Report Esclusivo: I principali produttori mondiali di oro per il 2023 – previsioni per il 2024

0
56

Nel 2023, il panorama globale della produzione di oro era dominato da tre attori chiave: Cina, Australia e Russia. Insieme, questi paesi hanno contribuito in modo significativo alla produzione totale di oro mondiale. La Cina ha guidato la carica, producendo 370 tonnellate, pari a oltre il 12% del totale globale. Australia e Russia seguirono da vicino, producendo ciascuna 310 tonnellate. Questo articolo approfondisce gli intricati dettagli della produzione di oro in queste nazioni produttrici di alto livello, esaminando le principali miniere, aziende e impatti economici coinvolti.

Il dominio della Cina nella produzione di oro

La Cina è da diversi anni leader mondiale nella produzione di oro. Nel 2023, la Cina ha mantenuto la sua prima posizione producendo 370 tonnellate di oro. Questa produzione sostanziale è concentrata principalmente nelle province orientali come Shandong, Henan, Fujian e Liaoning. All’inizio del 2024, le riserve minerarie d’oro del paese erano stimate a 3.000 tonnellate, ovvero circa il 5% del totale globale di 59.000 tonnellate.

I principali attori dell’industria dell’oro cinese includono imprese statali come China Gold International Resources, Shandong Gold e Zijin Mining Group. Queste aziende non solo dominano la produzione nazionale, ma partecipano anche attivamente a progetti globali di esplorazione e sviluppo dell’oro, in particolare nell’ambito della Belt and Road Initiative cinese.

Oltre alle sue capacità produttive, la Cina è emersa come il maggiore acquirente di oro nel 2023. La sola banca centrale cinese ha acquistato 225 tonnellate di oro, riflettendo la mossa strategica del paese volta a rafforzare le proprie riserve in un contesto di incertezze economiche globali.

L’industria mineraria dell’oro australiana

La produzione di oro dell’Australia nel 2023 ha raggiunto le 310 tonnellate, mantenendo la sua posizione di secondo produttore a livello globale. Il paese ospita le più grandi riserve auree del mondo, per un totale di 12.000 tonnellate. La regione dell’Australia occidentale, in particolare la miniera di Boddington gestita dalla Newmont Corporation, è l’epicentro della produzione d’oro nel paese. Solo questa miniera ha prodotto 589.000 once d’oro nei primi tre trimestri del 2023.

L’industria mineraria dell’oro in Australia contribuisce in modo significativo all’economia nazionale. Durante il periodo 2022-2023, ha aggiunto 24 miliardi di dollari all’economia australiana. Aziende come Newmont Corporation e gli enti locali svolgono un ruolo cruciale nel sostenere ed espandere le capacità di produzione dell’oro.

La produzione di oro della Russia nel mezzo delle tensioni geopolitiche

La Russia, con una produzione di 310 tonnellate nel 2023, è il secondo produttore di oro insieme all’Australia. Le riserve auree del paese sono seconde solo a quelle dell’Australia, stimate in 11.000 tonnellate. I principali contributori alla produzione di oro della Russia includono grandi operazioni minerarie come Polyus e Polymetal International.

Il conflitto in corso tra Russia e Ucraina ha posto sfide alle vendite di oro russo, portando il Paese a cercare mercati alternativi. C’è stato uno spostamento significativo verso i paesi BRICS e altri mercati asiatici, compreso il Kazakistan, come nuove strade per l’oro russo.

Contributi del Nord America: Canada e Stati Uniti

Canada

La produzione di oro del Canada nel 2023 è stata di 200 tonnellate, segnando un leggero calo rispetto all’anno precedente. La maggior parte di questa produzione proviene dalle province dell’Ontario e del Quebec, che insieme rappresentano oltre il 70% della produzione del paese. Anche il Triangolo d’Oro nella Columbia Britannica è diventato un punto caldo per l’esplorazione dell’oro, con scoperte significative da parte di aziende come Goliath Resources.

L’oro rimane la merce mineraria più preziosa del Canada, con esportazioni pari a 22,34 miliardi di dollari nel 2022. Le riserve auree stimate del paese sono significative, sostenute dalle continue attività di esplorazione e sviluppo.

Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno prodotto 170 tonnellate di oro nel 2023, continuando un trend di produzione in calo rispetto a un picco di 237 tonnellate nel 2017. Il Nevada è il più grande stato produttore di oro, contribuendo per il 73% alla produzione nazionale. Le risorse aurifere stimate non ancora scoperte negli Stati Uniti ammontano a circa 33.000 tonnellate, evidenziando un potenziale significativo per l’esplorazione e la produzione futura.

Produttori di oro emergenti e affermati

Kazakistan

La produzione di oro del Kazakistan ha registrato un aumento costante nel corso degli anni, raggiungendo le 130 tonnellate nel 2023. La più grande miniera d’oro del paese, Altyntau Kokshetau, è di proprietà di Glencore. Nonostante le tensioni geopolitiche e le sfide economiche, il Kazakistan continua a rafforzare le proprie capacità di produzione di oro.

Messico

Il Messico ha prodotto 120 tonnellate di oro nel 2023, con una ricca storia di estrazione dell’oro. La miniera Herradura, di proprietà di Fresnillo, è uno dei principali contributori, producendo 355.485 once d’oro nel 2023. L’estrazione dell’oro rimane un settore cruciale per l’economia messicana, con le società straniere che svolgono un ruolo significativo nella produzione e nell’esplorazione.

Indonesia

La produzione di oro dell’Indonesia ha raggiunto le 110 tonnellate nel 2023, con il distretto minerario di Grasberg che è la più grande miniera d’oro. Questa joint venture tra Freeport-McMoRan e Indonesia Asahan Aluminium ha prodotto 1,98 milioni di once troy d’oro nel 2023, evidenziando l’importanza dell’Indonesia nel mercato globale dell’oro.

Sud Africa

Il Sudafrica ha visto un aumento della produzione di oro da 89 tonnellate nel 2022 a 100 tonnellate nel 2023. Nonostante i cali storici, il paese rimane un attore chiave grazie alle sue significative riserve auree e al bacino del Witwatersrand, una delle più grandi aree di risorse aurifere a livello globale. Tuttavia, l’industria mineraria si trova ad affrontare sfide quali scioperi e carenza di energia elettrica.

Uzbekistan

L’Uzbekistan ha mantenuto una produzione di oro stabile a 100 tonnellate nel 2023. La miniera di Muruntau, gestita dalla Navoi Mining and Metallurgical Company, è una delle più grandi miniere d’oro a livello globale, con una produzione e riserve annuali significative. Si prevede che nei prossimi anni i miglioramenti alla miniera di Muruntau incrementeranno ulteriormente la produzione.

