REPORT ESCLUSIVO – Un Pit Stop al Cremlino: l’UE ha importato 3 miliardi di euro di prodotti petroliferi dai porti turchi che movimentavano petrolio russo

0
42

Il panorama geopolitico del commercio energetico si è evoluto in modo significativo da quando il divieto sui prodotti petroliferi dell’UE/G7 è entrato in vigore il 5 febbraio 2023. Nell’arco di un anno, da febbraio 2023 a febbraio 2024, l’UE ha importato circa 5,16 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi del valore a 3,1 miliardi di euro dai porti turchi senza capacità di raffinazione, come Ceyhan, Marmara Ereğlisi e Mersin. In questo periodo, l’86% delle importazioni, in termini di valore, proveniva dalla Russia. Questo sviluppo sottolinea il ruolo fondamentale della Turchia nel mercato petrolifero globale, in particolare come intermediario per il petrolio russo.

Sfruttare le scappatoie legali

Le indagini condotte dal Centro per la ricerca sull’energia e l’aria pulita (CREA) e dal Centro per lo studio della democrazia (CSD) hanno rivelato che entità europee potrebbero aver importato prodotti petroliferi russi mescolati o riesportati dai terminali di stoccaggio turchi. Ad esempio, nel maggio 2023, il terminal petrolifero Toros Ceyhan ha ricevuto 26.923 tonnellate di gasolio da Novorossiysk, che sono state successivamente spedite alla raffineria MOH di Corinto in Grecia. Questo commercio sembra sfruttare una scappatoia legale che consente ai prodotti petroliferi russi miscelati di entrare nell’UE sotto diverse classificazioni.

Aumento delle importazioni e riesportazioni della Turchia

Dall’imposizione del divieto UE/G7, la Turchia ha aumentato significativamente le sue importazioni di prodotti petroliferi russi, raggiungendo i 17,6 miliardi di euro, un aumento del 105% rispetto all’anno precedente. In particolare, l’81% delle importazioni di petrolio della Turchia provengono dalla Russia, indicando una crescente dipendenza che potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza energetica della Turchia. Inoltre, il consumo interno di petrolio della Turchia è cresciuto dell’8% nel 2023, mentre le sue importazioni via mare sono aumentate del 56%, suggerendo che la Turchia sta diventando un importante hub di riesportazione piuttosto che limitarsi a soddisfare le sue esigenze interne.

Impatto sulle entrate russe

Le relazioni commerciali sono state molto vantaggiose per la Russia, generando circa 5,4 miliardi di euro di entrate fiscali dalle sue esportazioni verso la Turchia, finanziando e prolungando così le sue operazioni militari in Ucraina. Questa relazione fa parte di una strategia più ampia della Russia per eludere le sanzioni internazionali e mantenere la propria presenza sui mercati petroliferi globali. La Turchia è emersa come un facilitatore fondamentale di questa strategia, trasformandosi in un importante hub commerciale per il petrolio e il gas russi.

Rischi geopolitici

Il ruolo della Turchia come riesportatore di prodotti petroliferi russi verso i paesi dell’UE pone rischi geopolitici significativi. L’elevata dipendenza dalle forniture energetiche russe è stata storicamente un punto di leva per la Russia nelle sue strategie geopolitiche. L’aumento delle importazioni turche e le successive riesportazioni verso l’UE evidenziano una lacuna nel regime delle sanzioni, consentendo al petrolio russo di continuare a fluire in Europa nonostante il divieto.

Immagine: prodotti petroliferi trasportati via mare che fluiscono verso il porto turco – Mn tonnellate 02/2023 – 02/2024 – Fonte: CREA

Raccomandazioni politiche

Per affrontare questo problema, sono state proposte diverse raccomandazioni politiche:

  • Inasprimento della legislazione : l’UE deve rafforzare le sue norme sulle sanzioni per impedire l’importazione di prodotti petroliferi russi riesportati. La legislazione attuale è vaga su cosa costituisca un’evasione delle sanzioni, consentendo la continuazione del commercio di petrolio russo sotto etichette diverse.
  • Applicazione rafforzata : i paesi sanzionatori dovrebbero richiedere una rigorosa documentazione sulle “regole di origine” per garantire trasparenza e conformità. Ciò comporterebbe la modifica delle normative UE per includere la vera origine dei prodotti petroliferi.
  • Indagini e sanzioni : dovrebbero essere svolte indagini rigorose sulle spedizioni provenienti dai porti turchi, con sanzioni severe per i trasgressori. Ciò include l’imbarco sulle navi e il test dell’origine del petrolio per garantire il rispetto delle sanzioni.
  • Abbassare i prezzi massimi : la coalizione dovrebbe abbassare i prezzi massimi sui prodotti petroliferi per ridurre le entrate della Russia derivanti da queste esportazioni. Un tetto inferiore costringerebbe la Russia ad aumentare i volumi delle esportazioni per mantenere i livelli di entrate, diluendo così il proprio potere di mercato.
  • Eliminare le lacune dei prezzi di trasferimento : le autorità devono garantire che le società russe non utilizzino schemi di prezzi di trasferimento per evadere le tasse e aumentare i profitti dalle vendite di petrolio in diversi mercati. Ciò include la prevenzione del trasferimento dei profitti verso filiali offshore.

