UE chiede un processo politico alla Siria mantenendo la sua posizione anti-Assad

0
958

Il Consiglio europeo ha chiesto una soluzione politica alla crisi in Siria che sta lottando contro i militanti islamici di Stato in mezzo a una guerra civile in corso.

BRUXELLES  – Il Consiglio ha affermato che una pace duratura in Siria non può essere raggiunta sotto la guida del presidente siriano Bashar Assad e ha espresso preoccupazione per gli attacchi aerei che la Russia sta lanciando contro i radicali ISIL in Siria, su richiesta di Assad.

Secondo una dichiarazione del Consiglio, rilasciata dopo una riunione dei leader europei a Bruxelles di giovedì, il Consiglio europeo “ha convenuto sulla necessità di concentrarsi sulla lotta contro DAESH [ISIL] e altri gruppi terroristici dall’ONU [in Siria] nel quadro di una strategia e di un processo politico, sulla base del comunicato di Ginevra del 2012. ” unitaria e coordinata

Intervenendo a Bruxelles, il presidente francese Francois Hollande ha anche espresso la posizione anti-Assad dell’Unione europea, ma ha sottolineato che un processo politico in Siria deve coinvolgere numerosi stati.

“Contatti saranno, naturalmente,presi con i paesi più interessati, stati regionali, i paesi [Persiani] del Golfo, l’Iran”, lo ha detto ai giornalisti Hollande, aggiungendo che la Russia e gli Stati Uniti dovrebbero essere coinvolti.

La Russia ha iniziato attacchi aerei di precisione contro obiettivi ISIL in Siria il 30 settembre, a seguito di una richiesta da parte del presidente siriano Bashar Assad.
I raid aerei russi hanno colpito obiettivi che vengono scelti sulla base di informazioni raccolte da parte della Russia, Siria, Iraq e Iran.
Secondo il ministero della Difesa russo, gli attacchi aerei hanno fatto notevoli danni alle reti di comando e logistiche ISIL, nonché di infrastrutture utilizzate per dotare i kamikaze.

Una coalizione guidata dagli Stati Uniti ha preso di mira le posizioni dei radicali ISIL sia in Siria e Iraq dal settembre 2014, senza ottenere alcun irisultato nella lotta contro ISIL.

La Russia ha criticato la campagna di coalizione poiché effettuata senza l’approvazione del governo siriano o il Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Gli Stati Uniti, hanno sostenuto il cosiddetto opposizione siriana “moderata”  chiedendo ad Assad a dimettersi, ha accusato la Russia di prendere di mira gli oppositori di Assad, piuttosto che le posizioni ISIL in Siria.
La Russia ha respinto queste accuse, sottolineando che mancano prove concrete.

In precedenza nel mese di ottobre, l’ambasciatore siriano in Russia, Riad Haddad, ha confermato che gli attacchi aerei russi in Siria sono in corso contro le organizzazioni terroristiche armate e non contro fazioni dell’opposizione politica o civili.
Egli ha aggiunto che i bombardamenti aerei della Russia avevano distrutto il 40 per cento delle infrastrutture dello Stato islamico in Siria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.