Consumo globale di oro e tendenze del mercato

Nel 2023, la maggior parte dell’oro prodotto è stata utilizzata nella produzione di gioielli, che rappresentava il 46% del consumo globale. Le banche centrali e le istituzioni sono stati acquirenti importanti, detenendo il 23% dell’oro. Lingotti e monete fisiche rappresentavano rispettivamente il 16% e il 9% dei consumi, mentre il restante 6% veniva utilizzato nell’elettronica e in altre applicazioni.

Il mercato globale dell’oro è stato influenzato da varie tensioni geopolitiche, compresi i conflitti in Ucraina e Medio Oriente, nonché dalle incertezze economiche nelle principali economie come gli Stati Uniti. Nonostante i prezzi elevati dell’oro, gli investitori occidentali sono stati cauti, con un sostegno sostanziale proveniente dagli acquisti delle banche centrali in paesi come Turchia, Cina e India.

Ecco la tabella dettagliata con le informazioni aggiornate ad oggi, inclusi i dati analitici per i principali produttori di oro del mondo nel 2023:

PaeseRegioneProduzione 2023 (tonnellate)Principali miniere e aziendeRiserve (tonnellate)Principali acquirenti/consumatoriImpatto economicoSfide
CinaAsia370Shandong Gold, Zijin Mining, China Gold International Resources. Principali miniere nello Shandong, Henan, Fujian, Liaoning3.000Banca centrale (225 tonnellate nel 2023), mercato della gioielleriaMaggiore acquirente di oro, significativo coinvolgimento dello Stato, parte della Belt and Road Initiative, acquisti da parte della banca centraleTensioni geopolitiche, normative ambientali, necessità di nuove tecnologie
AustraliaOceania310Newmont Corporation (miniera di Boddington), Evolution Mining, Northern Star Resources12.000Mercato della gioielleria, settore degli investimentiContributo di 24 miliardi di dollari all’economia (2022-2023), ampia base di riserva, progressi tecnologiciPreoccupazioni ambientali, questioni lavorative, fluttuazione dei prezzi dell’oro
RussiaEuropa310Polyus, Polymetal International, numerose miniere in Siberia ed Estremo Oriente11.000Paesi BRICS, mercati asiatici (a causa dei cambiamenti geopolitici)Aumento della produzione dal 2017, riserve significative, cambiamenti strategici del mercatoSanzioni, limitazioni all’accesso al mercato dovute a tensioni geopolitiche, necessità di diversificazione
CanadaNord America200Barrick Gold, Agnico Eagle, Goldcorp. Regioni chiave: Ontario, Quebec, Columbia Britannica (Triangolo d’oro)2.300Mercati di esportazione, principalmente Stati Uniti ed EuropaEsportazioni per 22,34 miliardi di dollari (2022), ruolo importante dell’Ontario e del Quebec nella produzione e attività di esplorazione nella Columbia BritannicaCambiamenti normativi, impatto ambientale, fluttuazione dei prezzi delle materie prime
Stati UnitiNord America170Newmont Goldcorp, Barrick Gold, Kinross Gold. Principali miniere del Nevada, Alaska3.000Mercato della gioielleria, settore degli investimenti, riserve della banca centraleProduzione significativa dal Nevada (73%), risorse stimate non ancora scoperte (33.000 tonnellate)Calo della produzione, normative ambientali, costi minerari, necessità di progressi tecnologici
KazakistanAsia130Altyntau Kokshetau (Glencore), Kazzinc (filiale di Glencore)1.000Mercati di esportazione in Asia ed EuropaProduzione in aumento dal 2016, riserve importanti, posizione strategicaRischi geopolitici, dipendenza dai mercati internazionali, sfide operative
MessicoNord America120Fresnillo (miniera di Herradura), Newmont Goldcorp, Agnico Eagle1.400Mercato della gioielleria, mercati di esportazioneLunga storia di estrazione dell’oro, contributo significativo all’economia nazionale, ruolo importante delle società straniere nella produzioneSfide normative, impatto ambientale, dipendenza dalle imprese straniere
IndonesiaAsia110Freeport-McMoRan (distretto minerario di Grasberg), Indonesia Asahan Aluminium2.600Mercati interni ed esteriGrande produttore, riserve significative, joint venture con aziende internazionaliCambiamenti normativi, preoccupazioni ambientali, necessità di miglioramenti infrastrutturali
Sud AfricaAfrica100AngloGold Ashanti, Sibanye Stillwater, Harmony Gold. Regioni chiave: bacino del Witwatersrand5.000Mercato della gioielleria, mercati di esportazione, settore degli investimentiLeader storico nella produzione di oro, grandi riserve, ruolo significativo nel mercato globaleScioperi, carenza di energia, infrastrutture obsolete, sfide normative e ambientali
UzbekistanAsia100Navoi Mining and Metallurgical Company (miniera di Muruntau)4.500Mercati di esportazione, principalmente verso Cina e RussiaSi prevede che produzione stabile, riserve significative e miglioramenti continui alla miniera di Muruntau incrementeranno la produzioneRischi geopolitici, dipendenza dai mercati chiave, necessità di modernizzazione e miglioramenti tecnologici
GhanaAfrica90Newmont Goldcorp, Gold Fields, AngloGold Ashanti1.000Mercati di esportazione, mercato della gioielleriaMaggiore produttore in Africa, significativo contributo economico, attività di esplorazione e sviluppoCambiamenti normativi, preoccupazioni ambientali, dipendenza dalle società straniere
PerùSud America90Barrick Gold, Newmont Goldcorp, Buenaventura. Miniere principali: Yanacocha, Lagunas Norte2.500Mercati di esportazione, principalmente Stati Uniti ed EuropaIndustria mineraria storica, riserve significative, ruolo importante nell’economia nazionaleConflitti sociali, sfide normative, impatto ambientale
BrasileSud America60Vale, AngloGold Ashanti, Yamana Gold2.400Mercato della gioielleria, mercati di esportazioneImportante produttore di oro, importanti riserve, contributo all’economia nazionaleNormative ambientali, sfide operative, necessità di miglioramenti infrastrutturali
Burkina FasoAfrica60IAMGOLD, Endeavour Mining, Roxgold1.000Mercati di esportazione, mercato della gioielleriaIndustria dell’oro in crescita, attività di esplorazione significative, importante contributore economicoInstabilità politica, problemi di sicurezza, cambiamenti normativi
AvevanoAfrica60Barrick Gold, AngloGold Ashanti, Resolute Mining800Mercati di esportazione, mercato della gioielleriaPrincipale produttore in Africa, importanti attività di esplorazione e sviluppoInstabilità politica, preoccupazioni per la sicurezza, sfide normative e ambientali
TanzaniaAfrica60Barrick Gold, AngloGold Ashanti, Shanta Gold1.200Mercati di esportazione, mercato della gioielleriaIndustria dell’oro in crescita, importante contributore economico, significative attività di esplorazione e sviluppoCambiamenti normativi, preoccupazioni ambientali, necessità di miglioramenti infrastrutturali
Resto del mondo700VariVariVariVari

Approfondimenti analitici

Tendenze della produzione e prospettive future

Il panorama globale della produzione di oro nel 2023 è stato influenzato da diversi fattori, tra cui tensioni geopolitiche, incertezze economiche e fluttuazioni dei prezzi dell’oro. Gli elevati prezzi dell’oro, che hanno raggiunto livelli record superiori a 2.400 dollari a maggio, hanno stimolato un aumento degli investimenti e della produzione in molti dei principali paesi produttori di oro.

