Le complesse dinamiche del conflitto Israele-Libano: analisi approfondita

0
61

Il conflitto in corso tra Israele e Hezbollah in Libano rappresenta una lotta geopolitica multiforme e profondamente radicata. Per comprendere lo stato attuale e il potenziale futuro di questo conflitto, è essenziale approfondire il contesto storico, i calcoli strategici delle parti coinvolte, le implicazioni regionali e le risposte della comunità internazionale.

Contesto storico ed evoluzione di Hezbollah

Hezbollah, o Partito di Dio, è emerso all’inizio degli anni ’80 durante la guerra civile libanese, inizialmente come fazione sostenuta dal Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC). Il gruppo è stato fondato con l’obiettivo primario di resistere all’occupazione israeliana nel Libano meridionale e promuovere la creazione di uno stato islamico in Libano. Nel corso dei decenni, Hezbollah si è evoluto da un movimento di guerriglia in un’importante forza politica e militare in Libano. Ha ottenuto un sostegno sostanziale dalla comunità sciita e ha creato una solida rete di servizi sociali insieme alle sue attività militari.

La guerra del Libano del 2006, spesso definita guerra Israele-Hezbollah, ha rappresentato un importante punto di svolta. Il conflitto, durato 34 giorni, ha visto perdite significative da entrambe le parti e si è concluso con un cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite. Nonostante la distruzione, Hezbollah ha rivendicato la vittoria sopravvivendo all’assalto israeliano e mantenendo la sua capacità di lanciare razzi su Israele. Questo conflitto ha consolidato lo status di Hezbollah come formidabile avversario e ha approfondito la sua alleanza militare con l’Iran.

Capacità militari strategiche

Le capacità militari di Hezbollah sono notevolmente migliorate dalla guerra del 2006. Si ritiene ora che il gruppo possieda un arsenale diversificato, compresi razzi Katyusha a corto raggio, missili a medio raggio e munizioni a guida di precisione a lungo raggio in grado di colpire in profondità il territorio israeliano. Il loro arsenale comprende anche missili guidati anticarro avanzati, droni dotati di esplosivi e una serie di attrezzature militari convenzionali fornite dall’Iran e contrabbandate attraverso la Siria.

La strategia militare di risposta di Israele si è evoluta per affrontare la crescente minaccia di Hezbollah. L’IDF ha investito molto in sistemi di difesa missilistica, come Iron Dome, David’s Sling e Arrow, per intercettare vari tipi di razzi e missili. Inoltre, l’IDF ha sviluppato ampie capacità di intelligence per monitorare le attività di Hezbollah e colpire preventivamente i siti di lancio dei missili e le strutture di stoccaggio in Libano.

Il panorama politico in Israele e Libano

Le dinamiche politiche all’interno di Israele e Libano influenzano in modo significativo il conflitto. In Israele, il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu ha mantenuto una posizione dura contro Hezbollah e l’Iran. Questa posizione è rafforzata dalle fazioni politiche all’interno di Israele che sostengono azioni militari aggressive per neutralizzare la minaccia di Hezbollah. Tuttavia, c’è anche un segmento sostanziale della popolazione e dello spettro politico israeliano che invita alla cautela, riconoscendo il potenziale di una devastante guerra regionale.

In Libano, Hezbollah opera sia come organizzazione militare che come partito politico, occupando seggi nel parlamento libanese e influenzando le decisioni del governo. Il governo libanese, sebbene limitato dal potere di Hezbollah, spesso cerca di prendere le distanze dalle azioni militari del gruppo per evitare reazioni nazionali e internazionali. Questo duplice ruolo consente a Hezbollah di mantenere un’influenza significativa in Libano mentre si impegna in attività militari che lo Stato libanese può sconfessare pubblicamente.

