventato più pronunciato in seguito al conflitto in Ucraina.

Il documento è strutturato metodicamente per facilitare una comprensione completa dell’argomento. Dopo l’introduzione, la Sezione 2 fornisce una panoramica dei recenti studi rilevanti, ponendo le basi per un’esplorazione più approfondita. La sezione 3 approfondisce lo sviluppo del modello teorico, ponendo le basi per la successiva analisi. La sezione 4 descrive le proprietà statistiche e la metodologia econometrica impiegata, garantendo che i risultati dello studio siano fondati su solide tecniche analitiche. La sezione 5 presenta i risultati empirici, offrendo approfondimenti sulle implicazioni pratiche del quadro teorico. Il documento si conclude con la Sezione 6, che sintetizza i risultati e ne discute le implicazioni più ampie, soprattutto nel contesto degli attuali panorami politici ed economici globali.

Il documento “ Il concetto strategico della NATO: implicazioni per la Grecia e la Turchia” di Lampas e Filis (2023) sposta l’attenzione sulle relazioni bilaterali della Grecia e della Turchia all’interno della NATO. Al vertice di Madrid tenutosi dal 28 al 30 giugno 2022, gli alleati della NATO hanno adottato un concetto strategico aggiornato, segnando una pietra miliare significativa nella storia dell’Alleanza. Il concetto strategico della NATO, un documento fondamentale che definisce la direzione strategica dell’Alleanza, si trova appena sotto il Trattato del Nord Atlantico. Questo documento, come analizzato da Becker et al. (2022, p. 490) e Simonet (2023), articola lo scopo, i compiti principali e le strategie della NATO per affrontare le sfide alla sicurezza e sfruttare le opportunità in un panorama globale in evoluzione.

La creazione del concetto strategico è un processo complesso, che richiede consenso e compromesso tra i membri della NATO per affrontare collettivamente le questioni strategiche, come notato da Ringsmose e Rynning (2009) e Shea (2022). Tardy (2022) sottolinea che il concetto strategico non è un piano d’azione ma piuttosto un quadro guida per l’elaborazione delle politiche. Fin dalla sua nascita nel 1949, la NATO ha adottato sette concetti strategici, che riflettono l’evoluzione del panorama della sicurezza (Chiriac e Olariu, 2017; Becker et al., 2022; Michaels, 2020; Ringsmose e Rynning, 2009).

La regione del Mediterraneo orientale è diventata sempre più un punto focale per la NATO, in particolare dopo l’annessione della Crimea nel 2014. Felde (2020, p. 59) evidenzia il vuoto lasciato dal ritiro degli Stati Uniti dalla Siria, rapidamente riempito dall’influenza russa. Questo cambiamento geopolitico ha esacerbato le tensioni tra i membri della NATO, Grecia e Turchia, principalmente per controversie marittime e rivendicazioni territoriali. Queste tensioni sono state ulteriormente alimentate dalla scoperta delle risorse naturali e dalla narrativa revisionista di Türkiye. La guerra civile siriana in corso e le offensive militari di Türkiye nella regione, insieme all’uso di armi chimiche riportato da Hubbard (2020), hanno aggiunto complessità alle dinamiche regionali. Inoltre, gli investimenti cinesi nelle infrastrutture del Mediterraneo orientale hanno reso la Cina un partner economico strategico nella regione, come osservato da Kasapoglou (2019).

Questo articolo approfondisce gli effetti del nuovo concetto strategico della NATO sul suo ruolo nel Mediterraneo orientale e le implicazioni per le relazioni greco-turche. Esamina come l’evoluzione delle priorità strategiche e degli impegni regionali della NATO abbiano influenzato il suo approccio alle tensioni di lunga data tra Grecia e Turchia. L’articolo esplora le politiche, le azioni e le iniziative diplomatiche della NATO nella regione, valutando se questi sforzi abbiano favorito la stabilità o esacerbato le complessità delle relazioni greco-turche.

Questa analisi valuta le implicazioni più ampie di questi sviluppi per le dinamiche di sicurezza regionali e il panorama geopolitico. Sottolinea l’importanza di esaminare le relazioni greco-turche, dato il rinnovato interesse della NATO nel Mediterraneo orientale e il potenziale di questa relazione bilaterale di distruggere l’unità della NATO.

I risultati indicano che il concetto strategico aggiornato della NATO, pur mirando ad adattare l’Alleanza alle nuove sfide alla sicurezza, non ha mitigato in modo significativo le tensioni tra Grecia e Turchia. Nonostante l’impegno della NATO nella difesa collettiva e nella risoluzione dei conflitti, le controversie nel Mediterraneo orientale sono persistite e, in alcuni casi, si sono intensificate. Il concetto strategico non è riuscito a fornire un quadro completo per affrontare le questioni critiche nelle relazioni greco-turche, comprese le controversie territoriali, gli interessi energetici e le rivendicazioni storiche. Le risposte dell’Alleanza sono spesso viste come inadeguate o eccessivamente diplomatiche, in quanto non riescono ad affrontare in modo efficace le cause profonde della tensione.

