La Bolivia vuole verificare l’esposto di WikiLeaks sul complotto USA per rovesciare Morales

0
1234

A seguito di rivelazioni di Wikileaks che gli Stati Uniti avevano piani segreti per rovesciare sia il governo boliviano legittimo o assassinare il presidente, l’amministrazione del presidente Evo Morales lancerà un’indagine formale sul complotto americano.
A partire dal 1999, i paesi dell’America latina hanno visto un aumento delle presidenze di sinistra.
In un periodo di dieci anni, Venezuela, Argentina, Paraguay, Nicaragua, Ecuador, Honduras, Uruguay, Paraguay, Bolivia hanno avuto leader che Washington considerava essere troppo liberali.

La soluzione degli Stati Uniti, secondo WikiLeaks, è stata quella di progettare possibili colpi di stato per i paesi non cooperativi.
In particolare, l’amministrazione del presidente boliviano Evo Morales.
Secondo il memo del Dipartimento di Stato, gli Stati Uniti cominciarono a rifornire  denaro ad organizzazioni politiche “che si oppongono a Evo Morales,” e ha mantenuto il sostegno  anche di quei gruppi hanno parlato di “colpo sulle linee del gas”,  “la violenza come una probabilità per forzare il governo di … prendere sul serio qualsiasi dialogo. ”
Un altro appunto sembra suggerire che Washington si stava preparando per un assassinio di Morales.
“[Il Comitato d’Azione Emergenza] sia coordinerà  con [il Comando Sud degli Stati Uniti  squadra Situational Assessment], per un piano di immediata risposta in caso di emergenza improvvisa, cioè un tentativo di colpo di stato o di morte il Presidente Morales ‘,” si legge in un comunicato.
Alla luce delle rivelazioni, il governo boliviano sta ora chiedendo un’inchiesta formale.

“Questo richiede un’indagine approfondita”, ha detto Juan Ramon Quintana, ministro  della Presidenza della Bolivia in un intervista alla Telesur TV.
“Abbiamo bisogno di fare un’indagine per prendere successivamente le decisioni per quanto riguarda il governo degli Stati Uniti.”
Quintana ha continuato a descrivere i comunicati di WikiLeaks, che hanno rivelato la “strategia di destabilizzazione degli Stati Uniti – compresa tra un colpo e l’assassinio del presidente Morales.”
“Nel 2007, l’ambasciata degli Stati Uniti ha installato un centro di operazioni per eseguire un colpo di stato alla prefettura civile,  applicando il piano A, che è stato il colpo di stato, e il piano B, che era l’assassinio”, ha detto Quintana.
Il mese scorso, Quintana ha anche accusato gli Stati Uniti Drug Enforcement Administration di screditare l’amministrazione Morales.

“Un’operazione segreta è in corso per colpire il presidente Evo Morales, l’azione non è solo finanziata ma anche coordinata e organizzata da agenzie di intelligence e sicurezza degli Stati Uniti”, lo ha dichiarato Los Tiempos.
La possibilità di tali cospirazioni hanno già avuto un impatto negativo sulle relazioni tra i due paesi.
L’ambasciatore statunitense in Bolivia è stato espulso dal paese nel 2009 con l’accusa di aver pianificato un colpo di stato, e la ri-elezione di Morales nel 2014 ha aggiunto ulteriori frustrazioni per Washington.
Il mese scorso, il parlamento della Bolivia ha modificato la costituzione per permettere Morales a candidarsi per un quarto mandato.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.