Implicazioni regionali e alleanze

Il conflitto Israele-Hezbollah non può essere esaminato isolatamente; fa parte della più ampia rivalità geopolitica tra Iran e Israele. Il sostegno dell’Iran a Hezbollah è una pietra angolare della sua strategia per proiettare il potere nel Levante e contrastare l’influenza israeliana. Questo sostegno include aiuti finanziari, armi e addestramento, facilitati attraverso l’IRGC e altre entità militari iraniane.

La Siria, sotto il regime di Assad, funge da canale fondamentale per il sostegno iraniano a Hezbollah. Nonostante la guerra civile in corso in Siria, l’alleanza tra Damasco, Teheran e Hezbollah rimane solida. Questa relazione trilaterale garantisce un flusso costante di risorse e un coordinamento strategico contro gli avversari comuni, in primo luogo Israele.

Anche gli Stati del Golfo, in particolare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, sono attori chiave in questa dinamica. Questi paesi vedono l’influenza dell’Iran in Libano attraverso Hezbollah come una minaccia diretta alla loro sicurezza e stabilità regionale. Di conseguenza, si sono allineati con gli interessi israeliani per contrastare l’espansionismo iraniano, un rapporto che negli ultimi anni ha visto una cooperazione pubblica e segreta senza precedenti.

Comunità internazionale e sforzi diplomatici

La comunità internazionale, guidata dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, svolge un ruolo cruciale nella mediazione e nella mitigazione del conflitto Israele-Hezbollah. Gli Stati Uniti hanno costantemente fornito a Israele sostanziali aiuti militari e sostegno politico, riconoscendo il diritto di Israele a difendersi e mettendo in guardia contro azioni che potrebbero degenerare in un conflitto più ampio.

I paesi europei, spesso attraverso il quadro delle Nazioni Unite, si sono concentrati sugli aiuti umanitari e sugli sforzi di mantenimento della pace. La Forza ad interim delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL) opera nel Libano meridionale per monitorare la cessazione delle ostilità e sostenere il governo libanese nel mantenimento della pace e della sicurezza. Tuttavia, l’efficacia dell’UNIFIL è spesso messa a dura prova dalla situazione instabile sul terreno e dalle limitazioni imposte da interessi contrastanti tra gli Stati membri delle Nazioni Unite.

Sviluppi recenti e impegni militari

Negli ultimi mesi la frequenza e l’intensità degli scontri tra Israele e Hezbollah sono aumentate. L’assassinio di Taleb Sami Abdullah da parte di Israele ha provocato un aumento significativo degli attacchi missilistici da parte di Hezbollah. L’IDF ha risposto con attacchi mirati contro le posizioni e le infrastrutture di Hezbollah nel Libano meridionale. Questi scontri hanno provocato vittime da entrambe le parti e hanno aumentato il rischio di una guerra su vasta scala.

La strategia di Hezbollah sembra mirare a mantenere uno stato di conflitto a bassa intensità per drenare le risorse e il morale israeliani, evitando azioni che scatenerebbero una schiacciante risposta israeliana. Questo approccio consente a Hezbollah di dimostrare la sua resilienza e il suo impegno nella resistenza contro Israele, consolidando così la sua base di sostegno in Libano e nel più ampio mondo arabo.

Potenziale conflitto più ampio

La possibilità che l’attuale conflitto si trasformi in una guerra regionale più ampia è una preoccupazione urgente. Qualsiasi significativa offensiva israeliana in Libano attirerebbe probabilmente l’Iran, direttamente o attraverso le sue forze per procura in tutta la regione. Un simile scenario potrebbe vedere scambi missilistici non solo tra Israele e Hezbollah ma anche con altri gruppi allineati con l’Iran in Siria, Iraq e forse Yemen.

Gli Stati Uniti, con la loro significativa presenza militare nella regione, si troverebbero ad affrontare dilemmi strategici. Proteggere le proprie forze e i propri alleati e allo stesso tempo impedire l’espansione del conflitto richiederebbe attente manovre diplomatiche e militari. Il coinvolgimento di grandi potenze come Russia e Cina, che hanno interessi acquisiti in Medio Oriente, complica ulteriormente il panorama geopolitico.