Nonostante queste sfide, le prospettive a medio termine per la produzione globale di oro rimangono positive. Secondo Fitch Solutions, la produzione globale delle miniere d’oro dovrebbe crescere del 15% dal 2023 al 2032, spinta dai prezzi elevati che incoraggiano gli investimenti e lo sviluppo di nuovi progetti minerari.

Impatti geopolitici ed economici

Le tensioni geopolitiche, in particolare il conflitto Russia-Ucraina e le tensioni in Medio Oriente, hanno avuto un impatto significativo sui mercati dell’oro. Questi eventi hanno portato ad un aumento degli acquisti di oro da parte delle banche centrali in paesi come Turchia, Cina e India, fornendo un forte sostegno ai prezzi dell’oro.

Negli Stati Uniti, le incertezze economiche in vista delle elezioni di novembre hanno influenzato anche il mercato dell’oro. Nonostante i prezzi elevati, gli investitori occidentali sono rimasti cauti, preferendo osservare le tendenze del mercato prima di effettuare investimenti significativi.

Progressi tecnologici e considerazioni ambientali

I progressi tecnologici nei processi di estrazione e raffinazione continuano a svolgere un ruolo cruciale nell’aumento dell’efficienza produttiva e nella riduzione dell’impatto ambientale. Paesi come l’Australia e il Canada sono leader nell’implementazione di nuove tecnologie per migliorare le loro capacità di produzione di oro.

Le considerazioni ambientali rimangono una sfida significativa per l’industria dell’estrazione dell’oro. Regolamentazioni più severe e la necessità di pratiche minerarie sostenibili stanno spingendo le aziende ad adottare metodi e tecnologie più rispettosi dell’ambiente.

Dinamiche di mercato e comportamento dei consumatori

Anche il comportamento dei consumatori e le dinamiche del mercato stanno modellando il panorama della produzione di oro. I gioielli rimangono il maggiore consumatore di oro, rappresentando il 46% del consumo globale. Le banche centrali e le istituzioni sono acquirenti importanti, detenendo il 23% dell’oro, mentre i lingotti e le monete fisiche rappresentano rispettivamente il 16% e il 9% dei consumi.

Nei mercati emergenti, le forti vendite al dettaglio hanno fornito ulteriore supporto ai prezzi dell’oro. Paesi come Cina e India hanno registrato una forte domanda di gioielli in oro e prodotti di investimento, influenzando ulteriormente i mercati globali dell’oro.

Il panorama globale della produzione di oro nel 2023 evidenzia i contributi significativi dei principali paesi produttori di oro, l’impatto di fattori geopolitici ed economici e le sfide e le opportunità in corso nel settore. Con continui investimenti nell’esplorazione, nei progressi tecnologici e nei cambiamenti strategici del mercato, il futuro dell’estrazione dell’oro rimane dinamico e parte integrante dell’economia globale.

DETENZIONI UFFICIALI MONDIALI IN ORO

Il panorama delle riserve auree globali è un quadro affascinante che riflette le priorità economiche e le considerazioni strategiche dei paesi di tutto il mondo. A giugno 2024, i dati sulle statistiche finanziarie internazionali rivelano un quadro complesso delle riserve auree detenute da varie nazioni e istituzioni. Questo articolo approfondisce i dettagli di queste partecipazioni, esaminando le cifre, le tendenze e le implicazioni in modo analitico, integrato con gli ultimi aggiornamenti e dati disponibili ad oggi.

Gli Stati Uniti continuano a dominare le riserve auree globali, con l’incredibile cifra di 8.133,5 tonnellate, che rappresentano il 72,3% delle loro riserve ad aprile 2024. Questa riserva sostanziale sottolinea l’enfasi strategica del paese sull’oro come copertura contro l’incertezza economica e come asset stabilizzante in il suo quadro di politica monetaria. Segue la Germania con 3.351,9 tonnellate, che costituiscono il 71,6% delle sue riserve, riflettendo la sua forte posizione economica all’interno dell’Eurozona e l’importanza che attribuisce all’oro per la stabilità finanziaria.

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ne detiene 2.814 tonnellate, una cifra significativa considerando il suo ruolo nella stabilità economica globale e nella cooperazione monetaria. Anche Italia e Francia, rispettivamente con 2.451,8 e 2.437 tonnellate, hanno un ruolo di primo piano, ciascuna con oltre il 68% delle proprie riserve in oro. Questa forte presenza di paesi europei tra i principali detentori evidenzia la storica dipendenza del continente dall’oro e la sua continua rilevanza nelle loro strategie economiche.

La Federazione Russa, con 2.335,9 tonnellate, rappresenta uno spostamento strategico verso l’oro come mezzo per diversificare le riserve e ridurre la dipendenza dalle valute estere, in particolare dal dollaro USA. Ciò fa parte di una tendenza più ampia di diversi paesi ad aumentare le proprie riserve auree in risposta alle tensioni geopolitiche e alle sanzioni economiche.

La Cina, con 2.264,3 tonnellate, detiene solo il 4,9% delle sue riserve in oro, indicando una strategia di riserva più diversificata che include significative riserve di valuta estera. La Svizzera, nota per la sua stabilità finanziaria e il settore bancario, ne detiene 1.040 tonnellate, ovvero l’8,7% delle sue riserve.

Giappone e India, due delle principali economie asiatiche, detengono rispettivamente 846 e 827,7 tonnellate. Le riserve auree del Giappone costituiscono il 4,9% delle sue riserve totali, mentre le riserve dell’India rappresentano il 9,5%. Queste cifre riflettono le diverse strategie economiche e il contesto storico dell’utilizzo dell’oro in questi paesi.

