UE offre 3 miliardi €uro se la Turchia ferma il flusso di rifugiati verso l’Europa

0
1226

L’Unione europea e la Turchia hanno concordato un “piano d’azione” che potrebbe dare ad Ankara fino a € 3 miliardi di euro ($ 3,4 miliardi) in aiuti, i privilegi di visti e nuovi colloqui per l’adesione UE-Turchia in cambio per il suo aiuto per arginare il flusso di profughi a Europa.
Il vertice Ue di Bruxelles si è protratto fino alle prime ore di giovedì, e sembra aver raggiunto alcuni risultati.
Mentre nessun accordo finale è stato firmato, i leader dell’Unione europea e Ankara sono riusciti a concordare un “piano d’azione”- il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha detto ai giornalisti.

“I nostri incontri con i leader turchi si sono intensificati … nell’ultimo paio di settimane sono state dedicate ad un unico obiettivo:. Arginare i flussi migratori che passano dalla Turchia  verso la UE
Il piano d’azione è un passo importante in questa direzione”, ha detto Tusk.

I riflettori del vertice sono stati puntati sull’accordo, precedentemente redatto tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

Termini dell’accordo:  tre miliardi di euro ($ 3.4 billlion) di aiuti, l’allentamento delle restrizioni sui visti per i viaggi nell’UE per i cittadini turchi e le trattative per l’adesione all’UE.
La Turchia ha voluto anche essere inclusi nella lista dei “paesi sicuri” per l’asilo.

In cambio, la Turchia ha promesso di rafforzare i controlli alle frontiere, una maggiore cooperazione con la Grecia, essendo un altro paese di prima destinazione per i profughi in fuga da guerre, instabilità e la povertà in Medio Oriente.

In cambio di accesso senza visto per i suoi cittadini, Ankara sarebbe d’accordo per la riammissione, il che significa che la Turchia potrebbe riprendere quei richiedenti asilo, che sono entrati nell’UE dal suo territorio.

“Noi non firmeremo l’accordo di riammissione prima che le misure vengano accettate ed applicate sul visto Schengen e quindi una liberalizzazione dei visti è assicurato per i cittadini turchi”, lo ha detto il Primo Ministro Ahmet Davutoglu in un’intervista prima del vertice.
Secondo Davutoglu, la Turchia vorrebbe fare l’affare entro la prima metà del 2016.

Per quanto riguarda i 3 miliardi di euro in aiuti per la Turchia, i leader dell’UE hanno convenuto che la richiesta era ragionevole.

Per cementare l’affare potenziale Merkel ha programmato di visitare Istanbul Domenica.

“C’è ancora moltissimo da fare”, ha detto la Merkel in una conferenza stampa. «Ma non si può dire che non abbiamo ottenuto nulla.”

L’accordo di perseguire l’aiuto di Ankara deriva dal cancelliere tedesco Angela Merkel che chiama a “proteggere le frontiere esterne” dell’Unione.
Oltre 710.000 i migranti che sono arrivati  finora al confine dell’UE.

“Non possiamo organizzare o arginare i movimenti di rifugiati senza lavorare con la Turchia”, ha detto la Merkel come i leader dei 28 Stati nazionali che sono arrivati per il vertice di Bruxelles.

La Germania, che ha assunto un ruolo di primo piano nell’offerta per i migranti per dargli una nuova casa, e sta lottando per mantenere le sue promesse.
Molti immigrati che arrivano in Germania vivono per le strade, in attesa che la macchina burocratica avvii i processi per dargli un lavoro di ufficio.
La Turchia d’altra parte ha un enorme esperienza nel trattare l’afflusso di rifugiati che hanno inondato i suoi confini soprattutto in seguito al conflitto siriano che ha avuto inizio nel 2011.

Il numero dei rifugiati in Turchia nel 2015 è previsto in aumento a 1,9 milioni di persone, di cui 1,7 milioni di migranti siriani – lo dichiara Agenzia Onu per i rifugiati UNHCR .

La Turchia ha ospitato più di due milioni di profughi siriani, spendendo oltre 7 miliardi di € (circa $ 8000000000).
Finora ha ricevuto solo € 1 miliardo ($ 1100000000) in aiuti esterni.

“I tre miliardi di euro possono svolgere un ruolo, nel senso che la Turchia ha già speso più di sette miliardi sui rifugiati e ha ricevuto meno di un miliardo.
Penso che in futuro dobbiamo condividere l’onere, ed aiutare chi è stato lasciato solo negli ultimi tre-quattro anni “, lo ha detto il cancelliere tedesco.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.