L’escalation del conflitto Israele-Libano: un’analisi completa

Nel giugno 2024, gli Stati Uniti sono stati attivamente impegnati negli sforzi diplomatici per prevenire un conflitto su larga scala tra Israele e Hezbollah, il gruppo militante libanese sostenuto dall’Iran. La situazione rimane tesa, con frequenti scaramucce e un rischio significativo di degenerazione in una guerra regionale più ampia.

Contesto e sviluppi recenti

Le tensioni risalgono al 7 ottobre 2023, quando Hezbollah iniziò attacchi quasi quotidiani contro postazioni e comunità militari israeliane. Ciò ha fatto seguito all’offensiva israeliana volta ad eliminare Hamas a Gaza, innescata da un massacro perpetrato dai militanti di Hamas. Hezbollah, alleato di Hamas, ha dichiarato di sostenere Gaza attaccando Israele. Questi attacchi hanno incluso l’uso di droni carichi di esplosivo, missili guidati anticarro e sbarramenti di razzi.

A partire dalla metà di giugno 2024, Hezbollah ha intensificato i suoi attacchi in seguito all’assassinio del suo comandante senior, Taleb Sami Abdullah, da parte di un attacco aereo israeliano. Ciò ha portato ad un aumento del lancio di razzi nel nord di Israele, con incidenti significativi tra cui oltre 200 razzi lanciati in rappresaglia per la morte di Abdullah.

Sforzi diplomatici e coinvolgimento degli Stati Uniti

Gli Stati Uniti, riconoscendo il rischio di un conflitto più ampio, hanno invitato alla cautela. Il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, generale dell’aeronautica militare Brown, ha sottolineato i pericoli di un’offensiva israeliana su vasta scala in Libano, avvertendo che potrebbe provocare una forte risposta iraniana e mettere a rischio le forze statunitensi nella regione.

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e altri alti funzionari, tra cui il segretario di Stato Antony Blinken, hanno mantenuto un dialogo continuo con i leader israeliani. Sottolineano la necessità di considerare le implicazioni più ampie delle azioni militari, in particolare il modo in cui potrebbero influenzare la stabilità regionale e le forze statunitensi. Queste preoccupazioni sono state espresse anche durante gli incontri ad alto livello a Washington, che hanno coinvolto il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant.

Prontezza militare e considerazioni strategiche

Israele, sotto la guida del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha espresso la disponibilità ad affrontare Hezbollah. Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) si stanno preparando per un potenziale conflitto su più fronti. Netanyahu ha indicato che, dopo l’intensa fase di operazioni a Gaza, alcune forze dell’IDF saranno ridistribuite nel nord per scopi difensivi. Ha sottolineato la necessità di un accordo con Hezbollah per garantire che le sue forze siano allontanate dal confine.

Hezbollah, da parte sua, ha promesso di continuare i suoi attacchi finché non ci sarà una tregua a Gaza. Il gruppo dispone di un significativo arsenale di missili e razzi sofisticati, che rappresentano una minaccia sostanziale per i sistemi di difesa aerea e missilistica di Israele. Ciò ha portato ad avvertire gli analisti politici e militari che Israele potrebbe non essere in grado di isolare completamente il Libano in caso di invasione, consentendo a Hezbollah di ricevere sostegno dall’estero.

Reazioni regionali e internazionali

La comunità internazionale, compreso il G7, ha espresso preoccupazione per l’escalation della situazione. Hanno chiesto misure per prevenire un ulteriore deterioramento, riconoscendo il ruolo cruciale delle forze armate libanesi (LAF) e della Forza provvisoria delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL) nel mitigare i rischi. I leader del G7 hanno sottolineato l’importanza di rilasciare entrate fiscali all’Autorità Palestinese per alleviare le pressioni economiche in Cisgiordania, che potrebbero influenzare indirettamente le più ampie dinamiche regionali.