Anche i Paesi Bassi, con 612,5 tonnellate, e la Turchia, con 578,2 tonnellate, fanno una presenza significativa. Le riserve auree della Turchia, che costituiscono il 39,4% delle sue riserve, fanno parte della sua strategia per rafforzare la sicurezza economica in un contesto di instabilità regionale e sfide economiche.

La Banca Centrale Europea (BCE) ne detiene 506,5 tonnellate, che rappresentano il 36,9% delle sue riserve. Ciò evidenzia il ruolo della BCE nella gestione della politica monetaria dell’Eurozona e l’importanza dell’oro nelle sue riserve.

La provincia cinese di Taiwan detiene 422,4 tonnellate e le riserve del Portogallo ammontano a 382,6 tonnellate, con quest’ultimo che ha un elevato rapporto oro/riserve del 74,3%. La Polonia, con 363,4 tonnellate, ha aumentato le sue riserve auree negli ultimi anni, riflettendo una mossa strategica per migliorare la stabilità finanziaria.

Le riserve dell’Uzbekistan pari a 356,4 tonnellate, che rappresentano il 75,5% delle sue riserve totali, evidenziano la sua dipendenza dall’oro nel contesto delle dinamiche economiche regionali. Anche l’Arabia Saudita, con 323,1 tonnellate, e il Kazakistan, con 316,5 tonnellate, hanno un ruolo di rilievo, ciascuno dei quali mantiene porzioni significative delle proprie riserve in oro.

Il Regno Unito, con 310,3 tonnellate, rappresenta il 13,5% delle sue riserve. Ciò riflette l’approccio equilibrato del Regno Unito alla gestione delle riserve nonostante le complessità della Brexit e le sue ripercussioni economiche. Il Libano, con 286,8 tonnellate, ha uno dei rapporti oro/riserve più alti pari al 59,6%, sottolineando la sua dipendenza dall’oro per la stabilità economica.

La Spagna ne detiene 281,6 tonnellate, che costituiscono il 20,2% delle sue riserve. Le riserve austriache di 280 tonnellate, che rappresentano il 63,2% delle sue riserve totali, riflettono la sua enfasi strategica sull’oro all’interno del suo sistema finanziario. Singapore, con 240,8 tonnellate, e la Tailandia, con 234,5 tonnellate, dispongono di riserve minori ma significative che costituiscono parti importanti delle loro strategie economiche complessive.

Le 227,4 tonnellate del Belgio, che rappresentano il 39,9% delle sue riserve, evidenziano la sua tradizionale dipendenza dall’oro. Algeria e Venezuela, rispettivamente con 173,6 e 161,2 tonnellate, hanno un elevato rapporto oro/riserve, in particolare il Venezuela all’86,1%, che riflette le politiche economiche in un contesto di turbolenze politiche ed economiche.

Libia, Filippine, Iraq e Brasile, ciascuno con una quantità compresa tra 126 e 146,7 tonnellate, mostrano diversi approcci alle riserve auree in base alle loro circostanze economiche uniche e alle priorità strategiche. Anche l’Egitto, con 126,5 tonnellate, e il Sud Africa, con 125,4 tonnellate, hanno un ruolo di rilievo, ciascuno dei quali riflette le dinamiche economiche regionali e i contesti storici.

Messico, Grecia e Repubblica di Corea, con riserve che vanno da 104,4 a 120,4 tonnellate, rappresentano diverse strategie economiche e l’importanza dell’oro nei loro sistemi finanziari. Romania, Qatar e Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), con partecipazioni simili, sottolineano ulteriormente la diversa importanza dell’oro tra le diverse istituzioni finanziarie.

Ungheria, Australia e Kuwait, con riserve che vanno da 79 a 94,5 tonnellate, riflettono le decisioni strategiche di detenere oro come parte delle loro politiche economiche. L’Indonesia e gli Emirati Arabi Uniti, rispettivamente con 78,6 e 73,9 tonnellate, evidenziano approcci regionali alle riserve auree.

Danimarca, Giordania e Pakistan, con riserve comprese tra 64,7 e 66,5 tonnellate, mostrano diverse strategie nel detenere l’oro come risorsa stabilizzante. L’Argentina, con 61,7 tonnellate, riflette le sue politiche economiche in un contesto di sfide finanziarie.

Tra i detentori più piccoli, Bielorussia, Finlandia e Cambogia, con riserve che vanno da 42,5 a 54 tonnellate, dimostrano variazioni regionali nelle riserve di oro. Bulgaria, Serbia, Malesia e Repubblica Ceca, con partecipazioni simili, riflettono ulteriormente i diversi approcci alle riserve auree.

L’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (UEMOA), il Perù e la Repubblica slovacca, con riserve comprese tra 31,7 e 36,5 tonnellate, evidenziano il ruolo delle unioni regionali ed economiche nella gestione delle riserve auree. Ucraina ed Ecuador, con riserve rispettivamente di 27,1 e 26,3 tonnellate, riflettono decisioni strategiche in un contesto di sfide economiche.

I paesi con riserve più piccole, come la Repubblica araba siriana, la Repubblica del Kirghizistan e la Bolivia, dimostrano strategie economiche uniche nel detenere oro. Marocco, Afghanistan, Nigeria e Bangladesh, con riserve che vanno da 14,3 a 22,1 tonnellate, evidenziano ulteriormente la diversa importanza dell’oro nelle diverse regioni.

Altri paesi con riserve modeste includono Cipro, Curaçao e Sint Maarten, Mauritius e Irlanda. Queste nazioni detengono tra le 12 e le 13,9 tonnellate, riflettendo le loro specifiche politiche economiche e priorità strategiche.

Ghana, Paraguay e Nepal, con riserve che vanno da 8 a 8,7 tonnellate, mostrano approcci regionali alle riserve auree. Myanmar, Macedonia del Nord, Guatemala e Tunisia, con riserve comprese tra 6,8 e 7,3 tonnellate, dimostrano ulteriormente la diversità delle riserve auree nelle diverse economie.

Mongolia, Oman, Lettonia e Lituania, con riserve che vanno da 5,8 a 6,8 tonnellate, evidenziano strategie regionali per detenere oro come parte dei loro sistemi finanziari. La Comunità economica e monetaria dell’Africa centrale (BEAC), la Colombia e il Bahrein, con riserve di circa 4,7 tonnellate, riflettono l’importanza dell’oro nei loro quadri economici.

I detentori più piccoli, come Brunei Darussalam, Mozambico, Albania e Slovenia, con riserve che vanno da 3,2 a 4,5 tonnellate, dimostrano variazioni regionali nelle riserve di oro. Aruba, Lussemburgo e Hong Kong SAR, con riserve comprese tra 2,1 e 3,1 tonnellate, riflettono ulteriormente approcci diversi alle riserve auree.