La posizione strategica della Turchia

La posizione strategica della Turchia sul Mar Nero la rende un hub attraente per i commercianti di petrolio che desiderano massimizzare i propri profitti. Gli impianti di stoccaggio del Paese sono diventati punti cruciali per il commercio dei prodotti petroliferi russi a livello globale, comprese regioni sanzionate come Regno Unito, Stati Uniti e UE, in particolare verso i principali acquirenti in Grecia, Italia, Spagna, Romania e Paesi Bassi. Questa analisi si concentra specificamente sui prodotti petroliferi raffinati che la Turchia importa dalla Russia e su come questi prodotti vengono poi esportati verso i paesi sanzionati.

Cambiamenti nelle importazioni della Turchia dopo le sanzioni

Il divieto UE/G7 sui prodotti petroliferi russi, in vigore da febbraio 2023, mirava a tagliare le entrate russe dalle esportazioni verso i paesi dell’UE e gli alleati dell’Ucraina. Nonostante le sanzioni, le importazioni turche di prodotti petroliferi russi sono aumentate in modo significativo, raggiungendo livelli record. Ad esempio, nel marzo 2023, appena un mese dopo l’entrata in vigore delle sanzioni, la Turchia ha ricevuto 39 spedizioni di prodotti petroliferi russi. Nel luglio 2023, le importazioni della Turchia di prodotti petroliferi russi hanno raggiunto il picco di 2,3 milioni di tonnellate, per un valore di 1,5 miliardi di euro.

Il ruolo dei porti turchi

I porti di Ceyhan, Marmara Ereğlisi e Mersin sono stati fondamentali per questo commercio. La situazione geografica di questi porti, combinata con i dati di import-export, indica che un volume significativo di carburante russo viene riconfezionato e riesportato nell’UE. Ad esempio, il porto di Ceyhan, che ha ricevuto 22 milioni di barili di carburante tra febbraio 2023 e febbraio 2024, ha visto il 92% di queste importazioni provenire dalla Russia. Nello stesso periodo, l’85% delle esportazioni di carburante del porto sono destinate all’UE.

Immagine: I 5 principali porti turchi esportatori di prodotti petroliferi – 02/2023 – 02/2024 – Fonte CREA

Implicazioni per la sicurezza energetica

L’aumento delle importazioni di prodotti petroliferi russi da parte della Turchia e la loro successiva riesportazione verso l’UE sottolineano le complessità del commercio energetico globale e le sfide legate all’applicazione delle sanzioni. Questa dinamica pone rischi significativi per la sicurezza energetica, poiché la dipendenza dalle forniture energetiche russe può essere utilizzata come strumento geopolitico.

Analisi dell’impatto delle importazioni di petrolio russo attraverso i porti turchi sulle sanzioni dell’UE

Da quando le nazioni dell’Unione Europea (UE) e del Gruppo dei Sette (G7) hanno imposto sanzioni sui prodotti petroliferi russi, i porti turchi, in particolare Ceyhan e Aliaga, hanno svolto un ruolo fondamentale nel trasbordo del petrolio russo verso i paesi dell’UE. Questo articolo approfondisce i dettagli intricati di come funzionano queste operazioni, le implicazioni economiche e le potenziali violazioni delle sanzioni internazionali. Fornisce inoltre un’analisi completa dei dati di spedizione, delle capacità portuali e del ruolo di terminali specifici nel facilitare il movimento dei prodotti petroliferi russi nell’UE.

Contesto e contesto

L’UE e i paesi del G7 hanno imposto sanzioni sui prodotti petroliferi russi in risposta alle tensioni geopolitiche e ai conflitti che coinvolgono la Russia. Queste sanzioni miravano a ridurre le entrate della Russia derivanti dalle esportazioni di petrolio, che rappresentano una parte significativa della sua economia. Tuttavia, l’intricata rete di logistica petrolifera e il posizionamento strategico dei porti turchi hanno creato strade affinché il petrolio russo continui a fluire nei mercati dell’UE.

Immagine: i 5 principali paesi dell’UE importatori di prodotti petroliferi dalla Turchia – 02/2023 – 02/2024 – fonte: CREA

Il ruolo dei porti turchi

Porto di Ceyhan

Il porto di Ceyhan, il secondo maggiore esportatore di prodotti petroliferi della Turchia verso l’UE dall’inizio delle sanzioni, ha importato un totale di 3,02 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi dalla Russia, pari al 92% (2,7 milioni di tonnellate per un valore di 1,9 miliardi di euro) del suo importazioni totali dall’entrata in vigore del divieto di importazione dell’UE fino alla fine di febbraio 2024. Nello stesso periodo, le esportazioni totali del porto sono state di oltre 3,6 milioni di tonnellate per un valore di 2,1 miliardi di euro. La maggior parte di queste esportazioni (3,2 milioni di tonnellate per un valore di 1,9 miliardi di euro) sono state dirette verso l’UE.