Prospettive future

Il futuro del conflitto Israele-Hezbollah rimane incerto. Gli sforzi diplomatici continuano, con i funzionari statunitensi che sottolineano la necessità di una soluzione diplomatica e sollecitano entrambe le parti a ridurre la tensione. Si profila la possibilità di un conflitto più ampio, con conseguenze potenzialmente gravi per la regione. Sia Israele che Hezbollah hanno mostrato disponibilità per un impegno militare prolungato, ma la comunità internazionale continua a sperare in una soluzione pacifica per evitare ulteriori spargimenti di sangue e instabilità.

La situazione è dinamica e gli sviluppi si verificano rapidamente. Il monitoraggio continuo e gli interventi diplomatici sono essenziali per evitare che il conflitto sfugga al controllo e travolga il Medio Oriente allargato in un’altra guerra devastante.

Tensioni crescenti: militanti sostenuti dall’Iran pronti a sostenere Hezbollah contro Israele

Il Medio Oriente è sull’orlo di un conflitto più ampio mentre migliaia di combattenti dei gruppi sostenuti dall’Iran nella regione si preparano a unire le forze con Hezbollah in Libano contro Israele. Questa potenziale escalation fa seguito a una serie di scontri violenti lungo il confine tra Libano e Israele, iniziati dopo un attacco mortale al sud di Israele da parte dei militanti di Hamas provenienti da Gaza all’inizio di ottobre. Questi incidenti si sono intensificati da quando un attacco aereo israeliano ha ucciso un alto comandante di Hezbollah nel sud del Libano, spingendo Hezbollah a reagire con centinaia di razzi e droni esplosivi lanciati nel nord di Israele.

Funzionari israeliani hanno avvertito di una potenziale offensiva militare in Libano se gli sforzi diplomatici non riuscissero a respingere Hezbollah dal confine. Negli ultimi dieci anni, i combattenti sostenuti dall’Iran provenienti da Libano, Iraq, Afghanistan e Pakistan hanno svolto un ruolo cruciale nel conflitto siriano, sostenendo il presidente Bashar Assad. Gli analisti suggeriscono che questi combattenti potrebbero unirsi allo stesso modo contro Israele.

Il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah, in un recente discorso, ha sottolineato l’enorme numero di combattenti a sua disposizione, stimato in oltre 100.000, e ha accennato al potenziale di una guerra totale che coinvolga combattenti provenienti da Iran, Iraq, Yemen, Afghanistan e Pakistan. Questo sentimento è stato ripreso da funzionari di vari gruppi sostenuti dall’Iran, che hanno confermato la loro disponibilità ad unirsi a Hezbollah se scoppiasse una guerra su vasta scala.

La situazione rimane instabile, con entrambe le parti che subiscono perdite e sfollamenti significativi. Dall’inizio degli ultimi scontri, in Libano sono morte più di 400 persone, tra cui 70 civili, mentre Israele ha denunciato la morte di 16 soldati e 11 civili. Il conflitto ha anche provocato decine di migliaia di sfollati su entrambi i lati del confine.

Contesto e sviluppi attuali

Il conflitto in corso tra Israele e Hezbollah ha radici profonde, che risalgono agli anni ’80, quando Hezbollah emerse come potente gruppo militante sciita in Libano. Supportato dall’Iran, Hezbollah ha mantenuto una significativa presenza militare nel Libano meridionale, spesso scontrandosi con le forze israeliane. L’ultimo grande conflitto tra i due si è verificato nel 2006, provocando una devastante guerra durata 34 giorni che ha ucciso circa 1.200 persone in Libano e 140 in Israele.