Di conseguenza, le tensioni tra Grecia e Turchia continuano, portando a crisi sporadiche che mettono a rischio la coesione interna della NATO e la stabilità regionale. Questa situazione sottolinea la necessità di misure di risoluzione dei conflitti più solide e proattive all’interno dell’Alleanza. Man mano che cresce l’importanza strategica della regione, comprendere queste sfide e opportunità diventa sempre più vitale per mantenere la sicurezza e la stabilità globale.

La questione della resilienza economica nei paesi dell’Europa centrale e orientale (PECO) e del Mar Nero è esplorata nel documento di Constantinescu (2023), che utilizza un indice di resilienza economica per valutare la resilienza relativa dei paesi di queste regioni alla luce del conflitto in Ucraina. Lo studio sottolinea la necessità di una comprensione articolata della “resilienza economica” nel contesto di una difesa globale, chiedendo un ulteriore affinamento dell’indice per includere aspetti sociali, innovativi, digitali e legati alla difesa.

Questo numero speciale offre un approfondimento sulle molteplici sfide che la NATO si trova ad affrontare, che vanno dalle tattiche operative e la resilienza economica alle dinamiche interne e agli aspetti psicologici della guerra. Fornisce preziose informazioni sugli adattamenti strategici della NATO in risposta all’evoluzione del contesto di sicurezza, evidenziando la necessità di un approccio globale alla sicurezza internazionale che comprenda minacce sia tradizionali che non tradizionali. Questa questione non solo contribuisce al dibattito accademico ma ha anche implicazioni pratiche per i politici e gli strateghi militari coinvolti nel delineare la futura direzione della NATO.

Il ruolo strategico dell’Italia nella NATO: sfruttare le opportunità geopolitiche nel Mediterraneo e oltre

La posizione geografica dell’Italia e le sue relazioni bilaterali rappresentano un’opportunità unica per la nazione di elevare il proprio status all’interno dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) . Ciò avviene in un momento cruciale in cui il fianco meridionale della NATO, in particolare nel contesto del recente conflitto Israele-Hamas, richiede una gestione e una leadership adeguate.

La posizione vantaggiosa dell’Italia nel Mediterraneo, unita alla sua posizione politica, la posiziona perfettamente per assumere un ruolo di leadership sia nel Mediterraneo che in Africa. La nazione ha già stabilito forti partenariati con i paesi della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA), principalmente attraverso iniziative energetiche e di sviluppo. Il lancio del Piano Mattei rappresenta una mossa strategica dell’Italia per rafforzare la propria influenza in questi ambiti.

Il gennaio 2025 segna una pietra miliare significativa per l’Italia all’interno della NATO, poiché l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, attuale Capo della Difesa italiano, presiederà il Comitato militare della NATO. Questa nomina, insieme al ruolo dell’Italia nell’ospitare basi statunitensi e posizioni chiave della NATO come il Joint Force Command-Napoli, fornisce all’Italia un’eccellente piattaforma per rafforzare la sua influenza nel processo decisionale della NATO, in particolare in un momento in cui il focus dell’alleanza è si stanno sempre più spostando verso est e verso nord.

L’amministrazione del Primo Ministro Giorgia Meloni dimostra un forte impegno nei confronti della NATO, una posizione che ha raccolto ampio sostegno sia a livello nazionale che internazionale. Ciò è evidente nell’espansione della politica estera italiana, che ora si estende oltre il Mediterraneo nella regione dell’Indo-Pacifico, allineandosi con la strategia globale della NATO. In seguito al vertice NATO di Bruxelles del 2022, in cui la Cina è stata etichettata come una “sfida sistemica”, l’Italia si è ritirata strategicamente dall’iniziativa cinese Belt and Road nel 2023. Rafforzando il suo impegno in Asia, l’Italia ha rafforzato i partenariati strategici con il Giappone e l’India e ha presentato la sua strategia indo-asiatica. Linee guida del Pacifico.

Il Piano Mattei, pietra angolare della politica estera della Meloni, simboleggia l’ambizione dell’Italia di diventare l’ “Hub mediterraneo” della NATO. L’approccio proattivo del governo nel promuovere questo piano mira a rafforzare i partenariati energetici con i principali attori regionali come Algeria, Libia e Qatar. In tal modo, l’Italia si posiziona come un anello vitale nelle collaborazioni transatlantiche, collegando i partenariati euro-atlantici e gestendo le tensioni regionali. Questo ruolo è fondamentale per far avanzare l’agenda della NATO su questioni importanti come il terrorismo e la sicurezza energetica.

