Ruolo segreto del Libano: Ambasciata degli Stati Uniti da consigli strategici per il Medio Oriente

0
1024

La Cancelliera tedesca Angela Merkel sarebbe dovuta essere impressionata dopo aver ricevuto una lettera dall’ambasciata tedesca a Beirut, scritta dal capo di stato maggiore Samir Geagea.
La lettera contiene “lezioni” e “consigli” relativi alla posizione tedesca sulla Siria e come dovrebbero cambiare la loro opinione verso Bashar Al-Assad ed il suo regime.
È stata Merkela a revocare un certo numero dei suoi consiglieri ed eliminare i membri del gabinetto per tener conto della lettera a riconsiderare la loro posizione sulla Siria?

Tutti questi scenari aneddotici riflettono le menti di alcuni leader libanesi dopo l’alleanza del 14 Marzo .
Della Rivoluzione dei Cedri è nata una coalizione di partiti politici e indipendenti del Libano ed è nata nel 2005.
Questa coalizione è sorta dall’unità dei loro atteggiamenti verso il regime anti-siriana.

E non è una sorpresa.

Ecco come l’Alleanza del 14 Marzo interpreta gli ultimi eventi globali.

Putin sembra controllare la situazione in Siria; ha ottenuto un consenso parlamentare per l’intervento militare in Siria, sincronizzato con la dichiarazione di Washington di tenere un piano formativo per l’opposizione moderata siriana.
Una “road map” che sembra essere disegnata da Mosca e Washington, secondo il proverbio arabo “i cani abbaiano ma la carovana continua”.

“I Sauditi sono fuori dal “gioco”; fare obiezioni; rifiutando eventuali colloqui bilaterali o collettivi con l’Iran, lasciando quest’ultimo completamente fuori.
Arabia FM si impegna a Doha per incontrare i ministri degli esteri degli Stati Uniti e Russia e affrontare “ogni soggetto”, tranne l’apertura di canali di comunicazione con Teheran.
Mosca accetta il ruolo di moderatore fino a che la collera saudita si assopisca.
La catastrofe di Mina aumenta la tensione e le cose si complicano.
Il Regno saudita ha mostrato rancori con chi si occupa dei feriti e morti.
Gli iraniani sono arrabbiati pure.
I Sauditi non sono assolutamente in grado di leggere la situazione regionale e globale.

Sono spaventati dalle tensioni degli Stati Uniti verso Mosca e l’Iran ed infine si preoccupato che la guerra in Yemen si muova verso un labirinto di calcoli strategici sbagliati.
Il Golfo dell’ Arabia sta collassando non avendo nulla da eccepire o risposte valide da dare per cui aspetta per  un ruolo ed in “tempo di gioco” che dia risultati.

Questa sintesi è profondamente radicata nelle menti dei leader dell’Alleanza del 14 marzo.
Secondo queste cerchie, tutti sono convinti che sembra esserci una crisi sauditi nel loro processo decisionale.
Le comunicazioni con l’ambasciata americana a Beirut hanno dettato queste idee.
L’ambasciatore americano ha consigliato ad alcuni amici di tenersi lontani dalla politica dei sauditi.
L’unica via d’uscita è quella di raggiungere le risposte attraverso la ricerca di uno spazio accettabile che può diventare di valore nel prossimo futuro.
Nel frattempo, alcune persone hanno cercato di ottenere risposte dall’ambasciatore saudita a Beirut, Ali Awad al-Assiri.
Anche se questo non ha chiarito nulla, solo poche parole non supportate da evidenze.
Il Capo del Movimento del Futuro, Fouad Siniora ha detto ai suoi destinatari che il regno saudita ritiene che il Libano deve rimanere nello stato di vaccillazione o di indecisione.
Egli ha sottolineato ottimisticamente che qualunque cosa accada, la regola del “nessun vincitore, nessun perdente” sarà applicata in Libano.
Quelli che aspettano di ottenere risposte giuste da presidente Saad Hariri sarebbe deluso, come la risposta eterna è “Inchallah … Khair” significa “Se Dio vuole, tutto andrà bene.”
I dipendenti hanno sentito questa frase più volte durante mesi ma gli stipendi non sono stati ancora pagati.