I paesi con le riserve più piccole includono Islanda, Trinidad e Tobago, Yemen, Bosnia ed Erzegovina, Papua Nuova Guinea e Suriname. Queste nazioni detengono tra 1,2 e 2 tonnellate, mostrando riserve di oro minime ma significative come parte delle loro politiche economiche.

In totale, le riserve auree mondiali ammontano a 36.004,2 tonnellate, con vari paesi e istituzioni che ne detengono porzioni significative come parte delle loro strategie finanziarie. L’Eurozona, inclusa la BCE, detiene un totale complessivo di 10.771 tonnellate, riflettendo l’importanza dell’oro nel quadro finanziario dell’Eurozona. Il Fondo petrolifero statale della Repubblica dell’Azerbaigian (SOFAZ) detiene 104,8 tonnellate, evidenziando l’uso strategico dell’oro all’interno dei fondi patrimoniali nazionali.

Queste cifre, sebbene esaustive, sono in continua evoluzione man mano che i paesi adeguano le loro riserve auree in risposta alle condizioni economiche, agli eventi geopolitici e alle politiche finanziarie. La dinamica delle riserve auree continua a rappresentare un aspetto critico della stabilità finanziaria globale e della strategia economica.

DETENZIONI UFFICIALI MONDIALI IN ORO
Statistiche finanziarie internazionali, giugno 2024*
Tonnellate% delle riserve**Partecipazioni alTonnellate% delle riserve**Partecipazioni al
1Stati Uniti8.133,572,3%aprile 202451Bielorussia, Rep. di 4)54,047,1%Marzo 2024
2Germania3.351,971,6%aprile 202452Finlandia49,021,2%aprile 2024
3FMI2.814,01)aprile 202453Cambogia42,516,4%Luglio 2023
4Italia2.451,868,6%aprile 202454Bulgaria40,97,5%aprile 2024
5Francia2.437,069,8%aprile 202455Serbia, Rep. di40,711,2%Marzo 2024
6Federazione Russa2.335,929,1%aprile 202456Malaysia38,92,6%aprile 2024
7Cina, PR: terraferma2.264,34,9%aprile 202457Repubblica Ceca.37,21,9%aprile 2024
8Svizzera1.040,08,7%Marzo 202458WAEMU3 )36,518,0%Marzo 2024
9Giappone846,04,9%aprile 202459Perù34,73,6%Luglio 2021
10India827,79,5%aprile 202460Rep. Slovacca31,718,1%aprile 2024
11Paesi Bassi, Il612,561,7%aprile 202461Ucraina27,14,7%aprile 2024
12Turchia 5)578,239,4%Novembre 202262Ecuador26,336,2%Marzo 2024
13BCE506,536,9%aprile 202463Repubblica Araba Siriana25,810,3%Giugno 2011
14Provincia cinese di Taiwan422,45,2%Marzo 202464Rep. Kirghizistan25,553,2%aprile 2024
15Portogallo382,674,3%aprile 202465Bolivia23,587,9%dicembre 2023
16Polonia, Rep. di363,413,1%aprile 202466Marocco22,14,6%Marzo 2024
17Uzbekistan, Rep. di356,475,5%aprile 202467Afghanistan, Rep. Islamica di21,916,4%Maggio 2021
18Arabia Saudita323,15,3%Febbraio 202468Nigeria21,54,5%Gennaio 2018
19Kazakistan, Rep. di316,559,0%aprile 202469Bangladesh14,35,3%Marzo 2024
20Regno Unito310,313,5%aprile 202470Cipro13,953,0%aprile 2024
21Libano286,859,6%Settembre 202371Curaçao e Sint Maarten13,137,5%Novembre 2023
22Spagna281,620,2%aprile 202472Maurizio12,412,7%aprile 2024
23Austria280,063,2%aprile 202473Irlanda12,07,1%aprile 2024
24Singapore240,84,7%aprile 202474Ghana8,715,5%Gennaio 2024
25Tailandia234,57,9%aprile 202475Paraguay8,26,2%aprile 2024
26Belgio227,439,9%aprile 202476Nepal8,04,5%Marzo 2024
27Algeria173,615,5%aprile 202477Myanmar7,36,5%Marzo 2021
28Venezuela, Repubblica Bolivariana di161,286,1%giugno 201878Macedonia del Nord, Repubblica di6,911,0%aprile 2024
29Libia146,712,0%aprile 202479Guatemala6,92,4%aprile 2024
30Filippine145,710,4%Marzo 202480Tunisia6,86,2%aprile 2024
31Iraq145,79,8%Marzo 202481Mongolia6,810,2%Febbraio 2024
32Brasile129,72,7%aprile 202482Il mio6,72,8%Febbraio 2024
33Egitto, Rep. Araba di126,524,1%aprile 202483Lettonia6,710,0%aprile 2024
34Svezia125,715,2%aprile 202484Lituania5,87,8%aprile 2024
35Sud Africa125,415,1%aprile 202485BEAC9 )4,71)aprile 2024
36Messico120,44,0%aprile 202486Colombia4,70,6%Marzo 2024
37Grecia114,559,0%aprile 202487Bahrein, Regno di4,76,7%Marzo 2024
38Corea, Rep. di104,41,8%Marzo 202488Brunei Darussalam4,57,9%Febbraio 2024
39Romania103,610,3%aprile 202489Mozambico, Rep. di3,97,9%Marzo 2024
40Qatar102,514,6%Marzo 202490Albania3,44,2%Marzo 2024
41FINO A 2)102,01)Febbraio 202491Slovenia, Rep. di3,28,9%aprile 2024
42Ungheria94,514,0%aprile 202492Aruba, Regno dei Paesi Bassi3,115,0%Giugno 2023
43Australia79,910,8%aprile 202493Lussemburgo2,25,6%aprile 2024
44Kuwait79,011,0%Marzo 202494Regione amministrativa speciale di Hong Kong2,10,0%Marzo 2024
45Indonesia78,64,1%Marzo 202495Islanda2,02,3%aprile 2024
46Emirati Arabi Uniti73,92,8%Febbraio 202496Trinidad e Tobago1,92,7%aprile 2024
47Danimarca66,54,5%aprile 202497Yemen, Repubblica di1,62,2%Luglio 2014
48Giordania65,424,3%aprile 202498Bosnia Erzegovina1,51,2%Marzo 2024
49Pakistan64,731,6%aprile 202499Papua Nuova Guinea1,32,6%Giugno 2020
50Argentina61,716,6%aprile 2024100Suriname1,26,6%Marzo 2024
DETENZIONI UFFICIALI MONDIALI IN ORO
Statistiche finanziarie internazionali, giugno 2024*
AltroTonnellate% delle riserve**Partecipazioni al
Mondo 6)36.004,216,7%Marzo 2024
Area Euro (inclusa BCE)10.771,059,5%aprile 2024
Fondo petrolifero statale della Repubblica dell’Azerbaigian (SOFAZ) 8)104,813,2%marzo 2024

FONTE: US Geological Survey, Mineral Commodity Summaries, giugno 2024

Quale sarà l’andamento del mercato mondiale dell’oro per il 2024?

