Stati Uniti – mantenere le truppe in Afghanistan oltre il 2016 – Relazione

0
1090
A U.S. soldier from the 3rd Cavalry Regiment shields himself from the rotor wash of a UH-60 Blackhawk helicopter after being dropped off for a mission with the Afghan police near Jalalabad in the Nangarhar province of Afghanistan December 20, 2014. REUTERS/Lucas Jackson (AFGHANISTAN - Tags: TRANSPORT CIVIL UNREST MILITARY POLITICS TPX IMAGES OF THE DAY) - RTR4IRXO

A seguito di una battaglia tra i talebani e le forze afghane nel nord della città di Kunduz, l’esercito statunitense ha resuscitato una proposta per mantenere almeno qualche migliaio di soldati americani in Afghanistan oltre il 2016, secondo l’Associated Press.
Se il piano viene approvato rappresenterebbe un’inversione per il presidente Barack Obama, che si è impegnato a rimuovere tutte le truppe americane dall’Afghanistan entro il suo cambio di guardia alla presidenza.
Per il momento, le forze speciali afghane hanno ripreso le principali aree di Kunduz dai talebani in un attacco durante la notte il Mercoledì –  secondo il Ministero degli Interni in Afghanistan.
Gli Stati Uniti avevano anche condotto bombardamenti intorno a Kunduz e condotto due attacchi aerei nella notte di Martedì per aiutare la riconquista.
“Ora le  AFG – Forze Sicurezza Speciali controllano Kunduz City, hanno ripreso e cancellato la presenza dei terroristi, oltre che arrecare pesanti perdite al nemico,”
– lo ha dichiarato in un Tweet il portavoce del Ministero dell’Interno Sediq Sediqqi .

Il rapidissimo rientro dei talebani di Kunduz, una città di 300.000 abitanti, ha segnato la prima offensiva ad una grande città  da quando 14 anni fa gli Stati Uniti iniziarono l’occupazione dei territori in questione  a seguito degli attacchi terroristici del 9/11. L’acquisizione ha inoltre evidenziato la fragile situazione della sicurezza in Afghanistan e ha alimentato molte speculazioni da parte dei leader militari sul fatto che il ritiro completo delle truppe è il miglior piano.

Nell’ambito del presente programma, il Presidente Obama stava lavorando per il mantenimento di circa 1.000 militari lasciati in Afghanistan come base sicurezza per essere presente come ambasciatori  fino al  prossimo anno, con un calo drastico dei 9.800 soldati attualmente presenti.
Durante il suo secondo mandato, Obama da dichiarato di voler  porre fine alla guerra in Afghanistan oltre alla rimozione delle truppe americane per il momento ha preventivato di lasciare l’incarico nel 2016.

Il  Comandante superiore degli Stati Uniti in Afghanistan, il generale dell’esercito John Campbell, ha dato alle amministrazioni diverse opzioni per ridurre gradualmente il numero di truppe nel corso di un periodo di 15 mesi.

Un’opzione del generale Campbell, secondo i funzionari degli Stati Uniti, potrebbe essere quella di rinviare eventuali tagli importanti nel livello delle truppe di quest’anno, “tenere ben 8.000 soldati lì buona per parte del prossimo anno” e “mantenere diverse migliaia come una forza antiterrorismo nel 2017.”

Il Generale Campbell dovrà testimoniare sulla situazione in Afghanistan al Congresso la prossima settimana, .
I legislatori repubblicani hanno criticato l’approccio di Obama –  hanno detto che la caduta di Kunduz è stata una conseguenza naturale del suo piano.

In una dichiarazione, il senatore John McCain (R-Arizona) ha detto che l’attacco Kunduz “è l’ultima manifestazione di questa pericolosa inversione ,” ha riferito  al Fox News.

McCain ha notato che Obama è “ancora intenzionato a  ritirare tutte le truppe da combattimento degli Stati Uniti dall’Afghanistan entro la fine del 2016”, ma ha esortato il presidente ad “abbandonare questa strada pericolosa ed arbitraria per convenire su un piano più costruttivo di presenza delle truppe Usa in base alle condizioni sul terreno . “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.