La discrepanza tra le importazioni e le esportazioni via mare di Ceyhan può essere parzialmente spiegata dalla presenza di una piccola raffineria nell’entroterra, che fornisce anche piccole quantità di prodotti petroliferi al porto. Ceyhan è collegata a tre oleodotti per il petrolio greggio: l’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC), l’oleodotto Kirkuk-Ceyhan e l’oleodotto Kırıkkale. I terminal sono inoltre collegati e serviti da servizi di trasporto stradale e ferroviario.

Porto di Aliaga

Sebbene il porto di Aliaga abbia esportato le maggiori quantità di prodotti petroliferi in termini di volume, esporta anche prodotti raffinati nella raffineria STAR della Turchia. Non esiste una raffineria di questo tipo nel porto di Ceyhan, il che sottolinea l’importanza strategica di Ceyhan nel contesto del trasbordo petrolifero russo.

Analisi Dettagliata delle Spedizioni e dei Terminal

Terminal GTS e Terminal Toros Ceyhan

Cinque importanti terminali di stoccaggio in Turchia sono responsabili della maggior parte delle importazioni turche di prodotti petroliferi dalla Russia, con il terminale GTS e Toros Ceyhan che sono i più significativi in ​​termini di attività di esportazione.

Terminale Toros Ceyhan:

  • Dall’entrata in vigore del divieto UE/G7 sui prodotti petroliferi russi, Toros Ceyhan ha importato 209.000 tonnellate di prodotti petroliferi, di cui circa il 90% provenienti dalla Russia.
  • Le sue esportazioni verso l’UE (216.000 tonnellate) superano leggermente le sue importazioni, suggerendo che l’impianto viene utilizzato per trasbordare il petrolio russo.
  • L’impianto, di proprietà di Toros Agri, è un terminal di stoccaggio senza capacità di raffinazione e viene utilizzato per immagazzinare e trasportare prodotti petroliferi, prodotti chimici e fertilizzanti.

Il 17 aprile 2023 la petroliera Magni Alexa, operante sotto bandiera panamense, ha ormeggiato nel porto russo di Novorossijsk e ha caricato 26.934 tonnellate di gasolio per un valore di 20,8 milioni di euro. I dati di tracciamento mostrano che la petroliera ha scaricato questo gasolio il 2 maggio 2023 presso l’impianto di stoccaggio Toros Ceyhan nel porto di Ceyhan in Turchia. Dieci giorni dopo, il 12 maggio, una seconda petroliera, la Vs Lisbeth, trasportava 20.748 tonnellate di gasolio per un valore di 13,6 milioni di euro da Toros Ceyhan alla raffineria MOH Corinth in Grecia, un’installazione precedentemente indagata per la fornitura di petrolio alle forze armate statunitensi.

Terminale GTS:

  • Simili spedizioni sospette di gasolio sono state spedite dal terminale GTS alla raffineria di Salonicco in Grecia e in Spagna.
  • Il terminal ha importato esclusivamente gasolio dalla Russia dall’introduzione del divieto UE/G7.
  • L’11 gennaio 2024, il terminal ha ricevuto 94.569 tonnellate di diesel dalla raffineria russa Rosneft a Primorsk. Il 23 gennaio, 22.133 tonnellate di gasolio per un valore di 16 milioni di euro sono state spedite da GTS al porto di Cartagena in Spagna. Una settimana dopo, 26.314 tonnellate di gasolio per un valore di 19 milioni di euro sono state spedite da GTS alla raffineria Euronergo, sempre in Spagna.

Implicazioni economiche

Il flusso di petrolio russo attraverso i porti turchi ha implicazioni economiche significative sia per la Turchia che per l’UE. Per la Turchia, il trasbordo di prodotti petroliferi russi rappresenta un’opportunità redditizia per beneficiare delle dinamiche commerciali alterate dalle sanzioni. I porti di Ceyhan e Aliaga, insieme ai terminali di stoccaggio come Toros Ceyhan e GTS, sono diventati nodi critici in questa rete commerciale, facilitando il flusso continuo di prodotti petroliferi russi nei mercati dell’UE nonostante le sanzioni.

Per l’UE, l’afflusso di prodotti petroliferi russi attraverso i porti turchi solleva interrogativi sull’efficacia delle sanzioni. La capacità del petrolio russo di raggiungere i mercati europei indirettamente attraverso la Turchia mina la pressione economica prevista sulla Russia. Complica inoltre l’applicazione delle sanzioni, richiedendo un monitoraggio e un’indagine rigorosi per garantire la conformità e affrontare potenziali violazioni.

Il trasbordo di prodotti petroliferi russi attraverso i porti turchi evidenzia le complessità e le sfide nell’applicazione delle sanzioni internazionali. I porti di Ceyhan e Aliaga, insieme ai principali terminali di stoccaggio, svolgono un ruolo fondamentale nel facilitare il flusso di petrolio russo nei mercati dell’UE. Nonostante le sanzioni, l’intricata rete di logistica petrolifera e il posizionamento strategico dei porti turchi hanno consentito la continuazione delle esportazioni di petrolio russo verso l’UE.