Le ostilità attuali sono iniziate il 7 ottobre 2023, quando i militanti di Hamas hanno lanciato un attacco mortale contro il sud di Israele da Gaza, uccidendo centinaia di persone e ferendone molte altre. Questo attacco ha innescato una risposta israeliana rapida e forte, sfociata in una guerra a Gaza. Con l’intensificarsi del conflitto a Gaza, sono aumentate anche le tensioni lungo il confine tra Libano e Israele, con Hezbollah impegnato in scontri a fuoco quotidiani con le forze israeliane.

Il 20 ottobre, un attacco aereo israeliano nel sud del Libano ha ucciso un alto comandante di Hezbollah, aggravando ulteriormente la situazione. Per ritorsione, Hezbollah ha lanciato centinaia di razzi e droni esplosivi nel nord di Israele, provocando la minaccia israeliana di un’offensiva militare in Libano.

Il ruolo dei gruppi sostenuti dall’Iran

L’Iran sostiene da tempo vari gruppi militanti in Medio Oriente, tra cui Hezbollah, le Forze di Mobilitazione Popolare (PMF) in Iraq e i ribelli Houthi nello Yemen. Questi gruppi hanno spesso coordinato i loro sforzi per promuovere gli interessi strategici dell’Iran nella regione. Durante la guerra civile siriana, i combattenti sostenuti dall’Iran provenienti da Libano, Iraq, Afghanistan e Pakistan hanno svolto un ruolo cruciale nel sostenere il regime di Assad, contribuendo a far pendere la bilancia a suo favore.

Mentre il conflitto tra Israele e Hezbollah minaccia di intensificarsi, i funzionari di questi gruppi sostenuti dall’Iran hanno indicato la loro disponibilità a unirsi alla lotta. Secondo un alto funzionario di un gruppo iracheno sostenuto dall’Iran, migliaia di combattenti sono già dispiegati in Siria e potrebbero facilmente trasferirsi in Libano, se necessario. Questo funzionario, parlando in condizione di anonimato, ha sottolineato la “strategia di unità delle arene” adottata da questi gruppi, che mira a coordinare i loro sforzi su più fronti.

In un discorso del 18 ottobre, il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah ha riconosciuto le offerte di sostegno dei leader militanti in Iran, Iraq, Siria, Yemen e altri paesi. Ha osservato che Hezbollah ha già più di 100.000 combattenti e attualmente utilizza solo una parte della sua forza lavoro. Tuttavia, Nasrallah ha lasciato intendere che la situazione potrebbe cambiare se il conflitto dovesse degenerare in una vera e propria guerra.

Reazioni internazionali e regionali

Il rischio di un conflitto più ampio ha sollevato preoccupazioni tra gli attori internazionali e regionali. Le Nazioni Unite hanno invitato alla moderazione, con Jeanine Hennis-Plasschaert, coordinatrice speciale delle Nazioni Unite per il Libano, e il tenente generale Aroldo Lázaro, comandante della forza di pace delle Nazioni Unite nel Libano meridionale, avvertendo del reale pericolo di errori di calcolo che porterebbero a un guerra più ampia.

Anche i funzionari israeliani hanno espresso preoccupazione per il coinvolgimento di combattenti stranieri. Eran Etzion, ex capo della pianificazione politica del Ministero degli Affari Esteri israeliano, ha sottolineato l’alta probabilità di una “guerra su più fronti” che coinvolga vari gruppi sostenuti dall’Iran. Il portavoce militare israeliano, Daniel Hagari, ha sottolineato la crescente aggressività di Hezbollah e ha messo in guardia dalle conseguenze devastanti di un’escalation più ampia.

Nonostante queste preoccupazioni, i funzionari di Hezbollah hanno affermato di non perseguire una guerra totale con Israele ma di essere pronti a rispondere con la forza se necessario. Il vice leader di Hezbollah, Naim Kassem, ha ribadito questa posizione in un recente discorso, sottolineando la disponibilità del gruppo a infliggere pesanti perdite a Israele nel caso di un conflitto allargato.

