CINA : cacciatorpediniere della US Navy provoca ira cinese passando vicino alle isole contese nel Mar della Cina

0
1424

La Cina ha accusato gli Stati Uniti per aver ignorato ripetuti gli avvertimenti e consentendo ad una delle sue navi da combatimento di navigare vicino alle isole artificiali create da Pechino nel Mar Cinese Meridionale.
Hanno detto che le azioni della USS Lassen “danno pace e stabilità nella regione.”
“Queste azioni della nave da guerra degli Stati Uniti sono una minaccia per la sovranità e la sicurezza della Cina, e la sicurezza delle persone che vivono sulle isole, ma danneggiano la pace e la stabilità nella regione.
A questo proposito, la parte cinese esprime estrema insoddisfazione e protesta fortemente”, il comunicato pubblicato sul sito web del ministero degli Esteri cinese lo dice chiaramente –  secondo Interfax.

isole-artificiali-cinesi

Un funzionario della difesa degli Stati Uniti, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto AP questo Lunedì che una nave della US Navy aveva navigato in prossimità delle isole artificiali.
La Marina aveva intenzione di mandare uno dei suoi incrociatori su una rotta di pattuglia che va entro le 12 miglia marine dalle isole.
La nave degli Stati Uniti avrebbe potuto essere accompagnata da uno o due aerei di sorveglianza della Marina statunitense, che hanno più volte condotto voli di ricognizione nella zona, un anonimo funzionario degli Stati Uniti lo ha detto a Reuters.
Secondo la US Navy, pattuglie supplementari potrebbero seguire nelle prossime settimane.

Le autorità cinesi monitorano e seguono la nave da guerra degli Stati Uniti da quando è entrata “illegalmente” nelle acque vicino alle isole contese.

La dichiarazione sottolinea che il passaggio del cacciatorpediniere americano è stato fatto “, nonostante i ripetuti avvertimenti” di Pechino.

“La Cina rispetta coerentemente e difende la libertà di navigazione e di volo di qualsiasi paese, in conformità con il diritto internazionale.
Tuttavia, si oppone con fermezza a qualsiasi paese che può danneggiare la sovranità e la sicurezza della Cina con il pretesto della libertà di navigazione e di volo” lo ha detto che Pechino.

Ed ha aggiunto: “La Cina difende risolutamente la sua sovranità, la sicurezza ei diritti nello spazio marittimo. La Cina è pronta a dare una risposta adeguata alle provocazioni di ogni paese.”.
Il ministero degli Esteri ha osservato che la Cina spera che gli Stati Uniti “reagiscano adeguatamente a questa posizione, provvedendo immediatamente a correggere gli errori commessi, e non ricorrendo ad azioni provocatorie che minacciano la sovranità e la sicurezza della Cina”.

L’incidente arriva settimane prima che dei diversi vertici Asia-Pacifico in programma per la seconda metà di novembre.
Sia il presidente americano Barack Obama che il presidente cinese Xi Jinping sono tenuti a partecipare.
In tali circostanze, il pattugliamento crea tensioni tra i due paesi.

La Cina sta costruendo alcune isole artificiali nel territorio conteso, per ospitare stazioni radar, piste di atterraggio e altre strutture.
I critici insistono che sono per scopi militari.
Pechino sostiene l’aspetto militare del suo programma di recupero è minimo e che lo scopo delle isole è  per lo più civile.

La Cina ritiene che le isole sono parte del suo territorio sovrano, e vuole il rispetto rigoroso per della zona delle 12 miglia intorno alle isole poiché considerate sue acque territoriali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.