Affrontare queste sfide richiede un monitoraggio rafforzato, indagini approfondite, meccanismi di applicazione rafforzati e cooperazione internazionale. Solo attraverso uno sforzo concertato la pressione economica prevista dalle sanzioni potrà essere effettivamente mantenuta, garantendo il raggiungimento degli obiettivi dell’UE e del G7.

Impatto delle sanzioni sulle importazioni di petrolio di Ceyhan: una panoramica analitica

La minaccia di sanzioni ha avuto un impatto significativo sulle attività di importazione di petrolio di Ceyhan dalla Russia. Le operazioni di Ceyhan sono state oggetto di un intenso esame da parte di vari media e gruppi di difesa negli Stati Uniti nell’ultimo anno. Le indagini hanno portato alla minaccia di sanzioni da parte dell’OFAC (Office of Foreign Assets Control) degli Stati Uniti e alla dichiarazione reazionaria di Global Terminal Services (GTS), gli operatori del terminal GTS, secondo cui le importazioni dalla Russia sarebbero state sospese. Nonostante le affermazioni di GTS secondo cui nessuna legge, regolamento o sanzione era stata violata, il terminal ha dato istruzioni a tutti i clienti di cessare l’importazione di petrolio russo.

Anche se gli operatori del terminal potrebbero non aver violato le sanzioni durante l’importazione del petrolio, un’indagine sui dati di spedizione in uscita dal porto suggerisce che i commercianti nell’UE potrebbero aver violato le sanzioni durante l’importazione di prodotti petroliferi dal porto mescolati o costituiti principalmente da prodotti petroliferi dal petrolio russo. Le autorità di contrasto dell’UE devono effettuare controlli di due diligence per determinare l’origine dei prodotti petroliferi importati da terminali che importano anche petrolio dalla Russia.

I prodotti esportati da Ceyhan rientrano nel codice commerciale HS2710 – Oli di petrolio e oli ottenuti da minerali bituminosi. La legislazione dell’UE afferma esplicitamente che i prodotti petroliferi che rientrano nella categoria HS 2710 ottenuti in un paese terzo mescolando petrolio russo e petrolio prodotto localmente esportato da quel paese terzo potrebbero essere soggetti a sanzioni a seconda della percentuale della componente russa. Secondo la legislazione UE, la miscelazione di prodotti raffinati di origine russa con quelli di origine non russa potrebbe comunque essere soggetta a sanzioni poiché non modifica il codice del prodotto stesso. La legislazione prevede una certa mescolanza di petrolio, ma afferma chiaramente che tale mescolanza non dovrebbe aumentare o facilitare la produzione e la commercializzazione del petrolio di origine russa, né generare flussi finanziari evitabili o benefici indiretti.

Nonostante l’annuncio della GTS, le importazioni di petrolio russo nel porto di Ceyhan non sono cessate. Mentre GTS ha smesso di importare petrolio dalla Russia, altri terminali nel porto di Ceyhan hanno continuato a farlo. Nei mesi di marzo e aprile 2024, il porto di Ceyhan ha importato 223.000 tonnellate di prodotti petroliferi russi per un valore di 168 milioni di euro. In questi due mesi il porto ha esportato 525.790 tonnellate di prodotti petroliferi verso i paesi dell’UE. Numerosi porti turchi che gestiscono il petrolio russo esportano petrolio verso i paesi dell’UE, minando l’efficacia delle sanzioni. Ceyhan non è l’unico porto turco che sta attualmente stimolando il commercio petrolifero russo. Operazioni commerciali simili vengono applicate in altri due porti della Turchia, nessuno dei quali possiede raffinerie, ma hanno anche aumentato massicciamente le loro importazioni ed esportazioni di prodotti petroliferi russi dopo il divieto UE/G7.

Dal divieto UE/G7 del 5 febbraio 2023, fino alla fine di febbraio 2024, il 78% delle importazioni marittime di prodotti petroliferi del porto di Marmara Ereğlisi, per un valore di 3,5 miliardi di euro, provengono dalla Russia. Il volume delle importazioni via mare di prodotti petroliferi russi è aumentato del 114% dall’introduzione del divieto, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nello stesso periodo, il porto ha esportato 3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi per un valore di 1,46 miliardi di euro, di cui oltre un terzo importati dall’Unione Europea.

Le importazioni via mare di prodotti petroliferi non russi da parte di Marmara Ereğlisi (1,4 milioni di tonnellate) sono inferiori alle loro esportazioni globali, portando CREA e CSD a credere che consistessero almeno in parte di petrolio di origine russa. Tutto il commercio di Marmara è condotto attraverso l’OPET Marmara Oil Terminal, l’unico impianto petrolifero del porto, che è anche collegato tramite strada e ferrovia e potrebbe ricevere prodotti petroliferi anche tramite questi mezzi. Le autorità dei paesi importatori che impongono sanzioni alla Russia devono determinare l’origine dei prodotti petroliferi che acquistano dai terminali petroliferi nei paesi che importano dalla Russia effettuando test chimici e richiedendo documenti di certificato di origine per dimostrare che le importazioni non contengono prodotti petroliferi russi.