Impatto umanitario e sfollamento

Gli scontri in corso hanno avuto un grave impatto umanitario su entrambi i lati del confine. In Libano sono state uccise più di 400 persone, la maggior parte combattenti, ma tra cui anche 70 civili. Da parte israeliana hanno perso la vita 16 soldati e 11 civili. Il conflitto ha anche provocato lo sfollamento di decine di migliaia di persone, creando una situazione umanitaria disastrosa.

In Libano, la popolazione sfollata deve affrontare sfide significative, compreso l’accesso limitato ai servizi essenziali, al cibo e alle cure mediche. Le ostilità in corso hanno sconvolto anche la vita di molti residenti nel nord di Israele, costringendoli a cercare rifugio in aree più sicure.

Implicazioni strategiche e militari

Il potenziale coinvolgimento di combattenti stranieri nel conflitto potrebbe alterare in modo significativo le dinamiche strategiche e militari nella regione. La presenza di combattenti esperti provenienti da vari gruppi sostenuti dall’Iran potrebbe rafforzare le capacità di Hezbollah e complicare le operazioni militari di Israele. Gli analisti suggeriscono che l’integrazione di questi combattenti, che hanno già combattuto insieme in Siria, potrebbe migliorare il coordinamento e l’efficacia in una battaglia congiunta contro Israele.

Qassim Qassir, un esperto di Hezbollah, ha osservato che gli attuali combattimenti si basano principalmente su guerre ad alta tecnologia, come attacchi missilistici e droni, che non richiedono un gran numero di combattenti. Tuttavia, nel caso di un conflitto prolungato, Hezbollah potrebbe aver bisogno di ulteriore sostegno dall’esterno del Libano. Qassir ha sottolineato l’importanza del “linguaggio militare comune” sviluppato tra le forze dell’asse della resistenza, che potrebbe essere cruciale nel coordinare i loro sforzi in una battaglia congiunta.

Mentre le tensioni tra Israele e Hezbollah continuano ad aumentare, si profila grande la possibilità di un conflitto più ampio che coinvolga combattenti sostenuti dall’Iran provenienti da tutta la regione. La situazione rimane altamente instabile, con implicazioni significative per la stabilità e la sicurezza regionale. Entrambe le parti hanno indicato la loro disponibilità ad un conflitto prolungato e potenzialmente devastante, sollevando preoccupazioni tra gli attori internazionali e regionali.

Il potenziale afflusso di combattenti stranieri potrebbe complicare ulteriormente la situazione, aggiungendosi alle già complesse dinamiche del conflitto. L’impatto umanitario su entrambi i lati del confine è grave, con perdite e sfollamenti significativi. Man mano che la situazione evolve, la comunità internazionale deve rimanere vigile e impegnata negli sforzi per prevenire una guerra più ampia e mitigarne le conseguenze umanitarie.

Il futuro della regione è in bilico, con il rischio di una guerra su vasta scala che rappresenta una minaccia significativa per la pace e la stabilità in Medio Oriente. Le azioni e le decisioni dei principali attori nei prossimi giorni e settimane saranno cruciali nel determinare il corso degli eventi e le prospettive di una soluzione pacifica.

Il grave errore del Primo Ministro – e l’errore che potrebbe portare alla guerra in Libano

La reazione negativa del ministro della Difesa Yoav Gallant alla proposta del presidente francese Emmanuel Macron di istituire un forum trilaterale per allentare le tensioni in Libano è stata una risposta affrettata. Il presidente francese ha suggerito la creazione di un forum israelo-franco-americano per mediare le tensioni in Libano. Il Ministro della Difesa sa che se la guerra non è il risultato, una delle uniche soluzioni logiche è la cooperazione americano-franco-israeliana per cercare di raggiungere una soluzione in Libano e prevenire la guerra sul fronte settentrionale.