Il fermo sostegno dell’Italia all’Ucraina e i suoi piani di modernizzazione militare rafforzano la sua posizione di partner affidabile all’interno della NATO. La decisione del governo di estendere l’assistenza a Kiev fino al 2025 sottolinea la crescente importanza dell’Italia, soprattutto perché il sostegno all’Ucraina diventa sempre più critico.

Guardando al futuro, l’Italia deve intraprendere passi concreti per consolidare il proprio ruolo influente all’interno della NATO. Una priorità fondamentale è l’attuazione del Piano Mattei, approvato ufficialmente il 3 novembre. Questa iniziativa strategica è progettata per trasformare l’Italia nell’hub energetico europeo nel Mediterraneo e per favorire la cooperazione paritaria con i paesi africani. Per il successo del piano, l’Italia deve avviare rapidamente iniziative a sostegno dello sviluppo economico in Africa, come delineato dal Primo Ministro Meloni. Ciò richiede notevoli investimenti finanziari e impegno diplomatico, con partenariati significativi che dovrebbero essere annunciati al Dialogo Mediterraneo di Roma del 2024.

Un altro passo cruciale per l’Italia è portare avanti i suoi sforzi di modernizzazione militare. Sotto la guida del Ministro della Difesa Guido Crosetto, il piano del Ministero della Difesa per il periodo 2023-2025 enfatizza gli investimenti intelligenti in tecnologie all’avanguardia per migliorare le capacità militari dell’Italia.

Questa strategia è particolarmente importante alla luce delle imminenti elezioni americane del 2024, in cui l’entità del sostegno statunitense all’Europa potrebbe dipendere dalle capacità di autodifesa dei paesi della NATO. L’Italia dovrebbe sfruttare le proprie connessioni commerciali per promuovere progetti di difesa congiunti con partner europei, basandosi sulle collaborazioni esistenti come il progetto di sviluppo dei carri armati di Leonardo con il franco-tedesco KMW+Nexter Defense Systems e la joint venture Naviris tra Fincantieri e il gruppo navale francese.

Il coordinamento con la Francia rappresenta una componente complessa ma cruciale della strategia italiana. Il Trattato del Quirinale, in vigore dal febbraio 2023, fornisce una piattaforma per il coordinamento bilaterale, in particolare per quanto riguarda il fianco meridionale della NATO. L’Italia può utilizzare i suoi partenariati nordafricani e il Piano Mattei per mitigare il divario lasciato dal ritiro della Francia dal Sahel. Questo trattato offre anche un meccanismo per risolvere potenziali disaccordi e coordinare gli sforzi nella cooperazione industriale della difesa, nell’energia e nella migrazione.

Una sfida significativa per l’Italia è garantire un finanziamento sostenibile per la spesa militare. Attualmente, l’Italia stanzia l’1,46% del suo Pil per la difesa, classificandosi al 24° posto tra i membri della NATO, con l’obiettivo di raggiungere l’obiettivo del 2% dell’alleanza entro il 2028. Tuttavia, il raggiungimento di questo obiettivo rimane incerto. Con la possibilità di una presidenza americana scettica nei confronti della NATO, l’Italia corre il rischio di avere difficoltà a rispettare i propri impegni di spesa per la difesa. La leadership italiana deve cogliere l’attuale clima geopolitico per enfatizzare i benefici della spesa per la difesa per l’industria, la competitività e la sicurezza generale del Paese.

In sintesi, la posizione strategica dell’Italia e i partenariati bilaterali offrono alla nazione un’importante finestra di opportunità per rafforzare il proprio ruolo all’interno della NATO, in particolare nella gestione del fianco meridionale dell’alleanza.

Questo momento è cruciale affinché i politici italiani agiscano con decisione e in coordinamento con gli alleati della NATO per affrontare questi tempi turbolenti e prepararsi per le sfide future. Le iniziative strategiche dell’Italia, in particolare il Piano Mattei e la modernizzazione militare, insieme ai suoi partenariati rafforzati nel Mediterraneo, in Africa e nell’Indo-Pacifico, posizionano il Paese come un attore chiave nella strategia in evoluzione della NATO.

Sfruttando i suoi vantaggi geografici e politici unici, l’Italia ha il potenziale per contribuire in modo significativo agli obiettivi dell’alleanza e rafforzare la propria statura sulla scena internazionale. La riuscita attuazione di questi piani e il rafforzamento delle alleanze non solo rafforzeranno il ruolo dell’Italia all’interno della NATO, ma garantiranno anche stabilità e sicurezza nel Mediterraneo e oltre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.