Anche un terzo porto, Mersin, ha aumentato significativamente il suo commercio di petrolio dopo il divieto dell’UE sui prodotti petroliferi raffinati. Dal divieto UE/G7 sui prodotti petroliferi russi fino alla fine di febbraio 2024, il porto ha importato 7,3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi, di cui l’84% (6,2 milioni di tonnellate) provenivano dalla Russia. Le loro importazioni via mare di prodotti petroliferi dalla Russia sono triplicate, di anno in anno. Nello stesso periodo, anche le esportazioni globali del porto sono aumentate di quaranta volte (da 33.000 tonnellate a 1,5 milioni di tonnellate), di cui oltre la metà (836.000 tonnellate) sono state dirette verso l’Unione Europea.

Sebbene non ci siano raffinerie importanti nelle immediate vicinanze del porto (le più vicine sono la raffineria di Kırıkkale e una raffineria più piccola a Batman), ha connettività stradale e ferroviaria e può ricevere prodotti petroliferi anche attraverso quelle rotte. Il volume relativamente basso delle esportazioni del porto suggerisce che si rivolge principalmente al mercato interno. L’improvviso ed enorme aumento delle sue esportazioni dopo il divieto dell’UE/G7 fa credere che potrebbe riesportare parte del petrolio russo. Le autorità europee di controllo devono indagare sui commerci condotti attraverso questo porto verso l’Unione Europea per potenziali violazioni e garantire che i prodotti petroliferi russi non vengano mescolati nelle loro esportazioni conducendo test chimici e richiedendo la certificazione dei documenti di origine.

Il regolatore energetico turco ha evidenziato la mancanza di vantaggi in termini di costi per gli acquirenti turchi del petrolio russo. Il consumo interno di prodotti petroliferi della Turchia, stimato in un totale di 31,8 milioni di tonnellate, ha registrato una crescita su base annua dell’8% nel 2023. Al contrario, le importazioni totali di prodotti petroliferi via mare del paese sono cresciute del 56% (da 18,6 milioni di tonnellate a 29 milioni di tonnellate) nel 2023, e le importazioni via mare dalla Russia sono cresciute del 137% (da 9,6 milioni di tonnellate a 23 milioni di tonnellate). Questi dati mostrano la crescente dipendenza della Turchia dai prodotti petroliferi del suo principale fornitore nel 2023, la Russia. Le importazioni dalla Russia costituivano il 79% del totale delle importazioni marittime di prodotti petroliferi della Turchia. La Turchia riceve petrolio anche attraverso la strada e la ferrovia. Questo enorme aumento delle importazioni di prodotti petroliferi via mare suggerisce che le importazioni della Turchia non sono destinate semplicemente a soddisfare la crescente domanda, ma anche a diventare un hub per il commercio di petrolio e diversificare la sua economia.

In realtà, però, sembra che i commercianti turchi paghino prezzi più alti per i prodotti petroliferi russi rispetto ai prodotti di altri paesi. Spostare le importazioni dai prodotti petroliferi russi a prodotti a basso prezzo provenienti da altri paesi potrebbe rivelarsi più redditizio riducendo i costi e offrendo loro un margine di profitto maggiore. Secondo l’analisi dei dati COMEXT effettuata da CSD, il prezzo medio dei prodotti petroliferi importati dalla Turchia nel 2023 è stato di 613 euro per tonnellata. Nel 2023, il prezzo medio dei prodotti petroliferi provenienti dalla Russia è stato più elevato, stimato a 661 euro per tonnellata. I prodotti petroliferi raffinati russi sono costati, in media, l’8% in più rispetto al prezzo medio delle importazioni complessive della Turchia nel 2023, suggerendo che è probabile che le importazioni alternative siano state significativamente più economiche di quelle dalla Russia. I commercianti turchi sembrano non trarre alcun profitto dall’acquisto di più prodotti petroliferi russi, e potrebbero in realtà ottenere risparmi considerevoli diversificando le loro fonti.

Inoltre, nel 2023, le importazioni di prodotti petroliferi dalla Turchia costeranno in media 870 euro a tonnellata nei paesi dell’UE, in particolare in Grecia, Spagna, Italia e Paesi Bassi. Questo prezzo è superiore del 42% rispetto ai prezzi delle importazioni globali della Turchia e superiore del 24% rispetto alle importazioni turche di prodotti petroliferi dalla Russia.

