Calmatevi Tutti: Nessun rischio di guerra globale tra Stati Uniti e Russia

0
1947

Alcuni temono che i bombardamenti aerei dei russi  anti ISIL in Siria potrebbero portare a un più serio confronto militare in Medio Oriente, tra cui un possibile scenario di una guerra mondiale all-out –  un diplomatico francese e analista politico Eric Danon lo ha detto a  Le Point.

Anche se il mondo è pieno di conflitti militari localizzati e crisi che potrebbero provocare l’scontri armati su larga scala, ciò non significa che la maggior parte delle nazioni sono pronte ad andare in guerra.
In questo momento, il mondo non ha fattori di crisi che possano assomigliare a quelli che erano presenti in Europa prima delle due guerre mondiali –  Danon lo ha detto a  Le Point in un’intervista.

“Evitiamo l’uso di luoghi comuni che causano ansia!

Attualmente, nel nostro mondo globalizzato non ci sono le condizioni necessarie per un confronto globale, grazie a Dio”, ha spiegato Danon, aggiungendo che non vi è alcuna necessità di fare una montagna da un granello di sabbia.

La differenza tra la situazione presente nel mondo e le circostanze prima delle due guerre mondiali è l’assenza di una grande superpotenza che ha dimostrato ostilità diretta verso un’altra superpotenza.
Ad esempio, non abbiamo sentito Barack Obama progettando di invadere un altro grande nazione, come la Cina, l’India o la Russia.
Intanto prima della seconda guerra mondiale, Adolf Hitler ha apertamente parlato di presa in consegna dell’Europa e la frantumazione della Unione Sovietica – lo cha chiaramente spiegato il diplomatico francese .
Il fatto che in questo momento abbiamo sia gli Stati Uniti che la Russia presenti in Siria non rende la situazione diversa da come è stato durante la Guerra Fredda, quando erano entrambe le nazioni di fronte l’un l’altro in tutto il mondo.
In realtà, il mondo non è più in pericolo di quanto lo fosse nel corso del 1970.

Un attacco aereo russo non crea ulteriori rischi di scontro tra Stati Uniti e Russia

L’aviazione russa è in Siria, prima di tutto, per sconfiggere ISIL e altri estremisti islamici.
Sia gli Stati Uniti che la Russia vogliono schiacciare ISIL, ma questo è l’unico obiettivo comune che hanno.
Ecco perché Washington e Mosca non stanno coordinando per quanto potevano, perché allo stesso tempo stanno in competizione l’uno contro l’altro.

La posta in gioco è alta, ma il vincitore guadagnerà grande influenza in un sacco di problemi in Medio Oriente.
Il destino del presidente siriano Bashar al-Assad e il suo governo dipende dalla rivalità tra Stati Uniti e Russia in Siria.

Porterà a situazioni complesse e argomenti verbali tra Washington e Mosca, poichè i  due paesi hanno già disaccordi su alcune questioni quando si tratta di Siria, questo però non vuol dire che intendono portare avanti un confronto militare diretto tra gli Stati Uniti e la Russia.

Gli Stati Uniti non hanno idea di come risolvere il problema della Siria, e dovrebbero ascoltare la Russia.

Con i recenti attacchi aerei contro obiettivi ISIL, la Russia ha deciso di svolgere un ruolo più importante in Siria, cercando di risolvere realmente il conflitto che va avanti da quattro anni e mezzo.
La logica del governo russo è chiara – si deve sostenere il governo di al-Assad e il suo esercito, in quanto è l’unica forza che può sbarazzarsi dell’ ISIL sul terreno di battaglia.

Dal momento che la strategia degli Stati Uniti di armare varie fazioni di militanti in lotta contro al-Assad non è riuscito e ha portato alla destabilizzazione dell’intera regione, sarebbe un’idea migliore ora a sostenere il governo siriano in modo che possa almeno sbarazzarsi di ISIL.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.