Il Ministro della Difesa sa meglio di chiunque altro quale significato significhi una guerra globale in Libano per la sicurezza interna israeliana, irritato dalle migliaia di razzi di Hezbollah. Capisce anche cosa significherebbe una guerra del genere per il futuro del Libano. Gallant fa parte di un governo che da anni avverte che l’indirizzo del Libano è il suo governo con sede a Beirut, e non solo l’organizzazione terroristica al suo interno, Hezbollah. Non è necessario specificarlo; si può solo ipotizzare ciò che Israele sta preparando per il Libano in termini di acqua, elettricità, trasporti, porti, energia e altro, nel caso dovesse scoppiare una guerra globale.

Non c’era quindi bisogno di intensificare le parole e creare quasi una crisi diplomatica con la Francia. In effetti, l’inviato americano Amos Hochstein è già nella regione e ha affermato che i civili stanno soffrendo e che la soluzione sta nella diplomazia. “Gli Stati Uniti cercano di prevenire una guerra totale tra Israele e Hezbollah”, ha detto l’inviato del presidente Biden.

Contesto storico

Israele ha una lunga storia con la Francia. Parigi ruppe i legami con Israele in seguito alla Guerra dei Sei Giorni. Ricordata fin troppo bene, e non in meglio, è stata la dichiarazione del presidente Charles de Gaulle sul popolo ebraico, in cui osservava: “Israele è arrogante, sicuro di sé e prepotente”. Facciamo un salto avanti di diversi decenni: proprio dopo gli eventi del 7 ottobre, la Francia ha deciso di impedire alle aziende israeliane di presentarsi all’importante fiera della difesa Eurosatory. Inoltre, un tribunale distrettuale, in risposta ad un appello palestinese, ha aggiunto peccato a crimine e ha proibito a chiunque fosse associato alle società di sicurezza israeliane di entrare nel quartiere espositivo.

Anni prima di tutto questo, c’è stato un dolce periodo di luna di miele tra Israele e Francia – che ci ha fornito aerei Mystère e Mirage, ha contribuito alla costruzione dell’impianto nucleare di Dimona e ha fornito navi missilistiche alla Marina israeliana. Tuttavia, è stato imposto un embargo e purtroppo abbiamo restituito le barche a casa la vigilia di Natale.

Situazione attuale

Nella diplomazia non c’è spazio per giochi così infantili. Macron ha irritato Gallant? La Francia dà fastidio a molti israeliani? La diplomazia non è una ricetta per preservare la sensibilità nazionale, ma piuttosto un business di dare e avere. Interessi. Proprio in un linguaggio diplomatico alto e raffinato.

Proprio in questo momento, mentre il nord è in fiamme, i residenti vengono evacuati, le case vengono distrutte, i mezzi di sussistenza vengono persi e nessuno raccoglie le ciliegie, il governo israeliano deve prendere una decisione: un accordo o una guerra. Questo percorso provvisorio è ora rivelato davanti a noi ogni giorno e ogni ora, da Metula a Rosh Hanikra, in tutta la sua lunghezza e larghezza.

Il Libano non è Gaza. In Libano, un’organizzazione terroristica, quasi una milizia ben armata, Hezbollah, è membro del parlamento libanese. Sopra di esso c’è uno stato con istituzioni governative, leadership, parlamento ed un esercito. Questi hanno ceduto le loro terre a un’organizzazione terroristica e di conseguenza il Libano potrebbe pagare prezzi elevati.

Interessi internazionali

Due grandi potenze hanno profondi interessi in Libano: gli Stati Uniti e la Francia. Gli Stati Uniti vedono il Libano come un angolo strategico con risorse di gas, una posizione geografica tra Siria, Israele ed Egitto, relativamente vicino alla Russia/Ucraina e al Mar Nero, e un paese influenzato dagli agenti dell’Iran. La Francia nutre da lungo tempo il sentimento di protettrice degli interessi francesi nella regione, se rimane qualcosa di quella eredità. Dove sono i tempi in cui Beirut veniva definita la Parigi del Levante?