Nonostante i profitti derivanti dalle esportazioni verso l’UE, i commercianti turchi stanno subendo un duro colpo finanziario continuando a importare prodotti petroliferi dalla Russia rispetto a quanto avrebbero fatto se avessero acquistato prodotti petroliferi non russi. Allo stesso tempo, le compagnie petrolifere russe continuano a trarre enormi benefici dal commercio, avendo esportato 17,6 miliardi di euro di prodotti petroliferi in Turchia dall’embargo UE/G7 fino alla fine di febbraio 2024. Una spiegazione per questa strategia di mercato potenzialmente illogica è che i prodotti combustibili commerciati con la Russia fanno parte di una catena di approvvigionamento verticalmente integrata in cui la stessa società russa o un’entità collegata controlla i ricavi sia delle importazioni dalla Russia che delle esportazioni verso l’UE. Pertanto, le aziende russe vendono i prodotti raffinati a prezzi superiori a quelli di mercato a società collegate in Turchia, creando una perdita contabile che eviterebbe loro di pagare le tasse sia in Russia che in Turchia.

La vendita finale sul mercato UE, dove i prezzi sono molto più alti a causa del deficit di offerta, si traduce in un notevole margine di profitto su ogni barile in più venduto dalla Russia. Le esportazioni turche verso l’UE hanno un prezzo superiore del 24% rispetto alle importazioni dalla Russia. La maggior parte di questi profitti viene realizzata dagli intermediari commerciali delle principali compagnie petrolifere russe che operano sul mercato dell’UE. Questi trader sono solitamente registrati in paradisi fiscali come Svizzera, Paesi Bassi e Emirati Arabi Uniti.

Il ruolo dei porti turchi nell’elusione delle sanzioni

I porti di Ceyhan, Marmara Ereğlisi e Mersin sono diventati punti focali nel commercio di prodotti petroliferi russi, nonostante le sanzioni internazionali volte a frenare questo flusso. Ciascuno di questi porti svolge un ruolo unico nell’intricata logistica delle importazioni ed esportazioni di petrolio, spesso coinvolgendo complesse reti di terminali, rotte di trasporto e società intermediarie.

Il porto di Ceyhan: un hub sotto esame

Il porto di Ceyhan è stato al centro di controversie a causa del suo ruolo nell’importazione ed esportazione di prodotti petroliferi, compresi quelli dalla Russia. Le operazioni del porto, in particolare attraverso il terminal GTS, sono state oggetto di un controllo approfondito sia da parte dei media che dei gruppi di difesa. La minaccia delle sanzioni dell’OFAC ha spinto GTS a sospendere le importazioni dalla Russia, ma altri terminal di Ceyhan hanno continuato senza sosta queste attività. Questo commercio in corso evidenzia le sfide nell’applicazione delle sanzioni e la necessità di una rigorosa due diligence da parte delle autorità di contrasto dell’UE.

Marmara Ereğlisi: un attore importante nel commercio petrolifero russo

Dopo il divieto UE/G7, Marmara Ereğlisi ha aumentato significativamente le sue importazioni di prodotti petroliferi russi. La dipendenza del porto dal petrolio russo è cresciuta notevolmente, con il 78% delle sue importazioni marittime provenienti dalla Russia, per un valore di 3,5 miliardi di euro tra febbraio 2023 e febbraio 2024. Questo aumento rappresenta un aumento del 114% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Marmara Ereğlisi ha esportato 3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi per un valore di 1,46 miliardi di euro durante questo periodo, di cui oltre un terzo importato dall’Unione Europea. L’OPET Marmara Oil Terminal, l’unico impianto petrolifero del porto, svolge un ruolo cruciale in questo commercio, sfruttando la sua connettività su strada e ferrovia per ricevere potenzialmente prodotti petroliferi anche attraverso queste rotte. Questa complessa rete logistica sottolinea l’importanza di una verifica completa dell’origine da parte delle autorità dell’UE per garantire il rispetto delle sanzioni.

Mersin: un porto in rapida espansione

Anche il porto di Mersin ha visto un drammatico aumento del commercio di prodotti petroliferi dopo il divieto UE/G7. Tra febbraio 2023 e febbraio 2024, Mersin ha importato 7,3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi, di cui l’84% (6,2 milioni di tonnellate) provenienti dalla Russia. Ciò rappresenta un aumento di tre volte delle importazioni via mare dalla Russia rispetto all’anno precedente. Allo stesso tempo, le esportazioni globali del porto sono aumentate di quaranta volte, di cui oltre la metà dirette verso l’Unione Europea. Nonostante la mancanza di importanti raffinerie nelle vicinanze, la connettività stradale e ferroviaria di Mersin facilita la circolazione dei prodotti petroliferi, sollevando preoccupazioni circa il potenziale di riesportazione del petrolio russo. Indagini rigorose e certificazione dei documenti di origine sono essenziali per garantire il rispetto delle sanzioni e impedire la fusione del petrolio russo nelle esportazioni verso l’UE.

Implicazioni economiche e considerazioni strategiche

Il sostanziale aumento delle importazioni via mare della Turchia di prodotti petroliferi russi evidenzia una mossa strategica per diventare un hub per il commercio del petrolio. Tuttavia, questa strategia appare economicamente viziata a causa dei prezzi più alti che i commercianti turchi pagano per i prodotti petroliferi russi rispetto alle alternative. Secondo l’analisi della CSD, il prezzo medio dei prodotti petroliferi importati dalla Turchia nel 2023 è stato di 613 euro per tonnellata, mentre le importazioni dalla Russia sono state in media di 661 euro per tonnellata. Questo premio dell’8% suggerisce che fonti alternative potrebbero offrire notevoli risparmi sui costi.