Il vero problema è che le decisioni prese in Arabia Saudita vogliono vincere nello Yemen, non perdere mai in Siria, dando il nulla in Libano.
Ciò riflette chiaramente l’equilibrio dei poteri nella regione, ma qualcuno nel Riyadh vuole procedere con il proprio piano, che sta diventando fonte di un “mal di testa” per gli alleati di Riyadh come anche nel Golfo Arabico.
Secondo fonti di informazione, il Qatar ha detto che la risoluzione militare saudita  in Yemen è difficile e costosa, e non si pensa che finirà presto.
E ‘diventato quasi impossibile vincere il combattimento in Siria.
Gli interessi degli USA sono cambiati dopo l’accordo nucleare con l’Iran.
Ci sembra che ci sia una necessità di dialogo strategico con l’Iran prima che sia troppo tardi.

Il Regno ignorò il “consiglio” del principe del Qatar che non ha avuto altra scelta se non  mettere in imbarazzo il Regno pubblicamente, motivata da Washington, dichiarando a New York che il suo paese è pronto ad ospitare un dialogo tra Stati del Golfo e l’Iran.
Il Principe del Qatar è andato più lontano per spiegare la situazione descrivendola  come non una mera lotta settaria tra sunniti e sciiti, ma un conflitto all’interno di un contesto politico.
Ciò contraddice la lingua tagliente dei media sauditi, che demonizza continuamente l’Iran.

Questa potrebbe essere la prima goccia di pioggia tra queste cerchie.
Ci sono seri sforzi per sostenere questo dialogo, che sembra una buona occasione per tenere discussioni che trascendono i rapporti diretti di Iran e Stati del Golfo, a problematiche  regionali come la Siria, Yemen, Iraq e Libano.
Iran, sospettoso del ruolo degli alleati di Washington, preferisce ancora svolgere un ruolo, nonostante il fatto che essa non ha respinto la richiesta del principe del Qatar ad adottare un “fatti e non parole” come linea di principio.
Il suo ultimo discorso potrebbe essere il primo acconto prima della seduta alla tavola rotonda per i colloqui.

Sulla base di quanto sopra, ecco che arriva il “consiglio” US , ascoltato da più di un leader appartenente al 14 Marzo.
Tenendo presente che abbandonare l’Arabia Saudita è considerato “suicidio” politico per queste persone, come anche che Washington non è sempre il villaggio sicuro.

Di conseguenza, è indispensabile rimanere attaccati alle opzioni saudita per i leader dell’alleanza del 14 marzo , come Doha è fuori dal cerchio dell’influenza  sotto l’auspicio  dell’Arabia Saudita, dopo l’accordo con la Turchia per integrare gli sforzi militari e di sicurezza in Siria.
Il Primo Ministro è tornato da New York più che convinto che il Libano è l’ultimo elemento della lista di priorità globale.
Gli Stati Uniti si concentrano sugli Hezbollah, abbracciando la posizione israeliana, mentre il focus principale per l’Europa è quello di mantenere i profughi siriani sul territorio libanese.
Certo, la stabilità e la sicurezza sono l’intenzione di tutti.
Questo è ciò che più di un leader libanese ha sentito di recente.
E in questa politica di “disoccupazione”, è come Hariri trascorre la maggior parte del suo tempo su twitter rispondendo Hassan Nasrallah, il terzo segretario generale degli Hezbollah libanesi.
Allo stesso modo, è possibile capire i lamenti di Samir Geagea sulla stampa.
Può essere di valore  ricordare che un certo numero di leader militari d’elite degli  Hezbollah ha iniziato a contribuire alle operazioni a Baghdad a fianco a fianco con i principali ufficiali russi, siriani e iracheni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.