ESCLUSIVA – Siti Segreti: dettagli agghiaccianti sulle prigioni della CIA

0
1750

La rete non sempre è fonte di ‘male’.

C’è chi opera per diffondere la verità… una verità troppo scomoda per essere diffusa, malgrado ci siano ….minimaliste ammissioni di colpa.

La tortura è stata da sempre considerata la via migliore per confermare il decadentismo mondiale.

ODIO promuove ODIO.

Un gruppo di giornalisti insieme con un supervisore dei diritti umani del Regno Unito hanno messo in evidenza una serie si siti segreti da sempre segnalati come centri di detenzione della CIA, loghi dove venivano rinchiusi e torturati già  nei primi anni 2000 i sospetti terroristi.

La tortura è praticata nel sistema carcerario degli Stati Uniti  appena incarcerato,un informatore della Central Intelligence Agency (CIA),  John Kiriakou, lo  ha detto in una riunione pubblica.

L’indagine per la prima volta rivela i veri nomi dei detenuti , così come i luoghi dove sono stati tenuti per volere della Central Intelligence Agency (CIA) –  praticamente in tutto il mondo –  le date esatte di eventi correlati alla loro detenzione e la tortura.
Alla fine del 2014, con oltre 480 pagine di sintesi sui centri di detenzione della CIA sono state pubblicato dalla Commissione Intelligence del Senato degli Stati Uniti, dopo essere stato pesantemente censurato  dai servizi segreti.
E’ solo un preludio alla relazione 6000 pagina originale, che rimane segreto.

Ci sono voluti nove mesi per l’indipendente britannica Bureau of Investigative Journalism, in collaborazione con il Progetto Rendition per rivelare ciò che è stato tagliato fuori dal rapporto governativo utilizzando fonti aperte e tecniche investigative. Tutti i dati hanno scoperti cono ora disponibile online.

“Anche se esistono molti racconti pubblicati dei singoli viaggi attraverso la rete nei siiti del dark web, questa è la prima rappresentazione completa delle dinamiche interne del sistema dall’inizio alla fine”, il Bureau of Investigative Journalism  lo ha dichiarato.

Le testimonianze di ex prigionieri, registri di volo, contratti commerciali, casi giudiziari, documenti governativi declassificati, fughe di informazioni e relazioni delle ONG, insieme a copertura dei media, sono stati messi insieme e compilati in database interattivi accessibili e rivelano mappe  le posizioni dei siti neri CIA.

I paesi che hanno partecipato al programma di interrogatori e detenzione con il  trasferimento del terrorista della CIA avevano piena conoscenza di ciò che veniva fatto all’interno dei loro confini, l’ex vice direttore della CIA Michael Morell lo detto dichiarato quest’anno.
Nel mese di maggio, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha costretto il governo della Polonia a pagare circa $ 250.000 come risarcimento a due sospetti terroristi che avevano riferito di essere stati torturati in un sito nera della CIA in Polonia.
Secondo i rapporti, gli Stati Uniti hanno dato alla Polonia e altri paesi milioni di dollari per permettere alla CIA di operare in centri di detenzione all’interno dei loro confini nel 2002 e 2003.
Morell ha osservato che i paesi che ospitano i siti della CIA hanno sostenuto il programma – “perché pensavano che sarebbero stati in grado di mantenere tutto questo in segreto. ”
“Ciò è stato facilitato, sostenuto ed è stato molto attentamente monitorato al più alto livello del governo degli Stati Uniti, fino alla Casa Bianca,”  un ex dirigente senior presso il National Security Agency (NSA) e informatore Thomas Drake lo ha dichiarato.
Il rapporto 2014 prodotta dal Senato degli Stati Uniti ha fornito documentazione ufficiale di numerosi episodi di tortura, e le cosiddette “tecniche di interrogatorio rafforzate” usate contro i combattenti nemici in centri di detenzione degli Stati Uniti controllati.
Poco è stato rivelato circa i siti stranieri o le pratiche.
La Senatrice Dianne Feinstein e poi il presidente della commissione intelligence, ha pubblicato il rapporto di 480 pagine, in sintesi, nonostante le obiezioni da parte di funzionari della CIA e della Casa Bianca.
Dopo l’uscita nel mese di dicembre, il governo americano ha pubblicizzato 27 pagine di note di interviste compilati da avvocati di Guantanamo del detenuto Majid Khan, in cui ha descritto la sua tortura.
Khan ha detto che durante gli interrogatori gli hanno versato acqua ghiacciata sui genitali, videoregistrandolo nudo e ripetutamente toccato le sue “parti intime” – dati che non sono stati pubblicati nel rapporto del Senato.

Un mese dopo l’uscita del sommario, nel mese di gennaio 2015, il governo ha detto che aveva emesso nuove regole di classificazione che hanno permesso solo l’uscita di “accuse generiche di tortura” e “informazioni riguardanti le condizioni di reclusione.”
Ma hanno detto che i nomi dei dipendenti e le posizioni dei siti segreti della CIA non potevano essere rilasciati.
In seguito, il governo degli Stati Uniti ha bloccato il rilascio di 116 pagine di note con il  dettaglio delle torture su un altro detenuto di Guantanamo Bay, Abu Zubaydah, che dice di aver subito mentre era in custodia della CIA – gli avvocati della difesa lo ha detto nel mese di settembre.
Zubaydah, un 44-year-old cittadino saudita, è stato tenuto a Guantanamo per nove anni, nonostante non fosse mai  stato accusato di un crimine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.