Inoltre, il costo medio dei prodotti petroliferi importati dalla Turchia nei paesi dell’UE nel 2023 è stato di 870 euro per tonnellata, superiore del 42% rispetto ai prezzi di importazione globali della Turchia e del 24% rispetto alle importazioni russe. Nonostante i profitti derivanti dalle esportazioni verso l’UE, i commercianti turchi affrontano perdite finanziarie continuando a importare prodotti petroliferi russi più costosi. Questa disparità è aggravata dai vantaggi significativi che le compagnie petrolifere russe traggono da questo commercio, avendo esportato 17,6 miliardi di euro di prodotti petroliferi in Turchia dall’embargo UE/G7 fino alla fine di febbraio 2024.

Il ruolo dell’integrazione verticale e dell’evasione fiscale

Le dinamiche commerciali suggeriscono che gli scambi di prodotti combustibili con la Russia potrebbero far parte di una catena di approvvigionamento integrata verticalmente, in cui la stessa società russa o entità correlate controllano sia le importazioni dalla Russia che le esportazioni verso l’UE. Vendendo prodotti raffinati a prezzi superiori a quelli di mercato a società collegate in Turchia, le aziende russe possono creare perdite contabili che riducono le passività fiscali sia in Russia che in Turchia. La vendita finale sul mercato dell’UE, dove i prezzi sono più alti a causa del deficit di offerta, produce margini di profitto significativi. Questi profitti sono spesso realizzati dagli intermediari commerciali delle principali compagnie petrolifere russe che operano nel mercato dell’UE, generalmente registrate in paradisi fiscali come Svizzera, Paesi Bassi e Emirati Arabi Uniti.

Implicazioni politiche e sfide per l’applicazione

Il commercio in corso di prodotti petroliferi russi attraverso i porti turchi, nonostante le sanzioni internazionali, evidenzia importanti sfide in termini di applicazione delle norme. La complessa logistica, che coinvolge più terminali e rotte di trasporto, complica gli sforzi per tracciare e verificare l’origine dei prodotti petroliferi. L’applicazione rigorosa dei controlli di due diligence, dei test chimici e della certificazione dei documenti di origine da parte delle autorità dell’UE è essenziale per garantire il rispetto delle sanzioni e prevenire l’elusione delle restrizioni.

Inoltre, la strategia economica dei commercianti turchi che fanno molto affidamento sui prodotti petroliferi russi appare insostenibile a lungo termine. Diversificare le fonti per includere alternative a basso prezzo potrebbe ridurre i costi e aumentare i margini di profitto, allineandosi meglio agli interessi economici della Turchia.

Implicazioni globali e prospettive future

La situazione a Ceyhan e in altri porti turchi sottolinea dinamiche geopolitiche ed economiche più ampie. La dipendenza dai prodotti petroliferi russi, nonostante le sanzioni, riflette le sfide sui mercati energetici globali e l’interazione tra interessi politici ed economici. Mentre l’UE e altri organismi internazionali continuano a perfezionare e applicare le sanzioni, l’efficacia di queste misure dipenderà dalla capacità di adattare e affrontare le strategie in evoluzione utilizzate per eludere le restrizioni.

Nel lungo termine, il successo delle sanzioni nel frenare le esportazioni di petrolio russo richiederà sforzi internazionali coordinati, robusti meccanismi di applicazione e aggiustamenti economici strategici da parte dei paesi colpiti. Il caso di Ceyhan costituisce un esempio critico delle complessità legate all’applicazione delle sanzioni e della necessità di risposte politiche globali e adattative per affrontare queste sfide.

Le aziende russe nel mercato interno turco: un’analisi espansiva

Le aziende russe hanno sempre più stabilito una presenza sostanziale nel mercato interno turco, con attori importanti come Lukoil e Tatneft in testa. Questo articolo approfondisce le operazioni, le dinamiche di mercato e le manovre strategiche di queste aziende russe in Turchia, insieme ai recenti sviluppi e alle implicazioni più ampie.

Lukoil e Tatneft: attori chiave

Acquisizione e operazioni di Lukoil

Lukoil, una delle principali compagnie petrolifere russe, è attiva in Turchia attraverso la sua controllata Akpet. Acquisita nel 2008 per 500 milioni di dollari, Akpet ha dato a Lukoil l’accesso a infrastrutture critiche, tra cui otto terminal di prodotti petroliferi con accesso al mare nei porti di Samsun, Mersin e Hatay. Questi terminali facilitano l’esportazione di prodotti raffinati verso il mercato europeo mediterraneo, sfruttando i collegamenti con la raffineria di Tupras che tratta notevoli volumi di petrolio greggio russo.