Dopo la conclusione di questo o quel round di combattimenti a Gaza, l’attenzione si sposterà sul Libano. La prima fase in direzione nord deve riguardare l’ordine, la pianificazione, la stabilizzazione, la risoluzione ONU 1701, tutte opzioni praticabili per prevenire una guerra tra l’IDF e Hezbollah, che sarebbe più dura di quella di Gaza, come promettono gli alti funzionari. L’opzione della guerra in Libano è la fase due, che prevede (di nuovo) l’ingresso in Libano, (di nuovo) battaglie sanguinose e corse folli sulle strade tortuose del Libano da parte di elementi armati e imboscate, con razzi e rumore nel nord del paese, e forse anche nel suo centro.

Percorsi diplomatici

Ci si può fidare di Washington, Parigi, Israele, Beirut e Hezbollah per raggiungere l’ordine e garantire una futura coesistenza possibile tra Hezbollah e Israele nel nord? Il mondo occidentale oggi rifiuta di affrontare le organizzazioni terroristiche. Le potenze occidentali si sono già scontrate con il nazismo, il comunismo in Estremo Oriente, l’ISIS e al-Qaeda. Oggi mantengono una politica di “stivali sul terreno”. Ucraina e Israele sono coinvolti in una guerra e ricevono significativi aiuti militari ed economici dagli Stati Uniti, dai paesi europei e da altri. Non soldati. Anche le forti amicizie di Israele in tutto il mondo rifiutano il confronto militare diretto con le organizzazioni terroristiche e con uno stato sponsor del terrorismo come l’Iran.

Un insolito incoraggiamento è stato registrato il 13 aprile, quando una coalizione di stati occidentali e arabi ha preso parte ad un’operazione per aiutare Israele a contrastare con successo il suo primo attacco diretto iraniano. A proposito, anche la Francia ha partecipato a questa operazione e il ministro della Difesa Gantz ne conosce i dettagli.

Considerare una soluzione sul fronte settentrionale richiede riflessione, pianificazione e diplomazia per allontanare Hezbollah dal confine israeliano, rivendicare la zona di sicurezza israeliana oltre il confine settentrionale e rimpatriare i residenti in un quadro di ordine politico. Washington cerca di rafforzare l’esercito libanese. Perché non espandere gli sforzi per una soluzione regionale, mobilitando altri paesi oltre agli Stati Uniti e alla Francia per questa missione?

Si parla di un futuro ruolo dell’Arabia Saudita e dei paesi aderenti agli Accordi di Abraham nel governo di Gaza, in una più lontana risoluzione del conflitto israelo-palestinese. Perché i paesi occidentali, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto non sono coinvolti nella ricerca della stabilità in Libano? Iran, Turchia, Russia e Cina non si accontenteranno.

L’approccio consigliato è quello di pensare fuori dagli schemi, pensare molto più avanti. Una soluzione in Libano è legata a una soluzione a Gaza. Pertanto, sono auspicabili soluzioni globali che coinvolgano sia i vecchi che i nuovi partner per Israele nell’arena. Coinvolgere tutti, innovare, essere i primi a proporre idee pratiche per prevenire la guerra.

In conclusione, il conflitto Israele-Hezbollah è una questione complessa e sfaccettata, con profonde radici storiche e significative implicazioni regionali e internazionali. L’evoluzione delle capacità militari, delle dinamiche politiche e delle alleanze strategiche delle parti coinvolte creano una situazione instabile che richiede un monitoraggio continuo e un impegno diplomatico proattivo. Prevenire una guerra totale richiede una comprensione articolata delle motivazioni e dei vincoli di ciascun attore, unita a continui sforzi internazionali per promuovere la stabilità e la pace nella regione.

Questo conflitto in corso evidenzia l’intricata rete di alleanze e inimicizie che definiscono il Medio Oriente, una regione in cui risentimenti storici e interessi strategici contemporanei spesso si scontrano, creando uno stato persistente di tensione e conflitto.


Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.