Il mercato globale dell’oro nel 2024 è pronto a mostrare diverse tendenze interessanti influenzate da fattori economici, geopolitici e tecnologici. Queste dinamiche determineranno i ruoli degli attori chiave nel mercato dell’oro, evidenziando le implicazioni per l’economia mondiale.

Il prezzo dell’oro ha costantemente dimostrato resilienza in condizioni economiche fluttuanti e si prevede che nel 2024 continui questa tendenza. Il World Gold Council riferisce che il primo trimestre del 2024 ha visto prezzi record, con una media dell’oro di 2.070 dollari l’oncia, con un aumento del 10% su base annua. Questo aumento dei prezzi è guidato da una combinazione di fattori, tra cui la domanda persistente da parte delle banche centrali, l’aumento degli investimenti over-the-counter (OTC) e la forte domanda da parte dei mercati asiatici.

Le banche centrali hanno avuto un ruolo importante nel mercato dell’oro, acquistando continuamente oro per diversificare le proprie riserve. Solo nel primo trimestre del 2024, le banche centrali hanno aggiunto 290 tonnellate di oro alle loro disponibilità. Questa continua accumulazione sottolinea l’importanza dell’oro come asset strategico, soprattutto in tempi di incertezza economica e tensione geopolitica. Paesi come Turchia, Cina e India sono stati in prima linea in questa tendenza, con la banca centrale turca che ha aumentato notevolmente le proprie riserve di 30 tonnellate durante questo periodo.

La domanda di investimenti in oro, in particolare sotto forma di lingotti e monete, rimane forte, guidata in gran parte dalle condizioni economiche nei principali mercati come Cina e India. In Cina, l’indebolimento della valuta locale e la scarsa performance dei mercati azionari nazionali hanno portato ad un rinnovato interesse per l’oro. Allo stesso modo, si prevede che la domanda di oro dell’India sarà sostenuta dalla crescita economica e dalle condizioni monsoniche favorevoli, nonostante i prezzi elevati dell’oro e le incertezze legate alle elezioni.

La domanda di gioielli, un’altra componente significativa del mercato dell’oro, ha mostrato resilienza nonostante i prezzi elevati. Questo settore è particolarmente influenzato da fattori culturali e condizioni economiche nei principali mercati come Cina e India. Anche i progressi tecnologici svolgono un ruolo, con la domanda di oro nell’elettronica e in altri settori destinata a crescere, guidata dal boom dell’intelligenza artificiale e dal maggiore utilizzo nel settore automobilistico.

Dal lato dell’offerta, la produzione delle miniere d’oro continua a crescere, con un aumento del 4% su base annua nel primo trimestre del 2024. Questa crescita è in gran parte attribuita all’aumento della produzione in paesi come Canada, Cina e Ghana. Anche il riciclaggio dell’oro ha registrato un aumento significativo, in risposta ai prezzi più alti e agli incentivi economici che spingono i privati ​​a vendere vecchi gioielli.

Guardando al futuro, il panorama economico svolgerà un ruolo cruciale nel plasmare le tendenze del mercato dell’oro. Il potenziale di un “atterraggio morbido” nell’economia statunitense, caratterizzata da una crescita economica moderata e da un’inflazione controllata, potrebbe creare un ambiente favorevole per l’oro. Tuttavia, la prospettiva della stagflazione – che combina stagnazione e inflazione – rimane una preoccupazione e potrebbe spingere ulteriormente la domanda di oro come bene rifugio.

Anche fattori geopolitici, come le tensioni e i conflitti in corso, influiscono in modo significativo sulla domanda di oro. Lo status dell’oro come bene rifugio significa che durante i periodi di elevato rischio geopolitico, la domanda in genere aumenta, facendo salire i prezzi.

In termini di dominio del mercato, diverse nazioni sono pronte a svolgere un ruolo cruciale. Cina e Russia, entrambi importanti produttori e consumatori di oro, continueranno probabilmente a dominare. Gli estesi investimenti della Cina nella produzione di oro e la sua ampia base di consumatori la posizionano come uno dei principali attori. Allo stesso modo, le notevoli riserve auree e le capacità produttive della Russia ne garantiscono l’influenza sul mercato.

Anche l’India, con la sua affinità culturale con l’oro e la crescente potenza economica, è un mercato fondamentale. Il settore della gioielleria del Paese rimane robusto e la crescente urbanizzazione e ricchezza probabilmente sosterranno elevati livelli di domanda. Nel frattempo, gli acquisti strategici della Turchia e il continuo accumulo da parte delle banche centrali riflettono la sua crescente importanza nel mercato globale dell’oro.

Le implicazioni del controllo della produzione di oro per l’economia mondiale sono profonde. Le nazioni con notevoli riserve auree e capacità produttive possono influenzare i prezzi globali dell’oro, incidendo sul commercio internazionale e sulla stabilità economica. Il ruolo dell’oro come copertura contro l’inflazione e la svalutazione monetaria significa che i paesi con significative riserve di oro possono gestire meglio gli shock economici e le crisi finanziarie.

Inoltre, il controllo sulla produzione dell’oro può rafforzare il potere geopolitico di una nazione. I paesi con consistenti riserve auree possono sfruttare queste risorse nei negoziati internazionali e come parte delle loro strategie di politica estera. Questo uso strategico dell’oro può fornire sicurezza economica e rafforzare la posizione di un paese sulla scena globale.

In conclusione, si prevede che il mercato dell’oro nel 2024 sarà modellato da una confluenza di fattori economici, geopolitici e tecnologici. I principali attori come Cina, India e Russia continueranno a dominare, sfruttando le proprie capacità produttive e le richieste di consumo. Per l’economia globale, il controllo sulla produzione di oro significa maggiore stabilità, sicurezza economica e influenza geopolitica. Mentre affrontiamo le complessità del 21° secolo, l’oro rimane una risorsa vitale, riflettendo il suo valore duraturo e la sua importanza strategica.


