Genocidi possono essere previsti, impediti ?

0
1352

Il museo dell’Olocausto lo spera tramite il monitoraggio precoce dei segnali di allarme con un nuovo strumento online, il museo di Washington dice Myanmar, Nigeria, Sudan, Repubblica Centrafricana ed Egitto più a rischio di uccisioni di massa
Concord, New Hampshire (AP) – È possibile essere prevedere le uccisioni di massa ed impedirle?

La United States Holocaust Memorial Museum di Washington, DC., crede che il suo nuovo strumento online farà proprio questo, rendendo allo stesso tempo sofisticato il sistema di analisi statistica e il feedback da parte di esperti.
L’obiettivo è quello di produrre i primi avvertimenti che possono aiutare i governi, politici, gruppi di pressione e studiosi a decidere dove concentrare i propri sforzi.
“Da Genocidi oltre in Darfur, la Bosnia, il Ruanda e l’Olocausto, abbiamo imparato cosa sono i chiari segnali di allarme precoce  che precedono la violenza di massa”, ha detto Cameron Hudson, direttore del Centro Simon-Skjodt del museo per la prevenzione del genocidio.
“tracciare tali indicatori in paesi a rischio in tutto il mondo,  permetterà di guardare oltre l’orizzonte e di attuare politiche più intelligenti, più economiche e più efficaci impedendo la violenza di massa.”

Il Simon-Skjodt center ha sviluppato il Progetto di allarme rapido con il Centro Dickey per la Comprensione Internazionale al Dartmouth College.

Anche se il progetto è stato formalmente annunciato Lunedi, gli sviluppatori hanno testato per due anni e hanno identificato una lista dei paesi più a rischio per le uccisioni di massa.
Myanmar in cima alla lista, seguita da Nigeria, Sudan, Repubblica Centrafricana e in Egitto.
A completare la top 10 sono Congo-Kinshasa, la Somalia, il Pakistan, Sud Sudan e Afghanistan.
“La maggior parte di questi paesi hanno una qualche forma di conflitto civile che coinvolge il governo e qualche gruppo  di ribelli o ribelli con ribelli, spesso diviso lungo linee etniche e c’è un rischio di violenza che va in entrambe le direzioni, sia il governo con  l’uccisione di civili o il gruppo ribelle verso l’uccisione di civili “, ha detto Benjamin Valentino, uno degli architetti del progetto e professore di governo a Dartmouth.

Mentre ci sono watch list governative private per atrocità di massa, Valentino ha detto, ci sono stati pochi sforzi per creare un sistema pubblico, e quelli che hanno provato per lo più ha coinvolto piccoli gruppi di persone che sono solo capaci di dare giudizi sul mondo.

Ha detto che il progetto di allerta precoce è diverso perché è pubblico e più sistematico poichè combina la valutazione del rischio statistico basato su insiemi di dati che risalgono più di 50 anni e un “parere piscina”, che comprende più di 100 esperti in particolari regioni o soggetti che sono in grado di valutare le situazioni.
“Quando chiediamo loro di dirci quali paesi sono a rischio, chiediamo loro di dirci esattamente come sono a rischio  e per quale tipo di evento, e in questo modo siamo in grado di conoscere in futuro se le previsioni sono giuste o sbagliate, “ha detto Valentino”
“Per me questo è uno degli aspetti più importanti di questo progetto.

Mi aspetto che faremo degli errori ”
“Ci mancheranno alcuni paesi in cui accadono cose terribili, e avremo alcuni paesi che si trovano in cima alla lista e niente di terribile accadrà. Ma il vantaggio di questo progetto è  che sapremo esattamente il perché, e siamo in grado di utilizzare queste informazioni per renderci responsabili e migliorare il sistema per i tempi futuri. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.