Le mosse strategiche di Tatneft

Tatneft è entrata in modo aggressivo nel mercato turco acquisendo Aytemiz, un importante commerciante all’ingrosso e al dettaglio di prodotti raffinati, nell’aprile 2023. Questa acquisizione includeva una partecipazione del 50% in Akpet per 160 milioni di dollari, consolidando ulteriormente l’impronta di Tatneft in Turchia. Aytemiz, classificata come la 50a azienda più grande della Turchia da Forbes, gestisce 590 stazioni di servizio e serve sei milioni di clienti al mese. La sua infrastruttura comprende 10 terminal di rifornimento con una capacità di stoccaggio di 250.000 metri cubi, strategicamente posizionati in porti chiave come Mersin, Izmit, Kırıkkale, Trabzon e Alanya.

Dinamiche di mercato e implicazioni strategiche

Infrastrutture e catene di fornitura

La strategia di acquisizione di Lukoil prevedeva l’utilizzo di terminali per importare prodotti raffinati dalle sue raffinerie in Italia e Bulgaria. Tuttavia, a causa delle trattative in corso per la vendita delle sue strutture bulgare e italiane, Lukoil ha dovuto riallineare le proprie strategie di catena di fornitura. Inoltre, attraverso la sua filiale commerciale Litasco, Lukoil fornisce circa 100.000 barili di petrolio greggio russo al giorno alla raffineria STAR di Aliaga, gestita dalla Compagnia petrolifera statale della Repubblica dell’Azerbaigian (SOCAR). Questo accordo, supportato da un prestito di 1,5 miliardi di dollari da parte di Lukoil, copre la metà della capacità produttiva della raffineria.

Sviluppi recenti e contesto economico

La presenza russa in Turchia è stata ulteriormente rafforzata dai recenti cambiamenti economici e geopolitici. Le dinamiche commerciali della Turchia con la Russia hanno visto notevoli cambiamenti nel contesto di tensioni e sanzioni globali. Nonostante un calo generale degli scambi con altri paesi, il commercio della Turchia con la Russia è aumentato, riflettendo un rapporto economico più profondo tra le due nazioni.

Inoltre, il mercato turco ha dovuto affrontare diverse sfide, tra cui l’impatto della guerra russo-ucraina, che ha influenzato le attività economiche locali e gli investimenti esteri. Anche il terremoto nel sud-est della Turchia e le elezioni presidenziali hanno contribuito a plasmare il contesto di mercato.

Prospettive future e raccomandazioni strategiche

Il futuro delle aziende russe in Turchia sembra destinato a crescere, con potenziali espansioni e integrazioni più profonde nel mercato turco. Le raccomandazioni strategiche per le aziende russe includono il rafforzamento delle partnership locali, lo sfruttamento della posizione strategica della Turchia per un più ampio accesso regionale e l’adattamento al panorama normativo ed economico in evoluzione.

Implicazioni economiche e geopolitiche più ampie

Le operazioni dei giganti petroliferi russi in Turchia hanno implicazioni più ampie per i mercati energetici regionali e gli allineamenti geopolitici. L’integrazione delle infrastrutture energetiche russe in Turchia evidenzia un perno strategico che potrebbe influenzare la sicurezza energetica europea e l’equilibrio di potere nella regione del Mediterraneo.

La presenza di aziende russe nel mercato interno turco sottolinea un’importante partnership economica che ha ramificazioni sia locali che internazionali. Mentre Lukoil e Tatneft continuano a destreggiarsi tra le complessità del mercato turco, le loro strategie e operazioni avranno probabilmente un impatto duraturo sulle dinamiche energetiche regionali e sulle relazioni economiche.

Conclusione

L’intricata rete del commercio petrolifero che coinvolge Turchia e Russia ha implicazioni significative per i mercati energetici globali e la stabilità geopolitica. Mentre la Turchia trae vantaggio economico dal suo ruolo di intermediario, questa dinamica sostiene il flusso di entrate della Russia, che a sua volta sostiene le sue operazioni militari. Affrontare questo problema richiede sforzi politici concertati da parte dell’UE e dei suoi alleati per colmare le lacune, applicare normative rigorose e ridurre la dipendenza dal petrolio russo.

Queste misure, se attuate in modo efficace, potrebbero ridurre in modo significativo le entrate del Cremlino derivanti dalle esportazioni di petrolio e contribuire all’obiettivo più ampio di porre fine alle azioni aggressive della Russia in Ucraina. Il panorama geopolitico del commercio energetico continua ad evolversi e rimane imperativo che la comunità internazionale si adatti e risponda a queste sfide con azioni vigorose e coordinate.

Questo esame dettagliato sottolinea la necessità di vigilanza e aggiustamenti politici strategici per affrontare le dinamiche in evoluzione del commercio energetico globale e dell’influenza geopolitica. Il caso del ruolo intermediario della Turchia nelle esportazioni petrolifere russe costituisce un esempio critico delle complessità e delle sfide nell’applicazione delle sanzioni internazionali e nel garantire la sicurezza energetica.


Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.