APPENDICE 1 – Domanda dei consumatori in paesi selezionati (tonnellate)

Domanda dei consumatori in paesi selezionati (tonnellate)
 20102011201220132014201520162017201820192020202120222023 Variazione % su base annua
India1.001,7974,0914,2958,6833,5857,2666,1771,2760,4690,4446,4797,3774,1761,0-2
Pakistan33,839,939,444,235,837,642,244,940,238,028,841,244,343,0-3
Sri Lanka0,00,00,00,09,110,710,511,29,67,94,34,13,910,5168
Grande Cina676,3873,0918,31.449,81.083,71.062,2985,01.029,71.058,4899,5641,3993,7824,9959,116
Cina, PR: terraferma645,7816,3856,31.345,51.005,3995,5929,4971,6994,3849,1612,7958,8789,0909,715
Regione amministrativa speciale di Hong Kong24,243,849,785,561,452,842,946,052,139,617,824,624,538,657
Provincia cinese di Taiwan6,313,012,418,817,013,812,812,211,910,810,810,211,410,8-5
Giappone-19,1-36,45,120,913,732,734,013,329,0-3,14,515,64,315,9273
Indonesia50,660,861,788,163,459,059,558,864,054,537,646,849,745,5-9
Malaysia16,719,819,626,624,820,417,817,518,917,613,114,918,516,6-10
Singapore9,913,114,820,920,518,117,116,616,415,09,411,514,912,5-16
Corea, Repubblica di19,226,628,040,839,745,539,241,241,038,935,439,632,427,6-15
Tailandia71,3113,6110,0153,8108,790,281,575,480,646,5-81,536,738,443,212
Vietnam82,3103,484,399,666,763,458,353,959,556,439,843,059,155,5-6
Australia0,00,00,00,00,00,00,00,00,00,00,030,936,225,1-31
Medio Oriente327,2301,4300,2388,9328,8302,8228,9241,7259,0231,2172,1219,9281,1285,42
Arabia Saudita84,572,565,984,784,084,460,254,449,646,031,144,250,152,34
Emirati Arabi Uniti76,968,260,078,566,060,251,252,241,939,126,741,655,351,0-8
Kuwait10,39,79,315,517,816,215,016,517,015,913,016,618,919,64
Egitto55,336,444,252,851,143,128,124,527,429,123,534,151,557,011
Repubblica Islamica dell’Iran85,098,2102,1127,775,467,345,164,591,269,656,351,871,771,80
Altro Medio Oriente15,216,618,629,734,631,629,229,632,031,521,531,633,633,80
Turchia108,8145,5114,0184,1116,772,170,193,674,189,3147,095,3121,7192,258
Federazione Russa60,364,467,779,775,547,942,042,345,648,134,846,860,771,217
Americhe303,8266,8224,2251,4224,6248,5266,5215,4209,9205,9237,3321,3311,1305,2-2
Stati Uniti226,7198,5160,2187,8164,7190,6210,1158,9154,4150,8187,3264,9252,4249,7-1
Canada20,420,617,619,618,417,517,917,016,517,420,826,027,523,8-13
Messico27,521,918,418,418,019,018,219,318,918,113,314,114,214,73
Brasile29,225,928,125,623,521,420,220,220,119,616,016,217,017,0-1
Europa ex CSI394,5421,6317,3336,5274,4297,6278,0266,5245,2225,0312,1342,5384,0202,0-47
Francia22,025,718,416,815,113,19,213,211,812,914,017,020,016,9-16
Germania136,6154,4118,9143,4111,3126,1121,1117,0106,996,2166,0173,7196,557,5-71
Italia34,226,922,621,119,919,219,018,818,518,213,817,319,418,7-4
Spagna11,68,28,47,88,38,58,38,48,78,86,97,88,18,21
Regno Unito40,838,835,032,733,334,437,133,634,632,229,634,835,731,0-13
Svizzera86,996,862,261,747,750,345,642,536,629,842,943,848,735,8-27
Austria13,715,110,413,010,212,210,89,78,26,211,612,214,24,1-71
L’altra Europa48,655,841,540,028,633,727,023,419,920,627,335,941,429,9-28
Totale sopra3.137,33.387,63.218,74.143,93.319,53.265,92.896,72.993,33.011,82.661,22.082,53.101,03.059,43.071,40
Altro e cambio stock124,0218,2259,8312,2279,6284,2280,0291,5329,1336,6218,0227,7252,2226,3-10
Totale mondiale3.261,33.605,83.478,54.456,13.599,13.550,13.176,73.284,83.340,92.997,82.300,53.328,63.311,63.297,7-0

Fonti: ICE Benchmark Administration, Metals Focus, Refinitiv GFMS, World Gold Council


APPENDICE 2 – SINTESI

Gioielleria
TonnellateQ1’23Q1’24 Variazione % su base annua
Totale mondiale488,9479,0-2
India91,995,54
Cina, PR: terraferma195,6184,2-6
Investimento
TonnellateQ1’23Q1’24 Variazione % su base annua
Investimento275,3198,6-28
Lingotto e moneta303,9312,33
India34,441,119
Cina, PR: terraferma65,9110,568
ETF garantiti dall’oro-28,6-113,7
Banche centrali e altri istituti
TonnellateQ1’23Q1’24 Variazione % su base annua
Banche centrali e altre istituzioni286,2289,71
Tecnologia
TonnellateQ1’23Q1’24 Variazione % su base annua
Tecnologia71,278,610
Elettronica57,164,413
Altro industriale11,711,92
Odontoiatria2,42,3-5
Fornitura
TonnellateQ1’23Q1’24 Variazione % su base annua
Fornitura totale1.206,41.238,33
Produzione in miniera855,1893,04
Copertura del produttore netto39,4-5,5
Oro riciclato311,9350,812

Fonti: ICE Benchmark Administration, Metals Focus, Refinitiv GFMS, World Gold Council


APPENDICE 3 – Situazione GOLD negli Stati Uniti

Produzione e utilizzo interno:

  • Produzione nazionale stimata (2023): 170 tonnellate
  • Valore della produzione: circa 10 miliardi di dollari
  • Stati chiave:
    • Nevada: principale produttore con circa il 73% della produzione nazionale totale
    • Alaska: secondo produttore più grande con circa il 13% dell’oro nazionale
  • Fonti di produzione:
    • Oltre 40 miniere di lode in 11 stati
    • Diverse grandi miniere di giacimento, principalmente in Alaska
    • Numerose miniere di giacimento più piccole, principalmente in Alaska e negli Stati occidentali
    • Circa il 6% proviene dal sottoprodotto della lavorazione dei minerali metallici di base nazionali, principalmente rame

Operazioni chiave:

  • Le 27 principali operazioni: rappresentano circa il 97% dell’oro estratto negli Stati Uniti
  • Raffinerie: circa 15 raffinerie d’oro di livello commerciale
  • Centri di produzione di gioielli: concentrati a New York, NY e Providence, RI, con concentrazioni minori in California, Florida e Texas

Statistiche salienti:

  • Produzione (in tonnellate):
    • Produzione in miniera: 2019 (201), 2020 (193), 2021 (187), 2022 (173), 2023 (170)
    • Raffineria primaria: 2019 (205), 2020 (181), 2021 (181), 2022 (181), 2023 (160)
    • Secondario (rottami): 2019 (116), 2020 (92), 2021 (92), 2022 (93), 2023 (90)
  • Importazioni per Consumo: 2019 (199), 2020 (545), 2021 (192), 2022 (138), 2023 (200)
  • Esportazioni: 2019 (360), 2020 (297), 2021 (386), 2022 (420), 2023 (250)
  • Consumi dichiarati: 2019 (151), 2020 (187), 2021 (265), 2022 (257), 2023 (250)
  • Azioni del Tesoro (fine anno): 2019-2023 (8.130 tonnellate)
  • Prezzo (per oncia troy): 2019 ($ 1.395), 2020 ($ 1.774), 2021 ($ 1.801), 2022 ($ 1.802), 2023 ($ 1.900)
  • Occupazione (miniera e cartiera): 2019 (11.800), 2020 (12.200), 2021 (12.500), 2022 (12.300), 2023 (12.000)
  • Dipendenza dalle importazioni nette: generalmente un esportatore (E)

Raccolta differenziata:

  • Riciclo 2023: stimate 90 tonnellate di rottami nuovi e vecchi, circa il 36% del consumo dichiarato

Fonti di importazione (2019-2022):

  • Minerali e concentrati: Canada (99%), altro (1%)
  • Dore: Messico (42%), Colombia (15%), Argentina (9%), Nicaragua (9%), altro (25%)
  • Lingotti: Svizzera (40%), Canada (23%), Singapore (7%), Sud Africa (7%), altro (23%)
  • Totale: Svizzera (26%), Messico (18%), Canada (16%), Colombia (8%), altro (32%)

Tariffe:

  • Contenuto di oro nei minerali d’argento: 0,8 ¢/kg sul contenuto di piombo
  • Contenuto di oro di altri minerali: 1,7 ¢/kg sul contenuto di piombo
  • Lingotti d’oro, dore e rottami: gratuiti

Indennità di esaurimento:

  • Nazionale: 15%
  • Stranieri: 14%

Produzione mondiale e riserve:

  • Produzione mineraria mondiale nel 2023: stimata in 3.000 tonnellate
  • Principali produttori:
    • Cina: 370 tonnellate
    • Australia: 310 tonnellate
    • Russia: 310 tonnellate
    • Canada: 200 tonnellate
  • Riserve: riserve globali stimate a 59.000 tonnellate

Tendenze del riciclo e del consumo dell’oro:

  • Fornitura di riciclo nel primo trimestre del 2023: aumentata del 7% rispetto al primo trimestre del 2022
  • Tendenze del consumo globale: gioielli (46%), banche centrali (23%), lingotti fisici (16%), monete e medaglie (9%), elettronica (5%), altro (1%)

Produzione e uso interno

Metrico20192020202120222023
Produzione mineraria (tonnellate)201193187173170
Valore della produzione (miliardi di dollari)10
Raffinerie15
I principali stati produttori di oroNVNVNVNVNV
Produzione del Nevada (%)73%
Produzione dell’Alaska (%)13%
Produzione di sottoprodotti (%)6%
Prime 27 operazioni (%)97%
Principali centri di produzione di gioielliNew York, RI, California, Florida, Texas

Statistiche salienti

Metrico20192020202120222023
Produzione mineraria (tonnellate)201193187173170
Raffineria primaria (tonnellate)205181181181160
Raffineria secondaria (tonnellate)11692929390
Importazioni (tonnellate)199545192138200
Esportazioni (tonnellate)360297386420250
Consumo (tonnellate)151187265257250
Azioni (Tesoro, tonnellate)8.1308.1308.1308.1308.130
Prezzo (USD per oncia troy)1.3951.7741.8011.8021.900
Occupazione (miniera e cartiera)11.80012.20012.50012.30012.000

Raccolta differenziata

Metrico20222023
Oro riciclato (tonnellate)9390
Percentuale di consumo (%)36%

Fonti di importazione (2019-2022)

FontePercentuale
Canada (minerali e concentrati)99%
Messico (Dore)42%
Colombia (Doré)15%
Argentina (Doré)9%
Nicaragua (Doré)9%
Svizzera (Lingotti)40%
Canada (Lingotti)23%
Singapore (Lingotti)7%
Sud Africa (Lingotti)7%
Svizzera (totale)26%
Messico (totale)18%
Canada (totale)16%
Colombia (totale)8%

Tariffe

ArticoloNumeroTasso tariffario
Minerali e concentrati di metalli preziosi (Argento)2616.10.00800,8 ¢/kg sul contenuto di piombo
Minerali e concentrati di metalli preziosi (altro)2616.90.00401,7 ¢/kg sul contenuto di piombo
Lingotto d’oro7108.12.1013Gratuito
Oro Doré7108.12.1020Gratuito
Rottami d’oro7112.91.0100Gratuito

Indennità di esaurimento

TipoPercentuale
Domestico15%
Straniero14%

Produzione e riserve minerarie mondiali

PaeseProduzione miniera 2022 (tonnellate)Produzione miniera 2023 (tonnellate)Riserve (tonnellate)
Stati Uniti1731703.000
Australia31431011.200
Brasile61602.400
Burkina Faso5860QUELLO
Canada2062002.300
Cina3723703.000
Ghana88901.000
Indonesia1051102.600
Kazakistan1151301.000
Avevano6460800
Messico1201201.400
Perù97902.300
Russia31031011.100
Sud Africa891005.000
Tanzania5760420
Uzbekistan1041001.800
Altro7267009.200
Totale mondiale3.0603.00059.000

Risorse mondiali

Tipo di risorsaTonnellate metriche
Risorse d’oro identificate15.000
Risorse d’oro da scoprire18.000
Totale risorse auree statunitensi33.000

Sostituti

MetalloCaso d’uso
PalladioProdotti elettrici ed elettronici
PlatinoProdotti elettrici ed elettronici
ArgentoProdotti elettrici ed elettronici

Questa tabella dettagliata cattura i valori analitici essenziali e i dati tecnici riguardanti la produzione e l’utilizzo dell’oro nel 2023

FONTE: US Geological Survey, Mineral Commodity Summaries, gennaio 2024


Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.